Argilla. Storie di incontri

  • Quando:   12/10/2023 - 08/09/2024

Arte anticaMostre a Vicenza


Argilla. Storie di incontri

Prosegue fino al 9 settembre 2024 a Vicenza presso le Gallerie d'Italia Palazza Leoni Montanari la mostra "Argilla. Storie di incontri".

Il progetto scientifico e didattico "Argilla. Storie di incontri", a cura di Monica Salvadori, Monica Baggio e Luca Zamparo, nasce nell'ambito della collaborazione fra la Direzione Arte, Cultura e Beni Storici di Intesa Sanpaolo e il Dipartimento dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Padova, in seno alle ricerche sviluppate dal Progetto MemO. La memoria degli oggetti. Un approccio multidisciplinare per lo studio, la digitalizzazione e la valorizzazione della ceramica greca e magnogreca in Veneto, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

L'iniziativa prende spunto dalla collezione Intesa Sanpaolo di ceramiche attiche e magnogreche, costituita da oltre cinquecento reperti provenienti da Ruvo di Puglia, fiorente centro antico nell'attuale provincia di Bari. I vasi, che nel loro insieme forniscono una preziosa testimonianza della cultura della Grecia d'Occidente, furono importati da Atene o prodotti in Puglia e in Lucania tra VI e III secolo a.C.

La collezione, originariamente di proprietà della famiglia Caputi che ne evitò la dispersione consegnando ai posteri una raccolta unica e proveniente dal medesimo complesso necropolare, appartiene al patrimonio d'arte della Banca sin dal 1999 ed è conservata nella sua interezza nelle Gallerie d'Italia di Napoli. Il museo di Vicenza è sede di un'attività di valorizzazione incentrata su piccoli nuclei di ceramiche selezionate dalla raccolta e giunta oggi al terzo allestimento, intitolato Argilla. Storie di incontri (dopo Argilla. Storie di viaggi e Argilla. Storie di vasi ospitati negli anni scorsi).,,

Il progetto Argilla. Storie di incontri costituisce la terza tappa di un percorso di approfondimento che, grazie alle suggestioni ispirate alla raccolta di vasi Intesa Sanpaolo, intende avvicinare il grande pubblico al patrimonio archeologico ceramico evidenziandone aspetti di ancora grande attualità.... leggi il resto dell'articolo»

Il percorso prende avvio dalle pluriennali ricerche condotte dall'Ateneo patavino e sviluppate in particolar modo a partire dal 2018 dal Progetto MemO. Si tratta dell'ultima fase di un percorso espositivo e didattico, ideato e sviluppato durante la ben nota emergenza sanitaria internazionale da COVID-19, che giunge ora a conclusione recando un messaggio di speranza e ripresa, emblema della resilienza dimostrata dalla società contemporanea: il ritorno all'incontro.

Le due istituzioni promotrici – Intesa Sanpaolo e l'Università degli Studi di Padova - hanno permesso, in questi anni, l'incontro fra numerosi enti museali del territorio regionale e nazionale, l'unione di intenti fra l'ambito della ricerca accademica e quello della tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, l'apertura a nuovi pubblici e l'incontro con materiali non sempre di semplice comprensione e fruizione, spesso riposti nei depositi museali.

Dopo i racconti sulle modalità della produzione dei vasi e sui viaggi che accorciano le distanze fra tempi e luoghi, questa terza esposizione descrive l'incontro fra uomini, donne, divinità ed eroi: gli incontri che cambiano la vita delle persone, oggi come nel tempo antico, che ne cambiano la storia.

Il percorso narrativo ed espositivo (che presenta, accanto a un gruppo di ceramiche dalla collezione Intesa Sanpaolo, opere in prestito da importanti musei del Veneto e della Puglia, con il progetto di allestimento di Michele Franzina) si caratterizza per una decisa finalità didattica e una particolare attenzione ai pubblici e si contraddistingue per un linguaggio semplice ma allo stesso tempo specifico, che intende fornire le basi di un lessico per la conoscenza della produzione ceramica greca e magnogreca, attraverso un'esperienza educativa che dal mondo antico giunge sino al mondo contemporaneo.

