16a Quadriennale d’arte - Roma

  • Quando:   13/10/2016 - 08/01/2017
  • evento concluso

Arte contemporanea‎

16a Quadriennale d’arte - Roma

Promossa e organizzata da Fondazione La Quadriennale di Roma e dell’Azienda Speciale Palaexpo, la mostra, allestita al Piano Nobile di Palazzo delle Esposizioni su oltre 2.000 metri quadrati, presenta 10 sezioni espositive ideate da 11 curatori, 99 artisti con 150 opere, tutte recenti, molte realizzate per l’occasione. Il percorso espositivo è libero e il visitatore – a partire dalla Rotonda centrale, che durante la mostra sarà animata da performance, incontri, proiezioni che sono parte integrante dei progetti espositivi di molti curatori – può iniziare la propria esperienza di visita da una delle sezioni espositive.

Il titolo è ispirato alla raccolta “Un weekend postmoderno. Cronache dagli anni Ottanta” (1990) dello scrittore Pier Vittorio Tondelli (1955-1991) che offre una narrazione per frammenti dell’Italia. Analogamente, la 16a Quadriennale è concepita come una mappatura mutevole delle produzioni artistiche e culturali dell’Italia contemporanea e ognuna delle dieci sezioni espositive approfondisce un tema, un metodo, un’attitudine, una genealogia che connota i progetti artistici. Simone Ciglia e Luigia Lonardelli in I would prefer not to/Preferirei di no, presentano una selezione di autori esemplificativi di un’attitudine diffusa del fare arte oggi, riconducibile a un sottrarsi, a un re sistere a codificazioni identitarie. Michele D’Aurizio con Ehi, voi! propone la ritrattistica come linguaggio tramite cui attraversare le vicende più recenti della nostra arte, per la sua capacit à di esprimere una commistione tra sfera individuale e sfera sociale. Luigi Fassi con La democrazia in America invita ad approfondire alcuni aspetti della storia dell’Italia contemporanea attraverso una rilettura del pensiero di Tocqueville. Simone Frangi in Orestiade italiana volge lo sguardo al contesto del nostro Paese nei suoi versanti culturale, politico, econ omico, con una riscrittura analogica e corale di alcuni nuclei di un lavoro filmico di Pasolin i. Luca Lo Pinto in A occhi chiusi, gli occhi sono straordinariamente aperti sonda i temi del tempo, dell’identità, della memor ia, letti in continua metamorfosi all’interno della relazione tr a il singolo e la collettività. Matteo Lucchetti in De Rerum Rurale pone al centro dell’attenzione la ruralità come spazi o reale e speculativo nel quale descrivere e re-immaginare il siste ma di relazioni tra ambiente naturale e antropizzato, anche nella sua profondità storica. Marta Papini in Lo stato delle cose propone un impianto in progress nel quale la rotazion e di artisti molto diversi instaura uno spazio dialettico tra le singole ricerche e tra queste e il pubblico. Cristiana Perrella in La seconda volta individua un nucleo di autori accomunati da un intere sse per l’uso di materiali densi di storie già vissute che reinterpretano in insosp ettabili combinazioni, secondo una poetica della trasformazione. Domenico Quaranta con Cyphoria analizza l’impatto dei media digitali su vari aspetti della vita, dell’esperienza, de ll’immaginazione e del racconto. Denis Viva in Periferiche individua nel policentrismo un’originale condizione strutturale del nostro territorio che permea anche la nostra cultura visiva.

Orari: Domenica, martedì, mercoledì e giovedì dalle 10:00 a lle 20:00;
venerdì e sabato dalle 10:00 alle 22:30

Ingressi: intero € 10, ridotto € 8, Open Quadriennale per studenti € 8; scuole € 4,00 (per studente); studenti venerdì e sabato € 4,00 dalle 19.00 a chiusura.

Titolo: 16a Quadriennale d’arte - Roma

Apertura: 13/10/2016

Conclusione: 08/01/2017

Luogo: Roma - Palazzo delle Esposizioni

Indirizzo: Via Nazionale 194, Roma

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Accetto l'informativa sulla privacy e di ricevere le newsletter

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso