FotografiaMostre a Milano

Juergen Teller i need to live

  • Quando:   27/01/2024 - 01/04/2024
Juergen Teller i need to live
Auto ritratto con shorts rosa e palloncini with pink shorts and balloons, Parigi, 2017, © Juergen Teller, All rights reserved

Fino 1 aprile 2024 Triennale Milano presenta la mostra "Juergen Teller i need to live", a cura di Thomas Weski in collaborazione con Juergen Teller e Dovile Drizyte. L'esposizione, che è stata presentata al Grand Palais Éphémère di Parigi dal 16 dicembre 2023 al 9 gennaio 2024, è la più ampia retrospettiva mai realizzata del lavoro del fotografo tedesco e attraversa la sua produzione creativa, dalla prima metà degli anni Novanta ad oggi.

Juergen Teller è considerato uno dei nomi di riferimento di un gruppo di fotografi di fama internazionale, molto apprezzati sia nell'ambito della fotografia commerciale che in quello dell'arte contemporanea. È noto in tutto il mondo per i suoi schietti ritratti di personaggi celebri, gli editoriali di moda provocatori e le originali campagne realizzate per vari stilisti.

Stefano Boeri, Presidente di Triennale Milano, afferma: "Siamo felici di presentare una delle più grandi mostre dedicate a Juergen Teller, artista visivo caleidoscopico, capace di catturare e rimodellare – a volte nella stessa immagine – le pulsioni più intime, le pose più irriverenti e le istanze della contemporaneità."

Da quando si è fatto conoscere nella Londra dei primi anni Novanta, Juergen Teller ha prodotto anche importanti opere personali in cui esplora sé stesso, la sua famiglia, le sue radici e la sua identità. Negli ultimi cinque anni, ha collaborato con la moglie Dovile Drizyte a progetti comuni che riflettono vari aspetti del loro rapporto, del matrimonio e della genitorialità. Queste opere sono definite da un caratteristico mix di personaggi seri e intimi ma spesso umoristici creati in stile grottesco.

i need to live, realizzata con il supporto di Saint Laurent by Anthony Vaccarello, presenta oltre 1000 opere e riunisce sia lavori personali che opere su commissione, immagini note e delle nuove serie fotografiche, oltre a video e a installazioni. La selezione delle opere è in parte differente rispetto a quella del Grand Palais Éphémère di Parigi. Si tratta a tutti gli effetti un progetto espositivo inedito, progettato per gli spazi di Triennale Milano.... leggi il resto dell'articolo»

Il titolo della mostra, "i need to live", si riferisce alle sensazioni di Teller a fronte degli incidenti esistenziali che hanno segnato la sua vita, talvolta in modo tragico. L'artista affronta questi temi nello stesso modo in cui pratica la fotografia, con uno stile diretto e realistico, del tutto personale. Con le sue immagini uniche, Teller celebra l'importanza di essere vivi, riconoscendo al contempo la fragilità dell'esistenza umana.

Il progetto architettonico della mostra è stato affidato a 6a architects Londra, che ha progettato lo studio fotografico dell'artista a West London, completato nel 2016. La loro conoscenza specialistica della pratica di Teller, acquisita attraverso la lora precedente collaborazione, ha ispirato il progetto di allestimento creando singoli settori all'interno dello spazio espositivo di Triennale. L'allestimento permette ai visitatori di apprezzare la ricchezza e la varietà della pratica di Teller attraverso un'esperienza visiva unica.

Juergen Teller è autore di oltre quaranta libri d'arte, realizzati in collaborazione con Gerhard Steidl della Steidl Verlag di Gottinga nell'arco degli ultimi vent'anni. Un'ampia selezione di questi volumi sarà presente in mostra insieme ad altre pubblicazioni, riviste e materiale stampato, mostrando il contesto culturale in cui il lavoro di Teller viene spesso presentato per la prima volta.

