La Quinta Stagione
III edizione

  • Quando:   09/06/2024 - 14/06/2024
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Genova


La Quinta Stagione | III edizione
Fotografie allestimenti e riprese video: Francesco Arena Cover photo: © instagram.com/ellie_laverne1

Sabato 8 giugno alle ore 18:00 inaugura la terza edizione della Collettiva d'Arte Contemporanea "La Quinta Stagione" nella suggestiva cornice della Sala espositiva "La Cisterna" collocata sotto il terzo chiostro del Complesso Monumentale di Santa Maria di Castello, sede risalente al IX secolo. In questa occasione, questa particolare location, insieme al giardino e al sottoporticato, diventa un contenitore di espressione artistica contemporanea. Il IX secolo raggiunge il XXI tramite il linguaggio multimediale dell'arte.

L'evento è curato da Benedetta Spagnuolo, organizzato da Artisti Italiani - arti visive e promozione, con il patrocinio della Regione Liguria e del Comune di Genova.

Al vernissage saranno presentate le performance "Jigeiko" di Federico Tilli (artista genovese) e "Fragments of self" di Monica Mura (artista originaria di Cagliari ma attiva in Spagna).
La mostra internazionale, aperta al pubblico tutti i giorni dalle 16:30 alle 19:30 fino al 14 giugno 2024, ospita oltre 30 artisti contemporanei provenienti da tutta Italia e dall'estero (Svizzera, Iraq, Spagna e Germania), molti dei quali inediti per la città di Genova. Oltre alle performance, saranno esposte più di 50 opere, tra fotografie, pitture, installazioni, illustrazioni, grafiche e video.

Il tema della collettiva affronta il concetto di rifioritura e rinascita dell'uomo che, attraverso i cambiamenti e le emergenze mondiali, riesce a generare nuove idee artistiche e influenze contemporanee.
La Quinta Stagione nasce dall'esigenza, prima del curatore e poi dell'artista, di creare un mondo utopico "non fatto" di stagioni, "non composto" da tempo, "non gestito" dallo spazio; un mondo personale, un periodo ipotetico nel quale non esiste né il freddo né il caldo, dove non c'è temperatura né tempo. 
Questa Quinta Stagione cancella le stagioni dell'anno e della vita e i periodi che non ci fanno sentire parte integrante del mondo; nasce come desiderio di creare dentro di noi una presunta vita sospesa da giudizi e fatta solo d'istinto e gioia di vivere.

In un periodo difficile come quello che stiamo vivendo, la nostra urgenza è proprio di fuggire al di là di questo lasso di tempo per poterci rifugiare "oltre" e avvicinarci sempre di più a una dimensione personale e utopica. Si crea così un nuovo assetto politico, sociale o religioso che non trova riscontro nella realtà ma che viene proposto come modello ideale; ecco perché nasce La Quinta Stagione, per un sano ed intimo benessere individuale.... leggi il resto dell'articolo»

L'artista espone dunque una vera e propria rinascita di se stesso, circondato da elementi non solo naturali ma anche surreali; ciò che conta è che sia parte integrante di questo mondo ipotizzato, che esso sia fatto di elementi reali o immaginari.
Siamo abituati a considerare le stagioni secondo la loro classica suddivisione astronomica, cioè come l'intervallo di tempo che passa tra un equinozio e un solstizio, e si distinguono quindi quattro stagioni: primavera, estate, autunno e inverno. Dobbiamo pensare invece alla Quinta Stagione come a un periodo in fase a-temporale, la cui durata è del tutto soggettiva.

Molti hanno citato il concetto di quinta stagione: lo ha fatto, per esempio, la cantautrice Cristina Donà nel suo quinto album del 2007; e lo hanno fatto i registi Peter Brosens e Jessica Woodworth nel 2012, con il loro omonimo film in lingua originale, La Cinquième Saison.
Nel caso di Cristina Donà, l'idea dell'album viene dalla medicina tradizionale cinese, secondo la quale la quinta stagione è il periodo intermedio tra le stagioni: un momento di passaggio durante il quale corpo e spirito si preparano al cambiamento. È intorno al concetto di "preparazione" all'eventualità di dover affrontare un momento duro che ruotano i brani della cantautrice.
Il film La Cinquième Saison, invece, tratta di una misteriosa calamità che colpisce un remoto villaggio belga nelle Ardenne: è sempre inverno, la primavera si rifiuta di arrivare, gli alberi cominciano a cadere, la terra diventa arida e le provviste scarseggiano. Il ciclo della natura è sconvolto, la natura prende il sopravvento provocando l'implosione della piccola comunità.
In questo film si percepisce il lato oscuro e oscurato della relazione dell'uomo con la natura durante le quattro stagioni e la quinta stagione è rappresentata in questo caso dal periodo in cui la natura, se pur immobile, riprende il comando.
In entrambi i casi, la quinta stagione è intesa come intervallo volto a finire, nel quale il tempo e lo spazio esistono concretamente; esattamente il contrario rispetto al nostro caso.

La "nostra" Quinta Stagione è soltanto nostra e singolare, percepita solo attraverso gli occhi e ingoiata in un vortice interiore; in questo caso l'artista ha il coraggio di mostrare e rappresentare il "non concreto".
È una sfida tra il mondo tangibile e il mondo interiore, dal quale ciò che emerge è solamente la nostra....
Quinta Stagione.

