Materiae. Gianni Andolina e Lauretta Barcaroli

  • Quando:   29/06/2024 - 04/08/2024

Arte contemporaneaMostre a SiracusaNoto


Materiae. Gianni Andolina e Lauretta Barcaroli

Nell'ambito della Rassegna "Percorsi di NOTOrietà 2024", la doppia personale "Materiae", con opere di Gianni Andolina e Lauretta Barcaroli, inaugura sabato 29 giugno, nei Bassi del Palazzo Nicolaci di Villadorata a Noto (SI).

Aperitivo con gli Artisti, sabato 29 giugno ore 18,30 con presentazione critica di:

Michele Romano per Gianni Andolina

collezione di scultura contemporanea "Metamorfosi"

Ornella Fazzina per Lauretta Barcaroli... leggi il resto dell'articolo»

collezione di pittura informale "Ogni possibile mondo".

Coordinamento e organizzazione Vincenzo Medica per Studio Barnum contemporary.

METAMORFOSI
Il mito della policromia lapidea nell'opera di Gianni Andolina

La cosmogonia del mito nella meraviglia lapidea di Gianni Andolina è il dedalo narrativo di un artista che conduce la sua intrinseca ricerca dal fare o agire sulla pietra per una idea altra o alta, ovvero il pensiero della iconologia visiva nel barocco mediterraneo.
I suoi ritratti lapidei, sono conci apotropaici, sono chiavi di volta che custodiscono e tutelano il focolare domestico, sono tratti fisiognomici che rievocano la metamorfosi barocca nella sua trasmutazione del mito greco, dalla Medusa/Gorgone dalle fauci spalancate al volto di una sirena dalle fattezze umane e territoriali. La morbidezza e la monocromia di questa pietra calcarea del Val di Noto è la giusta modellazione per il nostro artista, che dall'idea si traduce nella mano e dalla mano al fare cultura dell'Arte, quel senso del visivo come epica narrativa della produzione artistica.

I suoi temi, i suoi soggetti, i suoi percorsi iconografici vivono il senso visivo del Genius Loci, l'artista che si narra attraverso la materia, che respira la sua terra, il suo luogo vivente, una bianca cava di pietra, una strumentazione che lo conduce alle grande sfere del mito e della geometria policroma. Il suo percorso artistico lo conduce e ci conduce dalla figurazione senza tempo (il mito narrato) ad una essenza delle forme, più volte totemiche, quasi delle torri o piedistalli verticali che ci invitano ad una lettura ascensionale, dalla Madre Terra alla Volta Celeste.

A questo punto, la sua mano creativa introduce la policromia dell'isola: l'azzurro quasi lapislazzulo, il verde della foglia d'acanto, il giallo della Terra del Sole. Le forme, apparentemente semplici, sono il frutto di una attenta ricerca atavica delle forme del mito siciliano, le sue epiche fattezze che dal mondo autoctono ibleo conducono alla figurazione ellenica e si traducono nella cultura islamica e mediterranea della Trinacria catalano-aragonese. Dalla ceramica a lustro del mondo arabo-mesopotamico alla policromia della ceroplastica mediterraneo occidentale, dalla Catalogna alla Sicilia aragonese e castigliana. Queste opere, questi manufatti (fatti a mano), questi segni narrativi sono l'alfabeto immaginario di una terra del mito e della storia, di uomini e di popolazione che l'artista traduce dal mestiere del mastro lapideo alla creatività più contemporanea. Le sue geometrie pure, un cono o una piramide, il ritorno alle forme semplice della tradizione sono il nuovo linguaggio di Gianni Andolina, artista per passione e isolano per vocazione.

