Biennale di Genova 2021

  • Quando:   19/06/2021 - 03/07/2021
  • evento concluso

Arte contemporanea‎

Biennale di Genova 2021

S’inaugura, sabato 19 giugno, la 4^ Biennale di Genova - Esposizione Internazionale d’Arte Contemporanea a cura di Mario Napoli, Flavia Motolese e Andrea Rossetti con il patrocinio e il contributo di Regione Liguria, il patrocinio di Città Metropolitana, Comune e Camera di Commercio di Genova, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale.

La Biennale di Genova vince la scommessa della ripresa e porta l’arte contemporanea a diffondersi per la città, dal il 19 giugno al 3 luglio. Organizzata da SATURA Palazzo Stella, questa Biennale è intesa come momento partecipativo, un dispositivo di ricerca-azione sulla relazione fra artista, arte, città e cittadino. L’evento che, con le precedenti edizioni, ha segnato una svolta nell’ambiente artistico genovese, è riuscito a creare anche quest’anno un vero e proprio sistema espositivo diffuso: 45 location espositive presenteranno le opere di 210 artisti provenienti da 20 nazioni diverse.

Genova ospiterà, quindi, una delle prime biennali d’arte a tornare in presenza in Italia, una mostra dal forte taglio internazionale, grazie anche al suo marchio riconosciuto.

Il progetto vuole proporre al pubblico un’offerta artistica di ampio respiro e che rappresenti un forte legame con il territorio, coprotagonista di questa manifestazione attraverso il coinvolgimento di diverse sedi istituzionali e museali.

Verranno offerte iniziative collaterali per valorizzare il patrimonio artistico e architettonico per creare un’esperienza unica che contribuisca a rilanciare, dopo l’emergenza covid, il sistema culturale e turistico della città.

Un evento in controtendenza, che ha ottenuto un risultato straordinario, considerando la grande partecipazione da parte degli artisti e la risposta positiva della città. La manifestazione appare in costante evoluzione, più convinta nella propria capacità di creare una congiunzione sociale diretta tra promotori culturali, arti visive e pubblico. Questa edizione, infatti, ha un significato importante perché, nonostante la pandemia, riconferma i traguardi raggiunti nel 2019. È l’ennesima dimostrazione che a Genova si può portare il mondo, si può creare un sistema vincente dedicato all’arte e scoprire un interesse crescente verso il contemporaneo come catalizzatore di socialità e sperimentazione.

L’idea di base è fare un’operazione massiva in cui l’arte sia protagonista in una città che è essa stessa un’opera d’arte, proponendo un modello di biennale in cui talenti emergenti così come artisti affermati possano esporre le loro opere in un contesto libero e indipendente.

Le centinaia di adesioni con cui gli artisti hanno risposto all’open call è la dimostrazione del fascino e delle potenzialità di Genova, oltre che della scelta vincente di aver creato una struttura inclusiva che permette di dare stessa visibilità a tutti gli artisti chiamati a intervenire all’esposizione internazionale, premiando però la qualità.

Oltre al Premio alla Carriera conferito all’artista tedesco Hannes Hofstetter, allievo di Joseph Beuys e docente all'Accademia di Belle Arti di Berlino Ovest negli anni ’90, e ad Achille Pace, uno dei fondatori del Gruppo Uno invitato a partecipare alla XXXIX e alla XL Biennale di Venezia, quest’anno si è deciso di dedicare un omaggio speciale a due grandi: Plinio Mesciulam, recentemente scomparso, ed Emanuele Luzzati, visto che ricorre il centenario della sua nascita.

Questa edizione, in particolare, assume un ulteriore significato, dimostrando la voglia di farcela e la possibilità di rialzarsi dopo le difficoltà. Si è mantenuta la rete di collaborazioni e di sedi espositive dando vita all’ambizione con cui è nata la Biennale di Genova: capillarizzare la mostra sul territorio per creare un’esperienza unica di fruizione. L’obiettivo è ricordare che l’arte dovrebbe essere vissuta nel quotidiano, in modo che produca un lascito concreto e si traduca in un'azione culturale piena.

Le opere selezionate mostrano un panorama composito, in cui la tradizione si integra a nuove ricerche espressive o alle più avanzate sperimentazioni tecnologiche, testimoniando che il mestiere dell’arte è raccontare il presente, con tutte le sue contraddizioni, e conservare la nostra identità assieme alla propria, senza se e senza ma.

Giuria

Marino Anello collezionista, Antonio d’Argento storico dell’arte, Nandan He artista emerito, Milena Mallamaci architetto, Sarvenaz Monzavi art curator, Flavia Motolese critico d’arte, Giuditta Napoli designer, Mario Napoli Presidente Associazione SATURA, Massimo Rodda editore, Andrea Rossetti critico d’arte, Silvio Seghi critico d’arte.


Sedi espositive

Palazzo Stella, Galata Museo del Mare, Villa del Principe - Palazzo di Andrea Doria, Biblioteca Universitaria di Genova - ex Hotel Colombia, Palazzo Doria Spinola, Palazzo Nicolosio Lomellino, Luna Piena bistrot e il Circuito delle Botteghe Storiche.

