Dara Birnbaum

  • Quando:   13/04/2023 - 25/09/2023
  • evento concluso

Arte modernaVideo artMostre a Milano


Dara Birnbaum
Pop-Pop Video: Kojak/Wang, 1980, Courtesy Dara Birnbaum ed Electonic Arts Intermix (EAI), New York

Fondazione Prada presenta un’ampia mostra antologica dedicata al lavoro di Dara Birnbaum dal 13 aprile al 25 settembre 2023 (anteprima stampa 12 aprile) nella sede di Osservatorio in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano. Un’altra versione del progetto si terrà a Prada Aoyama Tokyo dal 1 giugno al 28 agosto 2023.

Osservatorio è lo spazio di Fondazione Prada dedicato alla sperimentazione dei linguaggi visivi e alla ricerca sulle possibili intersezioni e collisioni tra la tecnologia e le varie espressioni culturali. È una piattaforma di libero pensiero aperta alla riflessione sui differenti linguaggi artistici e dei media e sul loro impatto in un contesto politico e sociale in continua evoluzione.

La mostra, curata da Barbara London con Valentino Catricalà ed Eva Fabbris, offre diverse prospettive per comprendere il percorso di Dara Birnbaum (New York, 1946), un’artista che ha costantemente sfidato i canoni dell’arte e dei mass media. Il progetto include una selezione di video monocanale, opere audio, installazioni multicanale, fotografie e stampe 3D su Plexiglas realizzati tra il 1975 e il 2022. “Dara Birnbaum” rivela come l’artista abbia indagato in profondità le intersezioni culturali tra video arte, televisione e tecnologie di consumo e, tra gli altri temi, i pregiudizi di genere nella rappresentazione della donna nella cultura popolare.
Uno dei primi e più noti lavori dell’artista, Technology/Transformation: Wonder Woman (1978-79) accoglierà il pubblico della mostra all’ingresso del piano dell’Osservatorio.
Il video sarà così visibile a tutti i visitatori della Galleria Vittorio Emanuele II evocando una delle sue iniziali presentazioni nella vetrina dell’H-Hair Salon de Coiffure, Inc. a Prince Street, a Soho a New York. In questa opera Birnbaum ha rieditato scene tratte dal popolare programma televisivo Wonder Woman per sottolineare come i mass media siano in grado di combinare rappresentazioni eroiche con immagini banali della femminilità. Il video è il risultato di un lavoro di decostruzione di un personaggio immaginario creato da un’industria dominata prevalentemente da uomini.

Concepito dall’artista per i due piani dell’Osservatorio, il percorso espositivo non segue un ordine cronologico, ma rivela la molteplicità di mezzi artistici e linguaggi impiegati da Birnbaum ed esplora temi ricorrenti nella sua pratica artistica attraverso un’attenta selezione di opere.

In Quiet Disaster (1999), Birnbaum ha realizzato tre immagini ingrandite di anime che ritraggono personaggi in pericolo utilizzando le stampe Duratrans (pellicole trasparenti retroilluminate) montate su dischi circolari di Plexiglas per enfatizzare lo sguardo “impaurito” di chi si trova di fronte a una minaccia.... leggi il resto dell'articolo»

Nato da un progetto mai realizzato degli anni Novanta, Computer Assisted Drawings: Proposal for Sony Corporation (1992-93) impiega un software di SGI (SiliconGraphics) per generare rendering di spazi architettonici tridimensionali da inserire nei display multimediali dei prodotti Sony. Birnbaum ha concepito una speciale struttura di supporto in alluminio su cui collocare le immagini in Duraclear e Plexiglas con un’angolazione di 90 gradi rispetto alla parete. In questo modo le stampe risultano semitrasparenti allo sguardo del visitatore che, osservandole, crea molteplici montaggi visivi.

Operations: December 16-17-18 (1998) è stata trasmessa come un’interruzione radiofonica di un programma di cronaca sulla radio nazionale svizzera. È un’opera audio collettiva (traccia sonora realizzata da Stephen Vitiello) che contiene un collage di notizie diffuse in diretta mentre gli Stati Uniti iniziavano a bombardare l’Iraq.
Sei video monocanale sono suddivisi in coppie tematiche per investigare tre aspetti fondamentali della ricerca artistica di Birnbaum.

