Umberto Mastroianni. Figure e astrazioni, bronzi e cartoni 1931-1996

  • Quando:   16/11/2023 - 18/01/2024
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a VeneziaVenezia


Umberto Mastroianni. Figure e astrazioni, bronzi e cartoni 1931-1996

Palazzo Pisani Revedin ospita, dal 17 novembre 2023 al 18 gennaio 2024, una mostra dedicata all'artista italiano Umberto Mastroianni a cura di Victoria Noel-Johnson e Marco Di Capua.

La mostra presenta le opere figurative di Mastroianni, realizzate tra il 1931 e il 1957, che mostrano il suo richiamo all'antico, la sua purezza classicheggiante e il suo volto scomposto dopo l'esperienza della guerra. Tra le opere esposte ci sono "Ragazzo fiorentino", "Novizio", "Nudi", "Mezzo busto", "Maschere" e "Teste".

La mostra presenta anche le opere astratte di Mastroianni, realizzate tra il 1949 e il 1992, che mostrano la sua lezione futurista, la sua evoluzione verso linguaggi nuovi e originali, la sua stagione informale e la sua poetica della Resistenza. Tra le opere esposte ci sono i suoi bronzi e acciai, le sue monumentali sculture dedicate ai Caduti e i suoi cartoni incisi, pressati, strappati, traforati e colorati.

I due volti di Umberto Mastroianni, il prima e il dopo lo strappo tragico ed epocale del secondo conflitto Mondiale e della Resistenza - due universi apparentemente inconciliabili - si fronteggiano in un'intensa mostra a Palazzo Pisani Revedin: "Umberto Mastroianni. Figure e astrazioni 1931-1996".

Da un lato le sculture in bronzo figurative, il richiamo all'antico e la purezza classicheggiante della "preistoria" dell'artista dall'altro i cartoni incisi, pressati, strappati, traforati che sono tra le più singolari produzioni della fase informale di Mastroianni, sbocciata improvvisa e travolgente dopo l'esperienza della guerra. Mondi diversi che sembrano agli antipodi ma mostrano entrambi la solida base plastica e forse il sogno di pace da sempre presente nell'artista nato a Fontana Liri nel 1910, prima personale alla Galerie de France di Parigi nel 1951, vincitore del Gran Premio Internazionale per la scultura alla XXIX Biennale di Venezia del 1958, Premio dell'Accademia dei Lincei "Antonio Feltrinelli" nel 1973 e a Tokio "Premium Imperiale" nel 1989.... leggi il resto dell'articolo»

"Per capire un artista bisogna abbracciare le sue stagioni (...) non ha senso giudicarlo da una sola stagione . (...) L'artista è tutt'uno sempre" diceva lo stesso Mastroianni, così nella mostra promossa dalla Venice International University e dal Centro Studi dell'Opera di Umberto Mastroianni e organizzata dal Cigno GG Edizioni Roma con la collaborazione della  Galleria Stefano Forni, la stagione della giovinezza torna a mostrarsi prepotente con la produzione quasi completa di opere storiche, "opere preziose e pervase d'un senso poetico straordinario" commentava Cesare Brandi in occasione della personale dell'artista al Forte del Belvedere a Firenze nel 1981.

Alle primissime "Ragazzo fiorentino" del 1931 e poi "Novizio" del 1934 fanno eco i Nudi, il Mezzo busto arcaicizzante del '39, le maschere e le teste, immobili, ieratiche, eterne, fino – con un voluto salto temporale di oltre un decennio - al volto scomposto della Maschera n.1 del 1957, che apre alla modernità e al gesto di rottura degli anni successivi.

Un mondo si era dissolto all'improvviso.

Energia e movimento in lotta con la materia, forme dinamiche astratto-geometriche. Umberto Mastroianni vive con passione la lezione futurista, in particolare quella di Umberto Boccioni, poi evolve in linguaggi nuovi e originali divenendo il primo astrattista della scultura italiana fino all'approdo alla stagione informale, caposcuola della rivoluzione del novecento, artista di assoluto rilievo internazionale.

I suoi bronzi e acciai "barocchi e rivoluzionari", le monumentali sculture dedicate ai Caduti che ne faranno il cantore di quella che Argan definì la "poetica della Resistenza", renderanno vuota la sentenza emanata da Arturo Martini nel 1945 "scultura lingua morta".

