Surrealismi. Da de Chirico a Gaetano Pesce

  • Quando:   12/07/2024 - 20/10/2024

Arte modernaArte contemporaneaMostre a Trentode ChiricoMart di RoveretosurrealismoRovereto


Surrealismi. Da de Chirico a Gaetano Pesce
Alberto Savinio, Les Rois Mages (I Re Magi), 1929, Olio Su Tela, Mart, Provincia Autonoma Di Trento Soprintendenza Per I Beni Cultural

Da un'idea di Vittorio Sgarbi e a cura di Denis Isaia, in occasione del centenario del Movimento surrealista, dal 12 luglio al 20 ottobre 2024, il Mart dedica una rassegna all'arte fantastica italiana, indagando un tema restato a lungo nell'ombra e finalmente al centro di recenti studi e riscoperte, come segnalano articoli, pubblicazioni, mostre e alcune delle rassegne realizzate dal Mart negli ultimi anni.

È il caso, per esempio, delle monografiche su Romolo Romani (2021), su Adelchi Riccardo Mantovani e Julius Evola (2022), o della grande mostra dedicata all'amicizia tra Leonor Fini e Fabrizio Clerici (2023) nella quale si annoveravano numerosi tra gli artisti oggi in mostra, come Stanislao Lepri o Colombotto Rosso.
È inoltre in calendario anche la grande esposizione su Italo Cremona (ottobre 2024), prodotta con la GAM – Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino che ne ospita attualmente la prima tappa.

Con Surrealismi, inoltre, il Mart approfondisce e valorizza alcuni degli artisti presenti nelle proprie collezioni: sono infatti una cinquantina le opere provenienti dal patrimonio del museo. Si va da noti capolavori di Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, fino a opere di Enrico Baj, di cui a Rovereto si conserva l'archivio, di Alberto Martini, Enrico Prampolini e molti altri.
Insistendo su questo filone, il museo di Rovereto presenta Surrealismi, una mostra di ricerca, dettagliata e completa, su un tema ancora oggi poco conosciuto e sfidante per il gusto estetico maggiormente condiviso.
Partendo dall'indole romantica e incantata, che affonda le radici nel Simbolismo, nel Realismo magico e nella Metafisica, attraverso esperienze variegate e confronti con le tendenze coeve, il progetto identifica i caratteri dei surrealismi italiani facendo emergere autori meno conosciuti, isolati o non corrispondenti alle istanze più note.

Come la storiografia ha più volte evidenziato, l'Italia è estranea al movimento surrealista, la cui invenzione e maturazione avviene esattamente cento anni fa in Francia sotto la guida di André Breton. Eppure, si deve allo stesso Breton l'individuazione di due preziosi antecedenti al movimento nell'opera di Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, inconsapevoli predecessori di una pittura rivolta ai luoghi più reconditi dell'anima, agli spazi dell'immaginazione e del sogno.
Nello Stivale, i primi studi scientifici sul Surrealismo risalgono al 1930, quando lo psichiatra Emilio Servadio pubblica l'articolo Surrealismo e medianità. 
Nel campo dell'arte, invece, il primo critico a parlare in maniera sistematica degli artisti italiani di derivazione fantastica e surrealista è Raffaele Carrieri, con il saggio del 1939 Fantasia degli italiani.

L'inclinazione metafisico-surrealista è riscontrabile in una serie di artisti che non si uniscono mai in gruppi o movimenti, rimanendo casi isolati e geograficamente dispersi. Nel 1950, in Anticipazioni e postumi del Surrealismo, lo stesso Raffaele Carrieri nomina tra i precursori dei surrealisti e dei fantastici italiani artisti come Giorgio de Chirico, Alberto Martini, Alberto Savinio, Fabrizio Clerici e Leonor Fini, Italo Cremona. A suo dire sono questi, infatti, gli unici in grado di produrre una pittura surreale, romantica e capace di guardare al passato attraverso una colta operazione citazionista.... leggi il resto dell'articolo»

Partendo da queste pietre miliari e attraverso episodi troppo a lungo considerati laterali, la mostra presenta una pluralità di singole evidenze e di fronde di originale qualità e autonomia creativa, in costante dialogo con gli ambienti internazionali e con gli altri campi della cultura.
Il Mart riunisce 160 opere di oltre 70 artisti nati prevalentemente nella prima metà del XX secolo. Una compagine quanto mai completa che include (oltre ai già citati) Ugo La Pietra, Gaetano Pesce, Jannis Kounellis, Arturo Nathan, Gustavo Foppiani, Lorenzo Alessandri, Corrado Costa, Sergio Vacchi, Valerio Miroglio, Giordano Falzoni, Ugo Stepini, Enrico Donati, Romano Parmeggiani.

