Antonio Fiorentino - ad naturam

  • Quando:   12/05/2024 - 28/07/2024

SculturaMostre a Prato


Antonio Fiorentino - ad naturam
Antonio Fiorentino, Insomnia, 2022, resina, sabbia nera e cera, 197x63x45 cm Opera esposta alla mostra ad naturam, Villa Rospigliosi, Prato

Domenica 12 maggio la galleria ME Vannucci di Pistoia e Villa Rospigliosi a Prato, sede espositiva dell'associazione culturale ChorAsis, aprono al pubblico due mostre a cura di Marina Dacci. Pensate come un progetto unitario, le mostre esplorano l'idea di cambiamento nell'approccio con "l'altro da sé" (siano oggetti, natura e persone) e la tensione verso un'auspicabile rinascita che l'arte propone.

ri-NASCIMENTO (ME Vannucci, dal 12 maggio al 28 luglio) e ad naturam (Villa Rospigliosi, dal 12 maggio al 23 giugno) presentano il lavoro di 9 artisti italiani. Le opere di Bertozzi & CasoniElena BellantoniChiara BettazziBianco-ValenteSerena FineschiAntonio FiorentinoCristina GozziniSilvia ListortiNazzarena Poli Maramotti saranno esposte nello spazio della galleria ME Vannucci, mentre Villa Rospigliosi presenterà un focus su Antonio Fiorentino con un corpo di sculture e cianotipie, come approfondimento del percorso proposto in galleria.

Antonio Fiorentino

ad naturam

Villa Rospigliosi, Prato

La particolarità di Villa Rospigliosi è quella di intrattenere una relazione stretta e un voluto equilibrio tra architettura e natura. Ogni artista invitato dall'associazione ChorAsis ad esporre negli spazi della Villa è sempre chiamato a misurarsi col genius loci e col passo della natura nei suoi geomorfismi, nel trascorrere delle stagioni e nei segni che ne punteggiano attività agresti e aspetti contemplativi.... leggi il resto dell'articolo»

Da molti anni la ricerca di Antonio Fiorentino è fortemente ancorata al rapporto con la natura e con i materiali naturali che diventano parte integrante dei suoi lavori: la loro ossatura.

Per questo progetto, ideale prosecuzione e ampliamento delle opere presentate alla galleria ME Vannucci di Pistoia, i corpi delle sculture collocate all'esterno emergono come alberi punteggiando il percorso sull'area verde del prato. Sono corpi umani, di sapore divinatorio, dall'ossatura vegetale che si protendono verso l'alto in cerca di luce o si ancorano nella terra mettendo in atto una sorta di fotosintesi clorofilliana.

Altre due sculture accompagnano lo sguardo all'interno degli spazi espositivi, una di queste porta cera sul capo a illuminare una sala che è un omaggio a luce e ombra: le sue cianotipie. Il soggetto di questi autoritratti su tela è il corpo stesso dell'artista, indistinguibile, misterioso, profondamente inscritto nella luminosità del sole. Autoritratti astratti dunque in cui la variazione e l'intensità del colore ciano che si imprime sulla tela sono specchio degli umori e delle condizioni in cui la luce batte sul suo corpo in diversi momenti della giornata, dall'alba al crepuscolo.

I materiali che appartengono alla ricerca dell'artista (come sabbia, ossa, sale) si palesano anche nei lavori della seconda sala, in cui cinque maschere, archetipo identitario sperimentato nel tempo da Antonio Fiorentino, galleggiano sulla parete. Da autoritratto velato si giunge all'autoritratto occulto, passaggio che evoca il tema del doppio. Luce e ombra nel primo scolpiscono i ritratti. Qui la maschera è l'altra faccia magica dell'artista, la sua seconda pelle. Una pelle fatta sempre da materiali organici e inorganici presenti in natura. Un piccolo ritratto figurativo tracciato a matita, appare infine, seminascosto, nella stanza di passaggio tra le due sale che ospita attrezzi agricoli per la coltivazione della terra, dal giardino al prato all'uliveto. Il giovane uomo pare un contadino che non si immedesima in attività manuali, ma è soggetto senziente immerso nella natura come sua religione personale.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Antonio Fiorentino - ad naturam

Prato - Villa Rospigliosi

Apertura: 12/05/2024

Conclusione: 28/07/2024

Organizzazione: ME Vannucci

Curatore: Marina Dacci

Indirizzo: Via Firenze, 83 - 59100 Prato

Orari: su appuntamento 348 7814430 o 339 2740656

Contatti: Villa Rospigliosi | chorasis.spaziovisione@gmail.com | T. 348 7814430



Altre mostre a Prato e provincia

Arte contemporaneamostre Prato

Colorescenze. Artiste, Toscana, Futuro

Il Centro Pecci presenta la mostra "Colorescenze. Artiste, Toscana, Futuro", 12 artiste raccontano l'arte, la scienza e la sapienza. a Prato dal 28 giugno al 13 ottobre 2024. leggi»

28/06/2024 - 13/10/2024

Toscana

Prato

Arte contemporaneamostre Prato

Yu Ji. Hide Me in Your Belly

Il Centro Pecci presenta la prima personale in Italia di Yu Ji, artista cinese che si è imposta all'attenzione internazionale, a Prato dal 28 giugno all'8 settembre 2024. leggi»

28/06/2024 - 08/09/2024

Toscana

Prato

Arte contemporaneamostre Prato

Eccentrica. Le collezioni del Centro Pecci

FIno al 31 dicembre il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato presenta Eccentrica. Le collezioni del Centro Pecci. leggi»

06/05/2023 - 30/06/2024

Toscana

Prato

Modamostre Prato

Walter Albini. Il talento, lo stilista

Dal 23 marzo al 22 settembre 2024, la Fondazione Museo del Tessuto celebra lo stilista Walter Albini con una grande mostra curata da Daniela Degl'Innocenti ed Enrica Morini. leggi»

23/03/2024 - 22/09/2024

Toscana

Prato