In occasione della mostra al Grand Palais Éphémère di Parigi e a Triennale Milano, è stata realizzata da Juergen Teller e Dovile Drizyte la pubblicazione i need to live, edita da Steidl e con testi di Leïla Slimani, Anthony Vaccarello, Rick Owens, Roni Horn, Thomas Weski, Tom Emerson e Alistair O'Neill. Parallelamente sono stati pubblicati quattro libri d'autore: Juergen Teller, Fashion Photography for America 1999–2016; Juergen Teller, Jurgaičiai; Juergen Teller, More Handbags; Juergen Teller, The Myth. Tutte le pubblicazioni sono disponibili online e allo store di Triennale.

Il Main Partner Saint Laurent by Anthony Vaccarello e i Partner Istituzionali Lavazza Group e Salone del Mobile.Milano sostengono Triennale Milano per questa mostra.

Note biografiche

Juergen Teller (Erlangen, 1964) ha studiato alla Bayerische Staatslehranstalt für Photographie di Monaco di Baviera. Nel 1986 si è trasferito a Londra. Attraversando diversi generi fotografici, ha firmato campagne di moda per numerosi marchi di lusso e ha realizzato editoriali per importanti pubblicazioni d'arte e di moda. Nel 2003 ha ricevuto il Citibank Prize for Photography, assegnato dalla Photographers Gallery di Londra e nel 2018 ha ottenuto il premio Special Presentation Infinity dell'International Center of Photography di New York. Le sue opere sono state esposte in tutto il mondo, in particolare nelle mostre personali allestite alla Fondation Cartier pour l'art contemporain di Parigi (2006), alla Dallas Contemporary in Texas (2011), al Daelim Museum di Seoul (2011), all'Institute of Contemporary Art di Londra (2013), alla DESTE Foundation di Atene (2014), alla Bundeskunstalle Bonn (2016), alla Martin-Gropius-Bau di Berlino (2017), al Garage Museum of Contemporary Art di Mosca (2018) e alla T- 10/SKP-S di Pechino (2021). Nel 2007 è stato invitato a rappresentare l'Ucraina insieme ad altri quattro artisti alla 52. Biennale di Venezia. Le sue fotografie sono entrate a far parte di numerose collezioni internazionali e sono state acquisite dal Centre Pompidou di Parigi, dalla Fondation Cartier pour l'art contemporain di Parigi, dall'International Center for Photography di New York e dalla National Portrait Gallery di Londra. Ha pubblicato oltre cinquanta libri ed è stato docente di fotografia presso l'Akademie der Bildenden Künste Nürnberg dal 2014 al 2019.

Thomas Weski
Nato ad Hannover nel 1953, Thomas Weski è stato curatore del dipartimento fotografia e media dello Sprengel Museum Hannover, curatore capo del Museum Ludwig di Colonia e curatore capo e successivamente vicedirettore della Haus der Kunst di Monaco di Baviera. Dal 2009 al 2015 è stato docente di Culture della curatela presso la Hochschule für Grafik und Buchkunst (Accademia di arti visive) di Lipsia. Dal 2015 al 2022 è stato curatore della Foundation for Photography and Media Art with the Michael Schmidt Archive. Nel 2017 è stato Museum Scholar del Getty Research Institute di Los Angeles. Attualmente lavora come curatore freelance e vive a Berlino. Ha curato l'organizzazione di molte mostre di fotografia contemporanea, tra le quali ricordiamo Robert Adams – What We Bought. The New World, allestita presso lo Sprengel Museum Hannover nel 1995, William Eggleston – Los Alamos al Museum Ludwig di Colonia nel 2003, Thomas Struth: Figure Ground alla Haus der Kunst di Monaco di Baviera nel 2017 e al Guggenheim Museum di Bilbao nel 2019 e, più di recente, Michael Schmidt – Retrospective, Photographs 1965-2014, presentata alla Nationalgalerie – Hamburger Bahnhof – Museum für Gegenwart di Berlino nel 2021 e a Jeu de Paume di Parigi e al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid nel 2022. È stato co-curatore di How you look at it – Photographs of the 20th Century, allestita presso lo Sprengel Museum Hannover nel 2000, Cruel & Tender – Photography and the Real, presentata alla Tate Modern di Londra nel 2003, e William Eggleston – Democratic Camera, Photographs and Videos 1961-2008, organizzata dal Whitney Museum of American Art di New York nel 2008.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Juergen Teller i need to live

