Pier Paolo Calzolari. La terre est bleue comme une orange

  • Quando:   22/06/2024 - 01/08/2024

Arte contemporaneaMostre a ModenaPier Paolo CalzolariModena


Pier Paolo Calzolari. La terre est bleue comme une orange

Pier Paolo Calzolari. La terre est bleue comme une orange è la terza mostra dell'artista presso Galleria Mazzoli dopo le esposizioni del 1979 e del 1981. In questa occasione saranno esposti 14 dipinti di varie dimensioni e 4 disegni. Tutte le opere sono di recente realizzazione.

A corredo della mostra verrà pubblicato un catalogo in edizione limitata di 300 copie numerate con un saggio di Richard Milazzo, Il circo silenzioso: le rapsodie illecite ed inette di Pier Paolo Calzolari.

Nel saggio il critico americano, non amante dell'Arte Concettuale o del Minimalismo, descrive così il lavoro di Calzolari: "Benché io sia in qualche modo più indulgente nei confronti delle varianti europee delle modalità tipiche di Minimalismo e Concettualismo, che in Italia sono note come Arte Povera, rispetto a quelle che descriverei come versioni aziendali di questi movimenti negli Stati Uniti, quello che sta alla radice della confluenza di queste correnti nel lavoro di Pier Paolo Calzolari è l'antico atto della poiesis.

La differenza tra le due culture sta nella fede razionale e ideologica incontrollata nei materiali fini a sé stessi, fede che spesso negli Stati Uniti equivale a una sorta di materialismo, nel migliore dei casi a un pseudo-anti-estetismo, nonostante la retorica della smaterializzazione. Calzolari invece, che non è inconsapevole della politica della sua epoca, soprattutto nel corso degli anni '60 e '70, sospende questa credenza in favore di una fede cieca, una "cecità" esistenziale (sono parole dell'artista stesso), non solo nei materiali, ma nella scultura, nelle raffinate costellazioni ibride dei materiali che animano le sue installazioni nel corso degli anni, e – punto più controverso ancora – nei dipinti, che vengono a trovarsi sia dentro che fuori da questi parametri, spesso trasformandosi (come in questa mostra) a loro volta in un'installazione sui generis.

Prevalgono, nella pratica di Calzolari, i parametri post-installazione dei dipinti come forma d'arte praticabile, scevra da proclami eppure radicalmente sovversiva – vale a dire che i suoi dipinti sono più intimi di quanto non permetterebbero le nostre aspettative, ma mai meno outré, o addirittura louche e auto-esiliati, qualità in ottemperanza alle quali la sua arte in ultima analisi esprime una realtà inconciliabile e in-pacificabile.... leggi il resto dell'articolo»

[...] Calzolari ha sempre cercato la quiete radicale del numero minore, o quello che potremmo definire il "Circo silenzioso" dell'arte che supera sé stessa o di ciò che l'artista ha definito la poesia del "canto sospeso". Quando è stato costretto a frequentare la triplice pista di diverse Documenta, Biennali di Venezia e mostre in galleria, Calzolari lo ha sempre fatto come artista del trapezio, lanciandosi attraverso il continuum spazio-temporale senza rete di sicurezza. Rischiando tutto nel nome della poeticità dell'arte, l'arte di fare arte, una forma di estasi creativa tautologica, di sollievo o di liberazione.
Forse l'artista stesso si è espresso nel modo più calzante, quando nei primi anni '60, quasi mezzo secolo fa, parlando dell' "ospite importuno", vale a dire della pittura, almeno dal punto di vista di una pratica cosiddetta avanguardista (essendo l'avanguardismo spesso accademico e reazionario per natura) ha detto: "Negando la pittura mentre è ancor viva, lo si fa per desiderio di qualcosa che bruci più ardente ancora della pittura, qualcosa che tocchi i 'sentimenti', l'impossibilità e l'emozione stessa". E questo qualcosa è arte – scatenata, impropria, sconveniente, spesso assume la realtà priva di forma, illecita, fuori luogo ed estatica dell'anima che esplode oltre se stessa in forma di poesia che mai saremo in grado di ridurre, nemmeno alle parole e nemmeno al sacro (o dovremmo forse dire ipocrita) materialismo dell'arte".

