Lucia Cantò. Stelle che sorreggono altre stelle

  • Quando:   05/10/2023 - 04/02/2024
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a MilanoMilano


Lucia Cantò. Stelle che sorreggono altre stelle

L'esposizione Stelle che sorreggono altre stelle nasce dalla stretta relazione tra l'artista e i curatori risalente terza edizione di Una Boccata d'Arte (2022) – progetto d'arte contemporanea diffuso in tutta Italia, promosso da Fondazione Elpis, con la collaborazione di Galleria Continua e la partecipazione di Threes – che ha visto Lucia Cantò protagonista dell'intervento Restrizione emotiva nel borgo di Malamocco, in provincia di Venezia. 

Fino al 4 febbraio 2024 Fondazione Elpis presenta la mostra Stelle che sorreggono altre stelle di Lucia Cantò, a cura di Giovanni Paolin e Sara Maggioni.

Presentando diverse evoluzioni delle linee di ricerca di Lucia Cantò (Pescara, 1995), Stelle che sorreggono altre stelle si concentra in particolare su due aspetti che caratterizzano la produzione più recente dell'artista: il vaso come presenza significante in uno spazio e le possibili modalità di collaborazione con una comunità temporanea. Due prospettive che la mostra mette in relazione presentando una serie di opere inedite e amplificando le fasi di partecipazione al lavoro dell'artista.

Precede la mostra un percorso laboratoriale, avviato tramite open call, nel quale un gruppo di partecipanti è chiamato a realizzare un autoritratto sotto forma di vaso in terracotta. Un'esperienza che trova spazio anche nel primo periodo di apertura dell'esposizione, con la creazione al piano superiore della Fondazione di un ambiente di lavoro in cui si intrecciano occasioni di riflessione poetica, laboratori pratici e momenti di condivisione processuale.

Il piano terra della Fondazione è invece dedicato a tre nuove produzioni dell'artista che introducono alla sua visione, fornendo anche delle chiavi per la lettura del laboratorio. Abbracciando forme a lei care, tutte le opere ragionano secondo contrasti taglienti e corporeità simboliche.... leggi il resto dell'articolo»

Come indica il titolo della mostra, che fa riferimento alla delicatezza di invisibili rapporti ciclici e alla forza generata da piccole costellazioni di punti luminosi, Stelle che sorreggono altre stelle si muove secondo un ritmo scandito da diversi cicli vitali, legati alla creazione e alla vita delle opere stesse: a un primo momento in cui si presentano i lavori dell'artista e alcuni esiti del laboratorio, ne segue un secondo in cui una parte dell'impianto espositivo si modifica trasformando lo spazio di lavoro in un luogo di fruizione degli autoritratti ultimati.

Madre (2023) consiste in una scultura in terracotta composta da tre elementi assemblati in un unico equilibrio. Un elemento ospita e allo stesso tempo nasconde la giunzione di altri due elementi in terracotta. Fin dall'antichità, la produzione di vasellame gravita attorno a comunità femminili e, oltre all'attività di trasformazione e conservazione del cibo, si lega inevitabilmente al potere trasformativo e riproduttivo femminile. In particolare, Madre è la concretizzazione di un pensiero che nasce dalla raccolta di voci femminili, che l'artista ha trascritto su quaderni durante conversazioni con donne a lei vicine.

Composta da materiali eterogenei, l'installazione Edilizia di un pensiero (2023) pone il visitatore di fronte a elementi in forte contrasto tra loro, che con il loro dialogo restituiscono un'idea di fragilità. Le mantovane parasassi, concepite tradizionalmente per creare un ambiente di sicurezza e arginare il materiale edilizio in caduta all'interno di un cantiere, vedono ribaltata la loro funzione, ospitando al loro interno una serie di fiori che attraversano cicli vitali diversi durante il periodo di apertura della mostra. L'impianto scultoreo si pone come una lente di ingrandimento sull'inevitabile processo di essiccazione dei fiori, trattenuti e quindi lasciati cadere nel tempo, seguendo ognuno il proprio ritmo vitale. Questo processo aiuta chi guarda a tenere traccia delle diverse fasi che danno vita a Stelle che sorreggono altre stelle, in quanto mostra temporanea segnata nel suo corso da cambiamenti e trasformazioni.

