Emiliano Bartolucci. Mozart

  • Quando:   18/05/2024 - 31/07/2024

FotografiaMostre a Roma


Emiliano Bartolucci. Mozart
Emiliano Bartolucci. Mozart

Dal 18 maggio al 31 luglio, il Teatro Portaportese di Roma ospita nel foyer un'esposizione fotografica inedita di Emiliano Bartolucci, dedicata ad una leggenda della pallacanestro. La mostra, intitolata "Mozart" in onore del genio di Dražen Petrović, si distingue per la sua delicatezza e originalità, offrendo uno sguardo diverso sulla vita e la carriera di questo campione.

Le immagini, caratterizzate da una semplicità elegante, catturano i gesti distintivi, il gioco e la costante ricerca di perfezionamento personale del talento croato. Attraverso una serie di scatti, viene enfatizzata l'ossessione per il dettaglio e la determinazione nel perseguire il successo. La mostra, che rispetta la sfera privata del protagonista, si concentra esclusivamente sul mito che si è creato intorno alla sua figura, grazie alla straordinaria carriera percorsa.

Le fotografie mostrano insoliti protagonisti in movimenti iconici del basket e in luoghi fuori dal comune. Le pose selezionate catturano l'azione, spesso con i soggetti visti di spalle o di profilo, senza mai rivelare i volti, quasi fossero osservati dalle tribune. Le quarantasette immagini esposte si fondono in modo armonioso, stimolando la fantasia degli spettatori e generando un coinvolgimento emotivo profondo, offrendo un vibrante omaggio alla grandezza di questo eccezionale campione.

Questa mostra merita di essere visitata con calma, in un luogo affascinante della nostra città che è ricco di riferimenti culturali con un sottile aroma pasoliniano.

L'allestimento
Quarantasette immagini su carta fotografica resistente, ciascuna misura 20 x 30 centimetri con un bordo bianco leggermente più sottile sul lato destro, sono disposte una accanto all'altra per creare continuità e ripetitività nelle sequenze. Mantenendo la simmetria e evitando dislivelli di dimensioni, sono applicate su pannelli in legno neri ed illuminate da faretti direzionali. Questo crea una doppia composizione lineare (superiore ed inferiore), assemblata nei corridoi del foyer come due linee rette in profondità, dirigendosi verso una delle sale del teatro.... leggi il resto dell'articolo»

MOZART

Un album di ricordi un po' ingiallito, usurato dal tempo, con quell'irresistibile effetto pergamena, che in qualche modo restituisce curiosità, ripropone autorevolezza dei soggetti e dà quel senso di mistero, per le facce un po' segnate, scolorite, cancellate. E quei profili poi, densi di segreti, stimolano tutt'ora fantasie per interpretare pensieri e vita dei protagonisti in pellicola.
Questo è quello che mi è venuto in mente quando ho pensato di rendere omaggio ad uno degli idoli più grandi della mia adolescenza, Drazen Petrovic. Nato giusto 60 anni fa, in quel di Sebenico nella terra di Croazia, da sempre meravigliosa madre anche di eccelsi giocatori di pallacanestro.

Perché un album di ricordi? La fotografia, almeno per me, è una sorta di ossessione, quando ricerco le linee, rimarco geometrie, compongo con ambiguità sottile, in una sorta di alienazione, paranoia, comunque speranza. Ho pensato migliaia di volte come poter rappresentare il mio mito, andando ovunque e comunque troppo lontano, fino ad una scelta, più vicina di quanto mai potessi immaginare. Drazen Petrovic non lo conosco, non l'ho mai conosciuto, forse non l'ho nemmeno mai capito.
Mai ho capito e capirò la sua morte. Maledetto quel temporale in Germania, maledetta quell'autostrada, maledetto quel camion costretto ad invadere la corsia dove si trovava la macchina di Petrovic con la fidanzata ed un'amica. Maledetto quello schianto.