Apertura: 27/01/2024

Conclusione: 01/04/2024

Organizzazione: Triennale Milano

Curatore: Thomas Weski con Juergen Teller e Dovile Drizyte

Luogo: Milano, Triennale

Indirizzo: Viale Emilio Alemagna, 6 - 20121 Milano

Orario: martedì – domenica, 11.00 – 20.00 (ultimo ingresso alle 19.00)

Biglietto: intero 15 euro | ridotto 12 euro | studenti 7.50 euro | biglietto giornaliero per visitare tutte le mostre di Triennale Milano: 25 euro

Catalogo: i need to live di Juergen Teller e Dovile Drizyte edito da Steidl, testi di Leïla Slimani, Anthony Vaccarello, Rick Owens, Roni Horn, Thomas Weski, Tom Emerson e Alistair O'Neill.

Quattro libri d'autore: Juergen Teller, Fashion Photography for America 1999–2016 | Juergen Teller, Jurgaičiai | Juergen Teller, More Handbags | Juergen Teller, The Myth. 

Sito web per approfondire: https://triennale.org



Altre mostre a Milano e provincia

Arte contemporanea‎

Armando Xhomo. Rosso primordiale

Dal 19 marzo al 2 aprile 2024, alla MA-EC Gallery di Milano (via Santa Maria Valle 2), si tiene la personale dell'artista Armando Xhomo intitolata Rosso Primordiale. leggi»

19/03/2024 - 02/04/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea‎

Gonzalo Borondo. Tempo Perso

Tempesta Gallery presenta "Tempo Perso", un progetto site specific di Gonzalo Borondo visitabile fino al 1 marzo 2024. leggi»

01/12/2023 - 01/03/2024

Lombardia

Milano

ingresso libero

Arte contemporanea‎

Nuria Maria. Tulle Tänne (Come here)

Fino al 30 marzo 2024 Cadogan Gallery a Milano presenta "Nuria Maria. Tule tänne (Come here)", una mostra che celebra l'amore, la casa e il paesaggio. leggi»

27/02/2024 - 30/03/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea‎

Marco Tamburro. Attraverso

Dal 1 marzo 2024 Galleria d’Arte Domestica di Milano presenta la mostra "Attraverso" di Marco Tamburro, a cura di Luca Cantore D’Amore. leggi»

01/03/2024 - 01/04/2024

Lombardia

Milano

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Mariella Bettineschi. All in One

Dal 28 febbraio al 24 marzo 2024, Triennale Milano presenta "All in One", personale di Mariella Bettineschi. leggi»

28/02/2024 - 24/03/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporanea‎

Manuela Bertoli. Augenmusik

Amy-d Arte Spazio Milano svela la Project Room con un solo show di Manuela Bertoli dal titolo -Augenmusik, - a cura di Susanna Vallebona. leggi»

06/03/2024 - 26/03/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea‎

Cosmologie

Dal 2 marzo al 27 aprile 2024, Spazio 21 di Lodi ospita la mostra "Cosmologie" a cura di Angela Madesani, una riflessione sul tema del cosmo operata da 15 artisti. leggi»

02/03/2024 - 27/03/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero previo tesseramento Euro 10

Arte contemporanea‎

Any Questions?

Dal 5 marzo al 10 maggio 2024, la galleria AreaB di Milano presenta la mostra "Any Questions?", una collettiva tutta al femminile curata da Isabella Tupone e Francesco Mancini. leggi»

05/03/2024 - 10/05/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporanea‎

Venus in Furs

Spazio Arte Contemporanea ospita la mostra del collettivo "Venus in Furs", dal 9 marzo al 6 aprile 2024 a Robecchetto con Induno (MI). leggi»

09/03/2024 - 06/04/2024

Lombardia

Milano

Ingresso gratuito