 - Benedetta Spagnuolo

Gli artisti in mostra
Laura Anelli, Kimya B. Oskay, Gianluca Badiani, Anna Bobbio, calkerArt, Valerio Calsolaro, Agnese Cappellazzo, Fabiana Carpinteri, Elisa Ceccoli, Nariman Darbandi, Diberto, Massimiliano Donghi, Katharina Eisenberg, Oriana Emma, Raffaella Folle, Erica Gariboldi, Immacolata Giordano, Riva GLDF, Bruno Gregory, Peppe Gueli, Elisa Lelli, Cristian Martinelli, Albert Merino, Arianna Mostarda, Monica Mura, Valerio Murri, Mario Pepe, Cristina Pirrone, Fabio Prestini, Silvana Rocco, Federico Tilli, Mikhail Vlasov

Organizzazione: 
Artisti italiani-Arti visive e promozione
A.I. si occupa della promozione delle arti visive contemporanee, di tutti gli aspetti promozionali e curatoriali dell'arte, dalla comunicazione web all'organizzazione di eventi espositivi; valorizza in modo particolare gli artisti italiani che operano su tutto il territorio nazionale ed internazionale, ritenendo che nel mercato dell'arte, non solo italiano, sia fondamentale essere rappresentati da personale specializzato come gallerie, associazioni e curatori che si occupino totalmente della gestione e promozione dell'artista, ma non solo, offrendo anche numerosi benefit, grazie al supporto professionale e completo del proprio staff.

Benedetta Spagnuolo | Critico e curatore
Benedetta Spagnuolo è laureata all'Accademia di belle arti di Catania.
Durante il suo percorso di vita, unisce elementi come la scultura, il teatro, la danza e la fotografia, ed è proprio quest'ultima che rappresenta per lei la base per un innovativo ed eclettico percorso artistico. Dal 2009 si avvicina al mondo curatoriale ed inizia così a scrivere i suoi primi pezzi critici e si dedica a tempo pieno all'organizzazione di eventi; fonda successivamente anche "Artisti Italiani - arti visive e promozione". Tra i testi più incisivi, scritti finora, troviamo "L'Androgino come icona dal '900 ad oggi - Tra mito, spettacolo e fotografia".
Attualmente lavora come critico e curatore artistico ed è contributor presso la riviste "Juliet Art Magazine".

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: La Quinta Stagione
III edizione

Genova - Complesso Monumentale di S. M. di Castello

Apertura: 09/06/2024

Conclusione: 14/06/2024

Organizzazione: Artisti italiani-arti visive e promozione.

Curatore: Benedetta Spagnuolo

Indirizzo: Via Santa Maria di Castello, 27 - 16123 Genova

Vernissage: sabato 8 giugno ore 18.00 con Performance Art: 18:30 Federico Tilli "Jigeiko" ft. Marco Pizzamiglio, Mattia Pizzamiglio, Tiziana Turturr | 19:00 Monica Mura "Fragments of self"

Orario: Tutti i giorni 16:30 - 19:30 | Mattina su appuntamento

Per info: benedettaspagnuolo.official@gmail.com | artistiitaliani.official@gmail.com



Altre mostre a Genova e provincia

Arti digitalimostre Genova

Etherea Universo digitale. III Edizione | Echi del tempo nell’arte del terzo millennio

L’arte digitale entra nei palazzi storici di Genova. Etherea Universo digitale apre giovedì 20 giugno alle 18.00 con la mostra “Echi del tempo nell’arte del terzo millennio”. leggi»

20/06/2024 - 06/07/2024

Liguria

Genova

Arte contemporaneaMostre tematichemostre Genova

Natura di Notte - Animali e piante amanti del buio nei dipinti degli artisti Aipan

Il Museo Civico di Storia Naturale "G. Doria" ospiterà, dall'8 giugno al 14 luglio 2024, la mostra "Natura di Notte", una straordinaria esposizione di 71 opere realizzate dagli artisti Aipan. leggi»

08/06/2024 - 14/07/2024

Liguria

Genova

Mostre tematichemostre Genova

Nostalgia. Modernità di un sentimento dal Rinascimento al Contemporaneo

Nostalgia. Modernità di un sentimento dal Rinascimento al Contemporaneo, dal 25 aprile al 1 settembre 2024, a Palazzo Ducale di Genova - Appartamento del Doge. leggi»

25/04/2024 - 01/09/2024

Liguria

Genova

Arte graficaEditoriamostre Genova

Franco Maria Ricci. L’Opera al Nero

Dal 20 aprile al 30 giugno 2024 Palazzo Ducale di Genova dedica una mostra a Franco Maria Ricci, grande editore, grafico e collezionista. leggi»

20/04/2024 - 30/06/2024

Liguria

Genova

Fotografiamostre Genova

Aqua Mater. Sebastião Salgado

Palazzo Ducale ospita "Aqua Mater" di Sebastião Salgado, a Genova fino al 14 luglio 2024. leggi»

22/03/2024 - 14/07/2024

Liguria

Genova