Meteore Fest: lo spazio è queer - Roma

  • Quando:   31/05/2024 - 14/06/2024
  • evento concluso

InstallazioniPerformanceMostre a Romaqueer


Meteore Fest: lo spazio è queer - Roma

Dopo il successo di ULTRAQUEER e Queer Pandèmia, la cultura queer torna a essere oggetto di riflessione per ripensare gli spazi, innovare le pratiche artistiche e creare comunità inclusive. Il festival Meteore Fest: lo spazio è queer, organizzato da TWM Factory e BASE Milano si pone l'obiettivo di costruire un ponte tra due centri culturali ibridi: Roma Smistamento e BASE Milano.

Un festival di trasformazione sociale e culturale – una piattaforma per voci emergenti e affermate della scena contemporanea, Meteore Fest è una dichiarazione potente sul ruolo e sullo spazio destinato alle comunità queer nelle città di Roma e Milano. Con un programma che include installazioni, performance, presentazioni, laboratori di arte partecipata e workshop, il festival ha l'obiettivo di valorizzare questi spazi e creare luoghi di incontro, rappresentazione e riflessione.

Come affermano i curatori Carlo S. Battisti, Nicola Brucoli e Federico Sacco: «Meteore Fest è un'esperienza che attraversa lo spazio, il tempo e i corpi, si stratifica nei luoghi che lo ospitano, così come nelle menti di chi vi partecipa. Meteore non si limita alle performance o ai dibattiti, ma vuole svilupparsi negli spazi interstiziali, nei momenti tra un happening e l'altro, nei rapporti umani che offrono l'opportunità di trasformare l'ordinario in straordinario, per ripensare gli ambienti comuni attraverso la scia del pensare queer».

Lɜ artistɜ e pensatorɜ selezionatɜ per questa edizione riflettono su come il fare-queer possa costruire spazi nuovi che tengano conto delle diversità e che le valorizzino nel rispetto dell'altro, umano, animale, vegetale o artificiale. Gli atti performativi e installativi lasceranno un'impronta nello spazio stratificando non solo le opere, ma anche le storie personali e collettive che queste rappresentano. I contributi internazionali di The Queer Architect, Sarina Scheidegger, Bora Murmure e Leslie Kern arricchiscono un patrimonio nazionale materiale e immateriale. Le sound performance di Egeeno e Thomas Valerio, la poesia performativa di Questa Cosa Queer, le voci e le storie di Antonia Caruso e Giorgio Umberto Bozzo si sedimentano negli archivi della nostra ricerca affianco alle armature in cartapesta di Franca Fungo e alle sagome del collettivo plurale. Costruiremo spazi politici con la riscoperta dei materiali dell'Archivio Omologie con Eleonora Sabet e con il laboratorio naturale dell'artista e attivista Elena Zecchin. La performance non si limita a essere "spettacolo", ma esplora canali comunicativi e partecipativi attraverso le forme laboratoriali di Giulia Cauti e Selenia Marinelli che con BioQueer Tectonics includeranno il pubblico nella creazione di bioplastiche, rendendo l'architettura una pratica inclusiva e un'interfaccia per una coesistenza multispecie. Concrete Snails di Martina camani e Fabio Ranzolin in collaborazione con il collettivo Falive guiderà performer e musicistɜ nell'esplorazione del corpo come casa per abitare il mondo.

«Nelle nostre riflessioni, il festival si immerge in una nuova dinamica di pensiero e azione. Quest'anno abbiamo deciso di focalizzarci sulle pratiche performative: crediamo che questo sia lo spazio in cui l'arte supera la contemplazione, trasformandosi in un momento di partecipazione, attivazione e riflessione. Un catalizzatore per le comunità, un anelito di mutazione del pensiero basato sull'archetipo dei safe space, luoghi di rispetto della diversità cari a tutta la comunità LGBTQIA+» afferma Carlo Settimio Battisti, curatore e direttore artistico del festival.... leggi il resto dell'articolo»

«In questi tempi le istanze della comunità queer vengono trascurate, se non osteggiate, da una politica dominante», dichiara Nicola Brucoli, Presidente dell'Associazione Culturale TWM Factory. «Scegliere di costruire un palinsesto di questo tipo è un atto rivoluzionario e sovversivo. La nostra esperienza con Roma Smistamento ci ha insegnato l'importanza di creare spazi dove le persone possano esprimersi liberamente e sentirsi valorizzate nelle proprie caratteristiche. Con Meteore Fest vogliamo conquistare spazi di riconoscimento, specialmente per coloro che troppo spesso non trovano posto altrove».

