Paolo Masi in Florence. Opere degli anni Ottanta

  • Quando:   12/05/2023 - 14/07/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a FirenzeMasiFirenze


Paolo Masi in Florence. Opere degli anni Ottanta
Paolo Masi in Florence - foto Agostino Osio

È un omaggio dell’intera città di Firenze al maestro Paolo Masi la serie di iniziative che comprende la mostra personale presso Frittelli arte contemporanea l’11 maggio 2023, proprio il giorno del suo novantesimo compleanno. Dal titolo "Paolo Masi in Florence. Opere degli anni Ottanta", l’esposizione, curata da Fabio Cavallucci, resterà visitabile fino al 14 luglio, presentando un ampio corpus di opere pittoriche.

A manifestare il rapporto stretto tra Palo Masi e Firenze - rapporto “non sempre d’amore”, direbbe probabilmente l’artista - la mostra presso Frittelli ripropone i grandi dipinti su tela esposti nel 1985 presso la Sala d’Arme di Palazzo Vecchio in uno dei tributi offertigli dalla città, in passato non sempre generosa con i suoi artisti.
Basati su una pittura atomizzata, una sorta di dripping che rispetto a quello di Pollock accentua la sistematicità divenendo un rumor uniforme, a ben guardare sono percorsi da fasce di sfumature di rara abilità ed eleganza. Parlando di queste opere Masi ripensa alla storia dell’arte, torna con la mente a quel tempo - gli anni Ottanta appunto - in cui tutto il sistema dell’arte si rivolgeva verso il passato. Anch’egli cita, nello specifico il puntinismo di Seurat. Ma nel suo caso la citazione è solo un pretesto, un riferimento che non può fare a meno di essere soverchiato dall’interesse per il mondo e per i suoi sviluppi più ampi. C’è in queste opere la ricerca della natura, dello stato di calma e di pace che essa può offrire. Ma c’è anche il riflesso della tecnologia, di quello che era allora lo strumento di comunicazione dominante: il televisore, di cui i dipinti sembrano raccogliere il brusio di pixel che accendono lo schermo di mille colori e riflessi.
Filiberto Menna aveva parlato di “pittura analitica” - non un movimento, né un gruppo di artisti, ma una tendenza che raccoglieva artisti dediti a una pittura innanzitutto critica verso se stessa, verso la sua possibilità di rappresentare il mondo, e disposta pertanto a studiare i suoi principi interni, i suoi meccanismi di funzionamento. In qualche modo Masi ne fa parte, anche per la sua costante, irriducibile devozione alla pittura. Ma dall’altra parte trapela in lui un interesse diverso, non per una sterile e tautologica ricerca sul linguaggio, ma per un linguaggio specifico che ha senso solo come mezzo per parlare del mondo e al mondo.
In questo tentativo di relazione - utopistico, probabilmente - si ritrova forse tutto il percorso di un artista che non ha veramente mai smesso di credere che l’arte possa cambiare la realtà.
E forse si spiega così anche il riconoscimento che ora gli viene tributato: un riconoscimento al merito artistico, ma anche umano, dei tanti amici che segnati dalla sua generosa sensibilità nei loro confronti, non possono ora fare a meno di restituirgli un segno di stima e di amicizia.

A dare il La, infatti, mercoledì 10 maggio, ci sarà un'esposizione-tributo molto speciale degli artisti amici del collettivo Base; mentre da venerdì 26 maggio si unirà ai festeggiamenti anche il Museo Novecento, con un intervento ideato dallo stesso artista su commissione del direttore del museo, Sergio Risaliti. Un'installazione temporanea che occuperà il loggiato esterno delle ex Leopoldine e che sarà visibile fino al 25 ottobre 2023.

"Come Museo Novecento, siamo felici di partecipare ai festeggiamenti dei novant'anni di Paolo Masi" dichiara Sergio Risaliti, direttore del Museo Novecento. "Non potevamo mancare questa importante occasione che è anche attestato di gratitudine e stima per uno degli artisti più importanti della nostra città e affermato a livello internazionale. Nel corso della sua lunga carriera, Masi si è affermato sempre con un rigore e una radicalità di artista modernista indiscussa. E questo ne fa un esempio per tanti artisti delle nuove generazioni".

