Arte modernaMostre a Trieste

Il Mito dell’Arte Africana nel ‘900. Da Picasso a Man Ray, da Calder a Basquiat e Matisse

  • Quando:   25/03/2023 - 03/09/2023
  • evento concluso
Il Mito dell’Arte Africana nel ‘900. Da Picasso a Man Ray, da Calder a Basquiat e Matisse
©Navigare -Il Mito dell’Arte Africana nel ‘900. Da Picasso a Man Ray, da Calder a Basquiat e Matisse - Pablo Picasso, Portrait, Litografia

Immergersi nell’arte africana e poi coglierne l’essenza nei capolavori creati dagli artisti del Novecento: è il concept della mostra “Il Mito dell’Arte Africana nel ‘900. Da Picasso a Man Ray, da Calder a Basquiat e Matisse” reso tangibile nell’esposizione a Trieste di 50 opere d’arte europea e oltre 100 opere plastiche e scultoree dell’Africa sub-sahariana, selezionate dai curatori Vincenzo Sanfo, Anna Alberghina e Bruno Albertino.

In programma dal 25 marzo, prorogata fino al 3 settembre 2023, nella Sala Carlo Sbisà del Magazzino 26 del Porto Vecchio di Trieste, “Il Mito dell’Arte Africana nel ‘900” è prodotta da Navigare in co-produzione con Diffusione e Cultura e promossa dal Comune di Trieste con il supporto di Trieste Convention and Visitors Bureau e PromoTurismoFVG.

Partendo dalle esperienze picassiane” – afferma il curatore Vincenzo Sanfo – “questa mostra ci porta sino ai giorni nostri attraversando percorsi che hanno in comune una visione dell’arte che trae dall’essenzialità delle forme africane ispirazione, generando i papier-decoupe matissiani, le decorazioni tribali di Keith Haring, le surreali visioni di Man Ray, le gioiose figure di Calder accostate alla furia costruttiva di Basquiat. Cosi come le irriverenti maschere di Enrico Baj, le luminose visioni di Marco Lodola e le incursioni di Marco Nereo Rotelli, accompagnate dalla cancellazione picassiana del cinese Xu Deqi. Un percorso” – conclude Sanfo – “quello pensato per questa mostra, essenziale ma esaustivo di quanto l’arte africana abbia contribuito e continui a contribuire all’evoluzione dell’arte occidentale”.

Il percorso espositivo si apre con l’esposizione di circa 100 opere d’arte africana tra sculture, maschere e oggetti, suddivise in nove tematiche: Fertilità e maternità, Bamboline di fertilità, Il culto dei gemelli, Le maschere, Gli antenati, Figure magiche, Arte funeraria, I poggiatesta, Gli oggetti d’uso.
Le sculture appartengono integralmente alla Collezione dei curatori Bruno Albertino e Anna Alberghina e sono il frutto di oltre 30 anni di viaggi, collezionismo e studio della materia. Le diverse tematiche sono introdotte da foto retroilluminate, evocative della cultura dei popoli africani, scattate da Anna Alberghina proprio in quei luoghi, utili a far entrare il visitatore nella vita dei popoli africani. Sono inoltre proposti dei video, girati dai curatori stessi, che riguardano riti e costumi di alcune popolazioni: danze, cerimonie, riti magici e anche vita quotidiana.
La seconda parte è dedicata all’esposizione di circa 50 opere d’arte del Novecento, nelle quali si coglie perfettamente l’aspetto immortale del mito africano, con una vasta sezione dedicata a Picasso con disegni, litografie, e ceramiche. Poi si continua con le opere di Matisse, Calder, Gauguin, Man Ray, fino ad arrivare ai più contemporanei Mimmo Paladino, Basquiat e Xu de Qi.

LA PERCEZIONE DELL’ARTE AFRICANA
L'interesse per l’arte africana nasce ufficialmente nel 1906, quando Henri Matisse e altri artisti iniziano a collezionare opere africane e a utilizzare quegli stilemi nella loro arte.
In quel periodo Parigi diventa il centro del mercato dell’arte africana e i grandi galleristi, come Paul Guillaume, Charles Ratton e Joseph Brummer contribuiscono a promuoverla e ad accrescere la sua popolarità. Gli artisti delle Avanguardie parigine intraprendono un percorso di ricerca, che in alcuni casi da origine a rivoluzionarie correnti artistiche, prima fra tutte il Cubismo. Picasso, il suo fondatore, realizza Les demoiselles d’Avignon (1907), non solo manifesto del movimento cubista, ma opera che presenta, tra le altre, delle figure femminili con volti perfettamente assimilabili alle maschere africane.
L’arte africana affascina, seduce e avvicina gli artisti moderni e contemporanei anche a un senso di spiritualità e di misticismo, come si evince in molte altre opere d’arte, create a partire dal Novecento fino ai giorni nostri.... leggi il resto dell'articolo»

