Ferdinando I di Borbone-Parma. Tra arte e devozione

  • Quando:   18/05/2024 - 28/07/2024

Mostra documentaleMostre a Parma


Ferdinando I di Borbone-Parma. Tra arte e devozione
Ritratto di Fernando di Borbone, Anonimo, Coll. privata, XVIII sec e Ritratto di Maria Amalia, Anonimo, Dep. Storia Patria, XVIII sec.

Proseguendo il filone di studio sulle collezioni ducali disperse dopo l'Unità d'Italia, si è andati ad approfondire la conoscenza di un personaggio fondamentale per le arti e la devozione nel territorio parmense: Ferdinando I di Borbone Parma (1751-1802). La mostra, a cura di Giovanni Godi e di Antonella Balestrazzi, attraverso una ricca documentazione iconografica, storica e religiosa, vuole restituire un'immagine nuova e diversa di Don Ferdinando, liberata dai pregiudizi sulla sua eccessiva devozione religiosa e più incentrata sulla sua "curiositas" d'intellettuale, collezionista, poliedrico protettore delle arti e degli artisti.

Una sezione è dedicata all'iconografia di Don Ferdinando e dei suoi famigliari, con numerosi ritratti e incisioni. Spiccano in particolare due ritratti di anonimo raffiguranti uno Ferdinando giovane a cavallo e l'altro la consorte Maria Amalia, quindi un inedito ritratto della figlia Carlotta di Borbone, proveniente dal monastero di S. Giuseppe a Cremona. Legate alla pratica devozionale del duca sono invece opere come l'inedito bozzetto acquerellato "La Beata Orsolina De Veneri rimprovera il Papa" di Benigno Bossi, la "Madonna con Bambino e Santi Stefano e Lorenzo" di Domenico Muzzi proveniente dalla Parrocchiale di Sala Baganza e affiancato da disegno preparatorio inedito, "Sant'Anna insegna a leggere a Maria Vergine" di Pietro Melchiorre Ferrari e sempre di sua mano "S. Luigi IX dii Francia e S. Ferdinando di Castiglia incoronati dalla Fede" dall'Oratorio della Beata Vergine del Buon Cuore di Copermio.

La sezione monumentale propone i progetti per la Chiesa di San Liborio di Turbini, Cossetti e Petitot, quindi numerosi disegni preparatori per dipinti per lo più di tema religioso e allegorico. Il celebre architetto neoclassico è molto presente nell'esposizione, nonostante Ferdinando – come ha osservato Bertini avvalendosi di una corposa documentazione - avesse di fatto utilizzato e preferito i suoi allievi anche nella progettazione della cappella palatina di San Liborio (seconda in Europa solo a quella dell'Escorial), forse perché più disponibili ad assecondare le sue richieste e ad interpretare la sua volontà nella creazione di luoghi di culto dove l'arte e la devozione dovevano reciprocamente esaltarsi.

Molto estesa è anche la sezione relativa ai documenti e ai libri pubblicati durante il suo governo (Diari, Raccolte di rime, Preghiere, Calendari, Vite di Santi). Infine, ci sono numerosi apparati celebrativi e oggetti per le funzioni religiose, tra cui i preziosi reliquari che Ferdinando cercò e portò lui stesso a Colorno, appagando una sorta di collezionismo devoto attorno al quale gli edifici diventavano preziose urne di arte e di preghiera. Particolarmente interessanti sono a questo proposito un espositore devozionale a teatrino e un singolare reliquiario raffigurante un interno di chiesa realizzato in pietre preziose e filigrana d'oro. Esempio pregiato invece della raccolta di tavole a fondo oro che Ferdinando acquistò dal Marchese Alfonso Taccoli, è quella attribuita a Giovanni Benedetto Cianfanini (XV-XVI sec.).

