Marina Paris. Storie incompiute

  • Quando:   29/05/2024 - 21/09/2024

FotografiaMostre a Roma


Marina Paris. Storie incompiute
Marina Paris, SENZA TITOLO, 2024

La galleria Gilda Lavia di Roma ha il piacere di ospitare Storie incompiute, mostra personale di Marina Paris curata da Valentina Ciarallo che inaugurerà martedì 28 maggio alle ore 18.

L'esposizione si focalizza sul tema dell'incompiuto e attraverso una serie di scatti inediti rende omaggio all'architettura di Luigi Moretti (1907-1973), la cui capacità progettuale e intellettuale era volta ad immaginare la struttura come forma, tramite l'analisi delle relazioni spaziali. Un'installazione ambientale tra coni di luci e fenditure di ombre, ritmata da un sottofondo sonoro progettato dalla stessa artista, conduce il visitatore alla scoperta di spazi irreali ma vivi, composizioni architettoniche che potrebbero essere state ma non lo sono, luoghi che non sono luoghi.

Interessata da sempre all'architettura Marina Paris interpreta attraverso il mezzo fotografico la costruzione di uno spazio come modulabile e modificabile, luogo di accadimenti e di sedimentazione del tempo tra uomo e ambiente, metafisica dell'orizzonte intesa come dimensione antropologica per indagare l'esistenza umana. Fonte di ispirazione per Storie incompiute è l'ultimo libro di René Daumal (1908-1944), Il monte Analogo (pubblicato postumo nel 1952), tra le letture significative della scrittura del Novecento. Rimasto incompiuto per la morte improvvisa dell'autore, il romanzo è un'allegoria di un viaggio spirituale e assoluto dell'uomo, la cui valenza simbolica rimane fino alla fine ineffabile. L'autore trasporta il lettore nel regno dell'analogia, dove nulla è vero ma tutto è verità. Alla ricerca di qualcosa di irraggiungibile, marcato nel racconto da una virgola prima del nulla, dove la narrazione si interrompe.

Quella virgola che porta a fantasticare e a creare un immaginario inedito è il preludio metaforico con cui la Paris rappresenta qualcosa che non esiste ma che potrebbe essere, meditando sulla dimensione storica e temporale di un non-finito. Ripercorrendo la storia, innumerevoli sono le opere rimaste incompiute come nel campo musicale da Bach a Schubert, nella storia dell'arte da Michelangelo a Cézanne e nella letteratura da Kafka a Pasolini. Come diceva Francis Bacon/Francesco Bacone nel commiato della sua Nuova Atlandide; "The rest was not perfected" (trad. Il resto non è stato perfezionato).

In ambito architettonico alcuni progetti, per una serie di contrattempi indefiniti, sono rimasti sulla carta. L'assenza di una conclusione definitiva lascia così spazio all'immaginazione portando a riflessioni su ciò che sarebbe potuto essere se l'opera fosse stata completata, custodendo quell'incanto di imperfezione che porta ad una nuova narrazione.... leggi il resto dell'articolo»

Nel 2019 Marina Paris ha iniziato a fotografare e documentare una serie di maquette essenziali nel processo di progettazione, custodite all'interno dell'Archivio Centrale dello Stato nel quartiere Eur di Roma, riguardanti alcune figure di rilievo dell'architettura italiana che hanno operato dagli anni Trenta agli anni Sessanta. Un'attenzione particolare è stata rivolta ai progetti di Luigi Moretti e principalmente a quelle idee irrealizzate, come l'ampliamento architettonico dell'Accademia Nazionale di Danza a Roma (1955) che sarebbe dovuto sorgere nel quartiere di San Saba. L'artista rende vivo il luogo in formato gigante, con un doppio scatto prospettico, accentuando con il mezzo i neri delle ombre e i bianchi della luce e trasportando il punto di osservazione tra curvature spazio-temporali su qualcosa dove "niente è vero ma tutto è veridico", come lo stesso Daumal scriveva. L'alternarsi di immagini macro e micro, scandito da un effetto sonoro, invita lo spettatore a intuire l'esistenza di uno spazio altro, in divenire, tra il vero e il verosimile, tra la progettualità del pensiero e la potenzialità dell'incompletezza come luogo etereo capace di raccontare nuove storie.

