Naturae memoria. Francesca Della Toffola / Stefano Zaratin

  • Quando:   25/03/2022 - 10/04/2022
  • evento concluso

Fotografia Scultura

Naturae memoria. Francesca Della Toffola / Stefano Zaratin
A sinistra: Alga di FRANCESCA DELLA TOFFOLA. A destra: Still Life (Taraxcum Nigrum) di STEFANO ZARATIN

Si inaugura venerdì 25 marzo 2022 a Spinea Naturae memoria, quinta mostra della rassegna di arte contemporanea MEMORIAE, voluta dal Comune di Spinea e curata da Santina Ricupero, con la collaborazione dell’Associazione Contemporis ETS.

Il progetto comprende sette esposizioni che indagano i rapporti della memoria con l’identità, la natura, l’oblio, lo sradicamento, il tempo, il silenzio.

Naturae memoria propone al publico il lavoro di Franceca Della Toffola, fotografa e curatrice di Trevignano Fotogafia, a confronto con le sculture dell’artista mestrino Stefano Zaratin.

Le foto di Francesca Della Toffola, esposte nella sede espositiva di Santa Maria Assunta appartengono alle serie Accerchiati incanti, titolo tratto da un verso di A. Zanzotto.
Una poetessa con la macchina fotografica è il titolo del testo critico a lei dedicato da Monica Mazzolini nel pieghevole della mostra. Sono infatti, quelle di Francesca, poesie da leggere nelle immagini fotografiche, rigorosamente racchiuse in un tondo, in un cerchio, simbolo non solo di perfezione e infinito ma anche della terra, della femmininilità, della maternità e della visione circolare propria dell’occhio umano e della luce ( Francesca Della Toffola). L’artista ama fotografarsi nella natura, usa il corpo come oggetto del suo lavoro, indagandone tutte le possibilità espressive, alla ricerca di una identità più profonda. Sovrappone gli autoscatti a prati, laghi, distese innevate. La fusione totale del suo corpo con la natura, la rende parte di un tutto infinito, trasmettendo una grande sensazione di armonia e quiete.
Una fotografia vicina al neopittorialismo e alla corrente ottocentesca dei Preraffaelliti, secondo molti critici e storici della fotografia tra cui Giorgio Bonomi, Italo Zannier e la stessa Monica Mazzolini.

Stefano Zaratin, scultore, conduce negli ultimi anni, una ricerca orientata al conflittuale rapporto Uomo/Natura. Caratteristica peculiare del suo lavoro è la gamma cromatica: solo bianco, nero e i colori dei materiali stessi. Si interroga profondamente sul futuro del nostro ambiente facendo scaturire dalle sue riflessioni uno scenario apocalittico e straniante. Infatti, nelle sculture, ottenute assemblando materiali vari ( carta, fili, rami, legno, pastiche oggetti vari..), i materiali organici si trasformano in bituminosi : il fiore in un vaso di vetro ha i petali in metallo e una bellezza scultorea da ammirare ma, sul fondo del vetro, al posto dell’acqua, delle macchie di bitume colpiscono il nostro sguardo. Un sottile senso di disagio disturba la nostra contemplazione di fronte alla trasformazione in atto.
Il lavoro di Stefano è un lavoro di denuncia di come, quotidianamente stiamo avvelenando il nostro ambiente. Le sue sculture sono delle metamorfosi: l’artista mescola materiali vari dando luogo a una natura di sua personale invenzione.

Due mostre con uno sguardo diverso sulla natura: romantico quello di Francesca Della Toffola con la necessità di essere un tutt’uno con la Natura e critico, razionale, lo sguardo di Stefano Zaratin che ci mette in guardia sull’attentato quotidiano all’ambiente e all’ecosistema. Possiamo parlare di un fare artistico femminile e uno maschile? E un dilemma sempre aperto…..

Mostre a seguire nel 2022:

Identitas Memoria Elisa Biagi . Andrea Serafini ( 29 aprile -15 maggio) Testi critici Monica Mazzolini, Luca Berta e Francesca Giubilei.

Tempus Memoria Identitas Santina Ricupero . Maria Angela Tiozzi ( 27 maggio -12 giugno) a cura di Francesca Giubilei e Monica Mazzolini.

Titolo: Naturae memoria. Francesca Della Toffola / Stefano Zaratin

Apertura: 25/03/2022

Conclusione: 10/04/2022

Curatore: Santina Ricupero in collaborazione con Contemporis ETS

Luogo: Spinea (VE), Sede espositiva Santa Maria Assunta

Indirizzo: Via Rossignago - Spinea

Testi critici: Francesca Giubilei Luca Berta e Monica Mazzolini

Orari: da giovedì a domenica 15,30-19; sabato e domenica: 10 - 12 / 15,30 – 19

Sedi espositive:
Oratorio Santa Maria Assunta via Rossignago - Spinea
Oratorio Villa Simion Via Roma 265 - Spinea

Sito web per approfondire: https://contemporis.org/