Gastone Biggi. Luce degli Appennini

  • Quando:   18/06/2021 - 10/10/2021

Arte contemporanea‎

Gastone Biggi. Luce degli Appennini
BIGGI, Tempo ricordo, 1960, Tempera su tela

Si intitola “Gastone Biggi – Luce degli Appennini” la mostra che sarà ospitata nella Reggia di Colorno, appartamento del Principe, dal 18 giugno al 10 ottobre 2021. E’ organizzata dalla Fondazione Gastone Biggi, in collaborazione con Provincia di Parma, i Comuni di Colorno, Langhirano e Neviano degli Arduini, nell’ambito del programma Parma 2020+21 e fa parte di un più ampio progetto culturale inteso a valorizzare i luoghi e la storia del territorio attraverso una cinquantina di opere del Maestro Gastone Biggi ispirate proprio dalla bellezza di questi luoghi, nei quali scelse di vivere negli ultimi vent’anni della sua vita.

Abbiamo accolto con grande interesse la proposta di realizzare una mostra antologica sull'opera di Gastone Biggi nella Reggia di Colorno – spiega da Alessandro Tassi Carboni, Delegato provinciale al Patrimonio  - Si tratta di un'opportunità unica per ammirare i famosi 'cicli' dell'autore e allo stesso tempo mostrare spazi della Reggia solitamente non aperti al pubblico. Il sostegno della Provincia di Parma nasce anche dalla particolarità della mostra, diffusa sul territorio, che pone la Reggia al centro di un vasto sistema culturale e turistico, che lega Colorno a Langhirano, Neviano e al capoluogo, con Parma 2020+21.

Il percorso espositivo, curato da Gloria Bianchino, si snoda dalla Casa rossa di Tordenaso, sede della Fondazione e dell’Atelier di Biggi, al Comune di Colorno, dove nell’appartamento del Principe nella Reggia di Colorno sarà allestita un’ampia mostra (“Gastone Biggi. Luce degli Appennini”, apertura al pubblico dal 19 giugno al 10 ottobre 2021), al Municipio di Langhirano, dove nella Sala delle Capriate saranno esposte le opere “Le Quattro Stagioni”, “Luce degli Appennini” e “Iconario di Langhirano” (apertura al pubblico dal 4 luglio al 10 ottobre 2021). Prevista inoltre l’esposizione a Sella di Lodrignano, Neviano degli Arduini dell’opera “Le illusioni” del ciclo Puntocromie, collocata al MUSE Collezione Civica d’Arte Contemporanea (apertura al pubblico dal 25 luglio).

Un progetto culturale di ampio respiro – afferma Giorgio Kiaris, Presidente della Fondazione Gastone Biggi grazie ai Comuni di Langhirano e Colorno che hanno saputo cogliere questo importante percorso artistico, con la Provincia di Parma e il partner AQA Capital, che consentirà di valorizzare il territorio ripercorrendo la vicenda dell’artista attraverso la scoperta del costante dialogo con i luoghi, gli spazi, le città, il naturale che hanno caratterizzato tutta la ricerca del pittore: un percorso visivo affiancato anche da uno poetico. Il concetto di viaggio, con un itinerario ben scandito è quello che Biggi per tutta la vita ha avuto modo di percorrere, approfondendo di volta in volta con il suo vissuto e la sua arte ogni tappa importante della sua esistenza. Non è difficile immaginare che egli abbia trovato nei luoghi che visitava, per curiosità o per studio, soggiornato oppure vissuto e lavorato, in ultimo appunto la Casa Rossa, l’ispirazione e le tematiche per lasciare il segno della sua ricerca artistica”.

In mostra luoghi della memoria e di sempre nuovi racconti: le vedute della campagna romana e del senese, le colline del veronese e la pianura padana, fino alle luci di New York.

Gastone Biggi ha saputo valorizzare con particolare trasporto emotivo, le colline parmensi, il territorio e la bellezza di quanto lo circondava, donando altrettanta bellezza nelle sue opere. Ha lasciato innumerevoli testimonianze, con gli scritti e con i quadri. Ha saputo circondarsi degli stessi colori che hanno emozionato le sue giornate e di ritorno dai i suoi viaggi più lontani oppure da una gita in Vespa intorno a casa, nella quiete dello studio ha lavorato con serenità, non solo in rapporto con il paesaggio, che è stato un elemento di sicuro importante; ma soprattutto è stato un motivo per vivere appieno la natura e il rapporto con essa.

Il viaggio, quindi il dialogo con uno specifico luogo, per Gastone Biggi, è sempre mediato da una precedente esperienza, letteraria, forse anche musicale, comunque quel luogo per lui è lo spazio dove si incrociano le memorie dei precedenti artisti che lo hanno visitato, e magari dipinto, ma anche dei precedenti narratori che di quei luoghi hanno scritto.

Contestualmente all’esposizione, ci saranno letture di poesie del Maestro e concerti con musiche e immagini ispirate alle opere di Gastone Biggi.

La mostra a Langhirano

Il grande dipinto realizzato dal Maestro Gastone Biggi nel 1999 La luce degli Appennini, collocato sulla parete di fondo della Sala del Consiglio Comunale di Langhirano, è stato il motivo ispiratore del progetto “Gastone Biggi. Luce degli Appennini”.
Si possono ammirare le grandi tele dedicate alle 4 stagioni della Fondazione Biggi, opere dipinte a Langhirano nel 1997 e appartenenti al ciclo delle Icone (dipinte su una superficie sabbiata, che riprendono una tecnica già adoperata da Biggi a fine anni 50 con le opere Storie di ferro, ovvero Le Cancellate); unitamente alle altre di proprietà del Comune di Langhirano, esposte al Centro Culturale (via Battisti, 20) (Graffiti e Iconario di Langhirano).

Il Comune di Langhirano, terra di grandi tradizioni e di arte – afferma il Sindaco Giordano Bricoli – è da sempre onorato della presenza di Gastone Biggi sul proprio territorio, scelto dal Maestro quale buen retiro per i suoi ultimi vent’anni di vita e produzione artistica. L’Amministrazione comunale è particolarmente lieta di ospitare questa mostra, che punta il riflettore su un esponente di indiscusso valore nell’ambito della storia dell’arte contemporanea”.

Catalogo della mostraGastone Biggi. Luce degli Appennini” a cura di Gloria Bianchino e con una testimonianza di Giorgio Kiaris, Sagep Editori

Titolo: Gastone Biggi. Luce degli Appennini

Apertura: 18/06/2021

Conclusione: 10/10/2021

Organizzazione: Fondazione Gastone Biggi

Curatore: Gloria Bianchino

Luogo: Reggia di Colorno, Appartamento del Principe

Indirizzo: Piazza Giuseppe Garibaldi, 26 - 43052 Colorno PR

 

Reggia di Colorno, Appartamento del Principe

Apertura al pubblico dal 19 giugno al 10 ottobre:

sabato - domenica e festivi 10.00 / 13.00 – 15.00 / 18.00

da martedì a venerdì su richiesta alla segreteria della Reggia di Colorno: reggiadicolorno@provincia.parma.it tel. 0521 312545

Prenotazioni:

IAT di Colorno, Piazza Garibaldi 1, ufficio.turistico@comune.colorno.pr.it tel 0521313790

Municipio di Langhirano, Sala delle Capriate

Inaugurazione: sabato 3 luglio, ore 18.00

Apertura al pubblico dal 4 luglio al 10 ottobre:

Da lunedì a venerdì 08.30 / 12:30, lunedì anche al pomeriggio dalle 14.30 alle 17.00

sabato 08.30 / 12.30

Informazioni e prenotazioni:

Ufficio IAT di Torrechiara - Borgo del Castello, 10

Tel. 0521 - 355009 - Fax 0521-355821 - e-mail: iat@comune.langhirano.pr.it

Sella di Lodrignano, Neviano degli Arduini

Inaugurazione dell’opera “Le illusioni” del ciclo Puntocromie al MUSE Collezione Civica d’Arte Contemporanea, sabato 24 luglio 2021 ore 17.00

Apertura al pubblico da domenica 25 luglio al 10 ottobre

domenica 16.30 / 18.30, negli altri giorni con prenotazione telefonica:

Tel. 3296270951 o mail collezionecivicarte@gmail.com

Sito web per approfondire: http://www.gastonebiggi.com/fondazione/