Beatrice Gibson. Dream Gossip

  • Quando:   13/01/2023 - 15/02/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Milano


Beatrice Gibson. Dream Gossip
Installation view di Dreaming Alcestis al British Art Show 9. Foto Dom Moore

Inaugura giovedì 12 gennaio 2023 allo spazio Ordet di Milano, Dream Gossip, la prima personale in Italia dell’artista franco-britannica Beatrice Gibson. La mostra è il primo degli eventi che presentano al pubblico italiano Dreaming Alcestis, l’ultima opera della pluripremiata artista e regista, commissionata dal Museo Civico di Castelbuono in partnership con l’Hayward Gallery Touring del Southbank Centre per il British Art Show 9, e realizzata grazie al sostegno della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura nell’ambito dell'Italian Council (2021).

La mostra prende il titolo da una rubrica sui sogni della poetessa Alice Notley su Scarlet, rivista di poesia newyorkese degli anni Novanta, auto-pubblicata da Notley e dal suo defunto marito, il poeta Douglas Oliver, nel loro appartamento a St Mark’s Place.

Dream Gossip raccoglieva i sogni scandalosi della comunità poetica e la loro apparizione, accanto ad articoli, poesie ed editoriali sulla crisi dell'AIDS e la Guerra del Golfo, attestano la profonda convinzione di Notley nella potenza politica del sentimento e del sogno.
I tre film in mostra Deux Soeurs Qui Ne Sont Pas Soeurs (2019), Dreaming Alcestis (2022) e Dear Barbara, Bette and Nina (2020) esplorano il sentimento, il sogno e l’intimità come strumenti collettivi per un presente politico turbolento.

Basato su una sceneggiatura originale di Gertrude Stein, Deux Soeurs Qui Ne Sont Pas Soeurs presenta due sorelle (che non sono sorelle), due gravidanze, un’auto a due posti, una reginetta di bellezza, due barboncini e l’elezione di un fascista. Il film inizia con una nota onirica: una donna simile a un fantasma guarda fugacemente la telecamera, i suoi capelli d’argento sono mossi dalla brezza. La donna è la stessa Notley, la cui poesia pionieristica sulla maternità, il quotidiano, i sogni e l’inconscio è una presenza costante nel recente lavoro di Gibson.

I film di Beatrice Gibson sono noti per essere profondamente evocativi, e intrecciano relazioni fuori e dentro lo schermo.
Deux Soeurs, ad esempio, presenta non solo madrine intellettuali e artistiche come Notley e Stein, ma anche figure contemporanee e amicizie che hanno ispirato e reso possibile la vita lavorativa dell’artista, come le registe Ana Vaz e Basma Alsharif, l’artista Adam Christensen e Diocouda Diaoune, la prima baby sitter del figlio di Gibson.
A livello formale, Deux Soeurs evita la narrativa convenzionale a favore di un montaggio onirico e associativo. I personaggi del film non parlano tanto quanto vibrano e pulsano emotivamente, seguono il battito dell’esistenza. La sceneggiatura ellittica di Stein diventa lo stimolo per esplorazioni personali su concetti come eredità, responsabilità, etica e futuro.... leggi il resto dell'articolo»

Questo interesse di Gibson per la politica del sentimento o dell’emozione, per il movimento e l’impatto emotivo, infonde anche il secondo lavoro in mostra: Dreaming Alcestis.
Il film, co-diretto con il compagno Nick Gordon e scritto a quattro mani con Maria Nadotti, spinge ulteriormente il carattere onirico del suo lavoro, esplorando il sentimento allo stato puro. Presentato come un’installazione immersiva, Dreaming Alcestis è un’opera profondamente sperimentale, la meno cerebrale o forse la più somatica dell’artista.
Due personaggi, che sognano collettivamente una regina morta da tempo (o forse vengono sognati da lei), sono ripresi in lunghe sequenze, come in tempo reale, rifratte olograficamente, infuse e interrotte dai suoni della città e del mare.
Una riflessione poetica sul vivere e morire in un’epoca di calamità e migrazioni, Dreaming Alcestis scava a fondo nell’antica protagonista di Euripide come guida ancestrale, documentando attraverso la dimensione onirica il trasferimento di Gibson e Gordon dalla Gran Bretagna post-Brexit a Palermo, in un periodo di brutale riassetto politico e sociale.

Un terzo e ultimo film completa la mostra. Girato sempre a Palermo all’inizio del 2020, Dear Barbara, Bette and Nina è una missiva a Barbara Loden, Nina Menkes e Bette Gordon, tre cineaste che hanno influenzato profondamente il lavoro di Gibson. Il film traccia una linea attraverso una serie di madrine intellettuali, contemporanee e amiche, citando queste figure come fonte di ispirazione, postulando una politica collettiva di rifiuto.

Deux Soeurs Qui Ne Sont Pas Soeurs è stato commissionato da Mercer Union, Toronto; Bergen Kunsthall, Borealis Festival, Bergen; Camden Arts Centre, Londra; e KW Institute for Contemporary Art, Berlino. Il lavoro è prodotto con il supporto di Fluxus Art Projects e Arts Council England, e presenta una colonna sonora di Laurence Crane commissionata con il supporto di Arts Council Norway.

