Etherea Universo digitale. III Edizione
Echi del tempo nell’arte del terzo millennio

  • Quando:   20/06/2024 - 06/07/2024
  • evento concluso

Arti digitaliMostre a GenovaGenova


Etherea Universo digitale. III Edizione | Echi del tempo nell’arte del terzo millennio
lory Ginedumont foto opera

L’arte digitale entra nei palazzi storici di Genova. Nella splendida cornice di Palazzo Doria Carcassi, la terza edizione della rassegna d’arte contemporanea multimediale Etherea Universo digitale propone tre appuntamenti dedicati al multimediale e alla sua applicazione nell’arte contemporanea. 

La rassegna si apre giovedì 20 giugno alle 18.00 con la mostra “Echi del tempo nell’arte del terzo millennio”, le opere di sette artisti internazionali provenienti da città e paesi diversi, dialogano con le tele dei grandi maestri del 600 che abitano le sale del piano nobile del Palazzo, sede della Fondazione Carige. 

La mostra, curata da Virginia Monteverde e promossa dal MAIIIIM e Art Commission, sarà presentata dal critico Ennio Bianco, tra i massimi esperti in arte digitale. Sette gli artisti in mostra: Federico Bonelli (vive ad Amsterdam), Marcela Cerrnadas, (argentina, vive a Siviglia),  Cristiano Cesolari (vive a Berlino), Pier Giorgio De Pinto (vive in Ticino, Svizzera), Lory Ginedumont (francese, vive a Genova) Igor Imhoff (vive a Venezia), Fukushi Ito (giapponese, vive a Milano).

“Viviamo i giorni del trionfo dei Trasformers, le formidabili architetture di intelligenza artificiale che hanno ottenuto risultati impressionanti. Molti compiti difficili per gli esseri umani sono... leggi il resto dell'articolo»

semplici da gestire per i computer, tuttavia la percezione e l’elaborazione sensoriale, che sono naturali per gli esseri umani, sono difficili da padroneggiare per le macchine.

Il senso del tempo, della storia, dei miti, così come il senso del dubbio e dell’errore sembrano, per ora, non appartenere a questo mondo digitale, ed è proprio su questo terreno che muovono le ricerche e le sfide degli artisti di Etherea 2024.

Nelle loro opere, realizzate con gli strumenti digitali e in particolare con quelli messi a disposizione dall’AI, ritroviamo le riflessioni sui processi di conoscenza che hanno segnato la storia dell’umanità, sulla storia dell’arte, sul paesaggio antropizzato, sulla percezione visiva. Una esposizione, quindi, che si contrappone alla Instant Art dei social network, per offrirsi invece ad “una consumazione lenta”, ad un dialogo silenzioso e proficuo fra artista e spettatore.” (Ennio Bianco)

Gli incontri

Venerdì 28 giugno alle 18.00 LArte nelluniverso quantistico - Intelligenza futura, Bettina Bush incontra Alberto Diaspro, professore ordinario di Fisica a UniGE e direttore di ricerca IIT Istituto Italiano di Tecnologia. Emozioni e forme, osservazione o sensazioni estetiche? Lintelligenza come interconnessione, lintelligenza futura perchè “Il passato e il presente sfioriscono – li ho riempiti, li ho svuotati. Insisto: riempirò la mia prossima piega del futuro.” scriveva a proposito di moltitudini Walt Whitman.

Venerdì 5 luglio ore 18.00Tempi virali, tempi virtuali”  Angelo Pretolani e Roberto Rossini, direttori del programma PASC (Performance Art Studies Center) del MAIIIM, incontreranno in remoto lartista performer Francesca Fini. Artista interdisciplinare che opera attraverso il cinema sperimentale, lanimazione digitale, i nuovi media, linstallazione e la performance art. Sia i suoi lavori dal vivo sia quelli virtuali sono un mix di media tradizionali, tecnologia lo-fi, dispositivi di progettazione dellinterazione, generative audio e video. Il confronto prenderà in esame temi di estrema attualità, nellambito di una più vasta riflessione sul ruolo del corpo e delle sue possibili estensioni tecnologiche nella società contemporanea.

