FERDINANDO CHEVRIER “Il movimento e la tensione”

  • Quando:   dal  06/10/2017  al  04/03/2018

Pittura del XIX-XX Secolo

FERDINANDO CHEVRIER “Il movimento e la tensione”

Si inaugura il giorno venerdì 6 ottobre, alle ore 17,00, presso i locali di Fondazione Livorno, Piazza Grande 23, la mostra antologica FERDINANDO CHEVRIER “Il movimento e la tensione” a cura di Elena Pontiggia.

La mostra è promossa e organizzata da Fondazione Livorno Arte e Cultura, l’ente strumentale costituito da Fondazione Livorno per la promozione di iniziative artistiche e culturali e per la valorizzazione della collezione d’arte.

La mostra, che comprende oltre 100 opere, è la prima grande antologica postuma dell’artista livornese, a dodici anni dalla scomparsa. Il percorso espositivo ripercorre tutta la sua ricerca: inizia dalle opere giovanili figurative e neocubiste; prosegue poi con le opere astratte dei primi anni cinquanta, quando Chevrier aderisce al M.A.C., il “Movimento Arte Concreta” che nasce a Milano nel 1948, fondato da Soldati, Munari, Monnet e Dorfles. La mostra documenta inoltre il periodo informale, ispirato al mondo organico e cellulare (“E’ necessario ancorare l’arte all’unica realtà che non ammette mistificazione, cioè la dimensione biologica” diceva l’artista) e giunge fino agli ultimi decenni, quando Chevrier crea una volumetria rotante che sembra voler uscire dal quadro andando verso l’infinito. Il movimento delle forme è la caratteristica dominante di tutto il suo lavoro.
Sono esposte tutte le principali opere dell’artista come, Composizione del 1951, Pittura n.7 del 1951, Contrasto apparente del 1977...
La mostra, che è accompagnata da un catalogo, secondo volume della Collana editoriale Livorno Arte e Cultura, con testi di Elena Pontiggia, vasti apparati critici e la riproduzione delle opere esposte, resterà aperta fino al 4 marzo 2018.

Orari di apertura: dal Lunedì al Venerdì su prenotazione; il Sabato e la Domenica dalle 16,00 alle 20,00

Ferdinando Chevrier (Livorno 1920-2005) esordisce nel 1948, ma si appassiona alla pittura già a tredici anni, quando nel 1933 vede una mostra futurista alla Bottega d’Arte di Livorno. Apprende i primi rudimenti della pittura da un pittore post-macchiaiolo, Renuccio Renucci (Livorno 1880-1947), che conosce nel 1936. Dopo le prime prove figurative si dedica all’astrattismo geometrico. Nel 1950 aderisce al M.A.C. ed espone in una personale nel 1951 a Milano alla libreria Salto, oltre che nelle collettive del gruppo. Sempre nel 1951, dopo aver conosciuto Dorazio e Perilli, partecipa alla mostra “Arte astratta e concreta in Italia”, organizzata dall’Age d’Or e dall’Art Club. Stringe inoltre amicizia a Firenze con Berti, Brunetti, Monnini, Nativi e Nuti, esponenti dell’Astrattismo Classico, e nel 1952 espone nella Galleria Numero di Fiamma Vigo. Intorno al 1956 si avvicina all’informale, ma a partire dagli anni Settanta torna a una geometria dai forti caratteri dinamici. Nel 1974 si trasferisce a Milano, dove vivrà per trent’anni. Scompare nel 2005 a Livorno.

Organizzazione: Fondazione Arte e Cultura

Curatore: Elena Pontiggia

Luogo: Fondazione Livorno

Indirizzo: Piazza Grande 23, Livorno

Per approfondire: vai al sito web