Tra i prototipi fotografati dalla Paris anche quello per un nuovo stadio di nuoto a Roma (1960).
Nel modellino la vasca è abbracciata da due ali, quasi a spiccare il volo come l'immagine in bianco e nero destinata a trasportarci altrove. Dalle forme circolari e concentriche di Villa De Angelis a Roma pensata nel 1972 per sorgere sulla Via Cassia, l'occhio di Marina Paris ci restituisce immagini piene di plasticità e colpi di luce vibranti. Iconica la moderna palazzina razionalista "Il Girasole", finalizzata nel 1947-1950 in Viale Bruno Buozzi a Roma e chiamata così perché capace di carpire la luce come il grande fiore giallo. L'architetto amava attribuire sempre un nome ai suoi edifici e la caratteristica principale de "Il Girasole" è una grande spaccatura al centro e panneggi che increspano le pareti laterali della costruzione infrangendosi alla luce. La stessa luce che l'artista usa in maniera pittorica per entrare negli interni con inquadrature diradate dal sapore giottesco, apparentemente immobili e cristallizzate, forme destinate ad essere relativamente reali.

Moretti realizza gli edifici della ex-sede della Esso e Sgi all'Eur (1962), detti anche "edifici gemelli". Qui lavora sulla rarefazione dei prospetti e sulla monumentalità dell'ingresso rispecchiando l'idea di maestosità immaginata da Marcello Piacentini nel 1937 per il quartiere.
La fotografia gioca su fasci di luce che rimarcano orizzontalmente le linee dei volumi.
Tra il 1963 e il 1969 l'architetto progetta il Complesso Termale della Fonte Bonifacio VIII a Fiuggi, frutto di sintesi armonica tra il paesaggio naturale circostante di un castagneto e le linee curve della struttura. La tettoia a sagoma trapezoidale ricorda una tenda araba sia per il senso di leggerezza che per l'uso come riparo dal sole e la serie di scatti ne documenta la leggiadria e modularità.

Storie incompiute è una rilettura inedita testimoniata dal mezzo fotografico che per Marina Paris diviene ricerca e non compimento, esprimibile nella certezza di un non finito che nel caso di Moretti e nella sua incompletezza trova la bellezza del compiuto.

Valentina Ciarallo

Per l'audio si ringrazia: AmandineMarty_2012_03 di Iut_Paris8, Hammer_earth.aif di Joseph.Larralde, Waldord Nave space sound di Martinbeltov e la gentile collaborazione di Flavia Lazzarini e Leonardo Petrucci.

Biografia dell'artista

Marina Paris, nata a Sassoferrato (AN) nel 1965, vive e lavora a Roma.
Esprime la sua ricerca artistica attraverso diversi mezzi di rappresentazione e diversi media: dalla video animazione al disegno, dalla fotografia alle installazioni site-specific. L'interesse per l'architettura - intesa come filtro per la percezione dello spazio circostante e come sistema di relazione tra uomo e ambiente - invade quasi tutte le sue opere.
Scenari urbani e domestici sono spesso i soggetti principali delle sue fotografie o il punto di partenza per installazioni site-specific. Diventano, in sostanza, il codice linguistico attraverso il quale l'artista parla all'umanità, pur non rivelandone mai la presenza. In quanto riferimenti collettivi, le componenti architettoniche diventano per l'artista strumenti antropologici utili ad indagare l'identità dell'essere umano contemporaneo.
Tra le principali mostre, si segnalano: 2024 Evocation. A nomadic Exhibition project, Galleria Brugier Rigail Parigi, Musée Fragonard Grasse, Galleria Otto, Bologna; 2023 Un presente indicativo Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma; 2022 Micro_Zone, MLAC Museo della Sapienza; Roma; 2022 Zerynthia. Metamorphosis, Galerie de l'UQAM, Montréal, Canada.; 2022 Upcycle, Residenza dell'Ambasciata italiana, Berna Svizzera; 2019 Urban fragments, Galleria Spazio Nuovo Roma; 2018 Challenging beauty – Insights of Italian Contemporary Art Parkview Museum di Singapore; 2014 Mont'oro, Galleria Montoro12, Roma; 2013 62+3, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma; 2013 Ritratto di una città#2. Arte a Roma 1960-2001 MACRO – Museo d'Arte Contemporanea Roma; 2013 Nell'acqua capisco, Evento collaterale 55. Esposizione Internazionale d'Arte Biennale di Venezia; 2012 Unreal spaces, Galleria Jiry Svestka Praga; 2010 Other spaces, other chances, Musée d'Art Moderne de Saint-Étienne Métropole, Saint-Étienne, Francia.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Marina Paris. Storie incompiute