Entrambi legati alle prime opere performative concepite dall’artista nel 1975, Chaired Anxieties: Abandoned (1975) e Mirroring (1975) sono il tentativo di approfondire la separazione tra il corpo e la sua rappresentazione attraverso azioni ripetitive e manipolazioni della telecamera. Pop-Pop Video (General Hospital/Olympic Women Speed Skating) (1980) e Pop-Pop Video (Kojak/Wang) (1980) fanno parte di una serie ideata durante una residenza a The Kitchen a New York. L’appropriazione di immagini televisive e la realizzazione di tracce sonore in collaborazione con musicisti di Downtown New York si alternano generando dinamiche provocatorie. New Music Shorts (1981) è il risultato dell’incontro dell’artista con la scena post-punk nata alla fine degli anni Ottanta nel Lower Manhattan, mentre Fire! Hendrix (1982) è un lavoro su commissione per un potenziale videodisco di tracce inedite di Jimi Hendrix. L’opera critica l’economia della rappresentazione della sessualità e del consumismo.

Ispirata al Faust di Johann Wolfgang von Goethe e alla Dannazione di Faust di Hector Berlioz, Damnation of Faust Trilogy (1983-87) è una sequenza altamente strutturata che evoca un paesaggio onirico fluttuante e mai lineare. Attraverso una visione femminista, Birnbaum indaga temi come le forme conflittuali di contenimento sociale e le lotte per definire ed esprimere l’identità personale.

Journey: Shadow of the American Dream (2022), il lavoro più recente dell’artista, segna l’inizio della seconda parte della mostra al piano superiore dell’Osservatorio. L’installazione multicanale esplora il tema della memoria, in particolare la cultura del dopoguerra durante l’infanzia di Birnbaum, tra la fine degli anni Quaranta e i primi anni Cinquanta. Attraverso questo lavoro l’artista dichiara il proprio intento “di ripensare e di offrire al visitatore qualche spunto su che cosa abbia significato crescere all’‘ombra’ della Seconda guerra mondiale, il periodo in cui il sogno americano è stato usato come arma dagli Stati Uniti usciti vittoriosi dal conflitto”. Journey: Shadow of the American Dream è un viaggio dal 1946, nell’immediato dopoguerra e anno di nascita dell’artista, fino al 1954, attraverso i filmati in 16mm – convertiti in digitale – girati dal padre di Birnbaum durante l’infanzia dell’artista. Tre gigantografie in bianco e nero su vinile costituiscono uno sfondo architettonico di questo periodo storico.
L’installazione è completatata da cinque canali audio e video che includono estratti selezionati da programmi televisivi degli anni Quaranta e Cinquanta: dal talk show di Groucho Marx ai più innovativi programmi per bambini, fino ai western e ai film di
fantascienza sulle missioni spaziali.

Lesson Plans (To Keep the Revolution Alive) (1977) è un’opera di impostazione strutturalista che indaga il linguaggio televisivo. L’artista estrae fotogrammi da serie televisive di prima serata, come Police Story e Crime Story, selezionando unicamente riprese in controcampo, la tipica modalità narrativa di questo tipo di programmi diffusi in Occidente. Ogni immagine è associata all’esatto dialogo corrispondente, una tecnica che permette di arrestare il continuo flusso della produzione televisiva e rintracciarne codici invisibili e significati nascosti.

Transmission Tower: Sentinel (1992) è un’imponente installazione scultorea commissionata da Jan Hoet, direttore di documenta IX. L’installazione minimalista e al tempo stesso monumentale è composta da sezioni di una vera torre di trasmissione ROHN portata da Peoria, in Illinois, e include otto monitor sospesi a formare una struttura curvilinea verticale.

