IO SONO STATO. Ricordando le offese procurate all’Umanità nel 1993

  • Quando:   03/05/2023
  • evento concluso

TeatroEventi e spettacoli a PadovaPadova


IO SONO STATO. Ricordando le offese procurate all’Umanità nel 1993

Nel 1992 la mafia uccide i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Le immagini che accompagnano le stragi di Capaci e Via D’Amelio appartengono alla memoria collettiva mentre gli attentati e gli omicidi di stampo mafioso che dal 1993 coinvolgono altri uomini e donne dello Stato e “semplici” cittadini e le informazioni sui depistaggi che hanno caratterizzato la storia della Repubblica appaiono invece sbiadite e indefinite. A 30 anni da queste stragi di mafia, mercoledì 3 maggio al Teatro Verdi di Padova, la Camera di Commercio di Padova e il Teatro Stabile del Veneto-Teatro Nazionale, in collaborazione con la compagnia Barabao Teatro, dedicano una giornata di iniziative in favore della diffusione della cultura della legalità.
Il progetto, che prosegue l’impegno assunto dalla CCIAA padovana nel 2014 con la sottoscrizione del Patto per la legalità, prevede un doppio appuntamento: uno mattutino dedicato agli studenti e uno serale, gratuito, rivolto ai cittadini.
Durante la mattinata il teatro padovano si apre agli Istituti scolastici di I e II grado della provincia per ospitare la testimonianza di Tiberio Bentivoglio, imprenditore calabrese collaboratore di giustizia e vittima di racket, e a seguire, il debutto nazionale dello spettacolo teatrale “IO SONO STATO. Ricordando le offese procurate all’Umanità nel 1993” firmato Barabao Teatro. A concludere la mattinata con gli studenti, il forum di discussione durante il quale verranno raccolte riflessioni e considerazioni sui temi affrontati.
L’appuntamento serale, a ingresso gratuito con prenotazione dei posti, inizierà alle ore 20.30 con i saluti istituzionali di Giampiero Beltotto, presidente del Teatro Stabile del Veneto, e di Antonio Santocono, presidente della Camera di Commercio di Padova, e di altri rappresentanti istituzionali, per poi proseguire con l’intervista/dialogo tra Fabrizio Brancoli, direttore dei quotidiani del Gruppo Gedi - Il Mattino di Padova, La Tribuna di Treviso, La Nuova di Venezia e Il Corriere delle Alpi, e Tiberio Bentivoglio, incentrata sull’esperienza di denuncia dell’imprenditore calabrese e sul suo impegno civile. Alle ore 21.15, la compagnia Barabao Teatro porta in scena la replica dello spettacoloIO SONO STATO. Ricordando le offese procurate all’Umanità nel 1993”, un manifesto d’amore per l’Italia e la sua storia, per il senso profondo di giustizia e soprattutto di connessione e appartenenza che richiama ciascuno alla responsabilità delle proprie scelte, soprattutto per quelle che ricadono sugli altri.

LO SPETTACOLO

IO SONO STATO. Ricordando le Offese procurate all’Umanità nel 1993, di Barabao Teatro, debutta a livello nazionale in occasione della Giornata della Legalità. Da sempre la compagnia Barabao Teatro usa linguaggi semplici ma efficaci per raccontare anche le pagine più tristi della nostra storia, sia collettiva che personale. Così, partendo dagli avvenimenti che nel corso dell'anno successivo alle stragi di Capaci e via D’Amelio colpirono il Paese, la compagnia di teatro di movimento e creazione trova il punto focale della sua rappresentazione: dando voce a quegli uomini e a quelle donne, sconosciuti ai più e che, intenti a servire un ideale di Stato verso il quale c'erano dedizione e professionalità, hanno perso la vita diventando loro malgrado vittime innocenti di Mafia (dai Vigili del Fuoco, agli uomini della Polizia Municipale e semplici cittadini). Oltre a dar voce alle persone scomparse in quei terribili frangenti, Barabao Teatro pone l’attenzione su quegli atti che sconvolsero la memoria storica dell’Italia, perché andarono a colpire anche le opere d’arte, devastando il patrimonio artistico nazionale. Un terrorismo che ferì la memoria e finanche i simboli dell’umanità. Un modo per mostrare riconoscenza a chi ha dato la vita per difendere il significato più nobile della parola STATO. Lo spettacolo intende essere un manifesto d’amore per la storia del Paese, per quel senso profondo di giustizia e soprattutto di connessione e appartenenza. Come evoca il titolo dello spettacolo Io Sono Stato, la compagnia chiama ciascuno alla responsabilità delle proprie scelte, soprattutto per quelle che ricadono sugli altri. Per i Barabao solo questa consapevolezza conduce al cambiamento. Perché spesso lo Stato è percepito assente, talvolta lontano dagli uomini. Mentre, lo Stato siamo noi.

Per prenotazioni: https://www.teatrostabileveneto.it/acquisto/695_815_io_sono_stato?id_data=110768659763

CREDITI:
PRODUZIONE: Barabao Teatro
DI E CON: Ivan Di Noia e Romina Ranzato
SCENOGRAFIE E GRAFICA: Stefano Reolon
FONTI STORICHE: Associazione tra i familiari delle Vittime della Strage di Via dei Georgofili, Renato Scalia, Giuseppe Vitale, Vigili del Fuoco del distaccamento cittadino di Milano Benedetto Marcello.
REGIA: Romina Ranzato
COMUNICAZIONE: Cristina Ranzato
FOTO: Damiano Xodo
GENERE: Teatro Civile
DURATA: 60 minuti

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

IO SONO STATO. Ricordando le offese procurate all’Umanità nel 1993

Padova - Teatro Comunale G. Verdi

Apertura: 03/05/2023

Conclusione: 03/05/2023

Organizzazione: Teatro Stabile del Veneto e Barabao Teatro

Curatore: Romina Ranzato

Indirizzo: Via dei Livello, 32 - 35139 Padova