Noemi Durighello
Ettore Pinelli

  • Quando:   13/09/2023 - 01/10/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Bologna


Noemi Durighello | Ettore Pinelli

LABS Contemporary Art presenta "Noemi Durighello/Ettore Pinelli", un progetto speciale che anticipa l'apertura della sua nuova stagione espositiva.

Sostenendo la giovane creatività italiana, LABS Contemporary Art partecipa e sostiene attivamente i premi più interessanti del panorama artistico nazionale mettendo a disposizioni i propri spazi espositivi come opportunità concreta per la promozione del lavoro di nuovi talenti.
La mostra si connota come una doppia personale che ha come protagonisti Ettore Pinelli (Modica, 1984) e Noemi Durighello (Feltre, 1996), rispettivamente vincitori nella sezione Pittura dei premi ARTEAM CUP (2020) e COMBAT Prize (2022).

La galleria segue un impegno preciso di promozione e di sostegno al loro lavoro proponendo per l'occasione gli esiti più recenti della ricerca dei due artisti.
L'opera di Ettore Pinelli si presenta come un'indagine sulle questioni fondative dell'atto pittorico, da lui inteso come processo di meditazione continua e di rielaborazione sulla tela del rapporto tra forma e colore. Quelle che, all'apparenza, riconosciamo come pitture monocrome sono il risultato di un laborioso processo di costruzione dell'immagine in cui l'artista combina figurazione e astrazione innestando tra esse un dialogo intricato fatto di contrasti e di sovrapposizioni, fino a giungere alla negazione dell'immagine dipinta.
Quest'ultima, però, non è annientata nella sua interezza ma resta presente, in latenza, sulla tela: riusciamo a coglierne tracce e indizi tra le velature del colore e lungo i suoi bordi ovvero lì dove il gesto di Pinelli si mostra più indulgente giungendo a un moderato compromesso a favore della figurazione.
I soggetti della sua pittura sono immagini di scontri e di proteste violente liberamente colte dai media. Pinelli ha definito questa sua ricerca come un'analisi antropologica della società occidentale mostrandosi spesso pronto ad ampliare la sua visione comprendendo in essa scene di scontri tra animali e di paesaggi mostrandosi propenso a una più complessa costruzione iconografica della violenza. Il lavoro di Pinelli sembra così reggersi su una visione duale: i soggetti di partenza ci parlano di caos, di agitazioni impreviste e di istinti liberi; la resa finale dell'opera si mostra al contrario pacata e prevedibile. Le cromie scelte per la sua pittura sono variazioni di grigi o di blu, concedendosi a volte ai rosa, agli azzurri e ai cerulei stesi con pennellate alternate fitte e leggere, con un gesto sempre controllato che non permette errori.

Se Ettore Pinelli parte dal dato reale per trasformarlo e attualizzarlo in una gestualità tutta interna alla pittura, Noemi Durighello presenta un processo creativo che si muove esattamente all'opposto. L'intrusività della pittura di Pinelli è qui messa a confronto con un'azione dal carattere primariamente estrusivo: la pittura di Durighello rivendica con forza la sua assonanza alla realtà e la cerca in un rapporto di continuo scambio di scala dimensionale, oltre i limiti della tela. Assistiamo a un gioco di identità e di ambiguità, di riflessioni speculari, e a continui salti da un'immagine all'altra fino alla deriva oggettuale: Durighello si appropria di oggetti quotidiani – per esempio specchi o parabole televisive – che diventano la base per una considerazione sull'essenza stessa dell'immagine e della sua fruizione. Questa sua pittura, fatta di geometrie rigorose e campiture cromatiche composite, si attualizza nell'incontro con l'oggetto che la vivifica e la rende vibrante.
Al centro della sala espositiva, l'opera "Satellite" porta all'estreme conseguenza questo atto di ibridazione tra immagine e oggetto reale concretizzandosi in un'installazione che, nella sua sagoma, richiama quella di un'abitazione. La tela si proietta nello spazio reale e si contamina con oggetti trovati, diventando un elemento dinamico e sfaccettato. La pittrice ricerca un'interazione più diretta con lo spettatore e suo un coinvolgimento emotivo più profondo, raggiunto attraverso la tridimensionalità dell'opera. Gli elementi di recupero e l'apparente consunzione della struttura installativa si rivelano una citazione della materia che ha ispirato Durighello: una casa demolita alla periferia di Dresda che nella complessità della sua configurazione architettonica si rivela come una affascinante e coerente stratificazione di elementi visivi. Noemi Durighello giunge, così, nella sua ricerca a una riflessione sulla transizione e sulla trasformazione dell'immagine partendo da un contesto di rovine e di abbandono che si trasforma, in questo approccio, in qualcosa di nuovo e di significativo.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Noemi Durighello
Ettore Pinelli