In questo "salto" - da "un'armonica e dolcissima grazia a una brutalità tellurica, irridescente, dal Codice Rinascimento a quello del Futurismo e dell'Informale.." s'inseriscono anche i circa 50 Cartoni esposti a Venezia con le originali cornici "a cassetto" ideate dallo stesso Mastroianni, "per contenere gli sbalzi della carta" , e che coprono tutto il periodo astratto dal 1949 al 1992.

Un mondo solo apparentemente bidimensionale - come suggerisce anche Paola Molinengo Costa del Centro Studi dell'Opera di Umberto Mastroianni - ma in realtà fornito di spessore visto i modi in cui Mastroianni trattava la carta pressandola, incidendola, ondulandola per affrontare l'anarchia del colore, il tripudio di inchiostri, le lacerazioni apportate con tagli, buchi e graffi, che mostrano il suo animo inquieto.

E anche nei cartoni, come nelle sculture più astratte, le "linee di forza in collisione" "rappresentano - secondo Victoria Noel-Johnson - l'incarnazione o meglio l'esplosivo scontro tra valori: dell'Uomo, dell'arte, della natura, delle macchine.

I cartoni di Mastroianni... hanno la straordinaria capacità di trasmettere questo senso di attesa di una collisione esplosiva... mostrano l'energia della pennellata o delle linee che irrompono sulla superficie pittorica, e contengono una lava cromatica di energia pulsante che scaturisce dal nucleo dell'opera".

Lavori che mostrano l'immediatezza della creazione (terreno comune con l'action painting o l'espressionismo astratto di Pollock) e che ci conducono già nel titolo ad avventuraci in universi altri e sconosciuti: "Fantasie astrali", "Vascello fantasma", "Motore spaziale", "Spazio inquietante", "Foresta impenetrabile", "Tauromachia".

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Umberto Mastroianni. Figure e astrazioni, bronzi e cartoni 1931-1996

Venezia - Palazzo Revedin

Apertura: 16/11/2023

Conclusione: 18/01/2024

Organizzazione: Cigno GG Edizione Roma con Galleria Stefano Forni

Indirizzo: S. Marco, 4013A - 30124 Venezia



Altre mostre a Venezia e provincia

Arte contemporaneamostre Venezia

Scoletta dell'Arte: Digital Reform

In occasione della 60ª Biennale Arte di Venezia TAEX presenta la mostra interattiva dedicata all'arte digitale "Scoletta dell'Arte: Digital Reform", dal 19 aprile. leggi»

19/04/2024 - 15/09/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Arte Laguna Prize. La mostra dei finalisti

Si svolge dal 17 novembre all'8 dicembre 2024, la mostra dei finalisti della 18ᵃ e 19ᵃ edizione di Arte Laguna Prize. leggi»

17/11/2024 - 08/12/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Chiara Dynys. Lo stile

Dal 20 Aprile al 15 Settembre 2024, contestualmente alla 60esima Biennale d'Arte di Venezia, la Galleria Internazionale di Arte Moderna, ospita la personale di Chiara Dynys "Lo Stile". leggi»

20/04/2024 - 15/09/2024

Veneto

Venezia

Arte modernamostre Venezia

Matisse e la luce del Mediterraneo

Dal 29 settembre 2024 al 4 marzo 2025 la grande mostra su "Matisse e la luce del Mediterraneo" al Centro Culturale Candiani di Venezia-Mestre. leggi»

28/09/2024 - 04/03/2025

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Vito Campanelli. Spunti concreti di assoluto

Dal 4 luglio al 6 agosto 2024 Vito Campanelli propone i suoi "Spunti concreti di assoluto" presso lo spazio espositivo della Polveriera Francese di Forte Marghera, Venezia. leggi»

04/07/2024 - 06/08/2024

Veneto

Venezia

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Venezia

Padiglione dell’Albania
alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia

La Repubblica del Camerun torna protagonista alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte – La Biennale di Venezia, con il progetto "Nemo propheta in patria". leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Elisabetta Rogai. Due leoni per due repubbliche

Dal 7 luglio all'11 agosto 2024 a Ca' Sagredo di Venezia, Elisabetta Rogai presenta il suo progetto espositivo "Due Leoni per due Repubbliche". leggi»

07/07/2024 - 11/08/2024

Veneto

Venezia

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Venezia

Piera Benetti. Strati

Marignana Arte Project Room ospita dal 13 al 27 luglio la personale di Piera Benetti "Strati". leggi»

13/07/2024 - 27/07/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Yu Hong: Another One Bites the Dust

La mostra Yu Hong. Another One Bites the Dust presenta un ciclo inedito di dipinti figurativi e narrativi, nella prima personale mai realizzata in Europa dedicata all'artista. leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia