Picasso a Palazzo Te. Poesia e Salvezza

  • Quando:   05/09/2024 - 06/01/2025

Arte modernaMostre a MantovaPablo Picasso


Picasso a Palazzo Te. Poesia e Salvezza
Palazzo Te - Camera di Amore Psiche © Fondazione Palazzo Te

"Lo straniero impara l'arte di adattarsi in maniera più creativa anche se più dolorosa di chi si sente in diritto di appartenenza /.../. Allo stesso tempo, lo straniero offre uno specchio alla società in cui si inserisce". Georg Simmel (1908)

La mostra "Picasso a Palazzo Te. Poesia e Salvezza", a cura di Annie Cohen-Solal, si presenta come la produzione principale del programma culturale 2024 dedicato al tema della Metamorfosi, e in particolare al rapporto tra Giulio Romano e il poema di Ovidio che ha ispirato la costruzione di Palazzo Te dal 1525 al 1535.
Allestita a Palazzo Te dal 5 settembre 2024 al 6 gennaio 2025, prodotta dalla Fondazione Palazzo Te con la collaborazione del Museo Nazionale Picasso di Parigi e della famiglia dell'artista, la mostra presenta al pubblico circa 50 opere del Maestro simbolo del Novecento, tra cui alcuni dipinti per la prima volta esposti in Italia.

Nel 1930, quattrocento anni dopo la realizzazione della sala dei Giganti a Mantova, Picasso crea una serie di incisioni dedicate alle Metamorfosi di Ovidio: una proposta affascinante che offre un dialogo diretto con Giulio Romano e le pitture rinascimentali del palazzo. Ma dietro il confronto dell'artista con la tradizione mitologica si nasconde una straordinaria avventura.
Emigrato in Francia nel 1900, marchiato dalla polizia e dall'Accademia di Belle Arti come straniero, anarchico e artista avanguardista fino al 1944, Picasso viene inizialmente accolto da un piccolo gruppo di poeti marginali. È nella poesia e nel mondo dei poeti che trova i mezzi per superare gli ostacoli legati alla sua condizione di straniero. L'artista naviga magistralmente tra le molteplici tensioni della società francese utilizzando la metamorfosi come strategia. Diventa quindi, al livello estetico, personale, e professionale un artista mercuriale che pochissimi critici, soprattutto in Francia, riescono a decifrare.

Nel 1901 "Ruiz Picasso Pablo, noto come Picasso Pablo", che aveva scelto la capitale francese per trascorrere la sua vita, si trovò schedato con il numero 74.664 della polizia. Ciononostante, l'artista continuò a produrre le sue opere, cavalcando le onde della xenofobia del paese. Il 3 aprile 1940 chiede la naturalizzazione, ma gli viene rifiutata. Nel 1955 Picasso sceglie il Sud rispetto al Nord, gli artigiani rispetto agli Accademici delle Belle Arti, la provincia rispetto alla capitale. Si fa veicolo della modernizzazione della Francia e si ancora allo spazio mediterraneo al quale ha sempre appartenuto.

Sembra che su Picasso sia stato già detto tutto. Nessun'altra opera ha suscitato tanta passione, dibattito e controversia. Eppure chi sa che, per quasi cinquant'anni, Picasso fu marchiato come straniero, anarchico e artista d'avanguardia? Celebrato in tutto il mondo occidentale, fino al 1947, la sua opera comprendeva solo due dipinti nelle collezioni francesi, in seguito al rifiuto dell'Accademia di Belle Arti. Ma l'acume politico dell'artista gli permise di muoversi con disinvoltura, senza rivelare la precarietà della sua condizione, in un paese dalle istituzioni davvero obsolete.... leggi il resto dell'articolo»

