Letizia Battaglia. Storie di strada

  • Quando:   25/07/2020 - 15/01/2021
  • evento concluso

Fotografia

Letizia Battaglia. Storie di strada

KUM! Festival (La Mole Vanvitelliana, Ancona 16-18 ottobre 2020)
La vita di corsa della fotografa Letizia Battaglia

Anche in quest’anno particolare, torna l’appuntamento con KUM! Festival (www.kumfestival.it), la manifestazione dedicata alla cura e alle sue diverse pratiche con la direzione scientifica di Massimo Recalcati e il coordinamento scientifico del filosofo Federico Leoni, che avrà luogo da venerdì 16 a domenica 18 ottobre alla Mole Vanvitelliana di Ancona. Il tema di questa edizione speciale del festival sarà proprio la La Cura, tre giornate di riflessione in cui psicoanalisti, psichiatri, medici, filosofi, scrittori, architetti e virologi si occuperanno del drammatico momento attuale che il mondo vive con la pandemia, nella convinzione che solo analizzare e capire le dinamiche permette poi di guarire.

L’evento: Una vita di corsa, Mole Vanvitelliana di Ancona, 18 ottobre ore 11.30

Domenica 18 ottobre alle 11.30 è in programma un evento d’eccezione: la fotografa palermitana Letizia Battaglia dialogherà con la psicoterapeuta Monica Carestia durante un incontro dal titolo Una vita di corsa. La fotografa, in occasione della mostra a lei dedicata Letizia Battaglia. Storie di strada, ospitata alla Mole Vanvitelliana fino al 15 gennaio 2021, racconterà del suo rapporto con la fotografia, con la psicoanalisi, con la cura e con la vita. C’è tanto da fare, da curare, da scoprire nella sua vita di corsa: una testimonianza di coraggio e amore per il bello e la vita, una cura ai mali del nostro tempo. Nel corso dell’incontro si discuterà anche di quali pratiche responsabili possiamo mettere in atto per prenderci cura del nostro ambiente, costruito o meno che sia.

La mostra: Letizia Battaglia. Storie di strada

La personale dell’artista siciliana propone circa 300 fotografie, molte inedite, che ricostruiscono per tappe e temi la sua intera vita professionale, raccontandone la figura di fotografa poetica e politica. Il percorso espositivo si focalizza sui temi che hanno maggiormente caratterizzato le foto di Battaglia: ritratti di donne, uomini, animali e bambini, ma anche scatti di Palermo, delle vittime di mafia e dei loro parenti, delle principali figure dell’antimafia siciliana e infine due filmati che approfondiscono la sua vita personale e professionale. Letizia Battaglia si è interrogata su tutto ciò che cadeva sotto al suo sguardo, fosse un omicidio o un bambino, uno scorcio o un raduno, una persona oppure un cielo. Guardare è stata la sua attività principale, che si è materializzata in straordinarie immagini.

L’artista

Nata a Palermo nel 1935, dirige la rivista Mezzocielo dal 1991 e dal 2017 Il Centro Internazionale di fotografia a Palermo, ed è nota a livello internazionale: nel 2017 il New York Times l’ha infatti citata come una delle undici donne straordinarie dell’anno e le sue immagini sulle vicende mafiose sono state esposte e premiate in vari paesi del mondo. Grande protagonista del fotogiornalismo italiano nonché una fra le prime donne reporter del nostro paese, ha lavorato come volontaria all’ospedale psichiatrico della sua città e ha vissuto per dieci anni da Assessore e parlamentare una eccezionale esperienza politica, al fianco di Leoluca Orlando. Battaglia ha raccontato da insider tutta Palermo, ritraendo anche i volti dei poveri e le rivolte delle piazze, per non parlare del contributo dato al teatro, all’editoria e alla promozione della fotografia come disciplina. È riconosciuta come una delle figure più importanti della fotografia contemporanea non solo per i suoi scatti saldamente presenti nell’immaginario collettivo, ma anche per il valore civile ed etico da lei attribuito al fare fotografia. L'artista ‘tratta’ il suo lavoro come un manifesto, esponendo le sue convinzioni in maniera diretta, vera, poetica e colta, rivoluzionando così il ruolo della fotografia di cronaca. Impara la tecnica direttamente ‘in strada’, e le sue immagini si distinguono da subito per il tentativo di catturare una potente emozione: i soggetti di Letizia hanno infatti tracciato un percorso finalizzato a rafforzare le proprie ideologie e convinzioni in merito alla società, all’impegno politico, alle realtà emarginate, alla violenza provocata dalle guerre di potere, all’emancipazione della donna.
In programma alla Mole Vanvitelliana di Ancona 10 lectio e 2 eventi speciali, tutti gratuiti in presenza con prenotazione obbligatoria, trasmessi anche in live streaming sul sito e la pagina Facebook del festival e sul circuito di èTv. KUM! Festival è organizzato dal Comune di Ancona e dal Fondo Mole Vanvitelliana, con il sostegno della Regione Marche e della Fondazione Cariverona, con le attività sul territorio a cura di Jonas Onlus.

Letizia Battaglia. Storie di strada
25 luglio 2020 – 15 gennaio 2021
Ancona, Mole Vanvitelliana - Sala Vanvitelli
Note tecniche: con i biglietti di ingresso al Festival si avrà accesso al biglietto ridotto alla mostra. Inoltre per i bambini dai 3 ai 6 anni uno speciale appuntamento in Pinacoteca con Museo Petit.
Orari di apertura della mostra per l’occasione:
Ven 16 ore 10:00 - 20:00 | Sab 17 ore 10:00 - 23:00 | Dom 18 ore 10:00 - 20:00
Programma visite guidate per giovani e adulti
Ven 16 | Sab 17 | Dom 18 ore 10:00 e ore 19:00

Titolo: Letizia Battaglia. Storie di strada

Apertura: 25/07/2020

Conclusione: 15/01/2021

Curatore: Francesca Alfano Miglietti

Luogo: Mole Vanvitelliana - Sala Vanvitelli, Ancona

Indirizzo: Banchina Giovanni da Chio, 28 - Ancona (AN)

Sito web per approfondire: https://letiziabattagliamostra.it/