Vis-à-vis. Ritratti moderni e contemporanei

  • Quando:   28/06/2024 - 12/01/2025

Arte contemporaneaPittura del '700Mostre a MacerataDiango Hernández


Vis-à-vis. Ritratti moderni e contemporanei

Dal 28 giugno 2024 al 12 gennaio 2025 la nuova mostra "Vis-à-vis. Ritratti moderni e contemporanei", a cura di Elsa Barbieri, Massimo Francucci e Giuliana Pascucci, verrà allestita nelle sale dei Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi.

Con oltre 60 opere che accostano maestri del passato e artisti del presente, italiani e internazionali, la mostra vuole dare una riflessione inedita sulla ritrattistica settecentesca e contemporanea.

In mostra dialogano opere di autori settecenteschi – Pier Leone Ghezzi, Sebastiano Ceccarini, Carlo Magini -, artisti contemporanei – Evgeny Antufiev, Eduardo Arroyo, Matthew Attard, Joseph Beuys, Marco Cingolani, Michelangelo Consani, Fabrizio Cotognini, Enzo Cucchi, Thomas De Falco, Antony Gormley, Maggi Hambling, Diango Hernández, Leiko Ikemura, Jiri Kolar, Mark Manders, Annette Messager, Fulvio Morella, Roman Opalka, Laura Paoletti, Vettor Pisani, Carol Rama, David Reimondo, Klaus Rinke, Kiki Smith -, insieme alle prestigiose collezioni del museo, in particolare autori del '900 fra cui Nanda Vigo, Osvaldo Licini, Aligi Sassu, Luigi Bartolini, attraverso un percorso espositivo che si snoda lungo tutti i piani e le affascinanti sale di Palazzo Buonaccorsi

Un originale incontro artistico dal Settecento, il Secolo d'oro della ritrattistica marchigiana al Contemporaneo, che traccia le traiettorie di studio di quanto la percezione visiva – di un ritratto – sia frutto di un processo di selezione, integrazione e intuizione in cui intervengono, oltre alla facoltà visiva, il dato reale, la coscienza, l'adesione affettiva, la memoria individuale e la messa a fuoco morale.

Quando guardiamo un ritratto pensiamo di vedere un individuo, sembra ovvio: il ritratto è, secondo una definizione tanto corretta quanto semplice, la rappresentazione di una persona considerata di per sé stessa. Ma quale connessione esiste fra le pratiche del ritratto – sia esso autoritratto, maschera, caricatura, finanche camuffamento – con la questione della definizione dell'individuo? Possiamo considerare il ritratto la rappresentazione visiva di un nome proprio? C'è un rapporto di identità tra il ritratto e l'individuo che rappresenta?... leggi il resto dell'articolo»

«A viso a viso» – come scrisse Alessandro Manzoni – uomini e donne si incontrano, e si scontrano anche, scambiandosi sguardi, gesti e parole, osservati da altri uomini e altre donne in una dimensione pubblica e praticabile all'interno della quale emerge la lotta al riconoscimento che anima la pratica ritrattistica.

Secondo una fenomenologia che attraversa secoli, periodi, avanguardie, canoni e culture differenti, Vis-à-vis prende le mosse dalle diverse possibilità della pratica figurativa a cui la ricerca del vero, fin dal secolo dei lumi, diede impulso decisivo. Cortocircuitando la tradizionale modalità percettiva all'interno dello spazio espositivo, la mostra favorisce l'interazione sociale e dei comportamenti degli individui, ritratti e in visita, che si incontrano a viso a viso e gli uni sotto lo sguardo degli altri. Ne scaturisce un'indagine che tratta la questione del ritratto in stretta reciprocità con quella dell'individuo e con quella della rappresentazione.

Guardando al passato, la ricerca del vero ha caratterizzato una larga parte del Settecento dando nuovo impulso a due generi che più degli altri apparivano assecondare questo intendimento: il ritratto e la natura morta. L'uso di far dipingere e conservare gelosamente l'effigie dei propri cari si estese dalle classi aristocratiche alla borghesia di grande e media fortuna facendo sì che sempre più artisti affrontassero il genere. I pittori marchigiani non fecero eccezione a quanto detto e, anzi, seppero dare nuova linfa e lustro al genere proponendo alcuni dei modelli della ritrattistica più avanzati del Secolo, almeno fino alla decodificazione del ritratto da Gran Tour di Pompeo Batoni.

Attraverso la selezione di opere esposte, la mostra si propone di dare conto sia dell'evoluzione del genere artistico del ritratto, sia di alcuni fra gli esemplari settecenteschi più importanti, vividi e a volte sorprendenti. Emergono così anche le diverse possibilità all'epoca affidate al pittore stesso, di caratterizzare la figura con l'ambiente circostante, di inserire elementi che richiamassero il ruolo sociale e le passioni del soggetto ritratto, tanto quanto la profondità della lettura psicologica, che dipendeva spesso anche dal livello di confidenza che legava l'artista all'effigiato.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Vis-à-vis. Ritratti moderni e contemporanei

Macerata - Palazzo Buonaccorsi

Apertura: 28/06/2024

Conclusione: 12/01/2025

Organizzazione: Museo Civico di Palazzo Buonaccorsi

Curatore: Elsa Barbieri, Massimo Francucci e Giuliana Pascucci

Indirizzo: via Don Minzoni 24 - Macerata (MC)

Orari:

Novembre/Marzo: da martedì a domenica, 10:00 – 13:00 / 15:00 – 17:30
Aprile, maggio e ottobre: da martedì a domenica, 10:00 – 13:00 / 14:30 – 18:30
Luglio/Agosto: 1-19 luglio: 10.00-13.00 / 15.00-19.00 | 20 luglio – 19 agosto: 10.00-19.00 | 20 agosto – 31 agosto: 10.00-13.00 / 15.00-19.00
Settembre: da martedì a domenica, 10:00 – 13:00 / 15:00 – 19:00

La biglietteria chiude 30 minuti prima dell'orario indicato.

Per informazioni: info@maceratamusei.it o 0733.256361

Sito web per approfondire: https://musei.macerata.it/



Altre mostre a Macerata e provincia

Fotografiamostre Macerata

Trasguardi. Clarissa Lapolla e il teatro

Arriva alla Gaba.Mc, la galleria dell'Accademia di Belle Arti di Macerata, una delle più talentuose fotografe di scena dell'ultima generazione: Clarissa Lapolla. leggi»

19/06/2024 - 03/10/2024

Marche

Macerata

Ingresso libero