L'esposizione è dotata di supporti audio, video (realizzati con la traduzione nella Lingua Italiana dei Segni) e tattili (con i libri tattili ideati da Elisa Lodolo) realizzati appositamente per l'esposizione, al fine di risultare ampiamente inclusiva e accessibile, con l'obiettivo di ridurre, se non abbattere, le barriere culturali, motorie e sensoriali e, al contempo, di creare uno spazio condiviso e confortevole.

Nella Sala dell'Antico Testamento si trovano i vasi che ritraggono i momenti salienti degli incontri fra donne e uomini. Attraverso la ceramica greca e magnogreca si possono rivivere i momenti, quasi come fotografie antiche, della partenza per la guerra o di glorioso ritorno del guerriero, dell'attività sportiva, del lavoro della lana, del simposio o del gioco.

Nella Sala dell'Antica Roma, il percorso prosegue concentrandosi soprattutto sulle scene di corteggiamento e seduzione, che dispiegano le diverse tappe del desiderio amoroso, raccontando il passaggio fondamentale della donna dalla condizione di fanciulla a quella di adulta e alla realizzazione di una sua nuova condizione sociale, che avviene attraverso l'incontro con l'uomo e che trova il perfetto compimento – per il mondo antico – nel generare dei figli per la comunità.

La Sala dei Quattro Continenti permette di addentrarsi negli incontri con l'altro, con il nemico, con il diverso, giungendo sino all'ambito del divino e della morte. Grazie al materiale ceramico greco e magnogreco è possibile, per esempio, ricostruire i miti di Eros e Dioniso, due Dei strettamente legati agli incontri e alle popolazioni terrestri. Allo stesso tempo, in questo contesto, si viene portati a riflettere sull'incontro di culture, tradizioni, usi e costumi differenti, elementi in grado di arricchire le società.

Menzione speciale s'ED "Accessibilità al patrimonio culturale", Storia di un incontro, di Elisa Lodolo
Il libro tattile Argilla. Storia di un incontro, realizzato per le Gallerie d'Italia - Vicenza ha ricevuto una menzione speciale nella categoria "Accessibilità del patrimonio culturale" all'edizione 2023 del Concorso Nazionale di editoria tattile illustrata "Tocca a Te!", promosso dalla Federazione Nazionale delle Istituzioni Prociechi. Come è stato motivato "il libro, in cui forma e materia delle ceramiche attiche e magnogreche dialogano con il lettore, illustra con dovizia di particolari la loro origine e il loro uso, dando spunto a narrazioni che stimolano curiosità e nuove domande. Un libro per imparare e continuare ad immaginare storie possibili, per sentire sotto le dita l'antico, riscoprendo sempre l'attualità".

Attraverso il ricorso alle più innovative tecnologie per il rilievo 3D, l'allestimento si è dotato di un supporto tattile realizzato per agevolare sempre più l'accesso al patrimonio archeologico ceramico conservato da Intesa Sanpaolo, sempre ideato dall'architetto Michele Franzina.
L'esposizione si avvale della collaborazione della Direzione Regionale Musei Puglia - Museo Nazionale Jatta di Ruvo di Puglia, dei Musei Civici di Bassano del Grappa, dei Musei Civici - Museo Archeologico di Padova, del Museo di Scienze Archeologiche e d'Arte di Padova e del Centro d'Ateneo per i Musei dell'Università di Padova.

Il percorso con video è realizzato anche nella Lingua Italiana dei Segni.

