Yeast Photo Festival: il finissage

  • Quando:   11/11/2023 - 12/11/2023
  • evento concluso

FotografiaMostre a Lecce


Yeast Photo Festival: il finissage
Nina Zilli_ph. Toni Thorimbert

Continua fino al 12 novembre in Salento tra il borgo di Matino e la città di Lecce, "Yeast Photo Festival", la manifestazione, giunta alla 2/a edizione, che unisce fotografia, cibo e arti visive con 14 mostre per ripensare il rapporto tra uomo e ambiente.

Evento di chiusura l'11 novembre con esposizioni aperte fino alle 20.00 e uno speciale progetto in sinergia con Locomotive Jazz Festival oltre a degustazioni in concomitanza con le celebrazioni salentine di San Martino.

Sarà una speciale performance con la partecipazione di Nina Zilli a impreziosire il finissage di Yeast Photo Festival. La manifestazione porta, tra prime italiane ed europee,  alcuni dei nomi più interessanti del panorama artistico internazionale: da Paolo Woods e Gabriele Galimberti a Cortis & Sonderegger fino a Moira Ricci, Damaris Betancourt, Jan von Holleben, Johanna Maria Fritz.

Il concetto di contaminazione e interconnessione, tra sguardi, forme d'arte, ottiche internazionali e legame col territorio, è alla base del festival diretto da Flavio & Frank e Veronica Nicolardi e curato da Edda Fahrenhorst, con l'organizzazione di Besafe e ONTHEMOVE, e costituisce il concept dell'evento di chiusura in programma sabato 11 novembre (ma sarà possibile visitare le mostre fino a domenica 12, data che concluderà ufficialmente l'iniziativa): un progetto in collaborazione con Locomotive Jazz Festival che innesta musica e fotografia, affiancando l'apertura serale di tutte le esposizioni a un esclusivo incontro tra il sax di Raffaele Casarano – direttore artistico di Locomotive – e la voce di Nina Zilli. In programma anche degustazioni di vini e prodotti locali in concomitanza con le celebrazioni di San Martino, ricorrenza centrale per la cultura del Salento.

Yeast, ovvero "lievito" in inglese: una parola per evocare fermento culturale, forza creativa e generativa, storie ribelli che sprigionano energia visionaria connessa alla terra, all'etica del lavoro e al rispetto per la natura. "Soulfood. And Beyond.", cibo per l'anima e oltre, è la frase chiave del 2023 per l'iniziativa patrocinata da Ministero della Cultura, Regione Puglia, Provincia di Lecce, Città di Lecce, Comune di Matino, Unisalento, FAI – delegazione di Lecce gruppo Salento jonico, in collaborazione con ArtWork e Masseria Le Stanzìe. "La collaborazione con il prestigioso Locomotive Jazz Festival – spiegano gli organizzatori – è mirata a sostenere la ricerca, operata de Yeast Photo Festival, della contaminazione e dell'interazione con altre arti e pubblici diversi, contribuendo ulteriormente a creare un'atmosfera festosa e inclusiva. Sempre in questo senso abbiamo scelto di concludere il festival proprio in concomitanza con la celebrazione di San Martino: una decisione che riflette il nostro impegno a onorare e promuovere le tradizioni locali, coinvolgendo attivamente la comunità, e allo stesso tempo a sensibilizzare i partecipanti al festival sulla ricchezza delle radici storiche e culturali della nostra terra, in linea con uno dei temi centrale dell'evento: il cibo, l'identità culturale e la tradizione".... leggi il resto dell'articolo»

Appuntamento in piazza San Giorgio a Matino: alle 19.00 apertura degli stand enogastronomici con vini e prodotti tipici, mentre alle 21.00 spazio a "Raffaele Casarano incontra Nina Zilli", progetto live che vedrà per l'occasione lo storico ideatore del Locomotive Jazz Festival sul palco con la poliedrica artista piacentina – già ospite di Alba Locomotive, evento sempre firmato da Locomotive con la codirezione artistica di Giuliano Sangiorgi in cui il jazz si fonde ad altri generi musicali, come il rock e il pop, coinvolgendo artisti di chiara fama nazionale – affiancati da una formazione inedita di solisti composta dal pianista Mirko Signorile, il percussionista Alessandro Monteduro, il contrabbassista Giorgio Vendola e il batterista Maurizio Dei Lazzaretti. Protagonista anche del mondo radiofonico (conduttrice di "Stay Soul" per Radio 2) e televisivo (a fianco di personaggi da Massimo Ranieri a Panariello, oltre che giudice per tre edizioni di "Italia's Got Talent"), Nina Zilli in questa collaborazione promette di esprimere al massimo le sue celebri doti canore, con una scaletta che annovera sia i suoi grandi successi, come "50mila" e "Bacio d'A(d)dio", che grandi classici della musica soul (ingresso gratuito).

Aperte fino alle 20.00 inoltre tutte le mostre del festival: a Matino tra il Palazzo Marchesi del Tufo, la Macelleria Ex Nau, l'Aranceto e la Distilleria De Luca; a Lecce nel Chiostro del Palazzo dell'Antico Seminario; a Supersano presso la Masseria Le Stanzie. Da segnalare il progetto in prima assoluta "The Last Supper", collettiva commissionata dal Yeast Photo Festival e Fotofestival Lenzburg a sei autori italiani, svizzeri e tedeschi che reinterpreta l'iconografia dell'ultima cena tra AI e attualità, spaziando dall'iconoclastia di Paolo Woods e Gabriele Galimberti alla solitudine di un'anziana coppia ucraina di Johanna Maria Fritz fino alle elaborazioni dell'intelligenza artificiale proposte da Moira Ricci, ai bambini protagonisti delle immagini di Jan von Holleben, alla critica alla situazione sociale cubana di Damaris Betancourt e al gioco meta fotografico di Cortis & Sonderegger (Palazzo Marchesi del Tufo, Matino).

