Ivano Facchetti. POPLAND. Oltre, Meta, Ultra

  • Quando:   04/05/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a MilanoMilano


Ivano Facchetti. POPLAND. Oltre, Meta, Ultra
Ivano Facchetti, Spider-Man, 2022, tecnica mista su polimero, 80x90

Cosa ci fanno Batman, Spiderman, Roger Rabbit, Darth Vader nella metropoli italiana più europea e creativa? Milano per una notte diventa Gotham City, da vivere nei sottosuoli, in uno dei suoi club più esclusivi: il Republic Milano. È qui che il 4 maggio dalle 18.30 va in scena “POPLAND. Oltre, Meta, Ultra”, una mostra di Ivano Facchetti, a cura di Luca Cantore D’Amore, organizzata da Arland Milano. Una “one night” (la mostra, infatti, si può visitare solo il 4 maggio) fatta di sciabolate di colore e di passione. Un progetto trasgressivo e audace, a partire da luogo davvero atipico per l’arte, che punta a coinvolgere soprattutto, ma non solo, i giovani, appassionati e neofiti. Artland e Republic Milano, infatti, con la direzione artistica di Luca Cantore D’Amore, invitano il pubblico a scendere girone per girone in una black room e per immergersi in uno spazio senza tempo, senza feritoie di luce. Un contenitore di stupore, di musica e di performance che, è pronto da oggi a ospitare artisti di valore, a partire da Francesco Simonetta (Artland) e Sirio Saccani (Republic).

È in questo contesto sorprendente che si caleranno le opere di Ivano Facchetti, artista giovane e ultra contemporaneo, originario di Caravaggio, conosciuto per oltrepassare la gabbia della tela e della cornice, con le sue composizioni POP o “ultra POP”, come le ha definite il critico d’arte Luca Cantore D’Amore. “L’estetica di Ivano Facchetti sembra provenire da uno spettro galattico di una dimensione metallica e cromata molto lontana. L’Artista, finalmente, riesce ad aggiungere, a variare, a distorcere virtuosamente la stasi figurativa all’interno della quale versa la Pop Art da ormai una dozzina d’anni. Ivano Facchetti, attraverso un procedimento che è innanzitutto mentale, genera nuove traiettorie di un’estetica che, senza di lui, avrebbe potuto definirsi stantia o, addirittura, ripetitiva. La grande forza rivoluzionaria di alcuni filoni dell’immagine e della creazione, infatti, spesso, si dimentica che, storicamente, ha trovato il proprio senso e la propria collocazione nel panorama contemporaneo poiché figlia dell’epoca e del periodo a cui appartiene - e che l’ha generata. La Pop Art, invece, da questo punto di vista e più di ogni altro stilema figurativo, sembrava, da alcuni anni, essere diventata mero esercizio di stile e di riproduzione: come un rifugio per “creativi con lacune di creatività” che, semplicemente, copiano, riproducono e ripropongono in maniera pedissequa; senza, però, aggiungere mai nulla all’Opera o all’elaborato: venendo, così, di conseguenza, meno al patto con l’essenza dell’Arte. La potenza di Ivano Facchetti, invece, è quella di essere riuscito ad inserirsi in uno scenario che non solo, fino a questo momento, è risultato assolutamente confondibile e miscelabile con quanto lo ha preceduto - generando stile e, di conseguenza, riconoscibilità -, ma anche di aver oltrepassato il confine della tela, facendo deflagrare le icone che omaggia e che propone dentro le nostre vite, come elementi di rottura inconfondibili: come fossero coinquilini non più soltanto del nostro sguardo, del nostro immaginario statico, ma anche fisicamente delle nostre dimore, dei nostri spazi, delle nostre intimità, attraverso una percezione quasi oggettuale dell’immagine e, prima ancora, dell’idea. Ci si può parlare tranquillamente - pare - con le opere di Ivano Facchetti, sembrano quasi essere composte di carne e di ossa: grazie a questa intuizione provocatoria e memorabile della dimensionalità dell’opera che, finalmente, con una felice grazia e attraverso un ponderato equilibrio compositivo (che è ponderato anche quando, volutamente eccede), riesce a collocarsi, senza disturbare, ma quasi sedendosi sulle spalle dei giganti, in un’identità che, oscilla serenamente tra quella del quadro, del design, del complemento d’arredo o della scultura. Senza la puzza dello snobismo della superiorità a tutti i costi tipica degli sperimentatori della modernità, Ivano Facchetti, in fine, può tranquillamente definirsi un Artista che scende dalla sua torre e si mescola, liquidamente, nella democratica modalità di stare al mondo necessaria per contribuire con una nota allo spartito - nel suo caso Rock – del nostro tempo”: queste le parole del curatore, Luca Cantore D’Amore.
E non è un caso che sia il Republic, in Piazza della Repubblica, nel pieno centro di Milano, il luogo scelto per la mostra “one night”. Un luogo, come l’artista che vi espone, iconico e riconosciuto nel panorama del nostro tempo: “Una memoria dal sottosuolo che proviene dal futuro,” come lo definisce il curatore.

