Picasso, de Chirico e Dalí. Dialogo con Raffaello

  • Quando:   02/05/2021 - 29/08/2021

Pittura del '500 Pittura del XIX-XX Secolo

Picasso, de Chirico e Dalí. Dialogo con Raffaello
Salvador Dalí (Figueres, 1904 - 1989), Autoritratto con il collo di Raffaello, 1921 circa. Fundació Gala-Salvador Dalí, Figueres

Al Mart di Rovereto la prima mostra dedicata all’influenza che Raffaello Sanzio ebbe sui maggiori protagonisti del XX secolo: Picasso, de Chirico e Dalí. Provenienti da alcuni tra i più importanti musei internazionali, come le Gallerie degli Uffizi, il Musée national Picasso di Parigi e la Fundació Gala-Salvador Dalí di Figueres, 100 capolavori compongono un percorso nel quale antico e moderno, ancora una volta, dialogano.

È un’arte senza tempo che valica i limiti cronologici e supera le definizioni accademiche quella che Vittorio Sgarbi propone al Mart. Annunciato a inizio mandato, nella primavera del 2019, il disegno del Presidente è quello di un museo che si occupi di arte, non di limitazioni ideologiche. A Rovereto “i maestri classici e moderni dialogano tra loro e con le opere di una collezione pubblica tra le più ricche d’Europa. Il palinsesto del Mart attraversa i secoli”.
Questa proposta espositiva è coerente con la vocazione originale del museo di Rovereto, inaugurato da quasi 20 anni. Le stesse forme architettoniche richiamano la classicità, a partire dall’omaggio al Pantheon di Roma dichiarato da Mario Botta nell’ideazione dell’ormai iconica cupola. Se già nel 2013 il Mart accostava l’opera di Antonello da Messina con la ritrattistica più recente, è dello scorso autunno la mostra Caravaggio. Il contemporaneo che ha messo in dialogo uno dei dipinti più drammatici del Maestro seicentesco con due fondamentali figure del XX secolo: l’artista Alberto Burri e il poeta Pier Paolo Pasolini.

L’indagine prosegue, dal 2 maggio al 29 agosto 2021, con una nuova grande mostra: Picasso, de Chirico e Dalí. Dialogo con Raffaello: uno studio inedito e approfondito sul modo in cui l’arte dell’Urbinate ha influenzato le ricerche dei tre grandi maestri del XX secolo. A cura di Beatrice Avanzi e di Victoria Noel-Johnson, il progetto sottolinea il dialogo visivo non solo tra Raffaello e i tre artisti del Novecento, ma anche tra gli artisti stessi. Se tutti studiarono l’arte classica e ne furono affascinati, la reinterpretazione fu totalmente differente: il rapporto di de Chirico con Raffaello, per esempio, fu colto e sistematico, quello di Picasso più immediato e dissacrante, infine Dalí guarderà sempre al maestro con profonda ammirazione, aspirando a divenire “il Raffaello del XX secolo”. I tre repertori estetici furono, quindi, profondamente individuali.

Al Mart oltre 100 opere propongono differenti variazioni dell’estetica di Raffaello, di cui viene esposto il celebre autoritratto proveniente dalle Gallerie degli Uffizi. Il cinquecentenario della morte, appena trascorso, è l’occasione per una rilettura dell’influenza esercitata dall’Urbinate su Pablo Picasso, Giorgio de Chirico, Salvador Dalí. Seppur in maniera del tutto indipendente, i tre artisti furono ispirati dalla lezione del maestro rinascimentale di cui studiarono, citarono, interpretarono l’opera, esempio imprescindibile nella ricerca di grazia, equilibrio e rinnovato classicismo.
Se negli anni del ritorno all’ordine numerosi artisti europei si rifecero all’esempio degli antichi maestri, i tre protagonisti della mostra, “cercarono” Raffaello lungo tutto l’arco delle loro lunghe carriere. Come prima di loro accadde a numerosi artisti tra cui Jean-Auguste-Dominique Ingres, di cui la mostra presenta alcune opere, quella per Raffaello fu una passione costante.
Come illustra la curatrice Beatrice Avanzi nel catalogo che accompagna la mostra “l’opera, e la vita stessa, di Raffaello sono state cristallizzate in un mito nutrito di seduzione e unanime consenso […] il fatto stesso che i maggiori artisti del secolo, interpreti delle sue istanze più rivoluzionarie, abbiano trovato un punto di riferimento costante nell’opera del ‘divino pittore’ è testimonianza eloquente di un magistero che appare oggi, ai nostri occhi, eterno”.

Se de Chirico manifestò apertamente la sua ammirazione per l’Urbinate, che studiò e copiò, considerandolo un riferimento per l’elaborazione della poetica metafisica e per la successiva stagione classicista, anche Dalí non fece mistero della sua considerazione per il maestro, un mito a cui guardò sin dagli anni giovanili e che, nel secondo dopoguerra, gli suggerì straordinarie rielaborazioni, fino a portarlo a dichiarare: “Evviva l’arte moderna a condizione di dipingere come Raffaello”.

