Luigi Manciocco. Dal lato dell’immaginario

  • Quando:   01/04/2023 - 30/06/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Venezia


Luigi Manciocco. Dal lato dell’immaginario

Nella fluidità incerta del contemporaneo, nella fragilità della realtà umana oggi più che mai instabile e distratta, il luogo perfetto da cui partire è il tempo dell’immaginario contemporaneo. “Dal lato dell’immaginario” è il titolo e il punto di partenza della mostra personale di Luigi Manciocco a cura di Alessandra Santin, ospitata nei prestigiosi spazi espositivi del Palazzo Contarini del Bovolo (Sale del Tintoretto) a Venezia dal 1° aprile al 30 giugno 2023. L’inaugurazione sarà sabato 1° aprile alle ore 11.30 ad ingresso gratuito su prenotazione.

Luigi Manciocco, artista concettuale e antropologo, dà ascolto alle voci del tempo: l’arte visiva è la pausa necessaria, uno strumento interpretativo che inciampa e osserva, legge dove si fa fatica a mettere a fuoco. La mostra “Dal lato dell’immaginario contemporaneo” è un viaggio di riflessione dove non sono previsti sconti, né scorciatoie. Si snoda secondo un percorso fortemente intensivo, una sorta di “spazio rituale mistico” diviso in tre sezioni che alla fine sfocia in un’emersione di speranza e rinascita, dal benefico effetto estetico e contemporaneamente emotivo.

La mostra è organizzata dalla Fondazione Giovanni Santin Onlus e da Theke con il patrocinio della Città di Roma e con il supporto di Ipav, Fondazione Venezia, Gioielli Nascosti Venezia, Città di Venezia, Comune di Colleferro e Città di Porcia. E con il contributo di: Banca BCC Roma, Elide Aps, DForm Srl, Agv Metallica, Bidon 1938, Sattec DBS Gomma, Archivio storico Tono Zancanaro, Famalian, Sorsi e Percorsi e Arte Poli.

Un primitivo urbano
Luigi Manciocco viene spesso definito un “primitivo urbano”: affonda la sua ricerca nella cultura popolare più alta, nei risvolti visivi delle agiografie, nelle parole incarnate dei testi arcaici tramandati oralmente e scritti in epoche successive. «La dimensione visiva della ricerca di Luigi Manciocco – spiega la curatrice Alessandra Santin - nel farsi pratica poetica ed espressione esistenziale, spazia dal finito luminoso dell’oggi al mistero dell’in-finito. Ad occhi socchiusi l’artista insegue api d’oro, sorvola nascite e sconfina oltre la vita. Gli dèi gioiscono. Gli uomini anche, almeno per un poco, il tempo perfetto dell’immaginario contemporaneo. Il luogo da cui partire».

Il percorso della mostra parte da un rituale della Roma arcaica: i “Suggrundaria”. Una scultura composta da grondaie in acciaio e bambole in alluminio che ricorda un tempo lontano in cui quando moriva un bambino che aveva meno di quaranta giorni, veniva sepolto nell’abitazione della famiglia, all’interno della gronda, sotto il tetto. Una dolorosissima riflessione che si specchia nella nostra società, la società dei bambini non nati.... leggi il resto dell'articolo»

Alla religiosità popolare si ispirano i lavori dedicati a Santa Rita da Cascia, la santa delle cause impossibili la cui storia ha affascinato Manciocco. Le opere richiamano dei momenti particolari dell’agiografia della santa: “Sciame” è un disco in corian nero da cui si liberano sciami di api dorate, con rimando alla protezione della sua culla. Mentre l’installazione “Santa”, formata da un disco in corian bianco da cui sgorga lentamente una goccia rossa di sangue, rievoca la ferita sulla fronte della Santa, sempre viva, causata dalla spina della corona di Cristo.

Con l’opera “Lacrima” Manciocco ci accompagna ancora una volta lontano nel tempo quando il pianto per un lutto era, soprattutto nella cultura mediterranea, rituale e consolatorio. «Il pianto di più persone – precisa l’artista – serviva a lenire la sofferenza. Una sorta di condivisione del dolore». La lentezza del tempo che la frenetica società di oggi non ha più. Manciocco rallenta il tempo in un’installazione composta da un video e da una piccola scultura realizzata con il ghiaccio: una lacrima che lentamente si scioglie. «Rispetto alle ultime esperienze della mia ricerca artistica e antropologica – spiega Manciocco – “Lacrima”, nella sua asciuttezza formale scende ancora più in profondità, è ancora più effimera, perché asciugandosi diviene assenza e ritorna nell’atmosfera, quindi emblematizza il sentimento del vuoto».

