Roberto Chessa. Tracce di tensione

  • Quando:   04/03/2022 - 18/03/2022
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Cagliaripaesaggio urbano


Roberto Chessa. Tracce di tensione

Prosegue fino al 18 marzo 2022 presso il Temporary Storing della Fondazione Bartoli Felter in Cagliari via 29 novembre 3/5, la personale dell'artista Roberto Chessa " tracce di tensione " a cura di Chiara Manca ed in collaborazione con MANCASPAZIO.

Con oltre quaranta opere esposte, di cui la metà ancora inedite, realizzate negli ultimi anni e su differenti supporti, la mostra vuole raccontare l’universo artistico di Chessa a tuttotondo.

Scrive la Curatrice:

Attraverso la pittura Roberto Chessa riduce lo spazio in forme geometriche, semplificando graficamente i soggetti rappresentati.
La pulizia delle forme, l’essenzialità delle linee e il fondale dell’opera non concedono spazio al dettaglio o al ghirigoro, ma sintetizzano l’immagine fino ad arrivare al primordiale.
Il fruitore davanti alle opere di Chessa ha visione tersa e limpida di ciò che è rappresentato. L’occhio non ha bisogno di cercare punti focali differenti, anzi, è accompagnato dall’artista in un percorso senza ostacoli e deviazioni. Osservare un quadro di Chessa è come viaggiare sulla Eyre Highway: non ci sono curve.
Questo risultato visivo è ottenuto lavorando oltre che sulla forma, soprattutto sul colore.
Le sue geometrie o “intuizioni geometriche”, come lui stesso le definisce, hanno corporeità e plasticità soprattutto grazie all’uso sapiente dei toni cromatici, tanto da essere più compatibile con la scultura e l’architettura, che con la pittura più contemporanea.
Ciò che caratterizza un paesaggio urbano, un edificio o un complesso scultoreo è la luce e di conseguenza le ombre si proiettano sulle superfici. Abbiamo ombre naturali o proprie cioè quelle che un oggetto crea a contatto con la luce e le ombre portate, naturalmente più scure, che il corpo crea sulle superfici e i piani a lui vicini. Per questo motivo le ombre anche rappresentate pittoricamente, danno il senso di profondità e prospettiva all’immagine.
La semplificazione delle forme, in questo senso, è quasi scultorea e rimanda appunto a immagini che nella memoria collettiva dei sardi sono particolarmente radicate: le opere pubbliche di Costantino Nivola, realizzate a New York dopo approfonditi studi su come la luce avrebbe colpito le pareti ad ogni ora del giorno, i pupazzi in legno di Tosino Anfossi e Eugenio Tavolara, con forme quasi robotizzate, i tagli sulla ceramica di Gavino Tilocca con i quali dava forma ai soggetti o le opere in rame di Antonello Cuccu strettamente dipendenti dalle ombre che proiettano, sono solo alcuni degli esempi più evidenti.
Nel caso delle opere di Chessa le ombre, di entrambi i tipi sono ciò che rende consistente la forma e la rende scultorea, che si tratti di improbabili piante spinose, figure umanoidi o faunistiche.
Il colore è fondamentale nella produzione artistica di Chessa, i mezzi toni e le variazioni di tonalità, sono necessari per mostrare il riverbero delle ombre e quindi per la concretizzazione dell’immagine.
Ciò che l’artista realizza si potrebbe definire Geometria tonale: le forme nascono dalle campiture di colore e la geometria è il codice identificativo dei soggetti.
Il fondo delle opere, sempre uniforme e monocromo è funzionale allo sviluppo dei soggetti. Chessa blocca le sue geometrie stabilizzandole in uno spazio vuoto, nel vuoto cosmico e in quelle tracce di tensione che richiamano alla mente l’incalcolabile e l’indecifrabile. È evidente nelle opere il rimando all’energia primordiale e a ciò che Dante, nell’ultimo verso della Divina Commedia definisce l’Amor che move il sole e l’altre stelle.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Roberto Chessa. Tracce di tensione

Temporary Storing della Fondazione Bartoli Felter

Apertura: 04/03/2022

Conclusione: 18/03/2022

Organizzazione: Fondazione Bartoli Felter

Curatore: Chiara Manca

Indirizzo: via 29 novembre 3/5 - 09123 Cagliari

Orari: Visitabile da lunedì a venerdì dalle ore 17 alle 19:30 festivi esclusi, sino al 18 marzo. Ingresso consentito con certificato verde rafforzato, no tampone negativo.



Altre mostre a Cagliari e provincia

Arte contemporaneamostre Cagliari

MEMORIAE

Dal 19 Luglio alle ore 18:30 presso il Lazzaretto di Cagliari viene presentata la collettiva d'artisti "MEMORIAE" curata da Alessandra Menesini. leggi»

19/07/2024 - 08/09/2024

Sardegna

Cagliari

Arte contemporaneamostre Cagliari

Tiziana Sanna. SURFISH AL T. Mediterraneo sottosopra

Tiziana Sanna, in collaborazione con il surf designer Fabio Ruina, si avventura nelle profondità del Mar Mediterraneo per proseguire la ricerca sulle specie che vivono in ecosistemi delicati. leggi»

11/07/2024 - 05/09/2024

Sardegna

Cagliari

Arte contemporaneamostre Cagliari

Pablo Mesa Capella. Assenza

Il 28 giugno promossa dalla Fondazione Bartoli-Felter presso il Temporary Storing in Cagliari verrà inaugurata la mostra personale "assenza" dell'artista Pablo Mesa Capella. leggi»

28/06/2024 - 26/07/2024

Sardegna

Cagliari