PROMOZIONE
Grazie all'imposta di soggiorno è attiva una promozione per la quale chi soggiorna almeno una notte in città, prenotando direttamente presso le strutture ricettive aderenti alla promozione, riceverà in regalo il biglietto per la mostra. Tutte le info su: www.discover-trieste.it

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Il Mito dell’Arte Africana nel ‘900. Da Picasso a Man Ray, da Calder a Basquiat e Matisse

Trieste, Sala Carlo Sbisà del Magazzino 26

Apertura: 25/03/2023

Conclusione: 03/09/2023

Organizzazione: Navigare in co-produzione con Diffusione e Cultura

Curatore: Vincenzo Sanfo, Anna Alberghina e Bruno Albertino

Indirizzo: Magazzino 26 del Porto Vecchio - Trieste

ORARI
Dal martedì al venerdì: dalle ore 10.00 alle ore 18.00
Sabato, domenica e festivi: dalle ore 10.00 alle ore 20.00
Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura
Chiuso il lunedì
DURATA INDICATIVA VISITA 1:15 h - CAPIENZA 90 persone
INGRESSO
Intero: 13,00€ - Weekend e festivi
Intero: 11,00€ - Feriali
Biglietto ridotto (acquistabile esclusivamente in biglietteria): 9,00€
Tutti i giorni -Under 14, over 65, giornalisti, convenzioni, universitari, disabili e accompagnatori
Ridotto scuole: 4,00€
Ridotto gruppi oltre 10 pax: 7,00€
Biglietto Open: 15,00€ - Ingresso salta la fila + poster in tiratura limitata
Gratuito: Bambini fino ai 6 anni

INFO E BIGLIETTERIA
Magazzino 26: (+39) 351 355 8588

INFO E PRENOTAZIONI VISITE GUIDATE, SCUOLE E GRUPPI
(+39) 351 840 3634 - (+39) 333 609 5192
prenotazioni@navigaresrl.com
I moduli di prenotazione per scuole e gruppi sono scaricabili sul sito ufficiale
https://www.navigaresrl.com/mostra/il-mito-dellarte-africana-del-900/

VENDITA BIGLIETTI
I biglietti possono essere acquistati direttamente alla biglietteria della mostra oppure online su ticketone.it
I biglietti ridotti non sono acquistabili online.

Sito web per approfondire: https://www.navigaresrl.com



Altre mostre a Trieste e provincia

Fotografiamostre Trieste

Lorenzo Tommasoni. Volevo solo essere amato

"Volevo solo essere amato" è la mostra fotografica personale di Lorenzo Tommasoni, a cura di Monica Mazzolini. leggi»

05/04/2024 - 02/05/2024

Friuli Venezia Giulia

Trieste

Pittura del '800mostre Trieste

Van Gogh a Trieste

Vincent van Gogh a Trieste, al Museo Revoltella. Dal 22 febbraio al 30 giugno 2024 arriva la grande esposizione su Vincent van Gogh con oltre suoi 50 capolavori. leggi»

22/02/2024 - 30/06/2024

Friuli Venezia Giulia

Trieste

Arte contemporaneamostre Trieste

Roberto Ghezzi. Ăquae Naturografie

La galleria EContemporary di Trieste ha il piacere di ospitare nuovamente l'artista toscano Roberto Ghezzi con una sintesi della mostra "ăquae" curata da EContemporary e da Start Cultura. leggi»

05/04/2024 - 25/05/2024

Friuli Venezia Giulia

Trieste

Fotografiamostre Trieste

Sebastião Salgado. Amazônia

Dal 29 febbraio 2024 al 13 ottobre 2024 mostra "Amazônia" de grande fotografo Sebastião Salgado arriva a Trieste, presso il Salone degli Incanti. leggi»

29/02/2024 - 13/10/2024

Friuli Venezia Giulia

Trieste

Pittura del '900mostre Trieste

Antonio Ligabue in mostra a Trieste

A Trieste, per la prima volta in Friuli Venezia Giulia, la mostra di Antonio Ligabue. Un'antologica con oltre 60 opere che racconta uno degli artisti più straordinari e commoventi del Novecento. leggi»

08/11/2023 - 30/06/2024

Friuli Venezia Giulia

Trieste