Rinascere si Può!

  • Quando:   03/12/2021 - 09/12/2021
  • evento concluso

Arte contemporanea‎

Rinascere si Può!

Alle ore 17,30 di venerdì 3 dicembre, a cura di Ferdinando Sorrentino, si inaugura l'evento artistico "Rinascere si Può!". Con oltre 50 artisti porteremo l'arte al suo massimo splendore, la location unica nel suo genere sarà A'Mbasciata Gallery, che si trova in Via Benedetto Croce n 19, proprio nel cuore del centro storico di Napoli.

Nella straordinaria Napoli che accoglie l'arte con gioia dal 3 al 9 dicembre 2021 nella galleria “ A'Mbasciata” presso il Palazzo Venezia, l'associazione culturale NON ME NE VADO con il suo Presidente Ferdinando Sorrentino, porterà in esposizione ben 50 Artisti provenienti da tutta la Campania e non solo. Gli artisti espongono solo opere di pittura ed una sola installazione, le opere pittoriche saranno di un unica misura ovvero 70x50 verticale.

In tal cornice storica le opere contemporanee di Rinascere si Può, dialogheranno con la storia della location che da anni porta avanti progetti esclusivamente per giovani talenti, in un continuo scambio di suggestioni ed emozioni. Nel cuore del centro storico di Napoli ovvero nella famosa spaccanapoli oggetto di millenaria storia, la mostra si configura come un'occasione di scambio di suggestioni ed emozioni, rincorrendo quell'ideale senza tempo che l'arte e il tempo hanno come luogo di elezione.

La Galleria Marrocco fondata nel 2014 a Cassino (FR), da Giorgio Marrocco, nasce con l’obiettivo di promuovere artisti emergenti nazionali e internazionali attraverso mostre e collaborazioni. Nel 2019 trasferisce la sua attività nel centro di Napoli, nello storico Palazzo Venezia.

Tanti gli artisti in mostra, ma tanti anche gli ospiti, cominciando dall'attrice Antonella Prisco, il Sindaco di Palma Campania Nello Donnarumma, l'assessore alla cultura di Palma Campania Elvira Franzese, l'avvocato del foro di Napoli Ferdinando Ceraso , Il Direttore del complesso monumentale di Santa Maria la Nova Giuseppe Reale , il Direttore del Daphne Museum Luigi Di Vaia DaphneLab , il prof. dell'Accademia Belle Arti di Napoli Enzo Palumbo , ed infine la scrittrice nonché prof.ssa del liceo artistico statale di Napoli Maria Gargotta

L’arte, per aiutarci a ripartire, per trovare dal profondo quelle spinte emozionali ed anche inconsce per una crescita spirituale, un rinascere dopo il periodo della pandemia da covid che, ci auguriamo possiamo lasciarci alle spalle quanto prima.

La testimonianza di Giovanna Scarano ( già direttore del museo archeologico nazionale di Eboli e della medi valle del Sele e del Parco archeologico di Elea Velia), sull’opera presentata da Leonardo PAPPONE “Leopapp”.

“[..] Casa, una parola semplicissima , usata tantissime volte ogni giorno! Ma sappiamo davvero cos’è una casa e qual è il suo significato? Se ci fermiamo alla definizione più immediata, e certamente corretta, la casa è materialmente uno spazio ben definito da strutture nel quale ciascuno trascorre una parte di tempo della propria vita al di fuori da impegni di vario tipo.

La prima casa degli esseri umani era in realtà semplicemente un rifugio, un riparo da agenti atmosferici avversi, da animali e pericoli vari, con lo scorrere del tempo è andata sempre più definendosi ed articolandosi in maniera man mano più complessa ed articolata differenziandosi non solo fisicamente per diventare con il tempo simbolo della propria affermazione e del proprio status sociale.