Divisa in quattro sezioni tematiche che si muovono fra diversi periodi, la mostra rintraccia i filoni principali dei Surrealismi italiani e le loro peculiarità, dal dialogo aperto sul passato che ha in de Chirico l'inquieto capostipite novecentesco, sino alle influenze che caratterizzano alcune espressioni del Futurismo, della scena Pop o post-informale, accomunate dai principi perturbanti tipici del Surrealismo, dal suo vitalismo e dalla sua sostanziale ricchezza stilistica.

Il percorso espositivo

Mart, Surrealismi

La mostra si apre nella piazza del Mart, con la grande Sedia Portaritratti di Gaetano Pesce che, alta più di quattro metri, dà il benvenuto a visitatori e visitatrici e a passanti. Al secondo piano una prima sala introduttiva presenta brevemente i molteplici contenuti che saranno approfonditi nel corso dell'esposizione; una seconda sedia di Pesce, la Poltrona Senza Fine, si confronta con opere dei maestri de Chirico e Savinio.

La prima sezione, L'oltrestoria, muove da Giorgio de Chirico per situare i surrealismi italiani in un tempo remoto e sospeso, nel quale il presente dialoga con l'antichità e le sue rovine. È qui che si innestano gli enigmatici temi del provvisorio, del parziale, dell'indefinito. Nella seconda sezione, la realtà si trasforma in La surrealtà, una dimensione figurativa surreale e favolistica, abitata da soggetti inanimati ma vivi; mentre nella terza sezione, I principi del piacere, si esplorano le facoltà perturbarti della sessualità.
L'ultima sezione è dedicata infine ai Parasurrealismi, tra tendenze affascinate dal paranormale e dall'ignoto e la ripresa del Surrealismo dai tardi anni Cinquanta da parte delle neo-avanguardie. È il caso di alcune espressioni esoteriche del Futurismo, ma anche di una folta scena di artisti che riscoprono la carica anticonformista del Surrealismo.

L'allestimento

In armonia con i temi della mostra, l'allestimento si sviluppa attraverso cinque sale che compongono un labirinto surrealista, tortuoso e straniante.
L'esposizione convive inoltre con la mostra monografica dedicata a Luigi Serafini: nella stessa ala del museo i due spazi si connettono attraverso dei varchi al principio e alla fine del percorso. Idealmente de Chirico, primo surrealista moderno, cede il testimone a numerosi artisti, sino a giungere al contemporaneo Luigi Serafini.

Il catalogo

La mostra sarà accompagnata da un ricco catalogo che riunisce le biografie di ciascuno dei circa 70 artisti presenti nell'esposizione e che raccoglierà i contributi di: Vittorio Sgarbi, Denis Isaia, Chiara Portesine, Concetta Leto, Giulia Tulino, Guido Pautasso, Lucio Scardino, Manuel Barrese, Paola Decina Lombardi, Roberta Serpolli.

Tutti gli artisti in mostra

Abacuc, Vincenzo Accame, Lorenzo Alessandri, Enrico Allimandi, Armodio, Franco Assetto, Enrico Baj, Guido Biasi, Annibale Luigi Bergamini, Corrado Cagli, Jean Caloger, Bruno Capacci, Arturo Carmassi, Gian Carozzi, Rolando Cimicchi, Claudio Cintoli, Fabrizio Clerici, Enrico Colombotto Rosso, Leandra Cominazzini Angelucci, Corrado Costa, Ponte Corvo, Italo Cremona, Sergio Dangelo, Enrico d'Assia, Giorgio de Chirico, Elio De Paoli, Nicolaj Diulgheroff, Enrico Donati, Gianni Dova, Julius Evola, Giordano Falzoni, Benvenuto Ferrazzi, Giannetto Fieschi, Leonor Fini, Gustavo Foppiani, Oreste Forlani, Lanfranco Frigeri, Luigi Gigiotti Zanini, Arnaldo Ginna, Carlo Guarienti, Benito Jacovitti, Walther Jervolino, Jannis Kounellis, Cesare Lazzarini, Stanislao Lepri, Giovanni Macciotta, Adelchi Riccardo Mantovani, Alberto Martini, Renzo Margonari, Sergio Minero, Valerio Miroglio, Mario Molinari, Mattia Moreni, Sirio Musso, Arturo Nathan, Venino Naldi, Romano Parmeggiani, Michelangelo Perghem Gelmi, Mario Persico, Gaetano Pesce, Cesare Peverelli, Gaetano Pompa, Enrico Prampolini, Dino Predonzani, Romolo Romani, Franco Floriano Salani, Tito Salomoni, Sergio Sarri, Paolo Salvi, Alberto Savinio, Erasmo Sorreca, Adriano Spatola, Ugo Sterpini, Alberto Trevisan, Sergio Vacchi, Giuseppe Viviani, Gianfilippo Usellini, Pietro Weber, Paola Zago, Tono Zancanaro, Luigi Zuccheri.