«L'apparato teorico di Meteore Fest crea una linea di continuità tra gli spazi storicamente destinati alle espressioni del queer, come l'ambiente domestico e quello del club, e la città. Tale approccio cerca di sciogliere le conflittualità veicolate da una società binaria creando un dialogo tra fuori e dentro, tra performer e pubblico. La performance assume importanza proprio nella compartecipazione dell'atto creativo, che lascia un'impronta visibile o effimera, e costruisce spazi ibridi e magmatici, ora riconoscibili e abitabili» afferma Federico Sacco, assistant curator e coordinatore editoriale in TWM Factory.

Un impegno verso l'accessibilità: il crowdfunding per un festival gratuito
Con l'obiettivo di rendere Meteore Fest: lo spazio è queer accessibile a tutti, TWM Factory ha avviato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Produzioni dal Basso, per coprire le spese organizzative e garantire che ogni evento possa essere ad accesso gratuito. Un impegno per superare le barriere economiche che spesso limitano l'accesso alla cultura e all'arte. Attraverso il supporto della comunità, il festival aspira a diventare un luogo inclusivo e aperto a chiunque.


Per contribuire alla campagna: link

GIORNI E ORARI DI APERTURA

Opening Roma (Roma Smistamento) - Via Giuseppe Arimondi, 3
31 maggio | 1 giugno | 7 giugno | 14 giugno
dalle 18 alle 23

VENERDÌ 31.05
Opening 18h00
Mostra – The Queer Architect
Poster series «WHO AM I» – Sarina Scheidegger
Book Launch – 19h00 – Corpi Invisibili (BeccoGiallo) e Stone Butch Blues (Asterisco Edizioni) Modera Lou Ms. Femme.
Live performance «Maschile ausiliare» – 21h30 – di Gioele Coccia con un intervento di Lorenzo Gasparrini.

SABATO 01.06
Opening 18h00
Installazione «Milabilia. proiezioni sfacciate» – del collettivo Storthø
Live performance «Reconnect your body» – 20h00 – di plurale
Showcase – 21h30 – di Questa Cosa queer: performance di poesia orale

VENERDÌ 07.06
Opening 18h00
Installazione fotografica «I NEED YOU (volemose bene) – di Puertosool
Laboratorio «BioQueer Tectonics» – 18h30 – con Selenia Marinelli e Giulia Cauti
Performance «STAR» – 20h00 – di Thomas Valerio
Sound performance «IT DEPENDS ON YOU» – 21h30 – di Egeeno

VENERDÌ 14.06
Opening 18h00
Video installazione «FUTURI POSSIBILI» – di Anahi Mariotti
Book Launch – 19h00 – Le radici dell'orgoglio
Live performance «CORPO SINTETICO» – 21h30 – con Elisa Melodia
Cabaret Drag performance «Los Perros - Flewid Queer Cabaret» – 22h30 – con Albah Bernaux, Gonzalo Mirabella, Monjardin, Savage Dickson, Vanthill Romita, Victroia Sbelletti e Yuki

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Meteore Fest: lo spazio è queer - Roma

Roma - Smistamento

Apertura: 31/05/2024

Conclusione: 14/06/2024

Organizzazione: TWM Factory e BASE Milano

Curatore: Carlo S. Battisti, Nicola Brucoli e Federico Sacco

Indirizzo: Via Giuseppe Arimondi, 3 - Roma

Sito web per approfondire: https://spazio-smistamento.twmfactory.it/