Dreaming Alcestis è commissionato dal Museo Civico di Castelbuono (Palermo) e l’Hayward Gallery Touring del Southbank Centre (Londra) per il British Art Show 9 ed è realizzato grazie al sostegno dell’Italian Council (X Edizione 2021), programma di promozione internazionale dell’arte italiana della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura. Il film è prodotto da Okta Film, con il supporto degli sponsor ICONOCLAST e Somesuch.

La mostra Dream Gossip è parte del progetto Alkestis, promosso dal Museo Civico di Castelbuono, vincitore della X edizione dell’Italian Council 2021.

Dear Barbara, Bette and Nina è stato commissionato da Punto de Vista – International Documentary Film Festival of Navarra.

Beatrice Gibson BIO
Nata a Londra nel 1978 e residente a Palermo, Beatrice Gibson è artista e regista. I suoi lavori, cortometraggi sperimentali che uniscono video e poesia, sono stati selezionati in molti festival del mondo, tra cui Cannes, Toronto, Londra, New York e Oberhausen. Ha vinto due volte il premio per il miglior cortometraggio al Festival internazionale del cinema di Rotterdam nel 2009 e nel 2013. È stata nominata due volte per il Jarman Award for Artist’s Film nel 2013 e nel 2019. Nel ha vinto il Baloise Art Prize di Art Basel nel 2015 e il premio Marian McMahon Akimbo per l’autobiografia nel 2019. Di recente ha avuto mostre personali al Camden Art Centre di Londra (2019), alla Bergen Kunsthall (2019), al Mercer Union di Toronto (2019) e al KW Institute for Contemporary Art di Berlino (2018).

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Beatrice Gibson. Dream Gossip

Milano - spazio Ordet

Apertura: 13/01/2023

Conclusione: 15/02/2023

Organizzazione: Museo Civico di Castelbuono

Indirizzo: Ordet Via Adige 17 - 20135 Milano

Inaugurazione: 12 gennaio 2023, h 18-21

Orari: mer-sab, h 14-19, e su appuntamento

Per info: info@ordet.org - +39 02 47757753



Altre mostre a Milano e provincia

Fotografiamostre Milano

Martin Parr. Short & Sweet

E' stata prorogata al 28 luglio 2024 la grande mostra fotografica "Martin Parr. Short and Sweet" al Mudec di Milano. leggi»

10/02/2024 - 28/07/2024

Lombardia

Milano

DesignFotografiamostre Milano

Ballo&Ballo. Fotografia e design a Milano, 1956-2005

Dal 14 giugno al 3 novembre 2024 il Castello Sforzesco ospita una grande mostra sullo Studio Ballo+Ballo, centro della spinta culturale che portò il design italiano sulla scena internazionale. leggi»

14/06/2024 - 03/11/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Valerio Adami. Pittore di Idee

Palazzo Reale celebra i sessantacinque anni di carriera di Valerio Adami, tra i maggiori artisti italiani del Dopoguerra, con un'antologica, dal 17 luglio al 22 settembre 2024 a Milano. leggi»

17/07/2024 - 22/09/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

Aldo Sergio. Guardare negli occhi un coniglio

"Guardare negli occhi un coniglio" è la prima mostra personale di Aldo Sergio, presso la galleria Tommaso Calabro a Milano dal 27 giugno al 14 settembre 2024. leggi»

28/06/2024 - 14/09/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Carlos Alvarez Las Heras. Echi della foresta: Serenità selvaggia

Wizard Gallery presenta la personale di Carlos Alvarez Las Heras "Echi della foresta: serenità selvaggia", a Milano dal 20 giugno al 20 luglio 2024. leggi»

20/06/2024 - 20/07/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

I Feel Good

Studio Gariboldi ha il piacere di presentare I Feel Good, una mostra pensata per raccontare come le icone della cultura pop siano entrate nelle opere di una ventina di grandi artisti. leggi»

09/05/2024 - 26/07/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Dove il grottesco regna sovrano: l'arte di Ksenia Pasyura

Dal 14 giugno al 12 luglio 2024 presso la Fondazione Mudima a Milano: le caricature, la satira, i corpi sfrontati di Ksenia Pasyura. leggi»

14/06/2024 - 12/07/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

Into the blue

Lo spazio espositivo Corals ospita la mostra dal titolo "Into the blue" con gli artisti Luciana Bencivenga, Emanuele Giorgi e Elisa Nepote, a cura di Greta Zuccali. leggi»

05/06/2024 - 28/06/2024

Lombardia

Milano

Ingresso gratuito

Mostre tematichemostre Milano

T O Y S T E L L E R S Forever Young

T O Y S T E L L E R S Forever Young, la mostra di Federico Ghiso che ritrae i giocattoli resi bambini grazie all'intelligenza artificiale, arriva finalmente a Milano. leggi»

07/06/2024 - 08/09/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero