Tracce del tempo

  • Quando:   20/05/2023 - 02/06/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a LecceLecce


Tracce del tempo
CLAUDIE BASTIDE

Primo Piano LivinGallery ha il piacere di presentare la mostra d’arte contemporanea Tracce del tempo, curata da Dores Sacquegna e allestita presso la Fondazione Palmieri a Lecce. L’evento, patrocinato dal Comune di Lecce, si inaugura sabato 20 Maggio alle ore 19:30 alla presenza degli artisti. Durante l’opening la performance Perceptual Border di Massimiliano Manieri (con la partecipazione di Madia Biondo) e Multi Tracce una loop station che descrive, attraverso le sonorità del trombone, le tracce del tempo, come scorrimento del battito, del musicista e compositore M° Alberto “Nick” Bolettieri.

La mostra

Il tempo è la sostanza di cui sono fatto. E’ un fiume in piena che mi trascina ma io sono il Fiume. E’ una tigre che mi divora ma io sono la Tigre. È un fuoco che mi consuma ma io sono il Fuoco (Jorge L. Borgès)

La mostra indaga le nozioni di tempo e spazio, intorno alle quali si sono progressivamente organizzati i diversi settori del sapere. Le opere degli artisti sono suddivise in tre tempi: Tempo Ciclico (mitologico), Tempo Storico e Tempo Cosmico. Tutte e tre le dimensioni interagiscono tra di loro e rappresentano una condizione di possibilità di esperienza e di conoscenza del proprio Io divino o stato dell’essere, cioè, quella primitiva sorgente che gli antichi chiamavano Apocalisse o Rivelazione. Catalogo in mostra con testi critici di Dores Sacquegna, Primo Piano Edizioni.

Gli artisti

La mostra è composta da ventuno artisti e performer prevalentemente della scena internazionale, presenti con opere multidisciplinari, incluso la performance e il suono. Nella trilogia tra tempo mitico, storico e cosmico, in mostra tre grandi installazioni dell’artista francese Brigitte Amarger, che gioca tra geografie dell’esodo, storia e memoria, corpo e cyberspazio. Mondi fluttuanti e crittografie zen si trovano nelle opere pittoriche dell’artista francese Claudie Bastide, mentre ritmi, algoritmi e segni sono presenti nelle vibranti tele di Nena Cirkovic, artista serba residente in Austria. La luce come rivelazione del nostro Io divino nell’opera della slovena Ines Fugina-Malnar. Le questioni dell’identità tra memoria, mortalità e rinascita sono visibili nelle micro-sculture di oggetti della nostra quotidianità, visti come elementi istrionici e antropomorfi dall’artista americano Ronald Gonzalez. Tempo ciclico nel rituale della danza e relazioni sui comportamenti di coppia, nelle opere pittoriche della artista canadese Pnina Granirer. Natura e caducità nelle installazioni di elementi naturali dell’artista americana Dena Haden e nelle opere ready made dell’artista olandese Hannie Kortland. Campi magnetici di informazione nello spazio fenomenologico con il polittico pittorico dell’artista cinese Ping He, guerra nella quinta dimensione con le fotografie a bassa velocità di oggetti in movimento dell’artista polacco Pawel Opalinski, sequenze di natura al limite dell’entropia, le opere della designer e artista francese Marie Piselli. Bellezza, morte, trasformazione e rinascita nelle opere evocative dell’artista sudafricana Lize Krüger, residente nel Regno Unito. La scrittura come traccia della nostra identità fisica, psicologica e sociale nella micro-scultura di Masha Luch, artista siberiana che vive a Montenegro. Scrittura e simbologie legate ai temi del tempo, nelle opere multi materiche dell’artista lussemburghese Margot Reding-Schroeder, realizzate con cera, polveri di pietra, transfer che donano un senso di eternità. Tempo e spazio, fisicità e fluidità nella scultura di Maudegrasse, artista americano e nelle opere pittoriche dell’artista tedesca Verena Schwarz, residente in New Messico che interroga la scienza e l’evoluzione della terra e dei moti marini. Più visionaria è l’opera di Marco Riha, austriaco, vive ed opera in Messico, con una pittura che rappresenta una figura zoomorfa che sogna interi mondi dallo spazio. Scoprire le proprie radici identitarie in un viaggio tra memoria e ritmi lenti nelle fotografie dell’artista americano Anthony Kyle Rotelli di origini italiane. Storie di pietre nel tempo ciclico della memoria dei luoghi, tra passato e presente nell’installazione dell’artista italiana Teresa Vella. Tutti gli artisti hanno un grande bagaglio di esperienze professionali, mostre e collezioni pubbliche.
Massimiliano Manieri inizia l’attività professionale negli anni Novanta, con progetti di reading itineranti come il Poet-Bar, dove emerge il suo approccio al racconto e alla poesia. Nel tempo, sviluppa progetti performativi di grande impatto visivo e concettuale, che lo portano ad esibirsi in Festival di Performing Art, gallerie e musei in Italia e all’estero. Con la performance Perceptual Border (con la partecipazione di Madia Biondo), l’artista mette in scena una riflessione sul proprio “Io”, attraverso un monologo con la sua coscienza. Nello spazio dilatato dell’azione, l’artista, invita lo spettatore a interloquire e a reagire alle provocazioni verbali. L’obiettivo della performance è quello di riscoprire nel bene e nel male, la bellezza dell’unicità dell’essere umano con le sue meravigliose sfaccettature.