Bologna - Labs Contemporary Art

Apertura: 13/09/2023

Conclusione: 01/10/2023

Organizzazione: LABS Contemporary Art

Curatore: Leonardo Regano

Indirizzo: Via Santo Stefano 38 - 40125 Bologna

Opening: 13 settembre 2023, h. 18.00 - 21.00

Orari: da Martedì a Sabato | 10 - 13 / 15 -19

Informazioni: Tel. +39 051 3512448 | +39 348 9325473 | info@labsgallery.it 

Sito web per approfondire: https://www.labsgallery.it/



Altre mostre a Bologna e provincia

Arte moderna Arte contemporanea Fotografiamostre Bologna

I preferiti di Marino. Capitolo I

"I Preferiti di Marino. Capitolo I" è la nuova mostra di Fondazione Golinelli, visitabile al Centro Arti e Scienze Golinelli di Bologna, dal 2 febbraio al 30 giugno 2024. leggi»

02/02/2024 - 30/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Pittura del '500mostre Bologna

Ludovico e Annibale Carracci | Storie antiche per due camini bolognesi nella collezione Michelangelo Poletti

Dal 18 maggio al 22 settembre 2024 i Musei Civici di Bologna ospitano la mostra-dossier "Ludovico e Annibale Carracci. Storie antiche per due camini bolognesi nella collezione Michelangelo Poletti". leggi»

18/05/2024 - 22/09/2024

Emilia Romagna

Bologna

Illustrazionemostre Bologna

Anna Paolini. Indomite

Sino alla chiusura dell'esposizione principale, il 16 giugno 2024, una delle sale del palazzo accoglierà infatti "Indomite", una personale dell'illustratrice bolognese Anna Paolini. leggi»

15/05/2024 - 16/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte modernamostre Bologna

Antonio Ligabue

Dal 3 ottobre 2024 al 28 febbraio 2025, le sale di Palazzo Pallavicini ospitano per la prima volta a Bologna una mostra dedicata al genio visionario Antonio Ligabue. leggi»

03/10/2024 - 28/02/2025

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporaneamostre Bologna

Serena Piccinini. Beati come rane su una foglia di ninfea

Maison laviniaturra presenta la mostra "Beati come rane su una foglia di ninfea" di Serena Piccinini. Opening giovedì 16 maggio 2024 dalle 18.00, visitabile su appuntamento fino al 16 luglio. leggi»

16/05/2024 - 16/07/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporaneamostre Bologna

Eccentriche Nature. Dieci artiste bolognesi su natura e vegetazione

Cubo, il Museo del Gruppo Unipol, presenta dal 5 giugno al 5 ottobre 2024 a Bologna "Eccentriche Nature", le opere di dieci artiste bolognesi su natura e vegetazione. leggi»

05/06/2024 - 05/10/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Fotografiamostre Bologna

Afrikaans. Sguardi dal Kenya

Caterina Romeo presenta la mostra fotografica "Afrikaans. Sguardi dal Kenya" che si svolgera' a Bologna, presso la Fotogalleria Paoletti dal 24 al 26 Maggio 2024. leggi»

24/05/2024 - 26/05/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Designmostre Bologna

Carlton, 1981. Ettore Sottsass

Dal 2 al 25 maggio 2024 a Bologna, garage Bentivoglio presenta "Carlton, 1981. Ettore Sottsass", la miniatura da collezione di uno dei pezzi più iconici di Ettore Sottsass. leggi»

02/05/2024 - 25/05/2024

Emilia Romagna

Bologna

Fotografiamostre Bologna

Luigi Ghirri. Atelier Morandi

Dal 24 aprile al 30 giugno 2024, "Luigi Ghirri. Atelier Morandi" rende omaggio al maestro della pittura Giorgio Morandi a 60 anni dalla morte attraverso lo sguardo Luigi Ghirri, maestro della fotografia. leggi»

24/04/2024 - 30/06/2024

Emilia Romagna

Bologna