Un museo per École
la collezione di antichità dell'École française de Rome

  • Quando:   29/05/2024 - 20/12/2024

ArcheologiaMostre a Roma


Un museo per École | la collezione di antichità dell'École française de Rome
Veduta del sarcofago paleocristiano esposto nella Loggia di Palazzo Farnese (foto EFR / Christian Mantuano)

Nell'ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario dell'École française de Rome, si terrà la mostra intitolata "Un museo per École: la collezione di antichità dell'École française de Rome", ospitata negli spazi espositivi della Galleria in Piazza Navona 62, sede dell'École. L'esposizione, curata dagli archeologi Christian Mazet e Paolo Tomassini, sarà aperta al pubblico dal 29 maggio al 20 dicembre 2024, con ingresso libero.

La collezione presenta una gamma rappresentativa, esposta per la prima volta, di circa 200 reperti: sculture, terrecotte etrusco-laziali, vasi greci ed etruschi, oltre a documenti provenienti dagli archivi dell'École française de Rome e dagli inventari degli arredi di Palazzo Farnese.
"Siamo lieti di presentare al pubblico la nostra collezione di antichità che testimonia l'impegno e la vocazione dell'École française de Rome nel campo dell'archeologia, ricerca e diffusione del sapere anche per il grande pubblico - commenta Brigitte Marin, Direttrice dell'École française de Rome - Roma si arricchisce in questo modo di un altro punto di riferimento culturale destinato a tutti i visitatori. La mostra realizza dopo 150 anni il desiderio del primo direttore dell'istituzione, Auguste Geffroy, di allestire un museo di antichità per formare i suoi membri attraverso la pratica dell'archeologia. La diversità della collezione riflette la storia della pratica degli oggetti archeologici all'interno dell'École française de Rome al momento della sua fondazione, alla fine dell'Ottocento. Costituita dal prodotto di scavi effettuati dall'istituzione e provenienti da acquisti e donazioni di oggetti, la collezione spazia tra una varietà di temi che ne dimostrano la ricchezza e l'importanza".

La mostra è sostenuta dal Ministero francese dell'Istruzione Superiore e della Ricerca e dall'associazione Les Amis de l'École française de Rome ed è realizzata con il Réseau des Écoles françaises à l'étranger.

Il percorso della mostra

I visitatori saranno accompagnati in un percorso suddiviso in cinque sezioni:
1) La prima sezione è dedicata alla storia del collezionismo e del mercato antiquario alla fine dell'Ottocento. Verranno presentati oggetti rappresentativi e documenti d'archivio, raccontando i legami tra i protagonisti di questa singolare storia, come Auguste Geffroy, Jules Ferry, Augusto Castellani e Wolfgang Helbig.
2) La seconda sezione è dedicata ai primi scavi effettuati dall'École française de Rome a Palestrina nel 1878, con un'ampia collezione di terrecotte votive etrusco-laziali.
3) La terza sezione è dedicata alla presentazione delle sculture romane, che saranno eccezionalmente spostate dalle sale di rappresentanza al secondo piano di Palazzo Farnese.
4) La quarta sezione presenta la ricca collezione di vasi donata da Augusto Castellani. Si analizza inoltre il commercio di antichità a Roma nella seconda metà dell'Ottocento, nonché il restauro dei vasi e l'interazione tra assemblaggi e altre falsificazioni.
5) La quinta sezione presenta un accumulo di oggetti raccolti per la varietà dei materiali, dove l'abbondanza e la rappresentatività archeologica diventano strumenti utili alla formazione per lo studio della cultura materiale romana.

Tra archeologia e futuro: strumenti digitale e modelli 3D
Nella volontà di costituire un dialogo tra il passato dell'École, il presente della mostra e il futuro della ricerca e la valorizzazione, la mostra si presenta inoltre in una forma virtuale, con modelli 3D proiettati sotto forma di ologrammi, video su schermi e qr-code che danno accesso al catalogo online dei singoli oggetti.... leggi il resto dell'articolo»

Monografia dedicata alla collezione e curatori della mostra
La mostra sarà accompagnata da una monografia di riferimento, che uscirà all'autunno 2024, e rappresenta la prima pubblicazione scientifica interamente dedicata alla collezione archeologica dell'École française de Rome. Il libro è cura di Christian Mazet e Paolo Tomassini, già membri dell'École française de Rome nella sezione Antichità.

L'École française de Rome
Fondata nel 1875, l'École française de Rome è un ente pubblico posto sotto la tutela del ministero francese dell'Insegnamento superiore e della ricerca. L'École ha come missione la ricerca e la formazione alla ricerca in archeologia, storia e nelle altre scienze umane e sociali, dalla Preistoria ai nostri giorni. Le sue aree d'intervento comprendono l'Italia, il Maghreb e i paesi del Sud-Est europeo che si affacciano sul mar Adriatico. Per l'archeologia dell'Italia del sud e della Magna Grecia, l'École si appoggia al Centre Jean Bérard di Napoli, posto sotto la sua tutela e quella del CNRS.
A Palazzo Farnese, la sua biblioteca ricca di 215 000 volumi, è a disposizione dei ricercatori di tutti i paesi. L'École accoglie dei dottorandi, dei giovani ricercatori nonché personalità scientifiche più affermate. Pubblica ogni anno una ventina di volumi e la rivista Mélanges. La seconda sede dell'École a Roma, inaugurata nel 1975, si trova al n. 62 di piazza Navona. Ristrutturato di recente, l'edificio dispone di sale di conferenze e seminari, una galleria per le mostre e la foresteria. Inoltre, recenti cantieri di scavo nei sotterranei hanno messo in evidenza la storia della piazza dall'antichità.

L'École française de Rome e l'archeologia
L'École française de Rome è presente su diversi siti archeologici dalla fine del XIX secolo. L'archeologia è stata al centro delle sue missioni fin dalla sua fondazione, prima nel Maghreb, poi in Italia soprattutto dopo la Seconda guerra mondiale e nei Balcani. Oggi conduce una trentina di campagne archeologiche nel Mediterraneo. Dalla preistoria al periodo medievale, l'École partecipa attivamente al dibattito internazionale sulla pratica dell'archeologia. A conferma di questo suo ruolo in Italia e nel Mediterraneo, l'École française de Rome ha ricevuto il premio "Paestum Mario Napoli" 2023 alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Un museo per École
la collezione di antichità dell'École française de Rome

Roma - École française de Rome

Apertura: 29/05/2024

Conclusione: 20/12/2024

Organizzazione: École française de Rome

Curatore: Christian Mazet e Paolo Tomassini

Indirizzo: Piazza Navona 62 - 00186 Roma

Orario: lunedì-venerdì 10.00-19.00 | sabato 10.00-13.00 | Chiusure eccezionali sabato 29 giugno | da giovedì 8 agosto a domenica 25 agosto inclusi | venerdì 1°novembre | lunedì 11 novembre 2024.

Sito web per approfondire: https://www.efrome.it/



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporaneamostre Roma

S-XS

La Galleria il Leone di Roma, il giorno 21 giugno 2024 alle ore 18.00 inaugurerà la mostra intitolata S-XS. leggi»

21/06/2024 - 06/07/2024

Lazio

Roma

Ingresso gratuito

InstallazioniVideo artmostre Roma

Spazio Griot presenta Riverberi

Dal 20 giugno al 28 luglio la Pelanda del Mattatoio di Roma accoglie per il terzo anno consecutivo Riverberi, la programmazione artistica di SPAZIO GRIOT. leggi»

20/06/2024 - 28/07/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Processi 151

Accademia di Spagna a Roma presenta PROCESSI 151 dal 20 giugno fino a settembre 2024. leggi»

20/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Just add water: Something fishy

PrimaLinea Studio presenta la bipersonale di Alessandra Cecchini e Andrea Frosolini "Just add water: Something fishy", a Roma dal 22 giugno al 7 settembre 2024. leggi»

22/06/2024 - 07/09/2024

Lazio

Roma

Ingresso libero su appuntamento

Arte contemporaneamostre Roma

Andrea Barzini. Camerun

Dal 12 al 19 giugno 2024, il rinomato regista, scrittore e artista Andrea Barzini presenterà la sua nuova mostra dal titolo "CAMERUN" allestita presso la Galleria Mo.C.A. di Roma. leggi»

12/06/2024 - 19/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Nessun dorma | Mostra collettiva in omaggio a Giacomo Puccini

LA__LINEA artecontemporanea inaugura, in occasione del centenario della scomparsa del Maestro Giacomo Puccini (1924-2024), negli spazi dell'associazione culturale. leggi»

12/06/2024 - 26/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Tanek. Ensueños

Al bar.lina il Pride si declina in Pink, il sesto appuntamento è con "Ensueños", personale del giovane artista Tanek, dal 14 al 30 giugno 2024 a Roma. leggi»

14/06/2024 - 30/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Maria Rita Onofri. Creatività da vendere

"Creatività da vendere" è la personale della pittrice, scultrice e orafa Maria Rita Onofri presso il Complesso Monumentale della Pontificia Facoltà Teologica "San Bonaventura" Seraphicum. leggi»

22/06/2024 - 31/07/2024

Lazio

Roma

Fotografiamostre Roma

Nuove avventure sotterranee

Un progetto espositivo e una pubblicazione che raccontano di viaggi attraverso il paesaggio, le suggestioni del sottosuolo, la fotografia italiana contemporanea. leggi»

14/06/2024 - 25/09/2024

Lazio

Roma