ArtVerona

ArtVerona 2019: Premi e Riconoscimenti

Si è conclusa ieri, domenica 13 ottobre 2019, la 15^ edizione di ArtVerona.
Per tre giorni 150 gallerie hanno esposto negli spazi di Veronafiere un’ampia proposta di opere, tra arte moderna e contemporanea. Si tratta del primo degli appuntamenti stagionali dedicati al mondo del collezionismo d’arte in Veneto e di anno in anno ha saputo elevare la qualità dell’offerta e dell’organizzazione tanto da saper attrarre sempre maggiore attenzione da parte dei collezionisti più sofisticati e da saper vestire un’immagine sempre più internazionale.

L’evento non rappresenta solo un momento di incontro del mercato e del collezionismo d’arte italiano, ma è anche una grande opportunità per artisti e gallerie di mettersi in luce, grazie a premi e riconoscimenti assegnati in base alle diverse categorie rinnovate anche per questa edizione, e alle quali si sono aggiunte due novità: il Premio Casarini DueTorriHotels e il Premio MZ Costruzioni.

I vincitori di ArtVerona 2019

Il premio per la terza edizione del Sustainable Art Prize è andato quest’anno all’artista londinese Gayle Chong Kwan.
L’artista era presentata ad ArtVerona dalla Galleria Alberta Pane, Venezia - Paris, proponendo un progetto artistico destinato a Venezia per Ca’ Foscari nel corso del 2020, coinvolgendo attivamente gli studenti dell'Ateneo e tutta la cittadinanza.
Gayle Chong Kwan ha convinto per la sua poetica solida e visionaria che si rivela pienamente in linea con gli obiettivi del premio promosso da Ca’ Foscari. In particolare, l’artista ha colpito la giuria in quanto le tematiche trattate nei suoi lavori – come il riutilizzo degli scarti di cibo e la loro traduzione artistica – si sposano con la discussione attorno al fragile equilibrio che caratterizza i nostri paesaggi contemporanei, promettendo così di affrontare una ricerca approfondita in particolare a Venezia con la vita delle persone che la abitano.

Gayle Chong Kwan - Roslyn Chapel

Gayle Chong Kwan - Roslyn Chapel, Senscape Scotland Series 2009 C - type print 100x127cm. Courtesy Alberta Pane Gallery and the artist

Il Premio Display, riconoscimento che premia le due gallerie, una per padiglione, che hanno saputo proporre nel proprio spazio artisti e opere nella maniera più coerente e innovativa, è stato assegnato a: Kanalidarte di Brescia, del padiglione dedicato agli artisti storicizzati, per la proposta che si snoda attraverso una dialettica espositiva di pieni e vuoti, sottolineati da un contrasto cromatico e Doris Ghetta di Ortisei (BZ), del padiglione dedicato alla produzione artistica più recente, per il rigore e la cura formale del progetto espositivo che valorizza le geometrie delle opere proposte e i loro significati più profondi.

Kanalidarte

Kalindarte

ICONA è il premio che prevede ogni anno l’acquisizione di un’opera che simbolicamente rappresenti la fiera, come manifestazione che promuove il sistema dell’arte italiano e contribuisce a delinearne i contorni. La commissione ha scelto l’opera Sono stata io. Diario 1900-1999 dell’artista Daniela Comani, esposta dalla Galleria de’ Foscherari, Bologna.

Daniela Comani - Premio Icona

Daniela Comani - Sono stata io. Diario 1900 - 1999 - 2002/2011 Archival print on Hahnemule canvas 430 gr (100% cotone) Cm 90 x 180. Courtesy Galleria Studio G7, Bologna

A Disposizione, il Fondo di acquisizione di Veronafiere per l’arte, nato nel 2018, del valore di 10.000 euro ogni anno, premia Corrado Zeni, Teresa Giannico, Lucia Di Lucian.

La prima edizione del Premio MZ Costruzioni, ideato su iniziativa di due imprenditori e collezionisti campani che hanno fatto della solidità, flessibilità, tecnologia ed ecosostenibilità dell’acciaio i valori fondanti della loro azienda, è stato destinato a Protey Temen.

Il Premio Casarini Due Torri Hotel è stato assegnato a Guglielmo Castelli come artista la cui ricerca è già stata apprezzata anche a livello internazionale e a Paolo Pretolani come artista emergente.

Anna Di Prospero è invece la vincitrice del Premio LCA Studio Legale per la Fotografia under 35.

Il Premio Widiba è andato a Petra Feriancová che con la sua opera è riuscita ad esprimere l’energia, la potenzialità della componente tecnologica e relazionale dell’arte.

Gli artisti selezionati dai 13 direttori di musei e istituzioni d’arte moderna e contemporanea che hanno aderito a Level sono: Paola Angelini, Quayola, Matilde Sambo, Benni Bosetto, Silvia Mariotti, Francesca Grilli, Linda Fregni Nagler, Pesce Khete, Arcangelo Sassolino, Silvia Giambrone, Nebojša Despotović, Sophia Pompéry e Petra Feriancová.

Infine, la commissione per i10 Spazi Indipendenti, ha premiato Numero Cromatico di Roma che è riuscito ad interpretare più di tutti il tema di quest’anno: Release. Una menzione speciale della giuria è andata ad Almare e a CASTRO

Pubblicato il

Itinerarinellarte.it