Infine, la scultura Stellario (2023) prende il proprio nome dall'oggetto a cui si ispira: una corona in bronzo corredata da dodici stelle, trovata dall'artista durante un soggiorno a Napoli. Nell'opera presentata, tra i sette elementi che la compongono non esiste una gerarchia, ma ognuna di queste collabora con le altre, sostenendole e lasciandosi sostenere. Questo lavoro, che chiude il percorso espositivo del piano terra e introduce al piano superiore dedicato al laboratorio collettivo, ha ispirato il titolo stesso della mostra.

Come indica il titolo, che fa riferimento alla delicatezza di invisibili rapporti ciclici e alla forza generata da piccole costellazioni di punti luminosi, Stelle che sorreggono altre stelle si muove secondo un ritmo scandito da diversi cicli vitali, legati alla creazione e alla vita delle opere stesse: a un primo momento in cui si presentano i lavori dell'artista e alcuni esiti del laboratorio, ne segue un secondo in cui una parte dell'impianto espositivo si modifica trasformando lo spazio di lavoro in un luogo di fruizione degli autoritratti ultimati.

Stelle che sorreggono altre stelle è quindi una mostra circolare, che si apre e si chiude a contatto con la terracotta, attivata dall'investimento emotivo di una piccola comunità. Ciò che la tiene legata nella sua interezza e appare come cardine della ricerca di Lucia Cantò è la parola scritta, fatta di appunti, tracce sulle opere e segni che si confondono nello spazio espositivo. Il linguaggio è alla base di ogni scultura dell'artista ed è in grado di connettere ogni sua installazione.

L'artista

Lucia Cantò è nata a Pescara nel 1995, dove vive e lavora. Nel 2021 ha vinto la 14esima edizione del Talent Prize, il premio internazionale di arti visive organizzato da Inside Art, con l'opera Atti certi per corpi fragili.

Il suo lavoro è stato esposto in mostre personali come: Restrizione Emotiva, Una Boccata D'Arte, Malamocco, Venezia, a cura di Giovanni Giacomo Paolin (2022); Ai terzi, Monitor Roma, testo a cura di Cecilia Canziani (2021). Tra le mostre collettive ricordiamo: Panorama, L'Aquila, a cura di Cristiana Perrella (2023); La sostanza agitata, Palazzo Collicola, Galleria d'Arte Moderna G. Carandente, Spoleto, a cura di Saverio Verini (2023); Premio Conai, Arte circolare, Museo MAXXI Roma, a cura di Ludovico Pratesi e Marco Bassan (2022); C.U.O.R.E. (Cryogenic Underground Observatory for Rare Events), Centro per l'Arte Contemporanea Palazzo Lucarini Contemporary, a cura di Margherita Morgantin (2021); Straperetana 2020, Palazzo Maccafani, Pereto, a cura di Saverio Verini (2020). Le sue opere sono state acquisite da collezioni pubbliche e private.

I curatori

Giovanni Paolin (Dolo, 1989) è un curatore indipendente basato a Venezia. Negli anni è entrato in contatto con istituzioni pubbliche e private tra cui Castello di Rivoli, Iksv Istanbul, Guestroom Maribor, MAXXI, Fondazione Elpis, Fondazione In Between Art Film, e gallerie come Galleria Continua e PACE Gallery. È uno dei vincitori dell'undicesima edizione del bando Italian Council, sta partecipando al programma Curatorlab presso la Konstfack di Stoccolma ed è parte del team curatoriale di Autostrada Biennale. Tra gli ultimi progetti curati ci sono Immersione Libera (2019), Six steps forward for one step back (2019), Una Boccata d'Arte (2020 - 2023) e Fulgur (2023).

Sara Maggioni (Bergamo, 2000) si occupa di accessibilità culturale nel campo dell'arte contemporanea, sviluppando la propria ricerca avvicinandosi a diverse discipline, tra cui la didattica museale, la comunicazione e la curatela. Ha collaborato con il dipartimento educativo di Fondazione Benetton (Treviso) e di Fondazione Imago Mundi (Treviso), e in quanto mediatrice culturale con ACP Palazzo Franchetti (Venezia) e Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena (Venezia). Si è occupata dei laboratori didattici di Restrizione Emotiva (Lucia Cantò, 2022) in occasione di Una Boccata d'Arte e da gennaio 2023 collabora con l'associazione culturale Microclima (Venezia) per i progetti Cinema Galleggiante e Isola di Sant'Andrea.