Moltissime, naturalmente, le sue immagini nell’arte, sia vere e proprie riproduzioni di dimore esistenti o comunque reali, che “visioni” del tutto personali di abitazioni che vanno ben oltre le caratteristiche fisiche effettive e canoniche.

Le opere di Leopapp, propongono maggiormente palazzi , grattacieli, non vi sono visibili finestre, non figure umane, essi sono naturalmente abitazioni ma il loro compito preciso sembra quello di svettare verso l’alto, verso l’ignoto, verso quanto non si conosce ma si vorrebbe riuscire a scorgere.

Mi fanno andare col pensiero non al risparmio di spazio ( sempre più ridotto) ma ai sacrifici ed alle offerte di quegli uomini di un passato molto remoto che per i loro momenti di preghiera e le offerte sceglievano altitudini per poter essere uditi e mandare verso l’alto gli effluvi profumati delle essenze più rare inizialmente riservate alla divinità.

Qui non viene mostrata la presenza umana, non si coglie, tutto è all’interno quasi nascosto, il tempo trascorso in casa (di solito poco) segue quello vissuto all’esterno fra impegni scanditi dall’orologio, da incontri di tante persone ma senza che ci sia un vero contatto se non superficiale ed effimero, stare vicini fisicamente senza esserlo davvero!

Pertanto questi grattacieli che vogliono quasi graffiare il cielo vorrebbero forse chiedere qualcosa, come i nostri antichi antenati offerenti dall’alto delle inospitali montagne?

E allora ci viene in soccorso il colore che riscalda, movimenta, illumina le verticalità; abbiamo bisogno di luce per vedere, per poter osservare il fuori ma anche il dentro, quanto non è visibile se non con la luce ed il calore del pensiero supportato dalla consapevolezza della propria essenza che è quella di “esseri umani”, con tutto quanto ne consegue.

E poi si pensa anche a quanto di negativo è stato fatto soggiogando, o meglio pensando di poterlo fare (che stolti!), la natura nella quale viviamo, sfruttando ed inquinando l’ambiente a discapito della salute di ciascuno , delle biodiversità, in pratica della vita, ma prendendo coscienza di tutto ciò arriva un segnale importante, quello del riciclo. Le opere di Leopapp, non sono realizzate su materiali convenzionali , lui utilizza supporti che magari erano stati abbandonati, buttati, sacchi di iuta, cartoni. Allora l’invito sottinteso a dare una mano, anche se piccola ma costante, per tutelare e tutelarci.

Io credo che l’Arte , quella contemporanea in particolar modo, una volta espressa dall’autore viene acquisita da chi la osserva offrendo svariate letture e personalissime emozioni, ma credo anche che il messaggio trasmesso, sia volontariamente che senza quasi accorgersene, possa essere un invito a vivere insieme avvertendo nella casa il senso pieno della propria intimità e nello stesso tempo della propria vita che non può escludere il piacere e la pienezza della condivisione.

In poche parole si può affermare che : la casa la costruisce ciascuno di noi, o meglio “la casa siamo noi”.

Questi sono rapidi pensieri che arrivano quando guardo le opere di Leonardo al quale va la mia amicizia ed il mio rispetto quale artista e soprattutto quale uomo ”.

Titolo: Rinascere si Può!

Apertura: 03/12/2021

Conclusione: 09/12/2021

Organizzazione: Ass. NON ME NE VADO

Curatore: Ferdinando Sorrentino

Luogo: Napoli, A'Mbasciata Gallery

Indirizzo: Via Benedetto Croce, 19 - 80134 Napoli

Inaugurazione: venerdì 3 dicembre ore 17.30 - 21.00 – ingresso libero

L'evento sarà realizzato nel rispetto delle normative Covid19. N.B. Per poter visitare la mostra dal Lunedì al Venerdì dalle ore 10.00/13.00 e dalle 17.00/19.00 bisogna essere in possesso del Gree Pass obbligatorio.

Sito web per approfondire: https://www.leopapp.it/