Alberto “Nick” Bolettieri, è un musicista polistrumentista, compositore e direttore d'orchestra italiano, nato a Milano, attualmente vive a Lecce. Ha all’attivo numerose collaborazioni concertistiche e discografiche con grandi nomi della scena musicale nell'ambito del jazz e musica leggera, tra cui Marco Mengoni, Giuliano Sangiorgi, La Crus, Ennio Morricone, Armando Trovajoli, Paolo Fresu. Ha realizzato vari spettacoli nel ruolo di primo trombone dell'orchestra nei musical di Broadway, tra cui Grease, Hairspray, La Bella e la Bestia, Shrek e suonando nei teatri di Parigi, tra cui Le Theatre Bobino, Casino de Paris. In scena con la performance Multi tracce, una loop station che descrive – attraverso le sonorità del trombone – le tracce del tempo, come scorrimento del battito.... leggi il resto dell'articolo»

Artisti: Brigitte Amarger (Francia), Claudie Bastide (France), Nena Cirkovic (Austria), Ines Fugina-Malnar (Slovenia), Ronald Gonzalez (Usa), Pnina Granirer (Canada), Dena Haden (Usa), Ping He (Cina), Hannie Kortland (Paesi Bassi), Lize Krüger (Regno Unito), Masha Luch ( Montenegro), Maudegrasse (Usa), Pawel Opalinski (Polonia), Marie Piselli (Francia), Marco Riha (Messico), Margot Reding-Schroeder (Lussemburgo), Anthony Kyle Rotelli (Usa), Verena Schwarz (Usa), Teresa Vella (Italia).

Sponsor Tecnico: Azienda Agricola Contino

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Tracce del tempo

Lecce - Fondazione Palmieri

Apertura: 20/05/2023

Conclusione: 02/06/2023

Organizzazione: Primo Piano LivinGallery

Curatore: Dores Sacquegna

Indirizzo: Vico dei Sotterranei - 73100 Lecce

Inaugurazione: sabato 20 Maggio alle ore 19:30 alla presenza degli artisti

Orari: Dal lunedì al sabato 17:00 – 21:00 Mattina e domenica su appuntamento 10:00-13:00 

Ingresso libero

Per info: Tel: 349 37 20 659 | primopianogallery@gmail.com

Sito web per approfondire: https://primopianospecialprojects.com/



Altre mostre a Lecce e provincia

Fotografiamostre Lecce

Gian Paolo Barbieri. Beyond Fashion

"Gian Paolo Barbieri ~ Beyond Fashion", una mostra retrospettiva che celebra l'iconico fotografo di moda, a Ostuni dal 5 luglio al 31 agosto 2024. leggi»

05/07/2024 - 31/08/2024

Puglia

Lecce

accesso gratuito

Arte contemporaneamostre Lecce

Giulia Manfredi e Daniela D'Amore. Dove le dune

Dal 7 luglio al 25 agosto 2024 apre al pubblico a Casamasella "Dove le dune", mostra conclusiva della residenza artistica che ha visto coinvolte le artiste Giulia Manfredi e Daniela D'Amore. leggi»

08/07/2024 - 25/08/2024

Puglia

Lecce