Luigi Manciocco, biografia
Artista visivo e concettuale, antropologo, docente di Cattedra di Progettazione Scultura e Decorazione Plastica presso il Liceo Artistico Statale “G. De Chirico” di Roma.
Nel corso della sua attività artistica ha incontrato i maggiori esponenti della cultura italiana e non solo: Carlo Levi e Pier Paolo Pasolini, Cesare Zavattini, Valerio Zurlini, Leonardo Sciascia, Diego Valeri, il poeta andaluso Rafael Alberti che gli dedica la poesia dal titolo “Al pintor de la palabra y el signo”. Durante la Presidenza di Linuccia Saba entra a far parte della Fondazione “Carlo Levi” di Roma, ricoprendo l’incarico delle Pubbliche Relazioni. Cura il riordino di tutta l’opera pittorica e dell’archivio fotografico di Carlo Levi. Antropologia e installazione concettuale costituiscono i due punti cardinali della ricerca di Manciocco, con una particolare attenzione rivolta al tema del culto dell’antenato.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Luigi Manciocco. Dal lato dell’immaginario

Venezia - Palazzo Contarini del Bovolo

Apertura: 01/04/2023

Conclusione: 30/06/2023

Organizzazione: Fondazione Giovanni Santin Onlus e Theke

Curatore: Alessandra Santin

Indirizzo: San Marco Campo Manin, 4303 - 30124 Venezia

Inaugurazione: sabato 1° aprile ore 11.30, ingresso gratuito su prenotazione

Orari: tutti i giorni dalle 9.30 alle 17.30 (ultimo accesso ore 17.00)

Per info: +39 041-3096605 - cultura@fondazioneveneziaservizi.it

Sito web per approfondire: https://www.fondazioneveneziaservizi.it



Altre mostre a Venezia e provincia

Arte contemporaneamostre Venezia

Amanda Panezo. Corone Nomate

"Corone Nomate" è il nome della mostra di Amanda Panezo che sarà presentata a Murano presso Ingalleria Art Gallery il 1° giugno 2024 e che espone 16 tele in lino. leggi»

01/06/2024 - 30/08/2024

Veneto

Venezia

Arte del vetromostre Venezia

Federica Marangoni. On the road 1970-2024

Dal 19 maggio al 24 novembre 2024 a Murano il Museo del Vetro, Spazio Ex Conterie ospita la mostra di Federica Marangoni "On the road 1970-2024". leggi»

19/05/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Omaggio a Ennio Finzi

Ca' Pesaro prosegue la sua attività di valorizzazione degli artisti della collezione permanente con un autore tra i più radicali del Novecento italiano: Ennio Finzi. leggi»

17/05/2024 - 06/10/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Obey. Art will save the world

MV Arte presenta la mostra dedicata ad Obey dal titolo "Art will save the world" presso il Museo nazionale di Archeologia del Mare di Caorle (VE). leggi»

26/05/2024 - 29/09/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Cen Long. Seminare speranza

Crux Art Foundation presenta la mostra "Seminare speranza" con opere dell'artista Cen Long in occasione della 60. Esposizione Internazionale d'Arte La Biennale di Venezia. leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Harold Stevenson

Prosegue fino al 27 luglio 2024 presso la galleria Tommaso Calabro a Venezia la prima monografica in Italia dedicata ad "Harold Stevenson", esponenti della cultura d’avanguardia del 2° dopoguerra. leggi»

17/04/2024 - 27/07/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporanea Sculturamostre Venezia

Lorenzo Quinn. Anime di Venezia - Souls of Venice

Si chiama "Anime di Venezia – Souls of Venice", la nuova creazione di Lorenzo Quinn che sarà esposta a Venezia, dal 20 aprile al 15 settembre 2024. leggi»

20/04/2024 - 15/09/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Berlinde De Bruyckere. City of Refuge III

"City of Refuge III", evento collaterale della 60. Esposizione Internazionale d'Arte, è la mostra di Berlinde De Bruyckere, dal 20 aprile al 24 novembra 2024 all' Abbazia di San Giorgio Maggiore a Venezia. leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Hovering

Per la seconda mostra nel nuovo spazio veneziano, Capsule Venice è lieta di presentare Hovering, una collettiva con i lavori di tredici artisti internazionali. leggi»

06/04/2024 - 23/06/2024

Veneto

Venezia