Il percorso della mostra nei testi di sala

L'oltrestoria

La vena più oscura del Simbolismo anticipa alcuni caratteri del Surrealismo. Con Giorgio de Chirico, inizialmente influenzato dall'arte simbolista, lo sguardo rivolto alle vie dell'inconscio diventa più puntuale. I suoi quadri sospendono il tempo dando vita a una condizione di alterazione della storia che mette in crisi la spinta verso il futuro propria della modernità. Il misterioso citazionismo classicheggiante di de Chirico diventa modello per molti artisti. Seppur in formazioni sparse, essi rielaborano il mito e la storia dando voce a narrazioni fantastiche e apparizioni perturbanti. Ne sono esempio le colte composizioni di Alberto Savinio o le malinconiche visioni di Arturo Nathan, legate anch'esse all'antico, così come quelle di Fabrizio Clerici o Enrico D'Assia. Un passato imperscrutabile rivive nei surrealismi italiani attraverso alcuni temi iconografici, come la rivisitazione della figura o la rielaborazione del tema romantico della rovina che perde il suo statuto di reperto della memoria e si impone con la forza di un'apparizione fantasmatica, un corpo inanimato eppure vivo.

La surrealtà

I surrealisti danno forma al fantastico attraverso visioni naturalistiche e allo stesso tempo trasognate. In questa sezione emergono alcune figure ricorrenti come quella del pittore, inquieto e fantastico creatore, o quella dell'occhio, spesso associato alla luna a conferma della natura notturna dell'immaginario surrealista. Tra i capostipiti di questa tendenza onirica troviamo Gianfilippo Usellini, Giuseppe Viviani e Gigiotti Zanini, ma anche, in epoca più recente, Adelchi Riccardo Mantovani, Annibale Luigi Bergamini, Benvenuto Ferrazzi e Ugo Sterpini. I loro quadri sono saggi di fantasia dove i principi della fisica e della logica sono sospesi: le persone volano, gli oggetti si animano, gli animali si ingrandiscono a dismisura.
Giordano Falzoni – uno dei pochi artisti italiani che ha avuto rapporti diretti e costanti con il Surrealismo internazionale – dopo aver frequentato la scena dell'arte più spontanea, l'Art Brut, orienta la sua produzione verso un onirismo paradisiaco, come si può vedere nel Dittico dell'Atlantide riemersa, capolavoro donato da Arturo Schwarz – il più fervente promotore del Dadaismo e del Surrealismo in Italia – alla Galleria Nazionale di Roma.

I principi del piacere

Avanguardie come Dada e Surrealismo hanno in comune la ricerca della provocazione. Il piacere erotico, in particolare, diviene un soggetto usato per stuzzicare l'opinione pubblica. I surrealisti trovano nella libera rappresentazione dell'impulso sessuale un efficace strumento per la de-moralizzazione dei costumi sociali. Nel tentativo di generare un'apologia del piacere essi rielaborano, spesso in chiave demoniaca, la tradizionale figura della musa. Il corpo femminile diviene un territorio anticonformista su cui germogliano le proiezioni del piacere. Attraverso la sua trasfigurazione o simbolizzazione, i surrealisti rimandano a scenari inconsci alimentati da pulsioni a volte sofisticate, altre volte più sfacciatamente scandalose. Al cuore di ogni raffigurazione c'è il potenziale rivoluzionario dell'erotismo.