E poi "No Seconds" del fotografo neozelandese Henry Hargreaves, che documenta a sua volta delle ultime cene: quelle dei carcerati texani condannati a morte (Macelleria Ex Nau, Matino); "Grandmothers on the Edge of Heaven" della visual artist ucraina Elena Subach, sul gap tra tradizione, religione e passato coloniale sovietico generazionale nel suo paese (Chiostro del Palazzo dell'Antico Seminario, Lecce); "Grandma Divers" del fotoreporter belga Alain Schroeder, sul lavoro delle famose Haenyeo – le "donne del mare" considerate patrimonio UNESCO che si tuffano in apnea al largo delle coste nere di Jeju, in Corea del Sud (Palazzo Marchesi del Tufo, Matino); "Better Food for our Fighting men", in cui Il picture editor e collezionista francese Matthieu Nicol, attraverso una serie di immagini dagli archivi dell'esercito americano mostra il cibo "inventato" nei laboratori USA (Distilleria De Luca, Matino); "Until the Corn Grows Back" Lys Arango, che fa luce sugli effetti devastanti della malnutrizione infantile cronica in Guatemala, il "killer silenzioso", per una mostra in collaborazione con Cantina San Donaci, Le Stanzie e »horizonte zingst« Photo Festival (masseria Le Stanzìe, Supersano); "Eat out of the Box" di Tereza Jobová, in cui il cibo perde gradualmente la propria funzione diventando decorazione, in una riflessione sul suo reale significato nella società occidentale contemporanea (Distilleria De Luca, Matino).

Ancora: "Breakfast", lavoro realizzato nell'arco di 4 anni dallo scozzese Niall McDiarmid che osserva il semplice rituale quotidiano della colazione (Palazzo Marchesi del Tufo, Matino); "We Share the Meal", centinaia di immagini in dialogo tra performance e fotografia per esplorare il campo tematico della cucina firmate dal fotografo Lars Borges e dall'attrice Luzie Kurth (Palazzo Marchesi del Tufo, Matino); "Ordinary Pleasures" della ricercatrice visiva con base a New York Maria Giovanna Giugliano, un'analisi del legame viscerale tra natura e persone attraverso il cibo vincitrice della seconda edizione del Premio IRINOX SAVE THE FOOD in collaborazione con MIA FAIR e Fiere di Parma (Distilleria De Luca, Matino); "Faces" dell'artista svizzero Olaf Breuning, che estrapola il cibo da un contesto gastronomico e invita a una nuova visione creativa, al festival grazie al sostegno di Pro Helvetia (Distilleria De Luca, Matino); "Interstellar Nights" di Mario Wezel, che riflette sull'allattamento al seno introducendo un più ampio pensiero sulla famiglia e sulla paternità, (Palazzo Marchesi del Tufo, Matino); "A Night Out with the Brits" di Dougie Wallace, fotografo scozzese noto in tutto il mondo per i suoi progetti di documentazione sociale, che con una visione unica racconta i vent'anni trascorsi a East London attraverso il filtro del cibo, con la partecipazione alla curatela di Lars Lindemann (Frantoio Ipogeo, Matino).

E poi "Matino Family Album", risultato della open call rivolta ai cittadini di Matino per condividere fotografie di momenti personali e familiari che rappresentano il cibo in relazione all'amore, ai rituali o alle tradizioni (Antico Aranceto, Matino).

Besafe Associazione Culturale nasce da una costola di Besafe Studios Coworking: quattro professionisti artigiani operanti nel settore della comunicazione visiva che, dal 2013, producono eventi culturali distinti per la loro natura innovativa, e che nel 2020 hanno dato vita al progetto Yeast Stories. L'associazione culturale ONTHEMOVE nasce nel 2010 con l'obiettivo di diffondere e promuovere la fotografia contemporanea alla ricerca di nuove visioni e forme originali di comunicazione visiva. Dal 2011 organizza il festival internazionale di fotografia Cortona On The Move, oggi punto di riferimento internazionale.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Yeast Photo Festival: il finissage

Matino - evento diffuso in salento

Apertura: 11/11/2023

Conclusione: 12/11/2023

Organizzazione: Besafe e ONTHEMOVE, direzione di Flavio & Frank e Veronica Nicolardi

Curatore: Edda Fahrenhorst

Indirizzo: Piazza San Giorgio - Matino (LE)

Concerto: Ingresso gratuito

Mostre: Intero valido per tutte le esposizioni 10 € | Ridotto valido per tutte le esposizioni 8 € | 3€ Scuole/Tutte le esposizioni

Yeast Photo Festival riserva a tutte le classi delle scuole primarie e secondarie (primo e secondo livello) un biglietto speciale comprensivo di visita guidata.

Ingresso gratuito riservato a: under 14, giornalisti (accredito scrivendo a info@yeastphotofestival.it almeno due giorni prima della visita), persone con disabilità.

L'ingresso è sempre gratuito alle mostre: Elena Subach – "Grandmothers on the Edge of Heaven", Lys Arango – "Until the Corn Grows Back", "Matino Family Album"

Per info: info@yeastphotofestival.it

Sito web per approfondire: https://www.yeastphotofestival.it/