Quello che preme rimarcare da parte dei curatori, è come in Ferdinando la fede sia stata un ulteriore stimolo alla ricerca, all'arricchimento culturale e artistico proprio come fece due secoli prima Filippo II d'Asburgo all'Escorial, anche se in più vaste dimensioni. Va poi sottolineato anche il contesto culturale e politico decisamente sfavorevole alla spiccata religiosità del duca. La sua parabola esistenziale fu infatti contemporanea all'epoca dei Lumi, alla Rivoluzione francese e a... leggi il resto dell'articolo»

Napoleone che invece si distinse per l'avversione nei confronti della Chiesa e per la soppressione di Ordini religiosi e conventi. Da parte sua, Ferdinando fu coraggiosamente contro corrente e moderno, perché risoluto sostenitore di una cultura capace di conciliare arte, religione e scienza, di unire morale ed estetica. In questo fu illuminato senza essere illuminista e religioso senza essere bigotto, come forse ingiustamente e riduttivamente lo si è in altre occasioni definito. Con questa mostra i suoi curatori hanno voluto dare un nuovo spessore e mettere sotto una luce diversa e più accattivante Ferdinando di Borbone Parma.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Ferdinando I di Borbone-Parma. Tra arte e devozione

Colorno - Reggia

Apertura: 18/05/2024

Conclusione: 28/07/2024

Indirizzo: Piazza Giuseppe Garibaldi, 26 - 43052 Colorno (PR)

Orari:
Maggio: da lunedì a domenica, 10-13 / 15-18
Giugno/luglio: da martedì a domenica 10-13 / 15-18

Biglietti:

BIGLIETTO INTERO comprensivo audioguida Reggia di Colorno € 10,00

BIGLIETTO RIDOTTO comprensivo audioguida Reggia di Colorno € 9,00
Ragazzi da 7 a 18 anni, studenti universitari muniti di tesserino, adulti oltre i 65 anni, soci FAI, soci Touring Club e 1 accompagnatore, possessori passaporto dei Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli, soci ICOM e ICOMOS
BIGLIETTO RIDOTTO GRUPPI € 8,00
Gruppi composti da almeno 15 persone con prenotazione, scolaresche in visita d'istruzione
BIGLIETTO OMAGGIO
Bambini fino a 6 anni, portatore di handicap con accompagnatore, 1 accompagnatore per ogni gruppo organizzato, 1 insegnante ogni 15 alunni in visita d'istruzione, giornalisti muniti di tesserino in corso di validità

Informazioni: tel. +39 0521.312545 - mail: reggiadicolorno@provincia.parma.it

Sito web per approfondire: https://reggiadicolorno.it/



Altre mostre a Parma e provincia

Mostre tematichemostre Parma

Musca Depicta. C’è una mosca sul quadro

Il Labirinto della Masone ospita per la primavera 2024 la nuova mostra "Musca Depicta. C'è una mosca sul quadro", esposizione che insegue le apparizioni della mosca nelle arti visive. leggi»

06/04/2024 - 30/06/2024

Emilia Romagna

Parma

Mostre multimedialimostre Parma

Van Gogh Multimedia e la stanza segreta

Dal 27 gennaio al 23 giugno 2024 a Parma, si svolge la mostra Van Gogh Multimedia e la stanza segreta presso Palazzo Dalla Rosa Prati. leggi»

27/01/2024 - 23/06/2024

Emilia Romagna

Parma

Arte contemporaneamostre Parma

Contemporanea. Capolavori dalle collezioni di Parma

Palazzo del Governatore ospita "Contemporanea. Capolavori dalle collezioni di Parma", 115 opere 30 collezionisti 93 artisti, dal 20 aprile al 21 luglio 2024. leggi»

20/04/2024 - 21/07/2024

Emilia Romagna

Parma

Designmostre Parma

Bruno Munari. Tutto

Dal 16 marzo al 30 giugno 2024 alla Fondazione Magnani-Rocca si tiene la più grande mostra italiana su una delle più iconiche figure del design e della comunicazione visiva del XX secolo – Bruno Munari. leggi»

16/03/2024 - 30/06/2024

Emilia Romagna

Parma