Inoltre, quest'anno Paolo Masi verrà celebrato anche all'estero dal nostro Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, con la mostra organizzata dall'Istituto Italiano di Cultura di Bratislava presso la Galleria Civica di Žilina, in Slovacchia, che inaugurerà il prossimo 18 maggio e sarà visitabile fino al 9 settembre 2023.... leggi il resto dell'articolo»

La mostra presso Frittelli arte contemporanea è accompagnata da un ricco catalogo, a cura di Fabio Cavallucci, realizzato da Dario Cimorelli Editore, con una introduzione di Carlo Frittelli, un testo del curatore e la riproduzione delle opere esposte.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Paolo Masi in Florence. Opere degli anni Ottanta

Firenze - Frittelli arte contemporanea

Apertura: 12/05/2023

Conclusione: 14/07/2023

Organizzazione: Frittelli arte contemporanea

Curatore: Fabio Cavallucci

Indirizzo: Via Val di Marina 15 - 50127 Firenze

Inaugurazione: 11 maggio, ore 17.30

Orari: 10-13 15-18, sabato e domenica su appuntamento

Info: Tel. 055 410573 - info@frittelliarte.it

Sito web per approfondire: http://www.frittelliarte.it/it/



Altre mostre a Firenze e provincia

Arte contemporaneamostre Firenze

Donato Nitti. Altri universi imprevisti

Fino al 22 settembre 2024 gli "Altri universi imprevisti" di Donato Nitti sono in mostra presso il Plaza Hotel Lucchesi di Firenze. leggi»

02/07/2024 - 22/09/2024

Toscana

Firenze

Pittura del '400mostre Firenze

Angelico a Palazzo Strozzi

Nell'autunno 2025, Palazzo Strozzi ospita uno straordinario progetto dedicato a Beato Angelico, artista simbolo dell'arte del Quattrocento. leggi»

26/09/2025 - 25/01/2026

Toscana

Firenze

Arte contemporaneamostre Firenze

Tracey Emin

Palazzo Strozzi dedica alla britannica Tracey Emin una grande mostra, la prima mai realizzata in un'istituzione culturale italiana, dall'8 marzo al 20 luglio 2025 a Firenze. leggi»

08/03/2025 - 20/07/2025

Toscana

Firenze

Sculturamostre Firenze

Wu Weishan. Marco Polo in Cina

Prosegue fino al 28 luglio 2024 all'Accademia delle Arti del Disegno a Firenze la mostra di "Marco Polo in Cina" di Wu Weishan, i più importanti scultori della nuova generazione cinese. leggi»

10/07/2024 - 28/07/2024

Toscana

Firenze

Arte contemporaneamostre Firenze

MP5 La terza dimensione

Museo Novecento presenta "MP5. La terza dimensione", un'opera site specific per il Museo Novecento, visitabile dal 22 giugno al 20 ottobre 2024. leggi»

22/06/2024 - 22/10/2024

Toscana

Firenze

Arte contemporaneamostre Firenze

Helen Frankenthaler. Dipingere senza regole

Dal 27 settembre 2025 al 26 gennaio 2026 Palazzo Strozzi presenta "Helen Frankenthaler: Dipingere senza regole", grande mostra dedicata a una delle più importanti artiste americane del Novecento. leggi»

27/09/2024 - 26/01/2025

Toscana

Firenze

Arte contemporaneamostre Firenze

Pittura e poesia. Ungaretti e l'arte del vedere

La mostra Pittura e poesia. Ungaretti e l'arte del vedere che si tiene nella sede di Firenze della Tornabuoni Arte è stata prorogata a venerdì 6 settembre 2024. leggi»

17/05/2024 - 06/09/2024

Toscana

Firenze

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Firenze

Wu Weishan. Marco Polo in Cina

La mostra di Wu Weishan 吴为山, che inaugura martedì 9 luglio nel Salone dell'Accademia delle Arti del Disegno, vuole celebrare il settimo centenario della morte di Marco Polo. leggi»

10/07/2024 - 28/07/2024

Toscana

Firenze

Arte contemporaneamostre Firenze

Louise Bourgeois In Florence. Do Not Abandon Me / Cell XVIII (Portrait)

Louise Bourgeois In Florence. Due eccezionali mostre – Do Not Abandon me e Cell XVIII (Portrait) – che impegneranno il Museo Novecento e il Museo degli Innocenti. leggi»

22/06/2024 - 20/10/2024

Toscana

Firenze