Arte contemporanea ArchitetturaMostre a Roma

Enzo Cucchi. Il poeta e il mago

  • Quando:   17/05/2023 - 24/09/2023
  • evento concluso
Enzo Cucchi. Il poeta e il mago
Enzo Cucchi. Ritratto - foto di Marco Deserto

È uno tra gli artisti più prolifici e originali della scena contemporanea, un pensatore libero e anticonvenzionale. La sua ricerca affonda le radici nella parola scritta e fiorisce in una miriade di segni, simboli e linguaggi espressivi. Come un alchimista ammalia e plasma la materia, come un narratore evoca storie, miti e luoghi.

È Enzo Cucchi (Morro D’Alba, 1949) protagonista della sua grande personale Il poeta e il mago, a cura di Bartolomeo Pietromarchi e Luigia Lonardelli, al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo dal 17 maggio al 24 settembre 2023.

Non una classica retrospettiva, ma il ritratto inedito di un artista poliedrico e visionario che ha saputo mantenere nella diversità una coerenza tale da essere considerato un punto di riferimento imprescindibile anche per le giovani generazioni di artisti.
Le oltre duecento opere in mostra, molte delle quali mai esposte prima, scandiscono un percorso immersivo e ricco di sorprese, un racconto per pagine sparse che rifiuta ogni linearità cronologica e restituisce una creatività in perenne movimento.
La mostra si svolge nella Galleria 4 del museo dove, come tracce disseminate in tutto lo spazio, lavori monumentali, disegni, piccoli bronzi, ceramiche, grafiche e libri d’artista intercettano continuamente lo sguardo del visitatore.
Nell’allestimento, concepito seguendo uno spunto progettuale dell’artista, le opere sono sospese dal soffitto, si sollevano a diverse altezze o addirittura “sfuggono” all’esterno. Cucchi si mostra e si nasconde e, come un prestigiatore, invita alla meraviglia.

Dice Bartolomeo Pietromarchi: “La mostra è concepita in modo da farvi entrare nella tana di Enzo Cucchi e perdervi nel mondo della sua immaginazione. Un’esperienza immersiva, dove l’immagine liberata trova il suo campo privilegiato di espressione nella libertà di tecniche, riferimenti, rimandi, citazioni, allusioni e illusioni, ma anche con i fantasmi e le ombre di se stessa. Perché il percorso che vi trovate a fare tocca le corde del profondo e dell’inconscio attraverso la luce e l’ombra della rivelazione e dell’occultamento”.
Prosegue Luigia Lonardelli: “La pratica di Enzo Cucchi si colloca in un limbo in cui ogni ipotesi identificativa diventa subito controversa e contraddittoria. Affrontando la progettazione del percorso espositivo si è partiti proprio da questo elemento accettandolo come parte integrante del lavoro dell’artista e leggendo il détournement che attraversa la sua ricerca come una possibilità di rilettura della storia dell’arte italiana degli ultimi decenni”.

La mostra è realizzata in stretto dialogo con l’Archivio Enzo Cucchi, curato dal figlio Alessandro.... leggi il resto dell'articolo»

Progetto di allestimento di Claudia Reale, graphic design di Alberto Berengo Gardin.

LA MOSTRA:

L’ingresso è all’interno di un’area lettura: è una riproduzione della biblioteca di Enzo Cucchi, una selezione di libri amati dall’artista che il pubblico può sfogliare.
Le letture svelano passioni, influenze, aspirazioni e questa scelta di titoli, preludio al ritratto che il MAXXI ha voluto dedicare all’artista, testimonia una curiosità insaziabile.

La mostra si apre con un gruppo di sculture modellate in marmi neri, bianchi, rosa, poste su basi immaginate dall’artista per esaltarne la dimensione spaziale. Queste opere si modificano inaspettatamente in una metamorfosi continua, con putti che trasformano volti in teschi e personaggi che si trasfigurano in visi di anziani dalle lunghe barbe, in una costante riflessione sul tema del passaggio del tempo.
In contrasto con questa sorta di memento mori, l’opera America (2016), un grande volto dall’espressione scanzonata incorniciato in un medaglione, sembra invitare ad attraversare la mostra con ironia e leggerezza.