Picasso, al contrario, non confessò mai il suo incontro diretto con l’opera del maestro; tuttavia quest’ultimo appare all’origine di alcuni suoi capolavori e gli ispirò un’irriverente serie di acqueforti sul tema di Raffello e la Fornarina. Proprio in riferimento al pittore cubista, è intuizione della curatrice Victoria Noel-Johnson che due dei suoi più riusciti e noti capolavori, Parade e Guernica, contengano puntuali citazioni dell’esempio di Raffaello.

La mostra si snoda attraverso 8 sezioni tematiche: Dialogo tra maestri, L’eterno magistero di Raffaello, Maternità sacre e profane, Lo spazio ideale, La Fornarina. Una bellezza senza tempo, Picasso. Lo sguardo irriverente, Dalí. Un lungo sogno ad occhi aperti, De Chirico. Una rivelazione improvvisa.
Fin dall’inizio vengono individuati gli stilemi raffaelleschi nel repertorio figurativo dei tre pittori, dallo spazio ideale ed enigmatico delle Piazze d’Italia di de Chirico, ispirato a quello dello Sposalizio della Vergine di Raffaello, ai precisi rimandi presenti nella pittura di Dalí; fino al fascino, analizzato per la prima volta, che gli affreschi delle Stanze Vaticane esercitarono sull’opera di Picasso.
Attraversando i secoli, l’esposizione propone numerosi accostamenti e rimandi. Trova collocazione anche una celebre copia de La Fornarina attribuita a Raffaellino del Colle, allievo di Raffaello, da cui prende l’avvio una ricca galleria di straordinari ritratti femminili, tra cui Donna seduta, di Pablo Picasso e Autunno, di Giorgio de Chirico.

Le ultime tre sezioni della mostra approfondiscono il rapporto di ciascun artista con l’arte di Raffaello. Oltre a dipinti e disegni, è esposto un ricco insieme di documenti e libri su Raffaello: vere e proprie fonti di ispirazione possedute dai tre artisti moderni.

La direzione artistica dell’allestimento è di Contemplazioni.

L’esposizione è accompagnata da un ricco catalogo edito da Silvana Editoriale che contiene, oltre ai saggi delle curatrici Beatrice Avanzi e Victoria Noel-Johnson, i testi di Vittorio Sgarbi, Daniela Ferrari e Lucia Moni.

Focus | Wainer Vaccari
Da un’idea di Vittorio Sgarbi
A cura di Beatrice Avanzi

La mostra Picasso, de Chirico, Dalí. Dialogo con Raffaello prosegue nel Focus di approfondimento dedicato a Wainer Vaccari (Modena, 1949). L’eredità senza tempo di Raffaello rivive nella pittura di questo artista contemporaneo, in un suggestivo legame tra Rinascimento e ventunesimo secolo.

Vaccari reinterpreta lo Spasimo di Sicilia di Raffaello, creando un suggestivo legame tra il maestro del Rinascimento e la contemporaneità. L’artista ricrea in una visione attuale la grande opera realizzata dall’Urbinate nel 1517, originariamente commissionata per il monastero di Santa Maria dello Spasimo a Palermo e oggi, dopo una storia avventurosa, conservata al Museo del Prado di Madrid.
Attraverso il linguaggio di Vaccari, che accoglie suggestioni della Nuova Oggettività tedesca e del Manierismo, la scena dell’Andata al Calvario diviene l’immagine universale di un dolore che attraversa i secoli.

Virtuoso della pittura, capace di confrontarsi con la maniera antica, Vaccari rende vivo ed attuale anche un dipinto di Raffaello oggi perduto, Il Ritratto di giovane uomo (1513-14), già conservato presso il Museo di Cracovia, dove fu trafugato dai Nazisti nel 1945.La grandezza eterna del maestro Urbinate rivive così nel tempo presente.

Titolo: Picasso, de Chirico e Dalí. Dialogo con Raffaello

Apertura: 02/05/2021

Conclusione: 29/08/2021

Curatore: Beatrice Avanzi e Victoria Noel-Johnson

Luogo: Mart Rovereto (TN)

Indirizzo: Corso Bettini, 43 - 38068 Rovereto (TN)

Tel. 800 397760
Tel.+39 0464 438887
Email: info@mart.trento.it

Orari
mart-dom 10.00-18.00
ven 10.00-21.00
lunedì chiuso

Tariffe
Intero 11 Euro
Ridotto 7 Euro
Gratuito fino ai 14 anni e persone con disabilità

Il Mart ringrazia
Provincia autonoma di Trento
Comune di Trento
Comune di Rovereto

Il Mart è sostenuto da
Altemasi di Cavit
Surgiva

In collaborazione con
Trentino Marketing