Brevi note sugli artisti mostra

Federico Bonelli è un ricercatore e artista indipendente nato a Roma nel 1969. Vive ad Amsterdam dal 2002. Ha una formazione in filosofia della scienza, storia della matematica e delle arti. La sua ricerca, che include le arti figurative, la musica, il cinema, la performance e il teatro, è stata fondamentale per l'innovazione dei formati culturali. Bonelli non è solo un esploratore delle forme estetiche, ma anche un ricercatore empirico. Il suo background artistico ha incontrato prematuramente applicazioni tecnologiche e informatiche, open source e nella pratica quotidiana della cultura dell'hacking originale. Tra le sue attività legate all'arte contiamo un importante esperimento nella pittura digitale generativa realizzato in collaborazione con Philips Research e altri artisti, il Protoquadro (2003). Qui l'artista ha creato un oggetto tecno-pittorico deterministico in costante cambiamento, mai uguale a se stesso e imprevedibile, come parte delle prime arti generative digitali. Questa ricerca è ancora aperta e fruttuosa oggi. 

Dal 2012 dirige il laboratorio internazionale site-specific "Trasformatorio" da lui fondato e che oggi è una fondazione dedicata allo sviluppo dell'arte e della tecnologia e alla sua applicazione a contesti socio-ambientali.

Marcela Cernadas nata il 31 dicembre 1967 nella città di Campana in Argentina, attualmente vive e lavora tra Spagna e Italia. Il suo lavoro che comprende fotografia, video, installazione, pittura, scultura, poesia e performance comporta la possibilità di confrontarsi con lineffabile in ogni occasione e presenta larte e la vita come una esistenza indivisible in continuo movimento. Le sue opere sono il frutto di un lavoro di cura e pazienza dove il gesto lento e misurato diventa pratica artistica, dove il tempo si dirada attraverso unaccezione metafisica. Ha ricevuto il Premio alla Video Arte della Biennale Internazionale di Arte Contemporanea di Benevento e il Premio Glass in Venice dellIstituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti. Ha esposto in musei e fondazioni internazionali come Centre Pompidou, Museo Reina Sofía, Matadero, Fundació Joan Miró, Frauenmuseum, Galata Museo del Mare, MACRO di Roma, Fondazione Cini e La Biennale di Venezia.

Cristiano Cesolari. Artista multimediale, vive e lavora a Berlino, ha cominciato la sua ricerca artistica nei novanta, anni in cui la vita digitale iniziava a entrare nella quotidianità. Ha sperimentato diversi linguaggi: musica, computer grafica, video e installazioni; ciò che più lo affascinava, e ancora oggi continua a stimolare la sua ricerca, è il rapporto tra mondo virtuale e percezione sensoriale. Ha partecipato a mostre e eventi internazionali culturalmente rilevanti in ambito cinematografico, musicale e artistico. Ha collaborato con molti artisti, visionari e sognatori, arricchendo il suo bagaglio di esperienze; è proiettato verso le nuove frontiere che si aprono sul mondo dellarte.

Pier Giorgio De Pinto, Civitavecchia, (Roma), 1968. Vive in Ticino, Svizzera. È un artista transdisciplinare, un performance artist, un curatore, un teorico ed un media trainer. In molte delle sue opere, suoni, oggetti, acquerelli, video, architetture funzionali, installazioni interattive e di arte generativa creano spazi reali e virtuali. Questi mezzi sviluppano una dimensione poetica e concettuale attraverso la percezione sensoriale, l'esperienza tattile, la riflessione e la consapevolezza. Recenti le mostre presso Galleria Raucci/Santamaria Studio Project a Milano, Banca Profilo a Roma, Zurich Bank a Napoli. Le sue opere si trovano in collezioni internazionali pubbliche e private. Tra le ultime acquisizioni, opere per la Collezione MASI, Museo d'Arte della Svizzera Italiana, a Lugano e per BancaStato in Ticino.

Lory Ginedumont è unartista francese. Vive e lavora tra Genova e Nizza.

I suoi lavori sono stati esposti in varie gallerie e istituzioni pubbliche in Italia e allestero.

Loggetto principale della sua ricerca è il vissuto personale. Per raggiungere tale scopo utilizza la fotografia, il video, linstallazione, la scultura tessile, il disegno e la scrittura.

La natura delle sue indagini in arte muove intorno al tema dellassenza, della scomparsa, in particolare il lutto. Il tema della morte è presente in molte opere dellartista, che le dedica gran parte dei suoi video, definiti cortometraggi”.

Nelle sue opere è ricorrente la figura eterea dellangelo. Artista fortemente materialista e atea, non crede in una vita dopo la morte, né che in qualche modo essa continui. Langelo diventa così il simbolo di una memoria personale e familiare che aiuta a superare il dolore dellassenza eterna.

