Arte contemporaneaMostre a Venezia

Stefano Jus. …del coraggio quotidiano. Alfabeti tra il magnetismo di Nicola Grassi e i graffiti

  • Quando:   07/12/2022 - 05/02/2023
  • evento concluso
Stefano Jus. …del coraggio quotidiano. Alfabeti tra il magnetismo di Nicola Grassi e i graffiti
Stefano Jus - il coraggio di davide, 2022, 300x300

Guardare al passato per scrutare il futuro e mostrare con consapevolezza il presente, questo è il processo di ricerca di Stefano Jus, maestro/artista friulano tra i più accreditati a livello nazionale.

Le opere in esposizione rappresentano una sua puntuale riflessione rivolta all’esistenza odierna e alla realtà che “abitiamo”, realtà che richiede il coraggio del quotidiano ad opera di ciascuno di noi: un messaggio di grande attualità da cui ha preso vita la personale “…del coraggio quotidiano. Alfabeti tra il magnetismo di Nicola Grassi e i graffiti” di Stefano Jus, ospitata nei prestigiosi spazi espositivi del Palazzo Contarini del Bovolo (Sale del Tintoretto) a Venezia dal 7 dicembre 2022 al 5 febbraio 2023.

I lavori esposti sono frutto di un fecondo dialogo tra le opere dell’artista del Settecento Nicola Grassi (presenti nella Collezione IPAV) e la ricerca contemporanea di Stefano Jus, che suggerisce l’importanza della conoscenza delle tecniche antiche e delle ispirazioni luministiche tradizionali come stimolo per delineare nuove soluzioni e inediti percorsi necessari per affrontare le sfide e le risorse di questo nostro Terzo Millennio.

La mostra è organizzata da Theke e dalla Fondazione Giovanni Santin Onlus ed è arricchita da un catalogo esaustivo edito da Il Segno editore, da una cartella di grafiche originali, e da un CD di musiche composte per l’occasione dal Maestro Paolo Jus.

La Mostra ha il Patrocinio della Regione Friuli-Venezia Giulia, del Comune di Zoppola, Della Città in Festa di Venezia. Main sponsor: Banca BCC Credi Friuli Gruppo Iccrea; Sponsor: Lions Pordenone Naonis; Ca’ Lozzio; Studio Hazen; MT industry; BidOn Fashion; DBS Sattec.... leggi il resto dell'articolo»

Il coraggio di Davide

Stefano Jus dà un’interpretazione originale dei canoni settecenteschi di Nicola Grassi riuscendo a esaltare le qualità luministiche-costruttive di un linguaggio figurativo che di solito colpisce innanzitutto per le tinte brillanti. La luce di Stefano Jus forma invece corpi-ombra consistenti, composti da graffiti e asportazione materiche, da vuoti solidi le cui dimensioni formali appaiono enigmatiche e creano presenze senza tempo e senza luogo. Una revisione monocroma la sua, di forme che escono da fondi di bitume o dai grigi densi del cemento, steso con gesti larghi e decisi. I colori di Stefano Jus sono il nero profondo e i grigi materici che si stemperano in tocchi celesti, ventosi e vibranti, a sottolineare il divenire della vita, la circolarità degli eventi (in ipotetiche cupole contemporanee). In mostra, tra le sculture e le opere a parete, entro tavoli/bacheche che emulano il laboratorio dell’artista sono raccolti i progetti e gli schizzi che documentano, in stratigrafia, il processo di lavoro di Stefano Jus, il carattere fabbrile della sua ricerca che si muove con grande padronanza tra diversi generi, tecniche, formati e materie.

L’opera “Il Coraggio di Davide” è il perno iconografico dell’intera rassegna, come afferma il curatore Enrico Lucchese. La composizione è una sovrapposizione di mattoni tridimensionali di grande formato in cui convivono frammenti di capolavori della Storia dell’arte antica e moderna, accanto ad istantanee dell’oggi che saturano lo spazio, intorno all’ansimare terrorizzato del cavallo, simbolo delle tragedie presenti. «Stefano Jus esprime così la sua denuncia e il suo monito, e ha il coraggio culturale di mostrare lo sconcerto di fronte ad alcune pieghe del Presente – spiega la curatrice Alessandra Santin - abitandolo senza addomesticarlo, assumendosi il rischio del dissenso, con la sua consueta serietà metodologica, aperta al possibile e rivolta non all’altrove ma alla realtà quotidiana. La complessità e la molteplicità degli eventi rappresentati ne “Il Coraggio di Davide” induce a dubitare delle scelte univoche e delle soluzioni definitive

Forme visive e sonore: il progetto musicale “èrebos”

Il progetto musicale “èrebos” del compositore Paolo Jus, a corredo dell’esposizione, concorre sapientemente al riconoscimento delle atmosfere emotive e alla comprensione dei contenuti e dei valori presenti. L’energia dei movimenti armonici e lo slancio di certi silenzi cambiano il modo di sentire il mondo. Le forme visive e sonore sono capaci di trasformare i percorsi di lettura, per accogliere anche la poesia entro gli spazi tradizionali della razionalità e della conoscenza. Stefano e Paolo Jus coniano così un nuovo immaginario, suggeriscono coraggiose aperture in ascolto di luci e ombre del Terzo Millennio.

