Arte contemporanea‎Mostre a Roma

Arnaldo Pomodoro. Il Grande Teatro delle Civiltà

  • Quando:   12/05/2023 - 01/10/2023
  • evento concluso
Arnaldo Pomodoro. Il Grande Teatro delle Civiltà
Arnaldo Pomodoro. Il Grande Teatro delle Civiltà, Palazzo della Civiltà Italiana, Roma, 2023. Exhibition view

Il 12 maggio 2023 FENDI inaugura all’interno della propria sede, il Palazzo della Civiltà Italiana a Roma, la mostra Arnaldo Pomodoro. Il Grande Teatro delle Civiltà, a cura di Lorenzo Respi e Andrea Viliani in collaborazione con Fondazione Arnaldo Pomodoro. La mostra sarà visitabile gratuitamente fino al 1° ottobre 2023.

La collaborazione tra Fondazione Arnaldo Pomodoro e FENDI rientra in una partnership più ampia volta a unire il rispetto per l’eredità storica al sostegno e alla diffusione dei linguaggi artistici contemporanei e alla ricerca di nuove forme di collaborazione basate sulla sostenibilità e l’innovazione.

Concepita per gli spazi sia interni che esterni del Palazzo della Civiltà Italiana all’EUR - che dal 2015 ospitano la sede romana di FENDI - la mostra attraversa settant’anni di ricerca dell’artista, configurandosi come un “teatro” autobiografico, al contempo reale e mentale, storico e immaginifico, in cui vengono messe in scena circa trenta opere realizzate da Pomodoro tra la fine degli anni Cinquanta e il 2021, insieme a una serie di materiali d’archivio – fotografie, documenti, bozzetti, disegni, molti dei quali inediti – che evocano lo spirito e l’atmosfera dello studio e dell’archivio dell’artista.

Il Grande Teatro delle Civiltà esplora l’interconnessione, nella pratica di Pomodoro, fra arti visive e artisceniche e mette in evidenza il rapporto tra la dimensione progettuale dell’opera e la sua realizzazione. Una trama da cui emergono i possibili e molteplici riferimenti a quelle “civiltà” arcaiche, antiche, moderne, o anche solo fantastiche, a cui l’opera di Pomodoro costantemente rinvia, originando forme e materie che sono al contempo memoria del passato e visione del futuro e che rifondano le nostre conoscenze e i nostri immaginari, la nostra esperienza del tempo e dello spazio, della storia e del mito.

Il percorso della mostra prende avvio ai quattro angoli esterni dell’edificio dove sono poste le quattro sculture Forme del mito (1983) Il potere (Agamennone), L’ambizione (Clitennestra), La macchina (Egisto) e La profezia (Cassandra) – tratte dalle macchine sceniche che furono realizzate per il ciclo teatrale dell’artista Emilio Isgrò, ispirato all’Orestea di Eschilo, svoltosi sui ruderi della piazza di Gibellina distrutta dal terremoto del Belice.
Inserendosi come quinte tra il Palazzo, il paesaggio naturale e la comunità urbana circostante, le quattro Forme del mito ridisegnano e ri-significano l’edificio, trasformando il cosiddetto Colosseo Quadrato – una delle architetture simbolo del Modernismo e del Razionalismo italiano – in un’opera aperta, reinterpretabile e riprogettabile, e non quindi definita una volta e per sempre.... leggi il resto dell'articolo»

Nel vestibolo di ingresso del Palazzo delle Civiltà Italiana compaiono due opere-costume realizzate dall’artista per due spettacoli teatrali: il Costume di Didone (per La tragedia di Didone, regina di Cartagine di Christopher Marlowe, messa in scena a Gibellina nel 1986), e il Costume di Creonte (per Oedipus Rex di Igor’ Stravinskij, rappresentato a Siena nel 1988). Prodotti con materiali scultorei abbinati a materiali effimeri come la rafia e il tessuto, questi costumi richiamano le iconografie e la drammaturgia della Grecia arcaica così come le antiche iconografie e tecniche tradizionali delle opere d’arte africane e asiatiche, riattivando il racconto delle storie leggendarie di Didone e di Edipo.

La mostra continua in due sale speculari e una sala di raccordo, pensate come due atti di un’opera teatrale con un intermezzo. Negli ambienti principali troviamo due opere di colore opposto, allestite simmetricamente: Le battaglie (1995), di colore nero, e Movimento in piena aria e nel profondo (1996-1997), di colore bianco.
La prima con le sue forme angolari, spigolose e taglienti e i diversi materiali utilizzati (grovigli di corde, cunei, bulloni) evoca la Battaglia di San Romano di Paolo Uccello, capolavoro del Rinascimento. Accanto a questa sono allestite altre due opere che approfondiscono il racconto della ricerca di Pomodoro: la Grande tavola della memoria (1959-1965), una riflessione sul bassorilievo e sulla tecnica antica della fusione sull’osso di seppia, e Il cubo (1961-1962), opera che coincide con l’avvio di una ricerca sulle forme elementari della geometria euclidea.
Nella seconda sala l’opera Movimento in piena aria e nel profondo, composta da una duplice curva riferibile ai grandi spazi celesti e terrestri, rappresenta l’agire scultoreo come “scavo dentro la complessità delle cose” che si solidifica nella consapevolezza di poter “curvare il tempo e lo spazio”.
Accanto è esposta un’opera che idealmente dona circolarità alla mostra, permettendo di ribaltare il suo finale e ripartire dal suo incipit: Continuum (2010), un grandioso rilievo interamente occupato dai segni caratteristici delle prime opere dell’artista, una sorta di “tracciato” che reca i codici e l’inventario di tutta la sua “scrittura”.

