cultura

Dal 2 al 4 giugno. La ceramica invade l'Italia

Dai tempi della Gente Italica fino ai nostri giorni. La prima forma d’arte del nostro paese, come sicuramente in tutta l’area del Mediterraneo, è stata la ceramica. Non solo artigianato come pensano in molti, ma una vera e propria forma d’arte e di espressione culturale. Il 2, 3 e 4 giugno in 36 città italiane, dal nord al sud, si svolgerà “Buongiorno Ceramica”, la principale manifestazione nazionale del settore.

Un’occasione per conoscere questa produzione ai suoi livelli più elevati e, allo stesso tempo, anche il nostro paese perché alcune di queste città sono proprio città d’arte.

E’ necessario citarle tutte: Albisola Superiore, Albisola Marina, Ariano Irpino, Ascoli Piceno, Bassano del Grappa, Burgio, Caltagieine, Castellamonte, Castelli, Cave dei Tirreni, Cerreto Sannita, Civita Castellana, Deruta, Este, Faenza, Grottaglie, Gualdo Tadino, Gubbio, Impruneta,  Laterza, Laveno Mombello, Lodi, Mondovì, Montelupo Fiorentino, Napoli-Capodimonte, Nove, Oristano, Orvieto, San Lorenzello, Santo Stefano di Camastra, Sciacca, Sesto Fiorentino, Squillace, Urbania, Vietri sul Mare.

Più di 300 manifestazione che illustreranno come dall’artigianato si arriva ad un prodotto artistico e come la ceramica si è evoluta anche tecnicamente nel corso dei secoli. In tutti i comuni si stanno mettendo in piedi le performances più interessanti per il grande pubblico che metteranno in moto su tutto il territorio nazionale in questi tre giorni.

A Mondovì in Piemonte, ad esempio, ci sarà una mostra “Il Futuro sui Piatti”, dalla Collezione di Pietro Gondolo dalla Riva e a Castellamonte uno degli eventi più suggestivi si terrà domenica presso la Fornace Pagliero dove il pubblico potrà cuocere la sua “Tazza in biscotto”.

In Liguria nelle due Albissole, le località che hanno più legato la ceramica all’arte contemporanea, ci sarà una mostra con opere di Capogrossi, Fontana, Asger Jorn ed altri circa 200 artisti i cui nomi ci saranno molto familiari. Inoltre ci sarà un grandissimo tavolo di legno dove molti artisti produrranno in diretta nuove opere. Uno spettacolo a dir poco irripetibile, assicurano gli organizzatori.

Ad Este in Veneto, nella piazza centrale, verranno creato nuovi pezzi che rientrano una branca molto particolare di questo settore, la ceramica da giardino.

A Faenza, capitale della maiolica, ha sede il Museo Internazionale della Ceramica, il più importante del mondo, che sarà aperto ad oltranza per la notte dei musei e presenterà un articolato programma che prevede botteghe, laboratori e studi riuniti in un circuito di workshop per bambini e adulti.

In Umbria a Gualdo Tadino, sarà la tecnica del lustro oro-rubino al centro del programma di eventi, senza dimenticare i beni permanenti dei tre musei della ceramica di Gualdo, Rocca Flea, Casa Cajani e Opificio Rubboli.

A Napoli l’attenzione è tutta puntata sulle Porcellane di Capodimonte, collegate alla tavola e al cibo che fanno parte di un preciso progetto portato avanti per questi tre giorni: “Il gusto buono di Napoli”. Mangiare bene, è questa la filosofia, riguarda anche il modo in cui sui mangia a tavola. Tra le varie iniziative, sono previste visite guidate alle collezioni di ceramica del Museo Duca di Martina, in particolare ai servizi e alla storia del servire in tavola.

A Grottaglie in Puglia un intero quartiere è destinato alla ceramica, con botteghe ricavate in grotte naturali e spazi creati per performance estemporanee dove si alterneranno laboratori creativi per adulti e bambini, mentre a Laterza, sempre in provincia di Taranto, quest’anno per la prima volta non prevarrà il tradizionale, ma il contemporaneo. Molti saranno i momenti esperenziali diretti da chi gestisce il Muma, il locale Museo della Maiolica.

A Oristano in Sardegna il programma di Buongiorno Ceramica 2017 coinciderà con il progetto “Oristano, città museo”, una sorta di museo a cielo aperto dedicato alla ceramica oristanese con la sistemazione nelle piazze del centro storico cittadino di alcune installazioni ceramiche.

Pubblicato il

Itinerarinellarte.it