Parasurrealismi

Lo spirito rivoluzionario del Surrealismo supera i confini cronologici del movimento francese, attraversando alcune singole ed eccezionali personalità e più ampi raggruppamenti artistici. In queste sale sono raccolti i "parasurrealismi": tendenze che manifestano un'affinità con l'alterità perturbante propria del Surrealismo. È il caso di alcune espressioni esoteriche del Futurismo ma anche di una scena più ampia di artisti che, a partire dai tardi anni Cinquanta, provano a uscire dal dominio della pittura informale rintracciando nel Surrealismo i principi di libertà esperienziale ed espressiva. Sono le prove di una generazione che sente fortemente il valore della sperimentazione e della liberazione della forma e della lingua. Gli stessi impulsi daranno vita a movimenti artistici che troveranno in altre definizioni la propria identità più specifica, continuando ciononostante a pagare un importante tributo al Surrealismo.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Surrealismi. Da de Chirico a Gaetano Pesce

Rovereto - MART

Apertura: 12/07/2024

Conclusione: 20/10/2024

Organizzazione: MART - Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto

Curatore: Denis Isaia

Indirizzo: Corso Bettini, 43 - 433806 Rovereto (TN)

Biglietti: Intero 15 €, ridotto 10 € (biglietto unico per tutte le sedi del Mart)

Sito web per approfondire: https://www.mart.tn.it/

Facebook: https://www.facebook.com/martrovereto



Altre mostre a Trento e provincia

Arte modernaArte contemporaneamostre Trento

Il sogno di Luigi Serafini

Da un'idea di Vittorio Sgarbi, a cura di Andrea Cortellessa, Denis Isaia e Pietro Nocita, il Mart di Rovereto dedica a Luigi Serafini un'approfondita antologica sulla sua vasta attività. leggi»

12/07/2024 - 20/10/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte contemporaneamostre Trento

Solomostry. Rifugio Momentaneo

Cellar Contemporary è lieta di invitarvi alla mostra personale "Rifugio Momentaneo", di SOLOMOSTRY, allestita nel Forte di Civezzano, Tagliata superiore dal 19 luglio. leggi»

19/07/2024 - 22/09/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte contemporaneamostre Trento

Alt(r)e Visioni. Dalla montagna all'arte

Dal 12 luglio al 13 ottobre, 25 artisti UNIKA presenteranno le loro opere nel magnifico Palazzo Aliprandini Laifenthurn di Livo, in Val di Non. leggi»

13/07/2024 - 13/10/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte contemporaneamostre Trento

Material Self

"Material Self" è la mostra collettiva e programma performativa, dal 18 luglio al 19 settembre 2024, presso Centrale Fies a Dro. leggi»

19/07/2024 - 21/09/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Ingresso libero su appuntamento

Arte del Rinascimentomostre Trento

Dürer e gli altri. Rinascimenti in riva all’Adige

A Trento, lo spettacolare “caso Dürer”, dal 6 luglio al 13 ottobre 2024 una grande mostra celebra l'incontro tra Dürer e i nordici con l'arte veneta e italiana, originale laboratorio del Rinascimento Alpino. leggi»

06/07/2024 - 13/10/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte contemporaneamostre Trento

Acqua, luce, fuoco. Ettore de Conciliis, Umberto Mastroianni

Tornano a dialogare le opere di Ettore de Conciliis e Umberto Mastroianni, fino al 27 settembre 2024 negli spazi di Palazzo Libera e nel Parco Guerrieri Gonzaga a Villa Lagarina. leggi»

21/06/2024 - 27/09/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte contemporaneamostre Trento

Pietro Weber. Guardare Oltre

L'artista Pietro Weber e lo chef stellato Alfio Ghezzi si incontrano, in sintonia tra arte e alta cucina con la mostra "Guardare Oltre", fino al 12 dicembre 2024 al ristorante Senso-Mart di Rovereto. leggi»

12/06/2024 - 12/12/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte modernamostre Trento

Arte e Fascismo

Dal 14 aprile al 1 settembre 2024 il Mart di Rovereto propone la mostra "Arte e Fascismo" che indaga come il regime fascista influì sulla produzione figurativa italiana. leggi»

14/04/2024 - 01/09/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Sculturamostre Trento

Felice Tosalli. Animali di un altro sogno

Da venerdì 29 marzo a domenica 8 settembre 2024 il Mart propone la mostra "Felice Tosalli. Animali di un altro sogno". leggi»

29/03/2024 - 08/09/2024

Trentino Alto Adige

Trento