Note biografiche

Nato a Bologna nel 1943, Pier Paolo Calzolari trascorre l'infanzia e l'adolescenza a Venezia, il cui patrimonio artistico ed estetico lascia una traccia profonda sulla sensibilità del futuro artista. Nel 1965 realizza i primi lavori di pittura; nel 1966-1967 realizza la prima delle sue opere-performance, "Il filtro e Benvenuto all'Angelo", che coinvolge gli spettatori e che Calzolari stesso definisce una "attivazione dello spazio". Tra il 1967 e il 1972 si muove e lavora tra Parigi, New York e Berlino e in questi stessi anni viene incluso nel movimento dell'Arte Povera. Dal 1967 utilizza oggetti e materiali (fuoco, ghiaccio, piombo, stagno, sale, muschio, tabacco) che conoscono una seconda vita accanto a elementi luminosi (come il neon). A partire dal 1972, si concentra sullo studio di una pittura anticonvenzionale giustapponendo segni pittorici a oggetti reali, portando il rituale della quotidianità sul piano dell'esperienza estetica e in rapporto orizzontale con il mondo e con la storia, pur cercando di mantenere un legame con il coinvolgimento fisico delle persone. Il suo percorso è caratterizzato da diversi elementi peculiari: la volontà di saturazione dei sensi, la modalità nel rendere visibili i dati del pensiero astratto e l'essenza delle cose, e l'attenzione rivolta alla fragilità di oggetti e materiali.
Vive e lavora a Lisbona.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Pier Paolo Calzolari. La terre est bleue comme une orange

Modena - Galleria Mazzoli

Apertura: 22/06/2024

Conclusione: 01/08/2024

Organizzazione: Galleria Mazzoli

Indirizzo: Via Nazario Sauro 62 - 41121 Modena

Inaugurazione: sabato 22 giugno 2024 - ore 18.00

Orari: dal lunedì al sabato 9-13/16-19,30 - Chiuso domenica e festivi

Info: Tel. +39 059 243455 - info@galleriamazzoli.com

Sito web per approfondire: https://www.galleriamazzoli.com/it/

Facebook: galleriamazzoli



Altre mostre a Modena e provincia

Arte contemporaneamostre Modena

Stefano Dania. Introspezioni Visive. Un viaggio in solitaria dalla realtà alla tela

Le tele di Stefano Dania nell'estate di CRAC, a partire dall'inaugurazione di domenica 9 giugno alle 11.30 e fino al 4 agosto. leggi»

09/06/2024 - 04/08/2024

Emilia Romagna

Modena

Fotografiamostre Modena

Marina Caneve. A terra tra gli animali

Dal 7 giugno al 6 ottobre 2024 FMAV di Modena ospita la mostra "A terra tra gli animali", Marina Caneve esplora le ambiguità insite nel ruolo di dominio che l’uomo esercita sulla natura. leggi»

07/06/2024 - 06/10/2024

Emilia Romagna

Modena

Ingresso libero

Fotografiamostre Modena

Facce da Biennale

Dal 7 giugno al 15 settembre 2024 FMAV presenta la mostra fotografica "Facce da Biennale", immagini che raccontano i visitatori alla manifestazione compresi numerosi artisti. leggi»

07/06/2024 - 15/09/2024

Emilia Romagna

Modena

Ingresso gratuito

Illustrazionemostre Modena

Zitt! Zitt! Arriva Lupo Alberto

"Zitt! Zitt! Arriva Lupo Alberto. Silver, 50 anni da lupo", fino al 25 agosto 2024 a Modena una mostra per scoprire tutto, ma proprio tutto, sul lupo azzurro più adorabile e simpatico che esista. leggi»

08/03/2024 - 25/08/2024

Emilia Romagna

Modena

Arte contemporaneamostre Modena

CRAC. VII stagione

A Castelnuovo Rangone al via la settima stagione di CRAC, nuova edizione della rassegna dedicata all'arte contemporanea
con sei mostre in programma dal 4 febbraio 2024 al 26 gennaio 2026. leggi»

04/02/2024 - 26/01/2025

Emilia Romagna

Modena

fruizione libera e gratuita