SculturaMostre a Firenze

Sauro Cavallini. L’opera di un internato

  • Quando:   26/01/2023 - 28/02/2023
Sauro Cavallini. L’opera di un internato

Ideata dal Centro Studi Cavallini e curata dal direttore Maria Anna Di Pede, la mostra "Sauro Cavallini. L’opera di un internato" verrà allestita dal 26 gennaio fino al 28 Febbraio 2023 nelle sale di Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, sede della presidenza della Giunta Regionale della Toscana.

Sauro Cavallini, uno degli artisti più significativamente prolifici della seconda metà del Novecento, conobbe l’orrore dei campi di internamento durante la Seconda Guerra Mondiale: nel settembre del 1943 all’età di 16 anni, infatti, fu arrestato dalla polizia fascista e recluso nel campo di Gradaro a Mantova, dove rimase per circa un anno.

I mesi di prigionia segnarono profondamente la vita di Cavallini e quando iniziò a praticare la scultura, gli incubi della prigionia presero forma e si tradussero nelle sue prime opere d’arte che non avrebbe più ripetuto negli oltre 50 anni successivi.

Oggi quelle opere assumono un valore di testimonianza di un passato particolarmente doloroso e 16 di quei lavori, realizzati tra il 1961 e il 1963 in ferro e in ottone, saranno esposti per la prima volta a Firenze nella mostra Sauro Cavallini. L’opera di un internato che verrà allestita dal 26 gennaio fino al 28 Febbraio 2023 nelle sale di Palazzo Strozzi Sacrati, in Piazza del Duomo a Firenze, sede della presidenza della Giunta Regionale della Toscana.

La presentazione ai media è prevista la stessa mattina del 26 gennaio, alle ore 11 nella Sala Pegaso della Giunta Regionale, alla presenza del Presidente della Regione Eugenio Giani, della responsabile della cultura regionale Elena Pianea e del presidente del Centro Studi Cavallini, Teo Cavallini; a seguire si svolgerà l’inaugurazione ufficiale.

Ideata dal Centro Studi Cavallini e curata dal direttore Maria Anna Di Pede, la mostra è stata realizzata con la collaborazione della Fondazione Fossoli, del Museo della Deportazione di Prato, con il prezioso contributo di Regione Toscana e di Unicoop Firenze e si inserisce nella serie di eventi organizzati in occasione della Giornata della Memoria 2023.

In effetti non è la prima volta che compaiono in pubblico queste particolarissime sculture di Sauro Cavallini. Alcune di esse, nel luglio del 2021, furono temporaneamente in mostra nell’ex-campo di concentramento di Fossoli nel Comune di Carpi (MO), sul palco preparato per ospitare gli interventi dell’allora presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli e la presidente della Commissione Europea, Ursula Von der Leyen, in occasione del 77° anniversario dell’eccidio nazista di Cibeno.

Le opere in mostra
La terribile esperienza vissuta nel campo d’internamento influì su tutta l’opera di Cavallini che volle sempre affidare alle sue sculture un messaggio per l’umanità: di pace, di fratellanza e di amore universale. Le opere dell’artista spezino, ma fiorentino d’adozione, furono lungamente meditate e chi le ammira comprende con facilità il segno tangibile della sofferenza e dello scempio dell’umanità, nonostante in vece della parola abbiano la forza espressiva e immediata dell’arte.

Si tratta di opere in ferro e in ottone, inedite per Firenze, ispirate agli strazianti nei mesi di prigionia trascorsi tra privazioni e paure; le sculture, alcune delle quali misurano anche due metri d’altezza, furono realizzate durante i primi anni ‘60 con la tecnica della “goccia su goccia” ovvero sciogliendo scarti metallici mediante fiaccola ossidrica fino a creare l’opera, e sono dedicate unicamente alla figura umana dove l’angoscia, la sofferenza, il grido di aiuto, sono leggibili in modo inequivocabile. Sauro Cavallini si servì di quelle creazioni per metabolizzare e trasferire nella materia tridimensionale un dolore che non avrebbe mai avuto modo di esprimere diversamente. Solo così il Maestro diede forma ai ricordi dei corpi scheletrici dei prigionieri, delle torture, delle brutali fucilazioni che per anni avevano tormentato il suo animo.

Nell’allestimento le sculture sono affiancate da pannelli che, attraverso fotografie e documenti storici, illustrano i crimini nazifascisti commessi contro chi cercava di resistere e la popolazione civile, durante uno dei periodi più dolorosi della storia d’Italia.

Le opere esposte in mostra fanno parte della collezione permanente custodita nella Casa Museo Sauro Cavallini di Fiesole, dove ha sede l’omonimo Centro Studi inaugurato nel 2017 e presieduto dai figli dell’artista Aine e Teo Cavallini.

Titolo: Sauro Cavallini. L’opera di un internato

Apertura: 26/01/2023

Conclusione: 28/02/2023

Organizzazione: Centro Studi Cavallini

Curatore: Maria Anna Di Pede

Luogo: Giunta Regionale della Toscana, Palazzo Guadagni Strozzi Sacrati

Indirizzo: Piazza del Duomo, 10 - Firenze

Inaugurazione: 26 gennaio 2023 ore 12

Orari: LU-VE ore 10-12.30 e 14-16.30; SA 10-12.30 Ingresso libero

Per info: art@saurocavallini.it - Tel. +39 335 7877373

Sito web per approfondire: https://www.saurocavallini.com

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso