Veronica Fonzo e Flavia Robalo. Sguardi

  • Quando:   06/07/2022 - 09/09/2022

Arte contemporanea‎ Scultura

Veronica Fonzo e Flavia Robalo. Sguardi

Dal 6 luglio al 9 settembre 2022, le esedre di Palazzo Bricherasio, sede istituzionale di Banca Patrimoni Sella & C., ospitano la mostra Sguardi, con sculture di Veronica Fonzo e Flavia Robalo, a cura di Daniela Magnetti e Dina Pierallini.

Formatesi in Argentina, le due artiste frequentano entrambe l’atelier dello scultore Orio Dal Porto, italiano trasferitosi a Buenos Aires. Ed è proprio nello studio del Maestro che Fonzo e Robalo sentono raccontare di Pietrasanta, patria della scultura, nei termini di un microcosmo che riunisce fonderie, artigiani e artisti di altissima qualità. Partite per quello che doveva essere un viaggio di due mesi, spinte dalla curiosità di toccare con mano quell’Eden artistico di cui avevano solo sentito parlare, le due artiste non hanno più lasciato Pietrasanta. Nel 2011 hanno aperto il loro laboratorio, “La Polveriera”, il cui nome è evocativo del processo creativo, di formazione ed “esplosione” delle idee, e che ha ospitato artisti provenienti da ogni parte del mondo fino al 2020.

Le sculture di Veronica Fonzo e di Flavia Robalo testimoniano la volontà delle artiste di sperimentare materiali e forme. Non solo i classici marmo e bronzo, ma anche il legno, l’alabastro e la ghisa, materiali forti, duri, solitamente maschili, ma in cui le due artiste sono riuscite a ritagliarsi la propria voce, lavorandoli con maestria e delicatezza tutta al femminile. Sguardi è un percorso di dialogo silenzioso tra i protagonisti della mostra: occhi liberi di emozionare e emozionarsi. Le figure esposte ritraggono fanciulli, un tema che accomuna la riflessione di Fonzo e Robalo, che proprio da fanciulle hanno iniziato il loro sodalizio, prima personale e poi anche artistico. Ma i bambini creati dalle mani sapienti delle due scultrici appaiono pensierosi, quasi malinconici, ritratti in quella estrema concentrazione dello sguardo che interessa l’infanzia e che poi, nella sua profondità di vedere oltre la realtà delle cose, piano piano si perde con l’età adulta.

La mostra, organizzata dalla Direzione Artistica di Banca Patrimoni Sella & C., si inserisce tra le tante iniziative volte a valorizzare e promuovere sinergie con enti culturali pubblici e privati: l’esposizione delle opere di Fonzo e di Robalo vuole essere una finestra sulla Biennale di Scultura “Nuove Radici 2.0”, ospitata dal 13 agosto al 10 settembre negli spazi di Villa Cernigliaro a Sordevolo, a cura di Dina Pierallini e Valentina Redditi. La collettiva di 14 scultori, tra cui figurano le nostre due artiste, vuole essere una rassegna di caratura internazionale che, con materiali e poetiche diverse, presenta la tematica della figura nella contemporaneità, senza dimenticare i legami con la tradizione. L’intenzione della Direzione Artistica è quella di creare una cassa di risonanza e un richiamo reciproco tra i due eventi, le cui scelte storico-critiche hanno seguito il medesimo fil rouge, grazie alla presenza in entrambi gli eventi della curatela di Dina Pierallini.

La mostra termina venerdì 9 settembre, con un finissage a cui parteciperanno le due artiste e le curatrici in un dibattito aperto sul ruolo sociale della scultura contemporanea.

Titolo: Veronica Fonzo e Flavia Robalo. Sguardi

Apertura: 06/07/2022

Conclusione: 09/09/2022

Organizzazione: Direzione Artistica di Banca Patrimoni Sella & C

Curatore: Daniela Magnetti e Dina Pierallini

Luogo: Torino, Palazzo Bricherasio

Indirizzo: via Lagrange 20, Torino

Orari: aperto dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17

Ingresso gratuito

Sito web per approfondire: https://palazzobricherasio.bps.it/s/

Facebook: palazzobricherasio

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso