With Hands Signs Grow Collateral Event of the 59th Biennale di Venezia

  • Quando:   23/04/2022 - 27/11/2022
  • evento concluso

Arte contemporanea‎

With Hands Signs Grow  Collateral Event of the 59th Biennale di Venezia

Il progetto With Hands Signs Grow è stato selezionato come Evento Collaterale della 59. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia. Quattro giovani artisti —Ruth Gómez, Nuria Mora, Daniel Muñoz e Sixe Paredes— si sono ispirati alla Grotta di Altamira per sviluppare quattro proposte di installazione site-specific con le quali interverranno a Palazzo Donà, a Venezia. Questa iniziativa unica di arte contemporanea è stata sviluppata dalla Fondazione Odalys y Signum Foundation, con il supporto del Museo Nazionale e Centro di Ricerca di Altamira.

With Hands Signs Grow è un progetto curato da Alfonso de la Torre, la cui direzione artistica è stata guidata da Juan Carlos Moya, che nasce nel quadro concettuale dei dipinti preistorici di Altamira (Cantabria, Spagna). Gli artisti contemporanei selezionati condividono linee discorsive —l'uso dello spazio pubblico e supporti architettonici— e linguaggi come la pittura e il disegno, per mostrare le relazioni che esistono tra i nuovi spazi che abitiamo (internet, social network e grandi città) e l'arte paleolitica.

Nelle parole del curatore Alfonso de la Torre: “le grotte preistoriche sono il luogo in cui gli esseri umani hanno comunicato per la prima volta con i loro simili attraverso il linguaggio universale che l'arte rappresenta; e artisti come Picasso, Miró, Tàpies, Chillida, Oteiza o Palazuelo guardavano già quei misteriosi primi creatori”. Ecco perché With Hands Signs Grow, si propone di dimostrare oggi la sua validità legandola alla contemporaneità.

Partendo dalla cavità rupestre nota come Cappella Sistina del Paleolitico Superiore, ogni artista si è concentrato su una sala di Palazzo Donà, spazio espositivo della Signum Foundation. Dopo mesi di lavoro nei rispettivi studi, dal 23 aprile si concretizzeranno le proposte installative per le pareti, i pavimenti e le finestre di questo edificio trecentesco. Per il curatore, questi interventi rappresentano un insieme di microstorie del territorio personale di ciascun artista, in un territorio pubblico inespugnato dal suo peso storico.

Le quattro creazioni site-specific

L'artista Ruth Gómez (Valladolid, 1976) ha sviluppato Caves | Grotte, un grande insieme di opere murali che, a titolo di studio, e prendendo come riferimento la sintesi e l'astrazione delle immagini paleolitiche, approfondisce il processo creativo più primitivo e puro. Mira a catturare ciò che era importante per i nostri antenati: Madre Terra, animali e concetti come fertilità e spiritualità. Per questo utilizza materiali come pigmenti minerali e naturali, china fatta con fuliggine, resina, carbone, grafite, gesso e argilla, che l’artista usa con i pennelli e con le proprie mani su carta cotone. Combina questa tecnica con immagini adesive per creare un muro di immagini, basato sia sulla realtà che sulla finzione. Ruth Gómez ha partecipato a fiere internazionali come Art Dubai, Art Lisboa e ARCOmadrid e il suo lavoro è stato esposto in musei come il CAC di Malaga; MNBA a Buenos Aires; e il MOCA di Seoul, tra gli altri.

Nuria Mora (Madrid, 1974) propone in XYZ-Transcending Physical Limits un’opera bidimensionale composta da diverse tele che si dispiegano lungo gli assi x, y e z e simulano il modo in cui la grotta è stata gradualmente scoperta. Partendo da una prima opera non dispiegata —in formato quadrato e con tele di lino— si apre come un polittico in più fasi, passando dai colori nero, ocra e rosso (usati ad Altamira) alla tavolozza dell'artista. Questo dispiegamento usa il colore come scusa per parlare dell'evoluzione dell'uomo, mentre lo spazio tridimensionale creato emula l'importanza di Altamira come luogo di incontro. Nuria Mora ha iniziato la sua carriera con la pittura di murales e gli interventi artistici nello spazio urbano, ha esposto i suoi lavori in gallerie e musei internazionali come la Tate Modern di Londra o il Museum of Contemporary Art di Johannesburg.

Il lavoro di Daniel Muñoz (Moraleja, Cáceres, 1980), invece, è incentrato sull'arte murale e il suo discorso ha sempre affrontato problemi legati alla modificazione dell'ambiente da parte dell'individuo. In Drag Image - Trascinare immagini solleva una serie di domande sull'immagine come elemento di costruzione dello spazio sociale, dove mette in evidenza diversi substrati storici che mostrano l'importanza del disegno di murales come primo linguaggio costruttivo dell'umanità. Si propone di mostrare che, fin dal Paleolitico, la congiunzione di disegno e architettura è stata legata alla coesione sociale e al fondamento del pensiero comune. Daniel Muñoz ha realizzato numerosi interventi e mostre in città in Europa, America, Asia e Medio Oriente, centri d'arte come il BACC Museum di Bangkok (Thailandia), la National Art Gallery di Amman (Giordania) o gallerie come Walter Otero (Porto Rico).

Infine, l'artista Sixe Paredes (Barcelona, 1975) propone un doppio lavoro nel palazzo. Da un lato, il, Paleolithic futurism, una proposta murale che parte dal momento in cui gli antichi maestri del Paleolitico venivano invocati dalle forme delle cavità delle grotte. La serie di dipinti parla di opere riflessive, ipnotiche e profonde, evocando un linguaggio che rimanda alle diverse dimensioni e direzioni nello spazio. Dall’altro lato l'artista presenta invece un importante insieme di tele, realizzato per l'occasione. Sixe Paredes inizia la sua carriera artistica nei graffiti alla fine degli anni Ottanta e negli anni Novanta inizia anche a lavorare con la pittura, la scultura e l'installazione. Il suo lavoro rappresenta uno dei riferimenti spagnoli più notevoli, intervenendo nel 2008 sulla facciata della Tate Modern di Londra.

Oltre ai quattro interventi, With Hands Signs Grow si completa con una proiezione e un'opera multipla nell’atrio interno del palazzo, che comprende opere dei quattro artisti e un grande assemblage di immagini che evoca la grotta di Altamira e che sono state fornite dal museo. Questa istituzione ha fornito anche il suono di sottofondo che si sente all'interno del pozzo del palazzo e che appartiene all'interno della grotta.

Il progetto nasce con un carattere itinerante e sarà ospitato da enti come il Museo Nazionale e Centro Ricerche di Altamira, dando risalto in ogni edizione a diversi artisti locali.

Titolo: With Hands Signs Grow Collateral Event of the 59th Biennale di Venezia

Apertura: 23/04/2022

Conclusione: 27/11/2022

Organizzazione: Fondazione Odalys y Signum Foundation

Curatore: Alfonso de la Torre

Luogo: Venezia, Signum Foundation Palazzo Donà

Indirizzo: Campo San Polo 2177 - Venezia

Sito web per approfondire: https://whsg.odalys.com/

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso