Giusy Lauriola. Chiudi gli occhi

  • Quando:   18/05/2023 - 26/05/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Roma


Giusy Lauriola. Chiudi gli occhi

Chiudi gli occhi” è il titolo della personale di Giusy Lauriola, a cura di Federica Di Stefano, che sarà allestita a Roma, all’Aranciera di San Sisto (Via di Valle delle Camene 11), dal 18 al 26 maggio 2023. La mostra resterà aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 17.00.

Il vernissage si terrà il 18 maggio, dalle 17.30 alle 21.00 e il finissage il 26 maggio, sempre dalle 17.30 alle 21.00, all’Aranciera di San Sisto (Via di Valle delle Camene 11 –Roma). Interverranno, oltre all’artista e alla curatrice, Sabrina Alfonsi, assessora all'Ambiente, all'Agricoltura e ai Rifiuti di Roma Capitale, Carlo Ercoli, storico dell’arte, e Lorenzo Zichichi della casa editrice “Il Cigno GG Edizioni” che realizza il catalogo.

Il rapporto essere umano-natura – scrive Carlo Ercoli nel suo testo critico all’interno del catalogo - è il focus sul quale si concentra l’ultima produzione della Lauriola trovando completamento nelle tele realizzate per la mostra site specific presso l'Aranciera di San Sisto, edificio costruito nel 1926 per dare riparo a quelle piante che maggiormente risentono delle temperature invernali. Proprio qui in questo lembo di Roma carico di storia si percepisce una dimensione di sospensione temporale. Tale atmosfera protettiva verso piante delicate, in un luogo dove l’idillio bucolico tutt’ora risplende incastonato nel cuore pulsante della città, ha profondamente ispirato l’artista”. Così foglie e fiori, arbusti e rami vengono elevati a coprotagonisti nei nuovi lavori. “Assistiamo ad esempio allo germogliare sulle superfici pittoriche di bianchi petali, icone di purezza e caducità, colmi di suggestioni orientali – prosegue Ercoli -. Sono presenze discrete poste su fondi in cui la stesura cromatica priva lo sguardo di reali riferimenti spaziali. L’occhio è avvolto da una sensazione aleatoria indefinita la quale trasmette una naturale sensazione di calma e tranquillità. Quindi quello che osserviamo nelle opere di Lauriola è il dissolvimento del mondo fenomenico, o quanto meno la sua scomposizione, a favore di una realtà metafisica in cui l’oggetto raffigurato appare come il perno sul quale poggia l’intera architettura compositiva in una serrata relazione tra figura, gesto e colore; l’artista pone in relazione strutturale il proprio mondo interiore con quello esteriore attraverso una narrazione dove le immagini sono dense di concetti legate ai simboli e l’astrazione di base ha la capacità di accogliere e coinvolgere il pensiero riflessivo”.

Tra le opere esposte, insieme ad opere di piccole dimensioni, 18 grandi dipinti in acrilico, smalto e resina su tela, tutti del 2023: “Chiudi gli occhi” (120x120 cm), Sguardo liquido” (Dittico 170x100 cm – 2 tele 100x100 cm e 70x100 cm), “L’ascolto delle mangrovie” (Dittico 170x100 cm– 2 tele 100x100 cm e 70x100 cm), “Fiori di zucchero” (Dittico 170x100 cm– 2 tele 100x100 cm e 70x100 cm), “Foresta interiore” (Dittico 170x100 cm – 2 tele 100x100 cm e 70x100 cm), “Guarda natura” (Dittico 170x100 cm– 2 tele 100x100 cm e 70x100 cm), “Fatti avvolgere” (Dittico 170x100 cm – 2 tele 100x100 cm e 70x100 cm), “Profumo di viola” (Dittico 170x100 cm – 2 tele 100x100 cm e 70x100 cm), “Pensieri naturali” (150x100 cm), “Assenza presenza” (150x100 cm), “Nel blu dipinto di blu” (150x100 cm), “Posto regale per la natura” (150x100 cm), “Natura silente” (100x100 cm), “Silenzio natura” (100x100 cm), “Mangrovia meditativa” (Dittico 160x120 cm – 2 tele 80x120 cm), “Momento di luce” (Dittico 200x120 cm - 2 tele 120x120cm e 80x120 cm), “Naturalmente in attesa” (Trittico 180x100 cm - 3 tele 60x100 cm), “Luogo incantato” (Trittico 180x100 cm - 3 tele 60x100 cm).

Ad ispirare la pittrice nella realizzazione delle opere esposte, quindi, è stato proprio il luogo che le ospita. “Questa mostra – sottolinea Giusy Lauriola - nasce proprio dal primo sopralluogo all’Aranciera di San Sisto, all’interno dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma, dove ci sono piante enormi di banano, che hanno stimolato la mia capacità creativa. Appena sono tornata in studio ho iniziato a dipingere: il collegamento con la natura e il rapporto uomo-natura è stato il fil rouge che mi ha ispirato per tutte le opere e come sempre il passato torna alla mente. Ricordo come se fosse ieri, quella bambina di 13 anni che all’esame di terza media non voleva “mollare” il disegno dove stava disegnando le ultime foglie di una foresta tropicale, che rappresentavano la felicità. Con questo progetto ritorna in me la passione di disegnare foglie e natura”.... leggi il resto dell'articolo»

L’Aranciera di San Sisto, non solo è fonte di ispirazione per l’artista, ma anche luogo deputato dall’Assessorato all’Ambiente ad ospitare eventi artistici dedicati all’ambiente. “Fin dall’inizio della mia esperienza da assessora all’Ambiente di Roma Capitale – dichiara Sabrina Alfonsi - ho deciso che il Semenzaio di San Sisto e in particolare - all’interno di questo - il meraviglioso edificio dell’Aranciera, sarebbero stati luoghi ideali per ospitare eventi artistici dedicati all’arte ambientale. Sono convinta che l’Arte in tutte le sue forme espressive, dalla pittura alla fotografia alla scultura, e altro ancora, sia uno strumento estremamente potente per raccontare, grazie alle diverse personalità e sensibilità delle artiste e degli artisti, il complesso rapporto che esiste tra gli esseri umani e la natura, nelle sue mille sfumature, e la necessità per gli umani di conservarne l’equilibrio. Così come per gli altri artisti che l’hanno preceduta, questa mostra site specific di Giusy Lauriola ci racconta, attraverso i suoi dipinti, la sua personale lettura della realtà e il suo mondo interiore. Una rappresentazione ispirata da un luogo dalle potenzialità enormi, che ci siamo impegnati a riqualificare e valorizzare grazie ad un progetto pilota altamente innovativo che vuole rendere compatibili soluzioni tecnologiche mirate alla sostenibilità ambientale con i rigorosi criteri di restauro richiesti da un edificio vincolato di grande pregio storico, per riconsegnarlo a Roma e ai suoi cittadini".

Conosco Giusy Lauriola dal 2008, quando partecipò con la personale Extra-urbane al ciclo di mostre “Nel segno delle donne”, nella Galleria 196 che allora dirigevo – racconta Federica Di Stefano –. Negli anni l’ho vista crescere ed evolversi con una rapidità rara, aggiungendo e sottraendo elementi e tecniche nei suoi lavori in maniera incessante, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e di nuovi traguardi. In questa mostra, in questa location meravigliosa, il nostro sguardo si perde nei colori resi ancora più brillanti dalla resina che fluidamente e anarchicamente riveste le superfici. Ed è qui che la nostra mente va indietro con la memoria a ricordare fatti e sensazioni che aveva dimenticato o, al contrario, va avanti immaginando che ciò che sta guardando possa essere lo scenario del suo futuro. Perché l’opera di Giusy si muove in uno spazio a-temporale e indefinito che pone l’uomo, che ha voglia di guardarsi dentro, davanti al proprio passato, al proprio presente e perché no, al proprio possibile futuro, svolgendo così perfettamente uno dei compiti precipui dell’arte contemporanea”.

Tra i colori molto forti e la rappresentazione della natura esplosiva, nei dipinti di Giusy Lauriola ci sono spesso sedie e poltrone vuote. “Nel dualismo tra astrattismo di base e figurativo di carattere simbolista la presenza umana viene introdotta da oggetti legati alla sfera della quotidianità i quali rimandano ad una fruizione dell’ambiente consapevole. Sedie, poltrone e interni annunciano donne e uomini senza renderli manifesti lasciando nell’osservatore una sensazione di vissuto legata alla propria sfera emotiva. Tali oggetti hanno anche un’altra funzione fondamentale nell'ultima produzione di Lauriola. Tramite questi l’artista ci invita a fermarci, a chiudere gli occhi per godere del respiro del creato e così facendo poter finalmente vedere una nuova realtà da vivere in sintonia con la Natura”, conclude Ercoli.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Giusy Lauriola. Chiudi gli occhi

Roma - Aranciera di San Sisto

Apertura: 18/05/2023

Conclusione: 26/05/2023

Organizzazione: Galleria 196

Curatore: Federica De Stefano

Indirizzo: via di Valle delle Camene 11 - 00184 Roma

Inaugurazione: Giovedì 18 maggio 2023 dalle ore 17.30 alle 21.00

Finissage: Venerdì 26 maggio 2023 dalle ore 17.30 alle 21.00

Orari: Dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 17.00

Ingresso: Gratuito



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporaneamostre Roma

Sym-ballein. Ringo of Dakar e l'alchimia delle forme

Sala 1 - Centro Internazionale d'Arte Contemporanea presenta la mostra "Sym-ballein" di Ringo of Dakar. Dal 21 giugno al 20 settembre 2024 a Roma. leggi»

21/06/2024 - 20/09/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneaPerformancemostre Roma

A più voci

L'Accademia di Francia a Roma riunisce in una mostra collettiva "A più voci", i progetti dei sedici borsisti al termine del loro anno di residenza a Villa Medici, dall'8 giugno all'8 settembre 2024. leggi»

08/06/2024 - 08/09/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

ModArt Borgo | Rione Borgo 2024

Dal 30 maggio al 20 giugno 2024 la Borgo Pio Art Gallery presenta la collettiva "ModArt Borgo Rione Borgo 2024". leggi»

30/05/2024 - 20/06/2024

Lazio

Roma

Arte del gioiellomostre Roma

Acqua, terra, aria e fuoco, elementi della narrazione di un vissuto

Incinque Jewels presenta la mostra di gioielli “Acqua, terra, aria e fuoco, elementi della narrazione di un vissuto” del laboratorio sociale di oreficeria "Oroora", dal 5 al 9 giugno 2024 a Roma. leggi»

05/06/2024 - 09/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneaStreet artmostre Roma

Nick Disaster. FlowTronic

Dal 7 al 13 Giugno 2024 Medina Art Gallery presenta "FlowTronic", personale di Nick Disaster che rende omaggio alle proprie radici nel graffiti writing e alla formazione grafica. leggi»

07/06/2024 - 13/06/2024

Lazio

Roma

Arte applicataArte del gioiellomostre Roma

Capture Me. Roberto Capanna e Akillis Paris

L'arte contemporanea e l'alta gioielleria si fondono nell'evento "Capture Me" di Roberto Capanna e Akillis Paris, a Roma dal 12 giugno al 15 giugno presso 28 Piazza di Pietra Fine Art Gallery. leggi»

13/06/2024 - 15/06/2024

Lazio

Roma

Tattoo artmostre Roma

TATTile. Tattoo Art Exhibition

Il 30 maggio 2024 a Roma si tiene "TATTile" la Tattoo Art Exhibition che, decontestualizzando il tatuaggio, pone questa forma di arte contemporanea al centro di un'esperienza tattile e sensoriale. leggi»

30/05/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

RIAF. Rome International Art Fair

Fino al 6 giugno 2024 Medina Art Gallery a Roma ospita RIAF: artisti contemporanei emergenti si esprimono con la fotografia, pittura, video art, installazioni, sculture, arte performativa. leggi»

24/05/2024 - 06/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

La perla è la malattia della conchiglia

Si intitola "La perla è la malattia della conchiglia" la mostra curata da Roberto Gramiccia e visitabile a Roma, alla Kou Gallery di via della Barchetta 13 dal 6 giugno all'1 luglio 2024. leggi»

06/06/2024 - 01/07/2024

Lazio

Roma