"Che senso può avere, oggi, dedicarsi alla poesia, un'area apparentemente minore nella travolgente opera di Pablo Picasso? Come spiegare il fatto che, a partire dal 1935, la poesia divenne un altro mezzo di espressione per questo genio che, arrivato in Francia nel 1900, non parlava una sola parola di francese e, quando lo parlò, fu in modo sempre mediocre? La risposta va cercata nella sua fragilità di straniero in Francia, nella sua sfrenata energia creativa, nella sua empatia verso la gente più emarginata della società, vale a dire verso i poeti, e sopra tutto nel suo magnifico genio politico, che gli permise di superare magistralmente gli innumerevoli ostacoli della società francese. Entrato a Parigi dalla porta di servizio, trattato alla stregua di un paria, ed escluso dalle collezioni nazionali per cinquant'anni, Picasso non smise mai di intessere reti di amicizie in tutto il paese, per scegliere, nel 1955, di sistemarsi in Provincia piuttosto che nella capitale, preferendo gli artigiani agli accademici di Belle Arti, eleggendo il Mediterraneo come sua patria e costruendo liberamente la sua fama globale: una risposta sovversiva, in sintonia con la storia di Palazzo Te". Annie Cohen-Solal, curatrice

"La scoperta della precarietà nascosta dell'artista e degli ostacoli lungo il suo percorso – spiega la curatrice Annie Cohen-Solal – non ci restituisce un'immagine brutale e poco conosciuta della xenofobia comune, del nostro contemporaneo, e di noi stessi? Questa mostra e quella a Palazzo Reale a Milano, complementari diventano anche una radioscopia della Francia, con i sogni che ispira, le sconfitte che impone e i demoni che la affliggono. In tempi caotici come oggi, Picasso diventa un nostro contemporaneo: il suo esempio è una lezione d'ottimismo, un modello da seguire, una spinta all'impegno politico e alla pratica artistica".

La mostra fa parte dell'accordo di collaborazione stretto da Fondazione Palazzo Te, Musei Civici con il Comune di Mantova, e Palazzo Reale con il Comune di Milano, per promuovere le due mostre dedicate a Pablo Picasso.
A Milano, dal 20 settembre 2024 al 2 febbraio 2025, Palazzo Reale ha infatti in programma Picasso lo straniero, una mostra co-prodotta con Marsilio Arte.
Le mostre di Mantova e di Milano – entrambe a cura di Annie Cohen-Solal, con catalogo Marsilio Arte – nascono dalla collaborazione con il Museo Nazionale Picasso di Parigi e fanno emergere un Picasso radicalmente sconosciuto, in risonanza con il nostro contemporaneo: il poeta e lo straniero.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Picasso a Palazzo Te. Poesia e Salvezza

Mantova - PalazzoTe

Apertura: 05/09/2024

Conclusione: 06/01/2025

Organizzazione: Fondazione Palazzo Te

Curatore: Annie Cohen-Solal

Indirizzo: Viale Te, 13 - 46100 Mantova

Biglietto: Intero € 15 | Ridotto € 11 | Ridotto speciale € 7 | Omaggio bambini fino agli 11 anni, persone con disabilità ed altre categoria | con il biglietto ingresso di Palazzo Te i visitatori potranno accedere alla mostra a Palazzo Reale a Milano con il ridotto e viceversa. 

Orario: Ora solare (novembre – marzo) lunedì 9.00-18.30 | mercoledì-domenica 9.00-18.30 | martedì chiuso | Ora legale (aprile – ottobre) | lunedì 9.00-19.30 | mercoledì-domenica 9.00-19.30 | martedì chiuso

Catalogo: sulle mostre di Mantova e di Milano, edizioni Marsilio Arte

Per info: +39 0376 323266 | 0376 365886 | biglietteriemusei@comune.mantova.it

Sito web per approfondire: https://www.centropalazzote.it/



Altre mostre a Mantova e provincia

Arte contemporaneamostre Mantova

Le diable au corps

Con una mostra dedicata al desiderio erotico e all'irrequietudine del corpo lo spazio BonelliLAB a Canneto sull'Oglio presenta la collettiva "Le diable au corps", dal 26 maggio al 28 luglio 2024. leggi»

26/05/2024 - 28/07/2024

Lombardia

Mantova

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Mantova

Georg Baselitz. Belle Haleine

Dal 27 aprile al 24 novembre 2024 la suggestiva architettura rinascimentale della Galleria degli Antichi di Palazzo Giardino di Sabbioneta (Mantova) ospiterà la mostra "Belle Haleine" di Georg Baselitz. leggi»

27/04/2024 - 24/11/2024

Lombardia

Mantova