Arte contemporanea‎Mostre a Milano

Katia Mosconi. It was a body in the shape of a city

  • Quando:   16/03/2023 - 06/04/2023
  • evento concluso
Katia Mosconi. It was a body in the shape of a city

X-Contemporary presenta a Milano "It was a body in the shape of a city" di Katia Mosconi, dal 16 marzo al 6 aprile 2023.

Dai balli in piazza dei carnevali medievali al cosiddetto “decreto rave” promulgato dal governo Meloni, passando per la dance elettronica nel sugoso loft di David Mancuso a Manhattan e le TAZ (Zone Temporaneamente Autonome) anglosassoni: la danza - se performata negli interstizi dell’autogestione e dell’illegalità, se caratterizzata da battiti ripetitivi, dal contenuto non linearmente incasellabile negli stilemi della composizione - è stata una delle pratiche di resistenza che più hanno spaventato, prima, il proto capitalismo delle enclosures e, poi, il tardo-capitalismo post-fordista. Il rave illegale è figlio e si configura a partire da queste “coreografie sociali”: le canzoni popolari che nelle “feste dei folli” sovvertivano le gerarchie del potere feudale, la musica dance e le pose delle ballroom americane, la tunantada e gli altri riti di possessione utili a esorcizzare e allontanare il sorvegliante-colonizzatore dal corpo del colonizzato.
Queste e altre correnti marginali non sono di certo nate nella discoteca commerciale. I primi eventi “house”, “techno”, “dance” erano macchine nomadi che non si scontravano direttamente con gli spazi preposti alla danza, in una guerriglia della fuoriuscita che ha liberato temporaneamente aree di tempo, di terra e di immaginazione.
Siamo nell’Inghilterra di ferro della Thatcher quando le ex-fabbriche di Manchester, lontane dalla capitale londinese, cominciano a essere le scenografie di un’umanità di squatter che portava con sé sviluppi di droghe sintetiche e consolle, ma soprattutto un tipo di esperienza comunitaria che il thatcherismo aveva rifiutato ideologicamente con parole dure come “la società non esiste”. è in questi primi paesaggi post-industriali che comincia l’occupazione e l’autogestione delle ex-fabbriche belliche e automobilistiche, le stesse in cui i padri dei giovani in questione avevano lavorato secondo le scansioni “ad accetta” della società disciplinare.
Il video a due canali It was a body in the shape of a city (2023) riporta una proiezione dei lasciti industriali dell’ex hinterland milanese: il cemento e i bricks rossi dei capannoni, manifesti scollati e centrali elettriche. Queste macchie dell’abbandono fanno da sfondo a una serie di riprese realizzate con una telecamera da caccia, protagonista di una ricerca a infrarossi dei possibili rimasugli di coreografie della resistenza nei “riti del sabato sera” delle discoteche-aziende. Il video su monitor finisce per setacciare come siano cambiati dal secolo scorso i movimenti sul dancefloor, quanto il sé sociale non possa più essere abbandonato all’entrata, come nei primi free party, ma, anzi si determini proprio nello spazio della discoteca, dove la fissità della propria identità è ora fondamentale per stare dentro e fuori le porte.
Grottesche planimetrie architettoniche sfilano, virate sul rosso, in Dancefloor empire Milano (2023). Il video guarda all’assetto di centodiciassette discoteche milanesi, nuovi spazi preposti al godimento e alla sovversione dove l’immaginario della controcultura di strada partecipa facilmente alla creazione capitalista di plusvalore. Le ex fabbriche, trasformate in discoteche nei primi Duemila, tornano ad essere potenti apparati di cattura, emblemi di quella libertà tollerata perché già finita.
Le opere di Katia Mosconi (Siena, 1998) trovano le loro radici nella cartografia multimediale e nei linguaggi mediali. Sistemi digitali di mappatura, di comunicazione e software di modellazione 3D sono il punto di partenza per la costruzione di readymade digitali: miscellanee di elementi tratti dal flusso internet che entrano in dialogo per decostruire la realtà. Tra le sue mostre recenti: Well, We Good (Sonar, Colle di Val D’Elsa, 2022); Degree Show III (Palazzo Monti, Brescia, 2022); (Im)possible Ecologies (Orto Botanico di Roma, 2022); Le opere e i giorni (Museo Ospedale degli Innocenti, Firenze, 2021); Blackoutbook (Artribune, 2021); Semi di rigenerazione 2050 Archifest: Festival di Architettura (Colle di Val D’Elsa, 2020).