Gli schermi mostrano le immagini del poeta Allen Ginsberg mentre legge la seconda versione della poesia Hum Bom! (originale del 1971, rivista nel 1988), in occasione della serata inaugurale della National Student Convention alla Rutgers University. Un breve inserto mostra il Presidente George H.W. Bush mentre tiene il suo discorso di accettazione alla Convention Repubblicana del 1988. Le immagini scorrono in sequenza sui monitor con un effetto a cascata, mentre un terzo tipo di immagini, virate in verde elettronico, scorre verso l’alto e mostra estratti degli incontri svolti durante il raduno studentesco.

La mostra sarà accompagnata da una pubblicazione della serie dei Quaderni, edita da
Fondazione Prada. Include un saggio della curatrice Barbara London e una conversazione tra Dara Birnbaum e i due curatori associati Valentino Catricalà ed Eva Fabbris.

Dara Birnbaum” è il risultato di una collaborazione incentrata su attività educative con la School of Digital Arts (SODA) di Manchester nel Regno Unito.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Dara Birnbaum

Milano - Osservatorio Fondazione Prada

Apertura: 13/04/2023

Conclusione: 25/09/2023

Organizzazione: Fondazione Prada

Curatore: Barbara London con Valentino Catricalà ed Eva Fabbris

Indirizzo: Galleria Vittorio Emanuele II - Milano (MI)

Orari: Dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 20. Sabato e domenica dalle 11 alle 20. Chiuso il martedì

Sito web per approfondire: https://www.fondazioneprada.org/

Facebook: FondazionePrada



Altre mostre a Milano e provincia

Fotografiamostre Milano

Martin Parr. Short & Sweet

E' stata prorogata al 28 luglio 2024 la grande mostra fotografica "Martin Parr. Short and Sweet" al Mudec di Milano. leggi»

10/02/2024 - 28/07/2024

Lombardia

Milano

DesignFotografiamostre Milano

Ballo&Ballo. Fotografia e design a Milano, 1956-2005

Dal 14 giugno al 3 novembre 2024 il Castello Sforzesco ospita una grande mostra sullo Studio Ballo+Ballo, centro della spinta culturale che portò il design italiano sulla scena internazionale. leggi»

14/06/2024 - 03/11/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Valerio Adami. Pittore di Idee

Palazzo Reale celebra i sessantacinque anni di carriera di Valerio Adami, tra i maggiori artisti italiani del Dopoguerra, con un'antologica, dal 17 luglio al 22 settembre 2024 a Milano. leggi»

17/07/2024 - 22/09/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

Aldo Sergio. Guardare negli occhi un coniglio

"Guardare negli occhi un coniglio" è la prima mostra personale di Aldo Sergio, presso la galleria Tommaso Calabro a Milano dal 27 giugno al 14 settembre 2024. leggi»

28/06/2024 - 14/09/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Carlos Alvarez Las Heras. Echi della foresta: Serenità selvaggia

Wizard Gallery presenta la personale di Carlos Alvarez Las Heras "Echi della foresta: serenità selvaggia", a Milano dal 20 giugno al 20 luglio 2024. leggi»

20/06/2024 - 20/07/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

I Feel Good

Studio Gariboldi ha il piacere di presentare I Feel Good, una mostra pensata per raccontare come le icone della cultura pop siano entrate nelle opere di una ventina di grandi artisti. leggi»

09/05/2024 - 26/07/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Dove il grottesco regna sovrano: l'arte di Ksenia Pasyura

Dal 14 giugno al 12 luglio 2024 presso la Fondazione Mudima a Milano: le caricature, la satira, i corpi sfrontati di Ksenia Pasyura. leggi»

14/06/2024 - 12/07/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

Into the blue

Lo spazio espositivo Corals ospita la mostra dal titolo "Into the blue" con gli artisti Luciana Bencivenga, Emanuele Giorgi e Elisa Nepote, a cura di Greta Zuccali. leggi»

05/06/2024 - 28/06/2024

Lombardia

Milano

Ingresso gratuito

Mostre tematichemostre Milano

T O Y S T E L L E R S Forever Young

T O Y S T E L L E R S Forever Young, la mostra di Federico Ghiso che ritrae i giocattoli resi bambini grazie all'intelligenza artificiale, arriva finalmente a Milano. leggi»

07/06/2024 - 08/09/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero