The Rise and Fall of the Ideal City

  • Quando:   08/06/2023 - 09/09/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Venezia


The Rise and Fall of the Ideal City

In occasione dell'apertura del Project Space di Venezia, la Fondazione Marta Czok presenta una selezione di opere della sua Collezione, viste in dialogo con video artisti e film-maker da tutto il mondo, in una collaborazione speciale con Urban Visions Film Festival e A-Place. Curata da Jacek Ludwig Scarso, questa prima mostra si intitola The Rise and Fall of the Ideal City (“L’ascesa e la caduta della Città Ideale”), in concomitanza con la Biennale Architettura 2023.

Il Project Space Fondazione Marta Czok è un nuovo spazio progettuale che accompagna la Collezione Permanente della Fondazione, locata nel centro storico di Castel Gandolfo, Roma. Mentre la Collezione Permanente si specializza in una visione antologica dell’opera pittorica di Marta Czok (artista Italo-Britannica di origini Polacche, nata in Libano nel 1947) e in particolare nelle opere istituzionali degli ultimi quarant’anni, il Project Space ha una missione collaborativa. Qui, il concetto di scambio è fondamentale: ispirati a tematiche trattate nei dipinti di Marta Czok, quali il commentario sociale, la satira politica e l’esperienza di migrazione, i nostri progetti danno voce a nuove realtà artistiche e a dialoghi con istituzioni nazionali ed internazionali, che si dedicano al rapporto tra arte, cultura e contesto sociale.

Note Curatoriali di Jacek Ludwig Scarso

Il concetto rinascimentale di Città Ideale è qui una provocazione per esplorare criticamente le connotazioni ideologiche del contesto urbano e la necessità di cambiamenti sociali, a livello locale e globale. Come punti focali per civiltà transitorie, le città vengono costruite, ricostruite e distrutte, diventando, sia metaforicamente che letteralmente, campi di battaglia per i giochi di potere: l'ingiustizia sociale, l'avidità economica, il desiderio di supremazia, l'indifferenza verso un ecosistema sempre più fragile fanno da sfondo all'esperienza vissuta dai cittadini. Frutto dell'intervento umano, le città appaiono in costante sviluppo, mentre nascondono un nucleo sempre più instabile. Barlumi di speranza sono offerti dalla resilienza dei cittadini che, imperterriti, combattono il disagio sociale, attraverso sforzi individuali e collettivi.... leggi il resto dell'articolo»

Le raffigurazioni della città nei dipinti di Marta Czok, che variano di periodo dagli inizi degli anni Ottanta fino all’ultimo decennio, mostrano una prospettiva satirica sulle gerarchie sociali. In queste opere, i potenti credono di essere inarrestabili, eppure il mondo che vogliono dominare non è altro che una costruzione ideologica: tutto è contingente, tutto è transitorio, tutto può essere ribaltato. All'altra estremità della scala sociale, i cittadini comuni appaiono indifesi, ma è attraverso il loro lavoro che si costruiscono le ricchezze di una città e che il cambiamento sociale diventa veramente possibile.

In dialogo con queste opere, presentiamo una selezione di cortometraggi tratti da Urban Visions – Beyond the Ideal City, festival cinematografico indipendente promosso da City Space Architecture e curato da Luisa Bravo. Parte del progetto europeo A-Place – Linking places through networked artistic practices, il Festival è co-finanziato dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea. All’interno di questa selezione, con cui celebriamo anche i primi dieci anni di City Space Architecture, troviamo un insieme di prospettive provenienti da tutto il mondo, nelle quali la città viene raccontata in relazione ai contesti di migrazione, di ingiustizie sociali e di comunità resilienti. Grazie a questo dialogo, The Rise and Fall of the Ideal City vuole essere uno spunto di riflessione critica sul contesto urbano, ma anche di ispirazione su come linguaggi artistici in diverse discipline possono portare nuove idee e importanti testimonianze rispetto a questo contesto.

Testo critico di Anna Marazuela Kim
Arte, Politica e l'ascesa e la caduta della Città Ideale

Una città è una macchina con innumerevoli parti create dall'accumulo di gesti umani, un organismo colossale che muore e nasce incessantemente, un conflitto continuo tra memoria e cancellazione, un centro per il capitale e per gli attacchi al capitale, un rapimento, una miseria, un mistero, una cospirazione, una destinazione e un punto di origine, un labirinto in cui alcuni si perdono e alcuni trovano ciò che stanno cercand. Una discussione su come vivere e la prova che le differenze non devono sempre essere risolte, anche se possono infrangersi e fondersi l'una contro l'altra per secoli.
Rebecca Solnit

Le città sono luoghi di speranze e sogni, di aspirazioni al benessere economico e sociale, di comunità e di appartenenza, ma anche di forze e strutture che lavorano contro gli stessi ideali e le persone che dovrebbero sostenere. La questione di ciò che costituisce una città buona e giusta, poiché promuove questi ideali, ha assunto negli ultimi anni una rinnovata urgenza, poiché le Nazioni Unite prevedono che il settanta per cento della popolazione mondiale vivrà in insediamenti urbani entro il 2050. Le città sono sia l'epicentro delle più grandi sfide della nostra epoca - sociali, politiche ed ecologiche - sia i motivi necessari per rispondervi. È questa dualità, o dialettica, che dà un'idea della complessità delle nostre città - come "un organismo colossale che muore e nasce per sempre", una “discussione su come vivere". Come specie profondamente sociale e politica, sembriamo inesorabilmente attratti a vivere insieme in questa forma, come un ideale che promuove la più alta forma di vita. Eppure è una forma che, paradossalmente, può portare alla nostra eventuale scomparsa: la fine della vita su scala planetaria, l'ascesa e la caduta definitive.

Come siamo arrivati a questa situazione, in cui la città è centrale per ideali di vita civile che rischia sempre di fallire, ha un lungo arco storico. Aristotele e Platone forniscono i primi tentativi esistenti di definire la dinamica fondamentale tra il politico e il luogo della città, nell'idea di polis. In Aristotele, la virtù sociale e politica, o la prosperità umana (eudaimonia), sono necessariamente legate a una forma di vita immaginata all'interno di una città-stato. La Repubblica di Platone, un'indagine sulla forma ideale della città che dà origine alla giustizia e alla vita umana giusta, o virtuosa, - così come le sfide a quell'ideale- ha bandito notoriamente gli artisti e le arti della poesia come minacce alla sua realizzazione. Con radici nel pensiero romano classico, la Città Ideale raggiunge un apogeo nelle città-repubbliche del Rinascimento. Sebbene riportandosi alle idee classiche, queste suggeriscono tuttavia un contromodello alla Repubblica di Platone, vedendo nelle arti un ruolo cruciale - non solo nello sviluppo dell'architettura delle grandi città, ma in argomenti critici riguardanti la vita dei cittadini all'interno. Nel loro commento critico sulla città ideale, storicamente e nel presente, Marta Czok e gli video-artisti di questa mostra continuano questa traiettoria.

Marta Czok
Britannica di origini polacche e italiana d'adozione, Marta Czok è nata a Beirut (Libano)nel 1947. L’anno successivo la sua famiglia ottenne asilo politico a Londra, dove ha vissuto fino al 1974 e dove ha completato gli studi accademici alla St Martin’s School of Art, partecipando ripetutamente alla Royal Academy Summer Exhibition.
Negli ultimi quarant'anni, ha esibito le sue opere in Europa e nel resto del mondo collaborando anche al progetto “Alitalia per l’Arte”. Nel 2000 Alitalia le ha commissionato un trittico che è stato donato a Papa Giovanni Paolo II per il suo ottantesimo compleanno. Nello stesso anno è stata invitata dall’Ambasciata Francese presso la Santa Sede a realizzare un’opera sul tema del Giubileo che è stata esposta nell’ambito della mostra Roma Jubilans. La Royal Caribbean le ha inoltre commissionato, in collaborazione con Albemarle Gallery di Londra, un’opera per la sua nave Navigator of the Seas. Nel 2008, la televisione nazionale polacca TV Polonia le ha dedicato un documentario nel quale si evidenziava il rapporto tra il suo lavoro e la Seconda Guerra Mondiale.
Tra le sue mostre pubbliche più recenti meritano una particolare segnalazione Icons&Idols, mostra multimediale del 2013 presso il Museo MACRO di Roma; la mostra antologica presso il Castello di Calatabiano, organizzata dal Museo MACS di Catania,2014; la mostra personale Mother Rome presso il Museo Carlo Bilotti di Roma nel 2016; la mostra personale presso l’Istituto di Cultura Italiano di Varsavia, 2017; Baroque Intrusions presso il Museo del Barocco al Palazzo Chigi di Ariccia, Roma nel 2018; la mostra personale O Nas presso Konstanciński Dom Kultury Hugonówka in Polonia nel 2023. Marta Czok ha inoltre lavorato a mostre itineranti quali la personale dedicata ai Bambini nella Guerra e nello Shoah, tenutasi a Palazzo Ferrajoli (Roma), al Museo Civico di Albano ea Palazzo Antico Ghetto (Padova) e la mostra About Us, sul tema dell’umanità, a Palazzo dei Papi (Viterbo), Palazzo Zuckermann (Padova) e Palazzo Zenobio (Venezia). In Polonia, dal 2020, la mostra To Nazywasz Sztuka? si è tenuta in diverse sedi, tra cui a Varsavia, presso il Museo della Caricatura, e poi a Lublino presso il Centrum Spotkania Kultur. Marta Czok vive e lavora a Castel Gandolfo, Roma. Le sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private in tutto il mondo.

Urban Visions /A-Place
Urban Visions - Beyond the Ideal City è un festival cinematografico indipendente che indaga la complessità della dimensione urbana contemporanea, esplorando le connessioni, le intersezioni e le attività che si svolgono nelle nostre città, viste attraverso il complesso intreccio di pratiche sociali, contesti culturali e geografie umane, al di là degli stereotipi e delle diffuse immagini consumistiche, con particolare riferimento alle molteplici e mutevoli espressioni della vita pubblica. Promosso dall'associazione culturale italiana senza scopo di lucro City Space Architecture, fa parte di "A-Place. Linking places through networked artistic practices".
A-Place è un progetto cofinanziato dal programma Europa Creativa (2019-2023),dedicato al rafforzamento dei legami tra persone e luoghi, che si svolge in sei città europee: Barcellona, Bologna, Bruxelles, Lisbona, Lubiana e Nicosia. A-Place è una piattaforma per la creazione, il dibattito e la sperimentazione sul senso di appartenenza e identità che gruppi provenienti da più background e culture mantengono nei loro ambienti sociali e fisici. Attraverso l'arte site-specific, le pratiche spaziali creative e i progetti culturali, A-Place mira a coinvolgere una varietà di parti interessate - residenti, artisti, architetti, studenti, responsabili politici - in un processo di riflessione attraverso l’azione sul significato e il valore della creazione di luoghi.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: The Rise and Fall of the Ideal City

Venezia - Campo Rialto Novo

Apertura: 08/06/2023

Conclusione: 09/09/2023

Organizzazione: Fondazione Marta Czok

Curatore: Jacek Ludwig Scarso

Indirizzo: Campo Rialto Novo 542-544 - 30125 Venezia

Orari: Giovedì-Domenica 16:00 – 19:30

Incontro con i Curatori: Venerdì 23 Giugno ore 18:00



Altre mostre a Venezia e provincia

Arte del vetromostre Venezia

Federica Marangoni. On the road 1970-2024

Dal 19 maggio al 24 novembre 2024 a Murano il Museo del Vetro, Spazio Ex Conterie ospita la mostra di Federica Marangoni "On the road 1970-2024". leggi»

19/05/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Omaggio a Ennio Finzi

Ca' Pesaro prosegue la sua attività di valorizzazione degli artisti della collezione permanente con un autore tra i più radicali del Novecento italiano: Ennio Finzi. leggi»

17/05/2024 - 06/10/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Obey. Art will save the world

MV Arte presenta la mostra dedicata ad Obey dal titolo "Art will save the world" presso il Museo nazionale di Archeologia del Mare di Caorle (VE). leggi»

26/05/2024 - 29/09/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Cen Long. Seminare speranza

Crux Art Foundation presenta la mostra "Seminare speranza" con opere dell'artista Cen Long in occasione della 60. Esposizione Internazionale d'Arte La Biennale di Venezia. leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Harold Stevenson

Prosegue fino al 27 luglio 2024 presso la galleria Tommaso Calabro a Venezia la prima monografica in Italia dedicata ad "Harold Stevenson", esponenti della cultura d’avanguardia del 2° dopoguerra. leggi»

17/04/2024 - 27/07/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporanea Sculturamostre Venezia

Lorenzo Quinn. Anime di Venezia - Souls of Venice

Si chiama "Anime di Venezia – Souls of Venice", la nuova creazione di Lorenzo Quinn che sarà esposta a Venezia, dal 20 aprile al 15 settembre 2024. leggi»

20/04/2024 - 15/09/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Berlinde De Bruyckere. City of Refuge III

"City of Refuge III", evento collaterale della 60. Esposizione Internazionale d'Arte, è la mostra di Berlinde De Bruyckere, dal 20 aprile al 24 novembra 2024 all' Abbazia di San Giorgio Maggiore a Venezia. leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Hovering

Per la seconda mostra nel nuovo spazio veneziano, Capsule Venice è lieta di presentare Hovering, una collettiva con i lavori di tredici artisti internazionali. leggi»

06/04/2024 - 23/06/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporanea Sculturamostre Venezia

Futurismi Contemporanei. Oltre i confini del tempo

Dal 5 maggio al 9 giugno 2024 Fondazione Donà dalle Rose a Venezia presenta la mostra "Futurismi Contemporanei. Oltre i confini del tempo" da Boccioni ai contemporanei. leggi»

05/05/2024 - 09/06/2024

Veneto

Venezia