festival

A Cremona il Festival del Jazz nel tempio del Violino

Cremona è pronta a ospitare una nuova edizione, la terza, del CremonaJazz in programma dal 25 aprile al 27 maggio nella splendida cornice dell’Auditorium Giovanni Arvedi sito nel Museo del Violino della Fondazione Stradivari.  Un connubbio tra classico e moderno che eleva il livello della manifestazione. CremonaJazz presenta anche quest’anno un cartellone composto da proposte di assoluto lvalore artistico, prestigiosi nomi della musica internazionale. Grazie a queste scelte di grande qualità la rassegna di jazz cremonese si conferma come un punto di riferimento nell’Italia del nord anche per questo genere musicale.
Il cartellone 2017 prevede quattro serate, ciascuna assolutamente unica, ciascuna con una varietà di stili e di linguaggi che lascerà il segno nella storia culturale del territorio. 
qUWLLa di Cremona è un’idea di manifestazione dove la musica jazz ha un respiro ampio, slegato da etichette e stereotipi che possano imbrigliarne le scelte. Si tratta di Jazz, ovviamente, ma in un’ottica che per prima cosa pone il luogo dove si svolgeranno i concerti, l’Auditorium Giovanni Arvedi, come punto di riferimento guida delle scelte artistiche; questo per l’estrema bellezza delle sue linee architettoniche, curve che richiamano la sinuosità e la perfezione della liuteria cremonese, ma soprattutto per la sua perfetta acustica, affidata in fase di costruzione dall’architetto Giorgio Palù all’ingegner Yasuhisa Toyota. Da qui le scelte artistiche cadono volentieri su musicisti e progetti squisitamente acustici, che possano integrarsi con l’ambiente che li ospita, il quale diviene “complice” del suono, enfatizzandone in qualche modo la capacità comunicativa e la fruizione.
Si comprenderà meglio la sensualità del violoncello di Morelenbaum, che accarezza le melodie di Jobim con l’ausilio della saudade delle sei corde di Lula Galvão con le percussioni di Rafael Barata, la passione argentina degli Aires Tango o delle vibrazioni della chitarra di Ralph Towner, così come il languore opposto al ritmo incalzante e alle melodie spigolose dei violini del Kronos Quartet o il tocco e la creatività degli ottantuno anni di un’artista come Carla Bley, saranno il distillato adatto a questa terza edizione della rassegna.L'evento potrebbe anche costituire l’occasione per riscoprire la città, dalla Cattedrale al Battistero, dal Museo Civico “Ala Ponzone” al “Torrazzo”, la torre in muratura più alta d’Europa. Per non parlare poi del Museo del Violino.

Pubblicato il

Itinerarinellarte.it