Biografia Artista

Ivano Facchetti (Caravaggio, 1974) esprime il suo talento artistico fin da bambino. Dopo l'abbandono degli studi superiori per lavorare in una falegnameria, qui, fuori dagli orari lavorativi, trova lo spazio per sperimentare creazioni e per concedere libero sfogo alla sua creatività. Le sue opere crescono con lui, in un procedimento artistico da autodidatta, che lo hanno portato oggi ad una pittura sperimentale orientata verso la Pop Art.

ARTLAND MILANO di Francesco Simonetta è uno spazio dedicato a creativi con background artistici diversi. La nostra forza è il valore degli artisti emergenti; il nostro obbiettivo è diventare un incubatore di progetti validi e selezionati, per presentare lavori unici ad un pubblico vasto, e permettere agli artisti di vivere della propria arte. "Artland" sta per "la terra dell'arte" e della creatività, dove tutto è possibile e il "sogno creativo" diventa realtà. Artland Milano è uno spazio bianco, da riempire continuamente con idee e storie: come una terra fertile, dove la potenza creativa degli artisti ha la possibilità di crescere.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Ivano Facchetti. POPLAND. Oltre, Meta, Ultra

Milano - Republic Milano

Apertura: 04/05/2023

Conclusione: 04/05/2023

Organizzazione: Arland Milano

Curatore: Luca Cantore D’Amore

Indirizzo: Piazza della Repubblica, 12 - Milano

Orari: (one night) dalle ore 18.30

Ingresso gratuito



Altre mostre a Milano e provincia

Arte contemporaneamostre Milano

Jean Marie Barotte

Milano Fabbrica del Vapore dedica un'importante retrospettiva all'artista italo-francese Jean-Marie Barotte, dal 4 al 31 ottobre 2024. leggi»

04/10/2024 - 31/10/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Laurence Leenaert. Under Nine Moons

Dal 24 settembre al 19 ottobre 2024 Cadogan Gallery presenta "Under Nine Moons", prima mostra dell'artista belga Laurence Leenaert, che presenterà una serie di nuove opere. leggi»

24/09/2024 - 19/10/2024

Lombardia

Milano

Arte del costumemostre Milano

25 anni di costumi MTS - MusicalL! The school

"25 anni di costumi MTS - MusicalL! The school", dal 20 al 22 settembre 2024 a Milano presso IMBONATI11 Art Hub. leggi»

20/09/2024 - 22/09/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

Armin Linke. La terra vista dalla luna

Prosegue fino al 14 settembre, 2024 la mostra personale di Armin Linke dal titolo "La terra vista dalla luna" presso la galleria Vistamare di Milano. leggi»

19/06/2024 - 14/09/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Richard Hearns. The Living Mountain

Dal 14 maggio al 27 luglio 2024, Cadogan Gallery presenta "Richard Hearns. The Living Mountain", un corpus di nuove tele che riflette sulla poesia del paesaggio tra Libano e Irlanda. leggi»

14/05/2024 - 27/07/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

L'essenza del gioco

Dal 4 luglio, presso lo spazio espositivo Corals, la mostra dal titolo "L'essenza del gioco" con gli artisti Luca Balottin, Federico Pisciotta, Salvatore Petrucino e RivaGLDF. leggi»

05/07/2024 - 31/07/2024

Lombardia

Milano

Ingresso gratuito

Arte contemporaneamostre Milano

Michela Milani. Escaped

Prosegue fino al 17 ottobre 2024 "Escaped", personale di Michela Milani presso la sede di Crescenzi & Co.a Milano. leggi»

18/06/2024 - 17/10/2024

Lombardia

Milano

Arte modernamostre Milano

Alberto Martini. La Danza Macabra

In occasione delle celebrazioni per il 70° anniversario dalla morte di Alberto Martini, Milano gli dedica la mostra "Alberto Martini. La danza macabra", al Castello Sforzesco. leggi»

02/10/2024 - 19/01/2025

Lombardia

Milano

Arte contemporaneaDesignmostre Milano

What? A homage to Alessandro Mendini by Philippe Starck

Triennale Milano ospita nell'Impluvium, dal 16 aprile al 1° settembre 2024, un'installazione ideata da Philippe Starck. leggi»

16/04/2024 - 01/09/2024

Lombardia

Milano