Il mio omaggio vuole sfiorarlo, vuole interpretare il mio pensiero sul giocatore, senza alcuna presunzione, da ammiratore e da sognatore di quel che lui ha indotto attraverso l'arte della pallacanestro. Drazen è la mia compagna che si allunga per prendere la palla su un muro simile ad un pianoforte, è suo figlio, che attraverso un movimento richiama suo fratello ed è ancora la mia compagna che scala muri, offre un assist, di fronte al mare, davanti al cielo.
Drazen Petrovic è memoria labile, perché se non lo cerchi, non saprai mai chi è stato su un campo di basket.
Ho voluto rappresentarlo così, attraverso metafore, vivo nei ricordi e mai morto nella mia vita.
"Le fotografie che compongono "Mozart" producono sequenze armoniche, movimenti e danze tipiche della pallacanestro, si svolgono in luoghi insoliti. Per stimolare la percezione di chi osserva, Per incoraggiare l'interpretazione personale, suscitare un coinvolgimento emotivo.
Vorrei che incuriosiscano, che sfiorassero delicatamente ed affiorassero come omaggio all'essenza di un grande campione, cui il destino tragico ha tolto la vita ma non l'eternità".

A Drazen Petrovic, figlio d'Europa.

Emiliano Bartolucci
Eduardo Lubrano

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Emiliano Bartolucci. Mozart

Roma - Teatro Portaportese

Apertura: 18/05/2024

Conclusione: 31/07/2024

Organizzazione: Teatro Portaportese

Indirizzo: Via Portuense, 102 - 00153 Roma

Sito web per approfondire: https://emilianobartolucci.com



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporaneamostre Roma

S-XS

La Galleria il Leone di Roma, il giorno 21 giugno 2024 alle ore 18.00 inaugurerà la mostra intitolata S-XS. leggi»

21/06/2024 - 06/07/2024

Lazio

Roma

Ingresso gratuito

InstallazioniVideo artmostre Roma

Spazio Griot presenta Riverberi

Dal 20 giugno al 28 luglio la Pelanda del Mattatoio di Roma accoglie per il terzo anno consecutivo Riverberi, la programmazione artistica di SPAZIO GRIOT. leggi»

20/06/2024 - 28/07/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Processi 151

Accademia di Spagna a Roma presenta PROCESSI 151 dal 20 giugno fino a settembre 2024. leggi»

20/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Just add water: Something fishy

PrimaLinea Studio presenta la bipersonale di Alessandra Cecchini e Andrea Frosolini "Just add water: Something fishy", a Roma dal 22 giugno al 7 settembre 2024. leggi»

22/06/2024 - 07/09/2024

Lazio

Roma

Ingresso libero su appuntamento

Arte contemporaneamostre Roma

Andrea Barzini. Camerun

Dal 12 al 19 giugno 2024, il rinomato regista, scrittore e artista Andrea Barzini presenterà la sua nuova mostra dal titolo "CAMERUN" allestita presso la Galleria Mo.C.A. di Roma. leggi»

12/06/2024 - 19/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Nessun dorma | Mostra collettiva in omaggio a Giacomo Puccini

LA__LINEA artecontemporanea inaugura, in occasione del centenario della scomparsa del Maestro Giacomo Puccini (1924-2024), negli spazi dell'associazione culturale. leggi»

12/06/2024 - 26/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Tanek. Ensueños

Al bar.lina il Pride si declina in Pink, il sesto appuntamento è con "Ensueños", personale del giovane artista Tanek, dal 14 al 30 giugno 2024 a Roma. leggi»

14/06/2024 - 30/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Maria Rita Onofri. Creatività da vendere

"Creatività da vendere" è la personale della pittrice, scultrice e orafa Maria Rita Onofri presso il Complesso Monumentale della Pontificia Facoltà Teologica "San Bonaventura" Seraphicum. leggi»

22/06/2024 - 31/07/2024

Lazio

Roma

Fotografiamostre Roma

Nuove avventure sotterranee

Un progetto espositivo e una pubblicazione che raccontano di viaggi attraverso il paesaggio, le suggestioni del sottosuolo, la fotografia italiana contemporanea. leggi»

14/06/2024 - 25/09/2024

Lazio

Roma