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Katia Mosconi. It was a body in the shape of a city

Apertura: 16/03/2023

Conclusione: 06/04/2023

Organizzazione: X-Contemporary

Luogo: Milano, X-Contemporary

Indirizzo: via Santa Teresa 20/A - 20142 Milano

Inaugurazione: giovedì 16 Marzo H 18.00 Ingresso libero

Per info e prenotazioni: @x_contemporary



Altre mostre a Milano e provincia

Arte contemporanea‎

Agostino Arrivabene. L'oniromante

Primo Marella Gallery è orgogliosa di accogliere nei suoi spazi espositivi di Milano l'apertura della straordinaria mostra "L'oniromante" dell'artista Agostino Arrivabene. leggi»

22/02/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea‎

Andrea Gallotti. Identità e Differenza

Dall'8 al 21 marzo la Fabbrica del Vapore di Milano (Spazio Alveare Culturale) ospita la mostra personale dell'artista Andrea Gallotti "Identità e Differenza", a cura di Barbara Magliocco. leggi»

08/03/2024 - 21/03/2024

Lombardia

Milano

Ingresso gratuito

Fotografia

Mario giacomelli. Questo ricordo lo vorrei raccontare

Nel contesto Mufoco20Fest il 24 febbraio 2024 inaugura la mostra del grande maestro della fotografia italiana Mario giacomelli "Questo ricordo lo vorrei raccontare". leggi»

25/02/2024 - 19/05/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea‎

Luca Spano. Suspended

Red Lab Gallery è lieta di annunciare la rappresentanza dell'artista Luca Spano, con l'occasione sarà allestita negli spazi della sede milanese l'esposizione personale Suspended. leggi»

02/03/2024 - 31/05/2024

Lombardia

Milano

Arte moderna

Picasso. La metamorfosi della figura

Dal 22 febbraio al 30 giugno 2024, a chiusura delle celebrazioni del 50° anniversario della morte di Pablo Picasso, una grande mostra porta al MUDEC oltre quaranta opere del maestro spagnolo. leggi»

22/02/2024 - 30/06/2024

Lombardia

Milano

Incontri e cultura

Orizzonte. Parole, immagini e musica per edificare il futuro

Fondazione Arnaldo Pomodoro presenta "Orizzonte - Parole, immagini e musica per edificare il futuro", seconda edizione del programma di incontri a cura di Giovanni Caccamo. leggi»

14/03/2024 - 20/06/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea‎

EXPOSURE. Arte, culture, moda dentro e fuori la vetrina

MUDEC presenta "EXPOSURE - Arte, culture, moda dentro e fuori la vetrina", a cura di Katya Inozemtseva e Sara Rizzo, che riflette sulla tradizionale concezione della vetrina. leggi»

01/03/2024 - 08/09/2024

Lombardia

Milano

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Ignazio Moncada.
Vele spiegate su Stromboli

Wizard Gallery è lieta di presentare Vele spiegate su Stromboli, mostra personale dedicata a Ignazio Moncada (Palermo, 1932 – Milano, 2012) e al suo rapporto con le isole Eolie. leggi»

22/02/2024 - 22/03/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea‎

Wainer Vaccari. 35 Capricci

Carlocinque Gallery presenta 35 "Capricci" di Wainer Vaccari, in mostra dal 7 febbraio al 5 aprile 2024. Per l'occasione l'artista ha realizzato e presenta trentacinque nuovi dipinti. leggi»

07/02/2024 - 05/04/2024

Lombardia

Milano