In queste due sale, come una mostra nella mostra, sono inoltre presentati materiali progettuali e documentari, perlopiù inediti, – libri d’artista, schizzi, disegni, modellini, lettere, fotografie, cataloghi, materiali di studio dei progetti più significativi – allestiti dentro bacheche cassettiere e rastrelliere apribili e consultabili dai visitatori, in modo da richiamare l’atmosfera dello studio dell’artista e lo spirito del suo archivio.
A fare da raccordo tra le due sale, come un intermezzo tra due atti teatrali, la Rotativa di Babilonia (1991), collocata all’esterno ma visibile dalle vetrate del Palazzo, con la sua forma circolare suggerisce l’idea di un movimento ciclico e continuo, che si compie sia nel tempo che nello spazio. Nel corridoio interno invece è esposta la serie delle Tracce (1998), composta di ventuno rilievi calcografici bianchi, neri e ruggine.
Il percorso si conclude sul loggiato del terzo piano con Osso di seppia (2011-2021), matrice simbolica di tutte le opere dell’artista, che ha iniziato la sua ricerca scultorea proprio incidendo l’osso di seppia, presente anche, come elemento emblematico, nell’ambiente Ingresso nel Labirinto, collocato nell’ex sede espositiva della Fondazione dell’artista a Milano, presso cui FENDI ha la sua sede milanese dal 2013.

Il Grande Teatro delle Civiltà è anche il punto di partenza per scoprire le altre opere di Pomodoro collocate a Roma e nel mondo, un’occasione per approfondire la conoscenza della ricerca dell’artista e il suo rapporto con la “città eterna”: la mostra è anche accompagnata da un catalogo monografico edito da Skira – con un saggio dei due curatori, articolati apparati critici e bio-bibliografici e un’estesa documentazione fotografica della mostra – che sarà acquistabile nelle boutique FENDI e direttamente nello spazio espositivo. Digitalmente esplorabile attraverso un mini-sito dedicato (http://arnaldopomodoro.fendi.com/) attraverso il quale ci si potrà anche registrare per visitare la mostra.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Arnaldo Pomodoro. Il Grande Teatro delle Civiltà

Apertura: 12/05/2023

Conclusione: 01/10/2023

Organizzazione: Fondazione Arnaldo Pomodoro e FENDI

Curatore: Lorenzo Respi e Andrea Viliani

Luogo: Roma , Palazzo della Civiltà Italiana

Indirizzo: Quadrato della Concordia, 3 – Roma EUR

Orari: da lunedì a domenica, dalle 10:00 alle 20:00. Giorno di chiusura 15 agosto

Ingresso libero



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporanea‎

Marco Crispano. Bab Souika

Pro Loco San Lorenzo è lieta di presentare la mostra "Bab Souika" mostra personale di Marco Crispano. L'esposizione si terrà in data unica sabato 2 Marzo dalle 19 alle 23. leggi»

02/03/2024

Lazio

Roma

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Peach Vibration

Dal 20 febbraio al 14 marzo 2024 Pavart gallery presenta la collettiva "Peach Vibration" curata da Velia Littera, un dialogo tra artisti ispirati dal colore dell'anno 2024, il rosa pesca (peach fuzz). leggi»

20/02/2024 - 14/03/2024

Lazio

Roma

Arte moderna Arte grafica

Escher a Palazzo Bonaparte

Prorogata fino al 5 maggio 2024, Palazzo Bonaparte di Roma ospita la più grande mostra di Escher mai realizzata sinora, con circa 300 opere, nuove scoperte e grandi novità. leggi»

31/10/2023 - 05/05/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Francesco Impellizzeri. Rewind

Dal 20 febbraio al 22 marzo 2024 Francesco Impellizzeri presenta a Roma "Rewind", progetto espositivo che raccoglie i suoi lavori eseguiti tra la metà degli anni ottanta e il novanta. leggi»

20/02/2024 - 22/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Annamaria Russo Aruss. Attraverso...il tempo

La Direzione Musei Statali della città di Roma omaggia i sessant'anni di carriera di Annamaria Russo Aruss con un percorso espositivo in due spazi museali, fino al 17 marzo 2024. leggi»

20/02/2024 - 17/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Rodrigo Brasil. Brasil

Dal 16 al 22 Febbraio 2024, Medina Art Gallery a Roma presenta la mostra personale "Brasil" di Rodrigo Brasil, a cura di Martina Luffarelli. leggi»

16/02/2024 - 22/02/2024

Lazio

Roma

Fotografia Video art

Guido van der Werve. Nummer eenentwintig. Palpable Futility

Dal 17 febbraio al 22 marzo 2024 Galleria Monitor di Roma presenta "Nummer eenentwintig - Palpable Futility", personale di Guido van der Werve con fotografie e video. leggi»

17/02/2024 - 22/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Jannis Kounellis. Notte

A sei anni dalla scomparsa, il MAXXI di Roma celebra il grande artista Jannis Kounellis con "Notte", in mostra fino al 30 aprile. leggi»

14/12/2023 - 30/04/2024

Lazio

Roma

Grandi Personaggi

Rino Gaetano

Dal 16 febbraio 2024 al Museo di Roma in Trastevere la prima grande mostra nel segno di uno dei più amati cantautori italiani: Rino Gaetano. leggi»

16/02/2024 - 28/04/2024

Lazio

Roma