Stefano Jus, biografia

Artista pordenonese, è autore di grandi dipinti murali, opere musive e sculture lignee di grande formato, esposti in diversi spazi pubblici del territorio regionale. Ha realizzato le vetrate di alcune chiese venete e friulane e ha partecipato a diverse mostre collettive e personali. Vincitore di numerosi premi e riconoscimenti, tramite la Scuola Mosaicisti del Friuli firma diversi progetti musivi realizzati nel territorio europeo. Tra i riconoscimenti più importanti il primo premio alla Biennale di Padova nel 1986, premio Top Ten Promosedia Udine 1995, primo premio alla Fiera Internazionale di Singapore nel 1997, premio Catas 1998, premio Expo 2000 Bauhuas Dessau nel 1999 e il premio internazionale tendenza mosaico con un trittico per la chiesa di S. Lorenzo (AQ) nel 2012. Attualmente insegna Disegno e Colore presso la Scuola Mosaicisti del Friuli e collabora alla realizzazione di eventi teatrali e progetti legati al design.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Stefano Jus. …del coraggio quotidiano. Alfabeti tra il magnetismo di Nicola Grassi e i graffiti

Apertura: 07/12/2022

Conclusione: 05/02/2023

Organizzazione: Theke e Fondazione Giovanni Santin Onlus

Curatore: Enrico Lucchese e Alessandra Santin

Luogo: Venezia, Scala Contarini del Bovolo

Indirizzo: San Marco Campo Manin, 4303 - 30124 Venezia

Inaugurazione: mercoledì 7 dicembre ore 17.30

Orari: tutti i giorni dalle 9.30 alle 17.30 (ultimo accesso ore 17.00)

Per info: +39 041-3096605 - cultura@fondazioneveneziaservizi.it

Sito web per approfondire: https://www.fondazioneveneziaservizi.it



Altre mostre a Venezia e provincia

Arte contemporanea

Padiglione della Repubblica del Camerun
alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia

La Repubblica del Camerun torna protagonista alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte – La Biennale di Venezia, con il progetto "Nemo propheta in patria". leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporanea

Klaus Littmann. Arena for a Tree

L'installazione Arena for a Tree (Arena per un albero) di Klaus Littmann sarà presentata a Venezia per la prima volta. leggi»

16/04/2024 - 31/07/2024

Veneto

Venezia

Scultura

Futurismi Contemporanei, da Boccioni a Guerriero

Dal 16 marzo al 2 maggio Villa Valmarana ospita "Futurismi Contemporanei, da Boccioni a Guerriero" mentre nel Parco saranno esposte le "Epifanie". leggi»

16/03/2024 - 02/05/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporanea

Kuril Chto. Under Jove's Protection

Dal 17 aprile al 17 maggio 2024, in concomitanza con la 60ma Biennale d'Arte di Venezia apre al pubblico "Under Jove's protection", personale di Kuril Chto dal titolo, a cura di Valentin Diakonov. leggi»

17/04/2024 - 17/05/2024

Veneto

Venezia

Arte grafica

Armando Testa

Dal 20 aprile al 15 settembre 2024 a Venezia, Ca' Pesaro - Galleria Internazionale d'Arte Moderna ospita la monografica sul noto creativo Armando Testa. leggi»

20/04/2024 - 15/09/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporanea

Chiara Dynys. Lo stile

Dal 20 Aprile al 15 Settembre 2024, contestualmente alla 60esima Biennale d'Arte di Venezia, la Galleria Internazionale di Arte Moderna, ospita la personale di Chiara Dynys "Lo Stile". leggi»

20/04/2024 - 15/09/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporanea

Austin Young/Fallen Fruit. Marriage of the Sea

Fino al 30 giugno 2024 Austin Young porta i Fallen Fruit a Venezia per la Biennale con "Marriage of the Sea (The Rape of Venice)", personale del californiano Austin Young . Il 18 aprile dalle h. 17 i visitatori sono invitati... leggi»

18/04/2024 - 30/06/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporanea

Michele Rosa e Collettivo The Perceptive Group. No man is an island

Dal 20 aprile al 24 novembre 2024 Michele Rosa, scomparso nel 2021, ed il Collettivo The Perceptive Group sono presenti al Grenada Pavilion per la 60° Biennale d'Arte di Venezia con "No man is an island". leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Fotografia

Best Regards. Anonymous Project

In occasione della Biennale Arte 2024, in mostra al Fondaco dei Tedeschi di Venezia da mercoledì 17 aprile la mostra "Best Regards. Anonymous Project". leggi»

17/04/2024 - 17/11/2024

Veneto

Venezia