Al di là della vetrata, Religione (2013), un vascello in bronzo lungo oltre un metro, è sospeso in aria all’esterno della galleria e sembra indirizzare lo sguardo verso mete lontane.

La mostra prosegue con un gruppo di opere pittoriche, realizzate nel 2008 su reti in metallo elettrosaldate che incombono pesanti dall’alto.

Il Cucchi narratore di miti e racconti emerge con forza in una serie di dipinti di grandi formati: Trasporto di Roma (1991), che per la prima volta esce dalla Pinacoteca di Ancona, La Città Incantata (1986) e Miracolo della Neve (1986), opera che richiama una delle funzioni più antiche dell’arte, ovvero quella di tramandare storie e i misteri della religione. In questi lavori, elementi ceramici o metallici, inseriti come estensione dell’immagine al di là dello spazio pittorico, trasformano l’opera in un ibrido tra pittura e
scultura, nella più assoluta libertà di linguaggi espressivi.

Al centro della galleria corre un dispositivo allestitivo, una sorta di “spina” che s’interrompe a tratti per poi riprendere, in cui s’intersecano piani ad altezze diverse, disegnata seguendo uno spunto progettuale dell’artista. Qui sono poggiate delle terrecotte dipinte a freddo realizzate ne 2008, bozzetti provenienti dalla dimensione intima dello studio.

Su una parete di metallo nero alcuni piccoli bronzi sono esposti in un allestimento di stampo archeologico, come reperti recuperati da un passato lontano.
Continuando il percorso di mostra, vediamo emergere dal pavimento gli artigli di un’aquila rovesciata (Il Re Magio, 2018), simbolo del potere capovolto, che trattengono due globi di vetro.

Come una quinta, una parete che ospita una griglia di formelle di bronzo alternate a disegni introduce a un ambiente interamente dedicato alla carta, alla grafica e alla parola scritta.

Su una profonda gradinata sono allestite decine di progetti editoriali, esperimenti tipografici che hanno scandito il percorso artistico di Cucchi: una costellazione di cataloghi di mostre, edizioni, incisioni, libri d’artista. Una vera e propria passione, che dagli anni Settanta a oggi Cucchi ha declinato in ogni aspetto, con una cura minuziosa nella scelta di carte, legature, colori di stampa e caratteri grafici.

Domina la scalinata La Biga di Giotto (1990), un grande carro trainato da una testa di pecora, che evoca l’antica Roma e al contempo allude al celebre episodio raccontato dal Vasari, secondo il quale Cimabue avrebbe scoperto Giotto mentre, giovane pastorello, era intento a disegnare una delle sue pecore su un sasso.

Affastellati su una parete troviamo infine un centinaio di fogli, pagine marcate con tratti veloci e febbrili, che sembrano scivolate via dai libri e si arrampicano sostenendosi l’un l’altra in un fragile e perfetto equilibrio. Richiamano la “cattedrale”, modalità allestitiva sviluppata da Cucchi nel corso degli anni, che in questo caso esprime una concezione spirituale, quasi sacra, del disegno.

La pittura raduna il peso delle cose
Una pittura è una cosa calda
Si vede da lontano che odi la pittura
Mostra e muori

È con questi quattro versi, scritti a parete sulla grande vetrata alla fine della galleria, che si conclude la mostra e si congeda l’artista. Suggestivi, viscerali e provocatori come le tante anime di Enzo Cucchi, sono motti di un animo in perenne ricerca, sintesi di un’arte in cui vita, opera e artista sono indissolubili.

Il catalogo, bilingue italiano/inglese, edito da Five Continents, punta a restituire la complessità dell’universo dell’artista, con testi di Bartolomeo Pietromarchi, Luigia Lonardelli, Mario Finazzi, Francesco Longo, Giulia Lopalco, Denis Viva e Valerio Magrelli.


