Marco Cipolli. SF Sguardi Femminili

  • Quando:   11/12/2021 - 11/01/2022
  • evento concluso

Arte contemporanea‎

Marco Cipolli. SF Sguardi Femminili

Si apre lo studio di artista di Marco Cipolli con una prestigiosa mostra personale della durata di un mese. L'inaugurazione è fissata per il giorno sabato 11 dicembre 2021, in occasione della XVII Giornata del Contemporaneo, il grande evento che, dal 2005, AMACI (Associazione dei musei d'arte contemporanea italiani) dedica all’arte contemporanea e al suo pubblico. Questa iniziativa ha il sostegno della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della cultura e la collaborazione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è estesa all’estero in Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura per una settimana di promozione dell’arte contemporanea italiana.

Nella splendida cornice del borgo di San Giustino Valdarno in provincia di Arezzo, luogo dove Marco Cipolli, pittore e scultore, accompagnerà il visitatore, esclusivamente su appuntamento, dall'11 dicembre 2021 all'11 gennaio 2022, nel proprio mondo onirico fatto di pittura e scultura e ceramiche sarà possibile scoprire la nuova produzione artistica dedicata al mondo femminile.
Cipolli è artista dal tratto calligrafico elegante, interprete raffinato che non si esime dal trarre dal passato stimoli culturali che reinterpreta in modo originale. Curioso e abile, è un virtuoso del segno che offre all'occhio la possibilità di soffermarsi sulla preziosità e sul senso di segni e simboli.
Marco Cipolli, in questa mostra, racconta la bellezza interiore attraverso i suoi ultimi lavori. Si tratta di dipinti, la tecnica è tra le più antiche, olio su supporto ligneo (olio su tavola), sapientemente e calligraficamente eseguiti.
"Sono Sguardi femminili - commenta la nota critica d'arte Giovanna M. Carli - che hanno lo scopo di porre l'attenzione sull'universo donna, fatto di mille sfaccettature, per narrare la storia di vari mondi, non solo i luoghi di provenienza o di appartenenza ma anche posti ideali dove vorrebbero vivere con quello sguardo fiero, spesso volto altrove. Non si pensi, dunque, a un mero abbandono estetico da parte del pittore e scultore, perché per lui rappresentare la donna è rappresentare l'universo-mondo e farsi domande continue sul futuro, di là da venire".
Sono donne di ogni parte del mondo, che non hanno più intenzione di essere sottomesse, ma lasciano emergere la propria personalità. "Tutte queste figure - commenta Donatella Mormile, curatrice residente della collezione dell'autore - hanno in comune un ornamento tra i capelli o un copricapo, e l’unica ragione è quella dell'autoaffermazione e dell’arricchimento ulteriore della propria bellezza". Una bellezza fatta di sguardi, fascino, portamento, ma anche qualcosa in più, che trapela dallo sguardo. Ogni donna è diversa, ma in comune ha con le altre la voglia di essere se stessa perché essere donna oggi dovrebbe essere per ciascuna, in ogni latitudine, la possibilità di essere libera di scegliere come si vuole essere, felice di esprimere attraverso l’abbigliamento il proprio gusto, senza nessuna limitazione.

Biografia dell'autore
Marco Cipolli nasce a Montevarchi nel 1957 e inizia a disegnare e a dipingere fin da giovanissimo tanto da vendere il suo primo quadro a otto anni perché l'acquirente, che non conosceva l'età dell'artista, fu colpito dalla grande forza espressiva contenuta nell'opera raffigurante un cavallo, soggetto leit motiv di tutta la sua produzione insieme all'esplorazione dell'universo femminile.
Cipolli si forma come artista nell'ambiente della grafica e lavora presso la Manifattura di Porcellane Richard Ginori come modellista.
Del 1984 è la sua prima mostra personale a Firenze presso la Galleria d'Arte moderna il Cenacolo e la sua partecipazione al IX Salone Nazionale Arte-Antiquariato
Ma è l'incontro con la famiglia Bellini di Firenze, storici galleristi di artisti di fama internazionale, che imprime una svolta decisiva nella carriera di Marco Cipolli, ampliando i suoi orizzonti: dalla Toscana la mondo. Sarà, infatti, proprio il rapporto con Luigi Bellini a segnare profondamente la personalità artistica dell'autore, indirizzandone lo sguardo ai forti richiami alla classicità e all'utilizzo di vari materiali: olio su tela, metallo, legno, gesso, grafica su ceramica, su tavola e acciaio inox, sculture in ferro dipinto e vetroresina.
Nella sua produzione Cipolli vanta la realizzazione di mirabili Pegaso, il cavallo alato simbolo della Regione Toscana, ma anche le varie declinazione dell'universo femminile, e poi realizza tanti Pinocchio, Arlecchino, attratto dalla natura oltremondana, le nature morte, e i suoi immancabili aquiloni che ama installare su facciate di chiese, alte torri, sul prospetto di palazzi storici, con citazioni tratte da Caravaggio, Picasso e Pelizza da Volpedo, autori nei quali Marco Cipolli si rinosce per poetica e per quella personalità poliedrica che anche a lui appartiene. Tra i numerosi premi internazionali ricevuti ricordiamo quelli degli anni 1982, 1983 (Il Cenacolo, Primo classificato per la grafica). Oggi l'artista vive e opera a San Giustino Valdarno (Arezzo) nella sua casa-studio.

Titolo: Marco Cipolli. SF Sguardi Femminili

Apertura: 11/12/2021

Conclusione: 11/01/2022

Curatore: Giovanna M. Carli

Luogo: San Giustino Valdarno, Studio d'artista Marco Cipolli

Indirizzo: Via A. Gramsci, n. 5, San Giustino Valdarno - Loro Ciuffenna (AR)

Inaugurazione: sabato 11 dicembre 2021, ore 17:00

Fino a martedì 11 gennaio 2022: tutti i giorni su appuntamento