Munda - Museo Nazionale d'Abruzzo

ORARI:
09,00 - 19,00 / Chiuso: il lunedi, il 25 dicembre e 1 gennaio.
BIGLIETTI D'INDRESSO:
gratuito fino al 3 gennaio 2016.

Indirizzo: Monastero di Sant'Amico Via di San Basilio 2A 67100 L'Aquila, Italia

Tel: +39 0862 4874297

Le opere del Munda, comprendono molti fra i più significativi documenti dell'arte regionale, dalle suggestive icone e sculture lignee medioevali, ai capolavori dell'età rinascimentale.

L’ARCHEOLOGIA. La prima delle sale della mostra è dedicata all’archeologia. «Abbiamo testimonianze delle civiltà italiche, e in particolare dei Vestini», spiega l’Arbace. «Ci sono poi molti pezzi provenienti da Amiternum. Alcune opere derivano dalle collezioni del Castello, ma ci sono anche testimonianze degli ultimi scavi di Fossa e di Ocre».

LE MADONNE. È il tema della seconda sala, che contiene al suo interno una delle maggiori novità dell’esposizione: una scultura di Madonna con bambino, attribuita al maestro della Santa Caterina Gualino, scultura “sorella” di una già conservata al Castello che, a differenza di quella appena acquisita dalla Soprintendenza, aveva perso completamente la policromia. I visitatori dunque potranno vedere a confronto le due Madonne.

ETÀ ANGIOINA.«La sezione comprende rappresentazioni più naturalistiche della Madonna, con finezza ed eleganza eccezionali», racconta l’Arbace. «Tra queste quella di San Silvestro».

DAL TARDO GOTICO AL RINASCIMENTO. «Abbiamo voluto mostrare le opere di esordio di Andrea De Litio, ma anche il famoso Trittico di Beffi, il San Sebastiano di Silvestro dall’Aquila, opere di Giovanni di Biasuccio, diversi polittici, tra cui quello di Pianella».

FRANCESCANI. Una delle sale è completamente dedicata al messaggio di San Francesco, con i ritratti di San Bernardino da Siena, San Giovanni di Capestrano, il polittico Ma la scena è rubata dal gruppo di terracotta al centro della stanza composto dalla Madonna col bambino della basilica di Collemaggio e dal presepe proveniente dalla chiesa di Santa Maria del Ponte a Tione.

SEICENTO. L’ultima sala è dedicata alle tele di Giacinto Brandi e ai capolavori della collezione Cappelli.


COSTI E ORARI:

Orario: 09,00 - 19,00
Chiuso il lunedi, il 25 dicembre e 1 gennaio.

Ingresso gratuito fino al 3 gennaio 2016.