Fondazione Elpis

Costituita nel 2020 da Marina Nissim, imprenditrice e collezionista, Fondazione Elpis ha al centro della sua mission il supporto ai giovani artisti. La Fondazione persegue i suoi scopi attraverso la realizzazione di mostre, residenze, attività educative e progetti diffusi su tutto il territorio nazionale. Con l'obiettivo di esplorare aree e scenari oltre i circuiti tradizionali dell'arte, Fondazione Elpis unisce mondi solo apparentemente distanti intercettando l'evolversi dei linguaggi espressivi. La decisione di aprire una nuova sede a Milano – a ottobre 2022 – nasce dai progetti e dalle collaborazioni attivate negli ultimi anni su scala nazionale. La Fondazione ha così consolidato attorno a sé una rete sempre più ampia mettendo in atto nuovi modelli di partecipazione e fruizione culturale. Ne è un esempio Una Boccata d'Arte, il progetto d'arte contemporanea giunto alla sua quarta edizione nel 2023, realizzato in collaborazione con Galleria Continua e con la partecipazione di Threes. Un'iniziativa diffusa in tutto il Paese che coinvolge ogni anno 20 artisti nell'ideazione di installazioni site specific, visitabili per l'intera estate, in 20 borghi italiani, uno per ogni regione.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Lucia Cantò. Stelle che sorreggono altre stelle

Milano - Fondazione Elpis

Apertura: 05/10/2023

Conclusione: 04/02/2024

Organizzazione: Fondazione Elpis

Curatore: Giovanni Paolin e Sara Maggioni

Indirizzo: via Lamarmora 26 - 20122 Milano

Orari di apertura: da giovedì a domenica, h 12.00 -19.00

Contatti: +39 02 8974 5372 | info@fondazioneelpis.org

Come arrivare: MM3 Crocetta; Tram linea 16 (fermata Via A. Lamarmora)

Accessibilità: gli spazi sono accessibili a portatori di handicap, i tre piani espositivi sono collegati da un ascensore.

Sito web per approfondire: https://fondazioneelpis.org/

Facebook: fondazioneelpis



Altre mostre a Milano e provincia

Grandi Personaggimostre Milano

Mike Bongiorno 1924 – 2024

Nel centenario della nascita di Mike Bongiorno Palazzo Reale, dal 17 settembre al 17 novembre 2024, racconta la storia personale e professionale del grande protagonista della televisione. leggi»

17/09/2024 - 17/11/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Ilaria Mautone. Eco-Ansia | Le conseguenze del cambiamento climatico sulla salute mentale

Malegaleco presenta la mostra "Eco-Ansia. Le conseguenze del cambiamento climatico sulla salute mentale", dal 24 luglio al 15 agosto a Milano. leggi»

24/07/2024 - 15/08/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Valerio Adami. Pittore di Idee

Palazzo Reale celebra i sessantacinque anni di carriera di Valerio Adami, tra i maggiori artisti italiani del Dopoguerra, con un'antologica, dal 17 luglio al 22 settembre 2024 a Milano. leggi»

17/07/2024 - 22/09/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneaInstallazionimostre Milano

Julian Opie. Walking in Milan

I passanti di Julian Opie arrivano a Milano, visibili fino al 27 agosto 2024 in piazza del Quadrilatero. leggi»

03/07/2024 - 27/08/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Terry Rodgers. The Last Supper - Visions of Eternal Return

Le immaginifiche visioni di Terry Rodgers sono in mostra negli spazi Wizard Gallery a Milano dall'11 settembre al 3 novembre 2024. leggi»

11/09/2024 - 03/11/2024

Lombardia

Milano

Fotografiamostre Milano

Eroticism in Fashion Photography: Newton / Von Unwerth

Dal 20 settembre al 16 novembre 2024 a Milano "Eroticism in Fashion Photography", la doppia mostra dedicata a Newton e Von Unwerth. leggi»

20/09/2024 - 16/11/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Jigger Cruz. To The Walls from the Wound of Oddities

Primo Marella Gallery è lieta di annunciare l'inaugurazione della mostra personale di Jigger Cruz: To The Walls from the Wound of Oddities. leggi»

18/07/2024 - 17/09/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Jean Marie Barotte

Milano Fabbrica del Vapore dedica un'importante retrospettiva all'artista italo-francese Jean-Marie Barotte, dal 4 al 31 ottobre 2024. leggi»

04/10/2024 - 31/10/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Laurence Leenaert. Under Nine Moons

Dal 24 settembre al 19 ottobre 2024 Cadogan Gallery presenta "Under Nine Moons", prima mostra dell'artista belga Laurence Leenaert, che presenterà una serie di nuove opere. leggi»

24/09/2024 - 19/10/2024

Lombardia

Milano