PUBLIC PROGRAM, PUBLIC ENGAGEMENT, ATTIVITA’ DIDATTICHE E VISITE GUIDATE

Il concetto di parola e la capacità di rendere significante anche in campo visivo la “forma libro”, tema caro all’artista, sarà al centro del dialogo tra Enzo Cucchi e Valerio Magrelli, martedì 23 maggio alle 18.00, proprio nello spazio di mostra in cui sono allestiti gli esperimenti tipografici e i libri d’artista (ingresso libero fino a esaurimento posti).
Per tutto il periodo di mostra, saranno organizzate visite guidate (prenotazione su
edumaxxi@fondazionemaxxi.it) e, in occasione del campus estivo che si svolgerà dal 12 giugno all’8 settembre, laboratori didattici per bambine e bambini.
A settembre, prenderanno il via i laboratori tattili Sculture interiori condotti dalla scultrice cieca Rosella Frittelli. I partecipanti adulti, con e senza disabilità visiva, potranno esplorare tattilmente alcune delle sculture in mostra e poi, seguendo le suggestioni di scritti e poesie di Cucchi e senza la guida della vista, trasportare nell’argilla le proprie reinterpretazioni, inedite e sorprendenti per tutti.
In occasione del finissage della mostra, infine, la biblioteca di Cucchi riprodotta in mostra sarà protagonista di un evento durante il quale verrà “scomposta”, narrata e donata ai visitatori.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Enzo Cucchi. Il poeta e il mago

Apertura: 17/05/2023

Conclusione: 24/09/2023

Organizzazione: MAXXI - Museo Nazionale delle arti del XXI Secolo

Curatore: Bartolomeo Pietromarchi e Luigia Lonardelli

Luogo: Roma, MAXXI - Museo Nazionale delle arti del XXI Secolo

Indirizzo: Via Guido Reni, 4a - 00196 Roma

Sito web per approfondire: https://www.maxxi.art/

Facebook: museomaxxi



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporanea

Wynnie Mynerva. Presagio

Fondazione Memmo presenta "Presagio", la prima mostra personale in Italia dell'artista peruviana Wynnie Mynerva, a Roma dal 8 maggio al 3 novembre 2024. leggi»

08/05/2024 - 03/11/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea

Fra Artisti III - una collezione particolare

Lo Studio Tibaldi Arte Contemporanea ospita la 3^ edizione della mostra di artisti contemporanei e moderni. leggi»

12/04/2024 - 30/04/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea

Ilaria Rezzi. Peccati Blu, I Sette Peccati Capitali tra luci e ombre

A Roma apre la mostra di arte contemporanea, "Peccati Blu", il 12 aprile 2024, ore 18:00, presso la Artesse Gallery - Roma, Via di Ripetta 16 - Fino al 31 maggio 2024. leggi»

12/04/2024 - 31/05/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea

Flaviana Pesce. Simboli svelati

La Galleria Vittoria di Via Margutta 103 a Roma, dal prossimo 19 aprile alle ore 18.00 ospita la personale "Simboli Svelati" di Flaviana Pesce, curata da Tiziana Todi. leggi»

19/04/2024 - 01/05/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea

Le tentazioni di Apollo

Il PRAC Centro per L'Arte Contemporanea di Ponzano Romano è lieto di presentare un grande progetto collettivo a cura di Graziano Menolascina e Sergio Pimpinelli. leggi»

12/05/2024 - 07/07/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea

Nicola Pucci. Clash

Von Buren Contemporary è lieta di presentare CLASH, la mostra personale di Nicola Pucci, con testo critico di Gianluca Marziani. leggi»

18/04/2024 - 14/05/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea

L'arte è il luogo in cui celebriamo l'incomprensibile

Aprirà l'8 aprile, per protrarsi fino al 31 maggio, la mostra di artisti internazionali organizzata da Rossocinabro: L'arte è il luogo in cui celebriamo l'incomprensibile. leggi»

08/04/2024 - 31/05/2024

Lazio

Roma

Entrata libera

Arte contemporanea

Vittorio Pavoncello. Vicino e lontano

Mercoledì 10 aprile alle ore 17, nello storico palazzo sede della Fondazione Marco Besso ETS si inaugura la mostra di Vittorio Pavoncello, Vicino e lontano. leggi»

11/04/2024 - 26/04/2024

Lazio

Roma

Arte moderna

Impressionisti. L’alba della modernità

A Roma si celebrano i 150 anni dalla nascita dell'impressionismo con la mostra “Impressionisti. L’alba della modernità” in programma dal 30 marzo al 28 luglio 2024. leggi»

30/03/2024 - 28/07/2024

Lazio

Roma