In questo breve video, Elisa Lodolo introduce uno degli aspetti caratterizzanti il progetto scientifico e didattico Argilla. Storie di..., ossia il tema dell'accessibilità e dell'inclusione. Grazie alla narrazione effettuata dall'autrice, è possibile immergersi e comprendere le storie nate attraverso i libri tattili creati appositamente per ogni edizione delle mostre e, oggi, consultabili liberamente proprio nella Sala dei Quattro Continenti.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Argilla. Storie di incontri

Vicenza - Gallerie d'Italia

Apertura: 12/10/2023

Conclusione: 08/09/2024

Organizzazione: Gallerie d'Italia con il dipartimento dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Padova

Curatore: Monica Salvadori, Monica Baggio, Luca Zamparo

Indirizzo: Contra’ S. Corona 25 - 36100 Vicenza

Orario: martedì-domenica 10.00-18.00 | Lunedì chiuso | Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura

Biglietto: intero: 5.00 € | ridotto: 3.00 € | ingresso gratuito per convenzionati, scuole, minori di 18 anni, clienti del Gruppo Intesa Sanpaolo

Per info: vicenza@gallerieditalia.com

Sito web per approfondire: https://gallerieditalia.com/



Altre mostre a Vicenza e provincia

Arte contemporaneamostre Vicenza

HM, HE, HA | Prima parte: Pesce Khete e Michele Tocca

La Fondazione Coppola è lieta di presentare negli spazi del Torrione di Porta Castello la mostra in due parti HM, HE, HA a cura di Elena Volpato e Davide Ferri.
 leggi»

02/06/2024 - 14/09/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneamostre Vicenza

POP/BEAT – Italia 1960-1979. Liberi di Sognare

"POP/BEAT – Italia 1960-1979. Liberi di Sognare", la grande mostra in Basilica Palladiana a VIcenza celebra la libertà, i sogni e la bella rivoluzione dal 2 marzo al 28 luglio 2024. leggi»

02/03/2024 - 28/07/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneamostre Vicenza

CromatiNatura. Una retrospettiva di Massimo Turlinelli

In occasione della sua riapertura estiva, il Museo Le Carceri di Asiago propone "CromatiNatura", dedicata al celebre artista e disegnatore fermano Massimo Turlinelli. leggi»

31/05/2024 - 23/06/2024

Veneto

Vicenza

Pittura del '600mostre Vicenza

Ospiti al Chiericati. Il Saraceni di Basilea

"Ospiti al Chiericati" accoglie dal 3 ottobre 2023 al 7 luglio 2024 l'opera del pittore veneziano Carlo Saraceni (Venezia, 1578/1583 - 1620), "L'angelo che appare alla moglie di Manoach". leggi»

03/10/2023 - 07/07/2024

Veneto

Vicenza

Ingresso libero

Arte del Rinascimentomostre Vicenza

Ospiti al Chiericati. Il Montagna di Vittorio Cini

Esposizione al pubblico di uno dei capolavori di Bartolomeo Montagna negli anni della sua prima maturità: la tavola con la "Madonna con il Bambino e i santi Giovanni Battista e Francesco". leggi»

16/11/2023 - 23/06/2024

Veneto

Vicenza

Ingresso libero

Arte modernamostre Vicenza

Opere di Mario Mirko Vucetich. La donazione Breganze

La mostra "Opere di Mario Mirko Vucetich. La donazione Breganze" ripercorre le tappe più significative della vita e della carriera professionale dell'artista. leggi»

21/12/2023 - 29/09/2024

Veneto

Vicenza

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Vicenza

Piero Fogliati. La città Fantastica

Atipografia presenta "La città fantastica", personale dedicata a Piero Fogliati aperta al pubblico dal 25 maggio al 14 settembre 2024 ad Arzignano. leggi»

25/05/2024 - 14/09/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneamostre Vicenza

Sergio Zen. Il Colore, La Mia Voce

Sabato 25 Maggio ore 17.00 presso i giardini della Biblioteca Civica di Valdagno verrà inaugurata la mostra "Sergio Zen. Il Colore, La Mia Voce". leggi»

25/05/2024 - 23/06/2024

Veneto

Vicenza

Arte del Rinascimentomostre Vicenza

Rinascimento in bianco e nero. L’arte dell'incisione a Venezia (1494–1615)

Dal 2 marzo al 23 giugno 2024, i Musei Civici di Bassano del Grappa propongono "Rinascimento in bianco e nero. L’arte della stampa a Venezia (1494–1615)", in mostra capolavori imperdibili. leggi»

02/03/2024 - 23/06/2024

Veneto

Vicenza