Artisti esposti

AC – Anna Coccia, Stefano Accorsi, Guido Alimento, Maria Paola Amoretti, Roberto Antelo, AR77, Chiara Avanzo, Adriana Bacigalupo, Jennifer Baker, Lucio Barlassina, Mario Barsotti, Maria Grazia Battestini, Beathus, Ginevra Bellini, Alessio Belloni, Nino Bernocco, Adriana Bevacqua, Gui Bin, Walter Böhm, Leopoldo Bon, Bonma, Paola Bradamante, Silvia Brambilla, Enza Bruscolini, Marzia Buccieri, Giusy Burdi, Francesco Burla, Massimo Calamo, Guido Campanella, CARME RIU, Elsa Caselli, Davide Cassinari, Paolo Cau, Giuliano Censini, Anna Maria Cesario, Khalil Charif, Chávez, Haoxuan Chen, Cristina Cipiciani, ClauDio, CMnoLOGO, Giulia Coda, COLH, Piergiorgio Colombara, Egidio Colombo, Nicoletta Conio, Giancarlo Contegno, Dália Cordeiro, Elisa Corsini, Gian Paolo Cremonesini, Gian Marco Crovetto, Franco Dallegri, Paola D'Antuono, Margareta David, Zhenma Dawa, Clotilde De Lisio, Natale De Luca, Fabio De Santis, Claudio Detto, Beatrice Di Francescantonio, Walter Di Giusto, Valerio Diotto, Donval, DRO, Claudio Elli, Lorenzo Erba, Maria Cristina Fasulo, Ida Fattori, Alice Ferretti, Leili Feysali, Leonardo Fiaschi, Marianela Figueroa, Eleonora Firenze, Maurizio Forno, Luigi Franco, Chengjin Fu, Carmine Galiè, Giuliano Galletta, Elda Gavelli, Marco Ghezzi, Massimo Gilardi, Isabella Giovanardi, Alberto Girani, Iolanda Giuffrida, Thomas Gori, Paolo Grande, Paola Grillo, Monika Hartl, Xiao He, Hirdilak, Hannes Hofstetter, Il chiodo fisso, Fiorella Immorlica, Rosa Inversi, Klaid, Jürgen Krass, Inbal Kristin, Pia Labate, Gianmaria Lafranconi, Bruno Larini, Giuseppina Lasaponara, Domenica Laurenzana, Lorena Lavezzo, Leo, Lin Li, Margherita Lizzini, Veronica Longo, Lorenzo Di Marino Art, Antonietta Lorusso, Emanuele Luzzati, Luciano Mancuso, Cristina Mantisi, Fiorella Manzini, Mar de Color, Giovanni Marceddu, Marina Von Lukas, Mauro Marletto, Francesco Martera, Laura Mascardi, Véronique Massenet, Guglielmo Mazzia, MD7 – Massimo Del Sette, Maira Meneghin, Carlo Merello, Plinio Mesciulam, Valentina Metrangolo, Miniz, MITA, Giacomo Molinelli, Maurizio Morandi, Walter Morando, Igor Moretti, Francesco Mottola, Rossella Murgia, Mus, Barbara Mussoni, Gianni Nattero, Constantin Stan Neacsu, Riri Negri, Elena Nesterova, Nico Van Lucas, Tianqi Niu, Peter Nussbaum, Attila Olasz, Achille Pace, Umberto Padovani, Sergio Palladini, Maddalena Palladini, Panagi Panicos Art, Riccardo Panello, Maria Fausta Pansera, Sara Paravagna, Lucia Pasini, Paola Pastura, Luciana Penjak, Mario Pepe, Olga Polichtchouk, Antonietta Preziuso, Luigi Profeta, Maria Chiara Pruna, Corrado Puma, Isabella Ramondini, Franco Repetto, Robiz, Paola Rottigni, Irene Rung, Ruth, Giuseppe Salmoiraghi, Vittorio Sancipriano, Arturo Santillo, Rossella Sartorelli, Alexandra Savvo, Roberto Scarpone, Corrado Scarsi, Carlo Senesi, Sheryl Mayens, Te-Sian Shih, Yuheng Shi, Zhangliang Shuai, Sigarra, Michele Sliepcevich, Simonetta Spinelli, Lydia Stadler, Fulvia Steardo Fermi, Danilo Stefani, Antonella Stellini, Maria Tagliafierro, Ming Tang, Yuyang Tang, Roberto Tarabella, Ada Tattoli, Angelo Toffoletto, Huayan Tong, Lorena Totolo, TÜZÜN, Vel, Vera Lini, Claudio Verganti, Elisabeth Vermeer, Alessandra Vinotto, Anna Vinzi, Marilena Visini, Zoran Vuckovic, Fei Wang, Xuan Wang, Xunmu Wu, Jiawei Wu, Jun Yang, Nevio Zanardi, Dier Zhang, Zilinhuang.

Titolo: Biennale di Genova 2021

Apertura: 19/06/2021

Conclusione: 03/07/2021

Organizzazione: SATURA Palazzo Stella

Curatore: Mario Napoli, Flavia Motolese e Andrea Rossetti

Luogo: Genova, sedi varie

Indirizzo: Piazza Stella 5/1 - 16123 Genova

Un ringraziamento particolare a Regione Liguria per il suo sostegno, alle istituzioni per la collaborazione, a tutte le location ospitanti, a Enrica Ricciardi direttore del Centro di Formazione Professionale AID&A di Genova e ai nostri partner per questo evento: i proprietari del LUNA PIENA bistrot e ASTORIA WINE.