Lartista è regista dei propri video e osservatore nella rappresentazione del proprio intimo.

Narratore ma anche attore della narrazione, fotografa e soggetto della fotografia. 

Igor Imhoff. Artista digitale che unisce elementi primitivi e antropologici allarte digitale. Le sue opere spaziano da installazioni interattive a collaborazioni con musei, esplorando temi come la rappresentazione del mondo, la preservazione della memoria e lequilibrio con lambiente. La sua ricerca abbraccia vari ambiti, dai videogame 16 bit alla realtà virtuale immersiva, utilizzando algoritmi e intelligenza artificiale per fondere pittura e programmazione software. La sua produzione include fotografia, video di animazione e progettazione di opere interattive, oltre a videomapping e performance teatrali. Ha partecipato a numerose mostre e festival internazionali, ottenendo importanti riconoscimenti. Vive a Venezia ed è docente di Effetti Speciali e Virtual Reality allUniversità CaFoscari e di Tecniche di Animazione Digitale e Matte Painting presso lAccademia di Belle Arti di Venezia, nonché di Tecniche di Animazione Digitale e Computer Graphics presso lAccademia di Belle Arti di Urbino.

Fukushi Ito. Nata a Nagoya, laureata all'Università Nazionale di Belle Arti e Musica di Tokyo, Dipartimento di Pittura Giapponese nel 1878, e si trasferì in Italia lo stesso anno dopo aver completato gli studi post-laurea nel 1980. Ha vissuto a Firenze fino al 1985, poi si è trasferito a Milano, dove vive tuttora.

Nel 1983 ha tenuto mostre personali a Venezia e Milano, seguite da mostre personali e collettive in Europa, Stati Uniti, Giappone e Cina, dove continua a esporre tuttora.

Il suo lavoro è uno studio dello spazio e del tempo, visualizzando la profonda connessione tra spazialità e temporalità. Espressa attraverso materiali che riflettono il potere della luce e attraverso la sperimentazione

della composizione dell'installazione, l'opera stessa diventa una metafora dell'emergere della realtà e dell'esistenza.

Nel 2014, è stata insignita della medaglia con nastro blu scuro dal governo giapponese.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Etherea Universo digitale. III Edizione
Echi del tempo nell’arte del terzo millennio

Genova - Palazzo Doria Carcassi

Apertura: 20/06/2024

Conclusione: 06/07/2024

Organizzazione: ART Commission APS

Curatore: Virginia Monteverde

Indirizzo: Via David Chiossone, 10 - 16123 Genova

Visite alla mostra dal 21 giugno al 6 luglio

giovedi | venerdì | sabato 15.00 | 18:00

Tutti gli eventi sono gratuiti con obbligo di prenotazione

artcommissionevents@gmail.com - whatsapp +39 346 7336012



Altre mostre a Genova e provincia

Fotografiamostre Genova

Maria Cristina Vimercati. Boxe, Gleason’s Gym New York

Prosegue fino all'8 agosto 2024 da P46 - Contemporary photography Gallery a Camogli la mostra fotografica di Maria Cristina Vimercati sulla leggendaria palestra di box, Gleason's Gym. leggi»

15/06/2024 - 08/08/2024

Liguria

Genova

Illustrazionemostre Genova

Riccardo Guasco. Amori estivi

Gli spazi storici della Galleria G.F. Grasso della Società Economica di Chiavari dal 6 al 28 luglio 2024 ospitano la mostra personale dell'artista Riccardo Guasco dal titolo "Amori estivi". leggi»

06/07/2024 - 28/07/2024

Liguria

Genova

Ingresso gratuito

Arte contemporaneamostre Genova

Presenze dell'arte svizzera nella collezione del Museo d'Arte Contemporanea di Villa Croce

Il Museo d'Arte Contemporanea di Villa Croce presenta le opere degli artisti svizzeri, provenienti dalle collezioni patrimoniali, dal 26 giugno all'8 settembre 2024 a Genova. leggi»

26/06/2024 - 08/09/2024

Liguria

Genova

Mostre tematichemostre Genova

Nostalgia. Modernità di un sentimento dal Rinascimento al Contemporaneo

Nostalgia. Modernità di un sentimento dal Rinascimento al Contemporaneo, dal 25 aprile al 1 settembre 2024, a Palazzo Ducale di Genova - Appartamento del Doge. leggi»

25/04/2024 - 01/09/2024

Liguria

Genova