Michele Romano
Accademia di Belle Arti di Catania

LA FORZA ESTETICA ED EMOTIVA DELLA MATERIA
Di matrice informale risultano essere le opere di Lauretta Barcaroli per la ricerca polimaterica e segnica che persegue da anni con estrema e personale libertà compositiva. Le sue tele appaiono come un territorio che si apre all'improvviso alla vista altrui, descrivendo una sorta di paesaggi che sono in realtà luoghi della mente, stratificazioni di segni, memorie, riflessioni, risultato di studiate sovrapposizioni di colore e materiali extrapittorici come stoffe, legni e ferro. Tale pratica progressiva dà origine ad una epifania, dove la luce si insinua nelle pieghe della materia, caratterizzando questi lavori che appartengono ad una dimensione psichica, più intima, ma che possiamo avvicinare nel suo dato fenomenico, addentrandoci altresì in una zona di pensiero che permette di accostarci al dato concettuale. La sua ricerca muove tra il tentativo di appropriarsi della realtà e il desiderio di recuperare una memoria, creando uno spazio fisico dentro al quale esprimersi e riconoscersi. Sono spazi interstiziali riempiti del proprio mondo interiore la cui formalizzazione è frutto di un progetto estetico. Barcaroli parte da oggetti della quotidianità, tagli, incisioni, per giungere ad un mondo che porta con sé tracce di una umanità che si confronta con la complessità della vita, oltre a sperimentare, nel contempo, la capacità di richiamare alla mente tematiche condivise e accedere a immagini archetipiche.

Ogni possibile mondo è la narrazione, tramite stratificazioni cromatiche e materiche, di un pathos collettivo che si tramuta in bellezza e apparente leggerezza, grazie al processo di trasformazione insito nel linguaggio dell'arte.
Da un fondo fatto di materia e luce emergono impronte, scritture segniche ancestrali che evocano forme fossili, immagini universali senza tempo né luogo. Il suo è un procedere che lascia aperta la forma nella effimera incompiutezza e decostruzione, rivelatrice di storie e metafora della trama della vita, dove tra anfratti, vuoti e pieni, cromie che si accordano e si contrastano, si manifesta tutta la potenzialità espressiva ed emotiva nel nascondere e rivelare, dando vita a un rapporto osmotico tra forma e materia in un incessante contorcersi, raggrumarsi, reinventarsi.

Ornella Fazzina
critico d'arte

"Percorsi di NOTOrietà 2024" è curata da Studio Barnum contemporary e NotoArte artisti associati, con il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Noto.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Materiae. Gianni Andolina e Lauretta Barcaroli

Noto - Bassi Palazzo Nicolaci di Villadorata

Apertura: 29/06/2024

Conclusione: 04/08/2024

Curatore: Ornella Fazzina e Michele Romano

Indirizzo: via Corrado Nicolaci - 96017 Noto (SI)

Inaugurazione: Aperitivo con gli Artisti, sabato 29 giugno ore 18,30

Orario di apertura: 17.00/21.00

Cataloghi e locandine in galleria

Ingresso libero

Sito web per approfondire: https://www.comune.noto.sr.it



Altre mostre a Siracusa e provincia

Arte contemporaneamostre Siracusa

Davide Rivalta al Parco dell’Anima

Venerdì 19 luglio alle 19,00 Davide Rivalta porta due Leoni al Parco della biodiversità di Noto. leggi»

19/07/2024

Sicilia

Siracusa

ingresso gratuito

Arte contemporaneamostre Siracusa

Davide Bramante. Pan_Estesìa. Tutta la bellezza che ho negli occhi

Per la prima volta nella sua città, Davide Bramante espone "Pan_Estesìa. Tutta la bellezza che ho negli occhi", fino al 31 ottobre 2024 nella Galleria Regionale di Palazzo Bellomo a Siracusa. leggi»

14/05/2024 - 31/10/2024

Sicilia

Siracusa

Arte contemporaneamostre Siracusa

R - esistenza. Chiara Fronterrè e Andrea Parisio

Fragilità e resistenza: l’agave di Chiara Fronterrè e i volti di Andrea Parisio in mostra dal 10 luglio al 5 agosto 2024 a Marzamemi. leggi»

10/07/2024 - 05/08/2024

Sicilia

Siracusa

Arte contemporaneamostre Siracusa

Lorena D'Ercole. Goditela

Goditela di Lorena D'Ercole, una mostra che celebra il sublime della vita Chiesa sconsacrata di Gesù e Maria, a Ortigia, Siracusa. leggi»

08/07/2024 - 08/09/2024

Sicilia

Siracusa

Ingresso gratuito

Arte contemporaneaSculturamostre Siracusa

Francesco Diluca. Rarica

Dal 20 aprile al 30 settembre 2024 le sculture di Francesco Diluca rendono omaggio alla Sicilia dal mare del Castello Maniace di Ortigia e tra la natura dell'Orto Botanico dell'Università di Palermo. leggi»

20/04/2024 - 30/09/2024

Sicilia

Siracusa