Roma - Galleria Gilda Lavia

Apertura: 29/05/2024

Conclusione: 21/09/2024

Organizzazione: galleria Gilda Lavia

Curatore: Valentina Ciarallo

Indirizzo: Via dei Reti, 29/c - Roma

Inaugurazione: martedì 28 maggio 2024 alle ore 18

Orari di apertura: dal martedi al sabato 14-19

Per info: info@gildalavia.com - tel 06 5803788

Sito web per approfondire: https://www.gildalavia.com



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporaneamostre Roma

Just add water: Something fishy

PrimaLinea Studio presenta la bipersonale di Alessandra Cecchini e Andrea Frosolini "Just add water: Something fishy", a Roma dal 22 giugno al 7 settembre 2024. leggi»

22/06/2024 - 07/09/2024

Lazio

Roma

Ingresso libero su appuntamento

Arte contemporaneamostre Roma

Achao. Celestial Height

Inaugurata sabato 22 giugno, la mostra personale dell'artista francese Achao dal titolo Celestial Heights sarà visitabile fino al 30 giugno 2024. leggi»

22/06/2024 - 30/06/2024

Lazio

Roma

Ingresso libero

Sculturamostre Roma

Louise Bourgeois. L'inconscio della memoria

Galleria Borghese presenta "Louise Bourgeois. L'inconscio della memoria", prima mostra dedicata dalla galleria ad un'artista contemporanea, tra le più influenti del secolo scorso, dal 21 giugno al 15 settembre 2024. leggi»

21/06/2024 - 15/09/2024

Lazio

Roma

Arte visivamostre Roma

Omaggio a Louise Bourgeois a Villa Medici

A complemento della mostra Louise Bourgeois. L'inconscio della memoria, allestita alla Galleria Borghese, Villa Medici presenta due opere di Louise Bourgeois. leggi»

21/06/2024 - 15/09/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Nino Perrone. Nel vento della pittura

Nino Perrone presenta la sua nuova personale "Nel vento della pittura" alla Galleria Vittoria di Roma, dal 19 giugno al 06 luglio 2024. leggi»

19/06/2024 - 06/07/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Not-Only Urban

Dal 21 al 30 giugno 2024 la città di Frascati accoglie la collettiva "Not-Only Urban", curata da Alessio Musella e Alessandro Giansanti: Urban, Street Art, Pop e Neo-Pop, Art brut, Naïf e Graffitismo. leggi»

21/06/2024 - 30/06/2024

Lazio

Roma

libero e gratuito

Arte contemporaneamostre Roma

Corrado Veneziano | Dipingendo Cavalcaselle, di tersa mano

Fino al 28 luglio 2024 il Museo Nazionale Romano ospita la mostra di Corrado Veneziano, il suo tributo a Giovanni Battista Cavalcaselle, studioso originali e affascinanti della storia dell'arte italiana. leggi»

19/06/2024 - 28/07/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Processi 151

Accademia di Spagna a Roma presenta PROCESSI 151 dal 20 giugno fino al 1° settembre 2024. leggi»

20/06/2024 - 01/09/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

S-XS

La Galleria il Leone di Roma, il giorno 21 giugno 2024 alle ore 18.00 inaugurerà la mostra intitolata S-XS. leggi»

21/06/2024 - 06/07/2024

Lazio

Roma

Ingresso gratuito